Cerca

TOTS

Promo Awards: i migliori della stagione del Girone E

Un centravanti vince a sorpresa, coppie difensive devastanti a confronto, menzione per l'eroe di coppa

Promo Awards: i migliori della stagione del Girone E

I rossoblù della Soresinese

Finalmente. Dopo due anni a singhiozzo (per usare un eufemismo), il campionato di Promozione è ripartito e il girone E non ha tradito le attese, dimostrandosi incerto fino all’ultimo istante, tanto in testa, quanto in coda. Il duello per eccellenza è stato in vetta alla classifica, con la Soresinese che è riuscita a spuntarla sul Club Milanese, che ha chiuso al secondo posto vincendo i playoff di girone e fermandosi alla fase successiva al cospetto dell’Altabrianza. La corsa agli spareggi post-season è stata appassionante, coinvolgendo tante squadre e premiando le rivelazioni Romanengo e Settalese, oltre ad una delle favorite della vigilia, il Tribiano, che ha cambiato in corsa l'allenatore, raddrizzando una stagione in chiaroscuro nella prima fase, senza riuscire ad ottenere quel salto di categoria agognato ai nastri di partenza. Delusioni per Casalpusterlengo e Villa, che avevano sulla carta delle rose da potenziali outsider, mentre hanno chiuso a metà classifica Paullese e Barona Sporting: i milanesi si aspettavano qualcosa in più. Capitolo a parte per la Soncinese: ha concentrato i suoi sforzi sulla Coppa e ha ottenuto uno storico successo, conquistando il trofeo per la prima volta il trofeo grazie al gol di uno dei protagonisti di questi Promo Awards nella finale contro la ColicoDerviese. Senna Gloria e Segrate salve grazie a due percorsi inversi: i primi, partiti male, hanno risalito pian piano; i secondi, dopo l’exploit del girone d’andata, chiuso addirittura come miglior attacco e con i playoff nel mirino, hanno mollato nella seconda parte, sebbene mai rischiando concretamente la retrocessione. Permanenza conquistata al cardiopalma dal La Spezia, che a una giornata dalla fine era in Prima Categoria, ma che, grazie al successo al fotofinish e ad una serie di combinazioni, si è andata a giocare ai playout la permanenza, ottenendola con una vittoria per 2-0 allo scadere in casa dell’Atletico CVS, dopo che all’andata aveva perso a domicilio per 1-0. Una condanna inaspettata per la squadra di Sesto Ulteriano, che è andata a far compagnia a Bresso e Cologno, perennemente in coda per tutta la durata del torneo.

Ora, però, è tempo di premiare i singoli. Le categorie saranno quelle di Miglior Portiere, Miglior Coppia difensiva, Miglior Terzino, Miglior Centrocampista, Miglior Centravanti e Miglior Top Player: in quest’ultima categoria rientrano i trequartisti, gli esterni e, più in generale, coloro che hanno una collocazione tattica indefinibile a priori oppure che danno un contributo notevole alla causa delle loro squadre.

NOMINATION MIGLIOR PORTIERE

Emanuele Catanzaro (Paullese) - Classe 1997, è stato uno dei più performanti dell’ottimo campionato del suo gruppo. Agile, è uno dei profili più interessanti che si è messo in mostra tra i pali grazie ad ottime prestazioni.

Mirco Ghidini (Soresinese) - Vincere con un portiere del 2003? Si può fare. Lo ha dimostrato la squadra vincitrice del girone, che ha deciso di affidarsi ad un giovanissimo il quale ha ripagato la fiducia disputando un campionato all’altezza.

Luca Ghizzinardi (Casalpusterlengo) - Una delle istituzioni del calcio del lodigiano non smette di stupire e anche in questa stagione si è preso degli spazi importanti, salvaguardando con esperienza e carisma la retroguardia casalina.

Andrea Piagni (Tribiano) - Strepitosa prestazione nel successo conseguito contro la Soresinese in trasferta, il calciatore classe 1997 è stato il titolare della difesa meno battuta del campionato. Portiere di categoria superiore.

Gabriele Strano (Villa) - La stagione bianconera non ha rispettato le aspettative, ma per lui qualche spiraglio si è aperto, compiendo parate degne di nota.

Filippo Todesco (Club Milanese) - 15 clean sheet, interventi prodigiosi e tantissima personalità. Questo l’identikit del numero uno sandonatese, che in molte circostanze ha fatto valere il famoso detto “una parata che vale quanto un gol”.

WINNER: FILIPPO TODESCO (CLUB MILANESE)

Che dire? Un calciatore dalle potenzialità per militare in un campionato superiore, un estremo difensore spettacolare negli interventi ma concreto, mai fine a sé stesso. Un valore aggiunto, che merita senza dubbi la palma di miglior portiere del girone e tra i top dell’intera categoria di Promozione.

NOMINATION MIGLIOR TERZINO

Matteo Colombo (Club Milanese) - L’unico di cui Greco non ha mai potuto fare a meno. 30 presenze in campionato dal primo all’ultimo istante, un motorino instancabile sulla sinistra dalle batterie inesauribili.

Khalifa Lahdili (Soresinese) - Una delle colonne della Soresinese. Ha vissuto tre anni fa la retrocessione in Prima Categoria e adesso si è preso la grande soddisfazione di conquistare l’Eccellenza, regalandola ad una città che attendeva da troppo tempo questo salto.  Prezioso.

