Cerca

Promozione

Tre gol, due pali e tre salvataggi sulla linea: succede di tutto nella finale playoff

Con una fusione sempre più chiacchierata, quello che potrebbe essere l'ultimo derby regala mille emozioni

Rossetti Altabrianza

L'esultanza di El Madhi Chakhssi, autore della rete che rompe subito il ghiaccio (FOTO CASTAGNA)

La finalissima playoff del Girone B è un accesissimo derby tra Altabrianza e Arcellasco che termina con il successo per 2-1 dei padroni di casa. Una partita spettacolare, ricca di gol, colpi di scena e grandi giocate. Ad andare in vantaggio è la squadra di casa al 2’ di gioco. Una doccia fredda per gli avversari, che provano ad attaccare per tutta la prima frazione senza mai trovare la precisione giusta per segnare. Nel secondo tempo l'allenatore Ziliotto la decide con il cambio: entra Rossetti dalla panchina e segna il 2-0 che dà la vittoria all'Altabrianza. Inutile il gran gol all'incrocio dell'Arcellasco a 9 minuti dalla fine. I biancoblù accedono dunque al terzo turno dei playoff, dove incontreranno il Club Milanese in una doppia sfida in programma tra sabato 28 e martedì 31 maggio. Lato biancorosso, invece, termina qui il cammino degli uomini di Bertarelli, anche se in sottofondo si rumoreggia di una possibile fusione proprio tra le due comasche. Che sia stato l'ultimo derby?

SUBITO DOCCIA FREDDA

Pronti, via. Neanche il tempo di scendere in campo che l'Altabrianza è già in vantaggio. Il marcatore è un volto insolito, il difensore centrale Chakhssi, che svetta di testa dagli sviluppi di palla inattiva e manda avanti i padroni di casa nel punteggio. L'Arcellasco prende subito uno schiaffo a inizio gara, ma non si demoralizza e anzi si carica e prova a trovare subito il gol del pareggio. Nella parte centrale del primo tempo gli ospiti si buttano in avanti con forza e sfornano una serie di occasioni in rapida successione. Il primo ad avere una chance è Giugliano, su cross di Caligiuri: il tiro, diretto all'angolino, viene però neutralizzato dal portiere Bertoni.Passano pochi minuti e l'opportunità capita sui piedi di Giussani che, servito in area da Corti, calcia di sinistro puntando l'angolino basso, ma la palla esce di pochi centimetri. Dopo cinque minuti un rilancio lungo dalla difesa pesca ancora Giugliano in posizione regolare, il numero 9 stoppa, rientra sul destro e calcia forte in porta; il portiere respinge la conclusione sui piedi di Caligiuri, che controlla e calcia col piede debole: tiro intercettato dal difensore e palla in corner. Nel primo tempo la partita è giocata su ritmi altissimi e ci sono occasioni continue da una parte e dall'altra. L'Altabrianza lascia sfogare gli avversari, ma poi prova a colpire a ogni minimo errore. Sbaglio che arriva su una rimessa laterale troppo lunga di Bonella, che regala palla a Gualandris, il quale entra in area e calcia di sinistro. Il tiro deviato dal difensore termina a pochi millimetri dal palo. A 10 minuti dall'intervallo le occasioni da rete non vogliono saperne di diminuire, con ben due salvataggi sulla linea e un palo colpito. A iniziare è l'Altabrianza, con Gualandris che riesce ad andar via sulla fascia e mette in mezzo per Tagliabue,che stoppa e calcia a giro all'incrocio; il portiere Longoni vola e smanaccia il pallone che stava per varcare la linea. Passano due minuti e Caligiuri si smarca e calcia fortissimo di sinistro dal limite. Bertoni si tuffa e salva, ma la palla arriva sui piedi di Molteni che tira a sua volta e serve un salvataggio sulla linea di Chakhssi per evitare di subire il pareggio. Il primo tempo giunge allo scadere, ma c'è spazio ancora per due giocate dei due numeri 10: prima di Tagliabue, che scarta due uomini in velocità e calcia dal limite, ma prende il palo pieno, poi di Giussani, autore di un tiro dal limite violentissimo che si sarebbe insaccato all'incrocio dei pali senza l'intervento Bertoni. Alla fine, però, l'arbitro fischia e le squadre vanno a riposo sul risultato solo di 1-0.

