Cerca

Promozione

La ventesima sinfonia di GiamberGol vale il derby

La sfida a distanza con Messineo se la aggiudica il bianconero: il Lascaris si porta a 2 punti dalla matematica qualificazione ai playoff

La ventesima sinfonia di GiamberGol vale il derby

Il man of the match della gara, Mattia Giambertone, al ventesimo gol stagionale

Poco più di un kilometro e mezzo, diciannove punti, otto posizioni. Queste le distanze che, prima di questo bellissimo derby, dividevano il Pianezza di Ivan Musso e il Lascaris di Alberto Falco. Dopo quasi 100 minuti, a spuntarla è la formazione bianconera, grazie al ventesimo gol di Mattia Giambertone, a pochi minuti dal termine. Ottima vittoria per i bianconeri, che riescono in questo modo a mantenere la scia dell'Ivrea (vittoriosa in casa contro la Rivarolese) e mettersi a 2 punti dalla matematica qualificazione ai playoff. Per il Pianezza uno scivolone che può costare caro, visto che i rossoblù avrebbero potuto mettersi a distanza di sicurezza da Torinese e Ivrea Banchette per evitare i playout. Al momento Musso e soci sono a 7 punti di distanza dagli eporedisi e la sfida contro la parte Orange di Ivrea di domenica prossima ha un sapore speciale.

Le due squadre si schierano con due assetti tattici offensivi, atti a fare risultato utile per morale e classifica. I padroni di casa scelgono il 4-3-3, affidando a Giarnera i pali; difesa a quattro con Necchio, Friso, Marra, Piccolo; Caputo, Ciociola e Cestone a centrocampo, con Dilonardo, Lavalle e Messineo a formare il tridente. 4-2-3-1 per i bianconeri: Zaccone in porta; Vassallo, Serafino, Pirro e Sicilia in difesa; Anello e Pretti sulla mediana; Lacava, Aiello e Di Carlo dietro l’unica punta, Giambertone.


Equilibrio sovrano. Nella prima frazione di gioco è l’equilibrio assoluto a regnare su Via Ferrari. Il Pianezza attacca, cerca verticalizzazioni sfruttando spesso la stazza e la fisicità di Carmelo Messineo, ma no riesce mai ad impensierire realmente Lorenzo Zaccone e tutta la retroguardia ospite. I bianconeri di Falco, invece, sfruttano numerosi cambi di gioco, lottano su ogni pallone, ma la troppa frenesia (e la troppo poca precisione) inchiodano il risultato sulle reti bianche. Nel finale di tempo, una conclusione volante di Ernesto Serafino fa passare dei brividi non indifferenti ai tifosi del Pianezza, ma il pallone finisce alto sopra la traversa, spegnendosi sul fondo. Sicuramente, il clima torrido ha condizionato parecchio il regolare svolgimento del match.

Calcio spettacolo nella ripresa. La seconda frazione di gioco inizia con ritmi molto più alti: il Pianezza sbaglia tanti appoggi facili, cedendo, talvolta, al nervosismo e alla frenesia. Al quarto d’ora, il risultato si sblocca: Lacava scappa molto bene alla difesa di casa, allarga sulla destra dove Di Carlo si fa trovare pronto e, con il destro, batte Giarnera. 0-1. I bianconeri sfiorano due volte il raddoppio nei cinque minuti successivi, ma, prima un super Giarnera, poi una retroguardia attenta, lasciano intatte le speranze pianezzesi. Musso prova a muovere la panchina, alzando la pressione sugli esterni, e i risultati si vedono nell’immediato: al 24’, Messineo si presenta sul dischetto, dopo che Carchia di Vercelli concede un rigore molto discusso in campo e sugli spalti. Il 9 di casa spiazza Zaccone, e riporta l’equilibrio in campo. 1-1. Anche Falco muove la sua panchina, inserendo giovani talenti, per dare più freschezza alla manovra, in un centrocampo fisicamente stanchissimo. Giarnera, tra il 25’ e il 30’, si esibisce in tre parate che sigillano il risultato. Ma la beffa è dietro l’angolo: dopo un tiro dagli undici metri, al 43’, sbagliato da Marginean, Giambertone trova il gol partita nell’ultimo secondo regolamentare, svettando più in alto di tutti su un corner dalla sinistra. Vittoria importantissima per il Lascaris, che non perde terreno sul treno playoff. Sempre più nera la situazione salvezza, a due giornate dalla fine, per il Pianezza.

IL TABELLINO

PIANEZZA-LASCARIS 1-2
RETI (0-1, 1-1, 1-2): 15' st Di Carlo (L), 24' st Messineo (P), 45' st Giambertone (L).
PIANEZZA (4-3-3): Giarnera 8, Necchio 6.5 (21' st Lavina 6), Friso 6, Caputo 7, Marra 7, Picollo 6.5, Lavalle 6.5 (48' st Ftoni sv), Ciociola 6.5, Messineo 7.5 (37' st Ferrero sv), Cestone 6 (37' st Squillace sv), Dilonardo 7. A disp. Militaru, Cavaglieri, Catena, Rovey, Trussardi. All. Musso 7.
LASCARIS (4-2-3-1): Zaccone 6, Vassallo 6.5 (30' st Marchesini sv), Serafino 7, Anello 7, Pirro 6, Sicilia 7, La Cava 7 (24' st Marginean 5.5), Pretti 7, Giambertone 7.5, Aiello 6.5 (43' st Giordanino sv), Di Carlo 7.5. A disp. Costantino, Carastro, Botta, D'Agostino, Giusiano, Gentileschi. All. Falco - Gerini 7.
ARBITRO: Carchia di Vercelli 7.
COLLABORATORI: Nicolosi e Ivalde di Torino.
AMMONITI: 24' Di Carlo[03] (L), 4' st Caputo (P), 40' st Picollo (P), 42' st Marginean[01] (L).
ESPULSI: 50' st Marginean (L).