IL CAMBIO DECISIVO

Le squadre scendono in campo per affrontare la seconda frazione di gara con gli stessi moduli di partenza: 4-3-3 per entrambi gli allenatori. I calciatori, tuttavia, sembrano fin da subito meno brillanti del primo tempo e le squadre si allungano e commettono più falli per bloccare le azioni avversarie. Da uno di questi nasce subito un'occasione per l'Arcellasco, con Giussani che calcia forte in mezzo sperando in una deviazione che non arriva, e il pallone termina di poco a lato. Al 15', su un pasticcio difensivo degli ospiti, si crea un'occasione per Mair, che a tu per tu con Longoni, calcia sull'esterno della rete. L'allenatore Ziliotto coglie il segnale negativo e con coraggio sostituisce il capocannoniere della squadra e del campionato per inserire Rossetti. L'Arcellasco è vivo e, nonostante i miracoli del portiere avversario, continua a spingere per trovare il gol. Bertoni compie altri due super salvataggi su due punizioni all'incrocio del numero 10 Giussani, poi al 15' è fortunato che sul cross di Bonella il numero 9 Giugliano colpisca il palo pieno da pochi passi. Ennesima occasione clamorosa per gli ospiti, che non riescono ancora una volta a segnare. Alla mezz'ora, dunque, arriva il gol che taglia definitivamente le gambe alla squadra di Bertarelli: Va via bene sulla fascia sinistra Gualandris, che mette in mezzo per il facile tap in di Rossetti, che sigla il gol del 2-0 a 15 minuti dalla fine. La vittoria della finale e il passaggio alla fase successiva sembrano cosa fatta per l'Altabrianza, ma l'Arcellasco non ci sta e continua a spingere, finché, al 36', trova un gran gol dal limite dell'area con Poerio. Il classe 2002 appena entrato tira fuori dal cilindro una conclusione a giro che si insacca sotto l'incrocio dei pali. Gli uomini di Bertarelli provano ad acciuffare il pareggio in extremis, ma la difesa dell'Altabrianza regge bene e la partita finisce sul risultato di 2-1. I biancoblù vincono il derby e accedono alla fase successiva dei playoff, condannando i rivali a fermare qui la propria corsa.

IL TABELLINO

ALTABRIANZA-ARCELLASCO 2-1
RETI: 2' Chakhssi (Al), 28’ st Rossetti (Al), 36’ st Poerio (Ar).
ALTABRIANZA (4-3-3): Bertoni 7, Tirinzoni 7, Galimberti 6.5, Corvino 6.5 (27’ st Ferrario 6), Chakhssi 7, Bello 6.5, Colombo 6, Boni 6.5, Gualandris 6.5 (42’ st Delle Fave sv), Tagliabue 7, Mair 6 (17’ st Rossetti 7). A disp. Tomasin, Tangocci, Barattini, Intini, Arrigo, Mauri R.. All. Ziliotto 7.
ARCELLASCO (4-3-3): Longoni 7, Bonella 6, Corti 7, Gjonaj 6.5 (19’ st Colombo N. 6), Garofoli 6.5, Annunziata 6 (34’ st Zoppi 6), Caligiuri 7, Fossati 6 (19’ st Poerio 7), Giugliano 6.5, Giussani 7 (42’ Valsecchi sv), Molteni 6.. A disp. Giudici, Momo Hans, Bergna, Righetto, Zanetti. All. Bertarelli 6.5.
ARBITRO: Copelli di Mantova 7.
ASSISTENTI: Mavelli e Rivetti.
AMMONITI: Giussani (Ar), Tagliabue (Al).



LE PAGELLE


ALTABRIANZA

Bertoni 7 Compie dei veri e propri miracoli questa sera. È in splendida forma e anche l'allenatore degli avversari lo elogia nell'intervista post gara. Sembra ingaggiare un duello individuale contro il numero 10 avversario Giussani, che calcia con tutta la forza e precisione che ha, ma non riesce mai a batterlo.
Tirinzoni 7 Partita di corsa e sostanza, oltre che di qualità. Spinge molto sulla fascia destra, ma è attento ogni volta che c'è da difendere. Spende bene i falli quando si trova in difficoltà.
Galimberti 6.5 Ottima prova sulla sinistra. Fa sempre partire in modo preciso l'azione e recupera una gran quantità di palloni grazie alla lettura dei movimenti degli attaccanti avversari.
Corvino 6.5 Dalla tribuna lo paragonano a Tonali, sia per caratteristiche estetiche che per posizione in campo. Ed è un paragone azzeccato perché lui ci mette moltissima grinta oltre che qualità.
27’ st Ferrario 6 Il classe 2004 entra bene in partita e capisce il momento della squadra. Non prova mai giocate difficili, ma aiuta la squadra a giocare un calcio semplice ed efficace.
Chakhssi 7 Autore del gol dell'1-0 dopo pochi minuti e di una prestazione difensiva mostruosa. Arriva spesso in anticipo sul centravanti avversario e vince moltissimi duelli fisici e aerei. Gioca come un guerriero.
Bello 6.5 Compie una serie di ottime chiusure difensive. Sempre attento ai palloni alti e ai cross che arrivano in mezzo all'area.
Colombo 6 Non la sua migliore prestazione in campo. Non brillantissimo, non ha moltissime occasioni da gol, però importantissimo come leader fuori dal campo, da dove dà indicazioni alla squadra e la aiuta a portare a casa il risultato.
Boni 6.5 Ottima prova per un altro dei leader del centrocampo biancoblù. Lotta su molti palloni e detta spesso i ritmi di gioco, soprattutto coi lanci lunghi da una parte all'altra del campo. 
Gualandris 6.5 Buona partita del numero 9, che si sacrifica molto sulla fascia e torna spesso a coprire in fase di non possesso. La sua dedizione viene premiata con l'assist per il gol del 2-0. 
Tagliabue 7 Il numero 10, soprattutto nel primo tempo, è uno spettacolo. Detta i tempi di gioco, crea linee di passaggio illuminanti e va in più di un'occasione vicinissimo al gol. 
Mair 6 Non la sua miglior prestazione da quando è arrivato. Fa poco movimento davanti, riceve pochi palloni e non è incisivo come al solito.
17’ st Rossetti 7 Entra, fa qualche buona giocata, ma soprattutto segue l'azione con un corsa lunghissima e la va a chiudere con il gol da due passi. Ripaga la fiducia di Ziliotto.
All. Ziliotto 7 La sua squadra gioca molto bene nei momenti importanti della partita, ma si dimostra anche capace di difendersi e contenere le inevitabili azioni ultra offensive degli avversari. Coraggiosamente poi sostituisce il capocannoniere della stagione e proprio il subentrato trova un gol importantissimo.