LE PAGELLE

PIANEZZA

Giarnera 8 Ottima prova per l'estremo difensore di casa. Salva almeno cinque volte il risultato e, con un intervento monstre, para un rigore tirato benissimo da Marginean.

Necchio 6.5 Discreto primo tempo, in cui interpreta ottimamente il ruolo di terzino di spinta. Nel secondo tempo cala, sbagliando qualche fondamentale di troppo.

21' st Lavina 6 Non benissimo quando entra in campo, lasciando troppo spazio alla rabbia e al nervosismo. Ha poco tempo per dimostrare il suo valore.

Friso 6 Tanta corsa, tantissima grinta, ma pochissima precisione sia in fase di costruzione sia in fase di dfinalizzazione diell'azione.

Caputo 7 Un jolly per Ivan Musso: nela prima frazione è come il prezzemolo, lo si trova ovunque, e il Pianezza ne beneficia.

Marra 7 Prova da centrale vero: sbarra più volte la strada ad avversari dalla tecnica sopraffina, come Pretti o Giambertone.

Picollo 6.5 Giambertone gli salta in testa nel momento nell'episodio che chiude la gara definitivamente. Per ottantanove minuti, però, gioca da capitano vero.

Lavalle 6.5 Si arrabbia tantissimo con gli avversari, nei momenti di maggior provocazione, e con i compagni che non interpretano ottimamente il proprio ruolo. 45+3' st Ftoni sv.

Ciociola 6.5 Partita in cui dimostra molto bene quanto sia importante avere giocatori qualitativamente forti a centrocampo. Primo tempo magistrale.

Messineo 7.5 Il suo tiro dagli undici metri è gioia per gli occhi di chi guarda: freddezza, tecnica e potenza al quadrato. Poco aiutato quando fa le sponde. Giocatore dall'esperienza encomiabile. 37' st Ferrero sv. 

Cestone 6 Tanta confusione quando ha la palla tra i piedi. Non una delle sue migliori prestazioni stagionali, ma saprà prendere per mano il Pianezza e chiudere la stagione con onore. 37' st Squillace sv.

Dilonardo 7 Prova da grande esterno alto per l'ex giocatore del Rivoli: bravo nel dribbling e nel cambio gioco. Grande visione di gioco.

All. Musso 7 Il suo Pianezza non sfigura, giocando una gara di grande sacrificio contro un avversario più blasonato. La corsa salvezza si fa dura.

LASCARIS

Zaccone 6 Mai veramente chiamato in causa dai giocatori di casa. Sul rigore di Messineo viene totalemnte spiazzato da un bomber di razza. 

Vassallo 6.5 Facendo fede al suo cognome, è bravissimo a giocare a servizio di compagni e allenatore, dando tutto. 30' st Marchesini sv.

Serafino 7 Partita stratosferica del terzino bianconero. Bravo nelle chiusure, preciso nei raddoppi e coraggioso davanti alla porta.

Anello 7 Alessandro Gazzi ha, da poco, scritto un libro sul ruolo del mediano e su quanto sia difficile farlo in Serie A. Lui avrebbe potuto scrivere un capitolo in merito.

Pirro 6 Gran partita nel secondo tempo, in cui anticipa spesso l'attaccante. Malissimo la prima frazione, in cui fa fatica ad ingranare. 

Sicilia 7 Mette la firma su ogni pallone spazzato dall'area. Centrale incredibile, un punto fermo per la squadra di Falco.

Lacava 7 Classe 2004, come molti degli uomini scesi in campo tra le fila bianconere, che si ritaglia un grande spazio sul risultato, offrendo un assist d'oro a Di Carlo. 

24' st Marginean 5.5 Entra, crea due occasioni da gol, poi si fa ammonire, sbaglia il calcio di rigore, poi prende il secondo giallo, lasciando la squadra in 10. Giornata da dimenticare.

Pretti 7 Giocatore su cui ogni aggettivo sarebbe superfluo. Cala qualitativamente nella ripresa, ma è un fenomeno raro nella rosa del Lascaris.

Giambertone 7.5 Se ha segnato venti gol in questo campionato un motivo c'è. Attaccante completo, che si accende nei mometi giusti e decisivi.

Aiello 6.5 Qualche giocata, nella prima frazione, strapa gli applausi di tutto il pubblico presente allo stadio. Esce esausto dal terreno di gioco. 43' st Giordanino sv.

Di Carlo 7.5 Ha il merito di segnare, al quarto d'ora della ripresa, il gol che apre le danze, e precede mezz'ora di grande calcio. 

All. Falco 7 Vittoria importantissima nel discorso playoff. Il suo Lascaris gioca benissimo, anche se fortemente decimato dalle assenze. 

ARBITRO: Loris Carchia di Vercelli 7 Ci sarebbe da discutere su entrambi i rigori concessi, ma la sua direzione è ampiamente sopra la sufficienza.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400