ARCELLASCO

Longoni 7 Come il collega, anche lui merita un voto molto alto. Alcune delle sue parate sono dei veri e propri miracoli e se la sua squadra se la gioca fino all'ultimo è anche merito suo.
Bonella 6 Una partita giocata su ottimi livelli. Spinge molto sulla fascia e prova ad incidere nelle azioni offensive. Fornisce un ottimo assist a Giuliano, che però colpisce il palo.
Corti 7 Un primo tempo su buoni livelli, e un secondo tempo sontuoso. Arriva su tutti i palloni, combatte e vince quasi tutti i duelli possibili. Ha sempre le idee molto chiare anche in fase offensiva.
Gjonaj 6.5 Leader del centrocampo, chiama sempre i compagni per farsi dare palla e iniziare l'azione. Sembra instancabile perché corre una gran quantità di chilometri avanti e indietro per il campo.
19’ st Colombo N. 6 Fa il suo ingresso in campo a metà del secondo tempo e tutto sommato gioca una buona partita. Nessuno squillo in particolare, ma rimane sempre ordinato.
Garofoli 6.5 Gioca un'ottima gara in fase difensiva. Bravo nell'uno contro uno e nei contrasti aerei. Si assume spesso anche la responsabilità di impostare l'azione con lanci lunghi sulle fasce, a risultati variabili.
Annunziata 6 Una partita difensivamente attenta, senza particolari guizzi in avanti.
34’ st Zoppi 6 Gioca solo 15 minuti, però entra con la voglia giusta. Fa a sportellate coi difensore, ci mette il fisico e crea qualche azione pericolosa davanti.
Caligiuri 7 Ennesima ottima prova del numero 7. Ha sempre quel guizzo e quell'esplosività nelle gambe. Può saltare l'uomo in qualunque direzione e ha un'ottima progressione palla al piede. Va anche vicino al gol in qualche occasione.
Fossati 6 Non una prova particolarmente esaltante quella del centrocampista classe 2002, che appare un po' annebbiato e affaticato a tratti.
19’ st Poerio 7 Un ingresso in campo che poteva passare in sordina, se non avesse trovato quel gol spettacolare. Rientra sul destro, manda fuori giri il marcatore e disegna una traiettoria a scendere che si infila all'incrocio. Grande rete.
Giugliano 6.5 Buona partita del numero 9 in maglia rossa. Lotta su ogni pallone contro i difensori e spesso esce vincitore dai contrasti. Viene fermato solamente dal palo in zona gol.
Giussani 7 Gran partita del numero 10, che per un certo momento sembrava essere veramente ovunque nel campo. Abbina un'ottima tecnica a moltissima corsa. Sfiora il gol in innumerevoli occasioni, ma ogni volta il portiere avversario trova il modo di parargli l'inimmaginabile. 
Molteni 6 Va su e giù sulla fascia sinistra ed è molto bravo coi tempi di inserimento. Spesso si prende falli preziosi in zona avanzata, ma in generale non è mai incisivo in zona gol.
All. Bertarelli 6.5 La sua squadra interpreta bene la partita, va sotto dopo 2 minuti ma non si scopone. Per larghi tratti della gara domina sotto il profilo del gioco e ha moltissime occasioni per trovare la via della rete. Purtroppo per lui non la trova e gli avversari lo puniscono.

ARBITRO
Copelli di Mantova 7 
Dirige la gara in maniera impeccabile, senza utilizzare molti cartellini ma placando sempre sul nascere ogni tipo di eventuale protesta. È sempre sicuro nelle scelte.

LE INTERVISTE

Al termine della gara ha parlato così Davide Ziliotto, allenatore dell'Altabrianza: «Una vittoria ovviamente importante, anche perché noi venivamo da un periodo di tre partite non fatte bene: il derby perso 4-5 con l'Arcellasco era stato ben giocato, poi dopo quello è successo qualcosa mentalmente e ci siamo un po' spenti. Nell'ultima partita con il Muggiò loro hanno strameritato di vincere il campionato. Dopodiché ci siamo ricompattati, ci siamo allenati bene ed è tornata tanta umiltà, cosa che avevamo forse un po' perso. Si è visto anche nel finale di partita oggi, giocato con molta sofferenza difensiva, cosa che noi non siamo abituati a fare. Tutto ovviamente dettato dal tipo di partita: loro non avevano più niente da perdere, noi avevamo tutto da perdere e inevitabilmente ci siamo abbassati. Però questa compattezza non l'avevo mai vista nella mia squadra quest'anno perché avevamo sempre espresso un bel gioco su un buon livello. Sono contento perché in questo momento ho ritrovato la mia squadra».

Le parole di Raul Bertarelli, allenatore dell'Arcellasco: «Sono mancate un po' di lucidità e cattiveria sotto porta. È stata una bella partita stasera, come è stata bellissima quella in campionato. Sicuramente questa sera tanto merito al loro portiere che ha fatto tantissime parate decisive. Però i portieri son parte della squadra e se sono bravi bisogna solo fare i complimenti. Non posso comunque non fare i complimenti anche alla nostra squadra e alla nostra stagione, che è stata fantastica. Purtroppo oggi è stata la partita conclusiva, ma tutto l'anno è stato davvero fantastico».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400