Francesco Robbiati (Club Milanese) - Insieme al suo compagno Colombo è stato uno dei terzini più in vista del torneo, e lui si è tolto anche la soddisfazione di mettere a segno qualche gol: decisiva la sua doppietta contro il Bresso alla quinta giornata che ha fatto capire fin da subito che calciatore avremmo ammirato.

WINNER: KHALIFA LAHDILI (SORESINESE)

Ha contribuito con costanza e abnegazione alla costruzione del successo del campionato. La sua miglior dote è stata proprio quella di crederci sempre, di sposare questa causa e di essere rimasto in tutte queste annate fino al grande traguardo. Lodevole, ha aperto le marcature nello 0-3 rifilato al Senna Gloria che ha fatto scattare la festa.

NOMINATION MIGLIOR COPPIA DIFENSIVA

Giuseppe Allegretti-Stefano Tomat (Club Milanese) – Assortimento perfetto quello del duo sandonatese, cerniera quasi sempre inappuntabile del gruppo di Greco. Complementari, al carisma del capitano si è accompagnata la solidità del suo compagno di reparto, entrambi capaci di tenere il passo di una squadra che ha fatto della velocità, del ritmo e dell’intensità il suo marchio di fabbrica.

Erald Berishaku-Luca Oprandi (Soresinese) - Uno dei grandi segreti della cavalcata che ha ricondotto la Soresinese in Eccellenza è la tenuta dei centrali difensivi, autentiche colonne in grado di garantire sicurezza e affidabilità. Entrambi nel pieno della maturità calcistica, in passato hanno giocato costantemente nella categoria superiore, che ritrovano nella nuova avventura insieme. Menzione speciale per Berishaku, difensore col vizio del gol: ben 5 quelli messi a referto, che lo hanno reso il quarto miglior marcatore stagionale del club: importante quello siglato a Milano contro il Villa che è valso la vittoria.

Simone Fondrini-Luca Tremolada (Tribiano) - 10 reti in due (5 a testa). Non sono una coppia di centrocampisti o attaccanti, ma quella difensiva, la migliore del raggruppamento per numero di reti subite (20 in totale). È stato il punto di forza di una squadra che ha avuto difficoltà a segnare, non riuscendo ad insidiare la leadership proprio a causa di questo limite. Curiosamente, Fondrini ha segnato contro la Soresinese pareggiando il gol del rivale Berishaku, nel match terminato 1-1. Tremolada ha invece marcato il tabellino, tra le altre, nel sentitissimo match contro la Paullese, vinto per 4-2.

Stefano Papa – Manuel Pedretti (Settalese) – Zecchillo non ci ha mai rinunciato. Perennemente presenti in campo, la stagione brillante dei giallorossi ha avuto delle solide basi messe in piedi dai due centrali, sempre sul pezzo. Il tasso di esperienza dei due ha permesso di trascinare un collettivo molto giovane.

WINNER: ERALD BERISHAKU-LUCA OPRANDI (SORESINESE)

La scelta è stata difficilissima: anche la coppia del Tribiano avrebbe meritato il successo, ma se la Soresinese ha potuto festeggiare moltissimo lo deve ai suoi due pilastri. I risultati di gruppo hanno inciso sulla scelta, che premia due profili che potranno fare un figurone anche in Eccellenza.

NOMINATION MIGLIOR CENTROCAMPISTA

Andrea Ardini (Soresinese) – Numero 8 perfetto. Schermo, filtro e quanto di più potrebbe fare un centrocampista. Il suo passato, d’altronde, non mente: Serie D con la Pergolettese ed Eccellenza con la Rivoltana, nel 2016/17, ultima esperienza nella categoria che finalmente ha riconquistato. Tre le reti messe a segno: la freddezza dal dischetto contro l’Atletico CVS che è valso lo 0-1 a pochi minuti dal termine alla settima giornata e poi la doppietta rifilata alla Barona nel 4-1 casalingo.

Matteo Cannistrà (Villa) – La miglior stagione della sua carriera dal punto di vista realizzativo. Solo una volta gli era accaduto di andare in doppia cifra, nel 2018/19, sempre con i bianconeri. Ora, dopo due anni di fermo, ha ricominciato a segnare, arrivando a 11 totali. Una sola doppietta contro il Bresso, poi ha segnato con una discreta costanza, qualità che potrebbe aver fatto sua anche per il futuro.

Matteo Ghidinelli (Soncinese) – Alla Lazio hanno in Lulic l’eroe che ha deciso la finale di Coppa Italia del 2013. A Soncino, il nome che rimarrà per sempre scolpito nella storia della società è quello di Matteo Ghidinelli, profilo di spessore che ha deciso la finalissima di Coppa contro la ColicoDerviese. In campionato, è stato comunque uno dei più performanti tra le sue fila, segnando anche 6 reti nel complesso.

Nicolò Mendola (Club Milanese) – Fiato e ordine a disposizione della squadra. Si è sempre prodigato, non risparmiandosi mai. Tre reti in campionato, tutte in casa, di cui una contro la Soncinese alla seconda giornata.

Giorgio Reali (Settalese) – Uno dei giovani prospetti più interessanti ammirati durante l’anno. Nato nel 2000, mischia temperamento, movimenti tra le linee e qualità tecniche. Dinamico, contributo realizzativo importantissimo per il bottino della squadra di Settala: 7 le reti messe a segno, di cui una doppietta rifilata al La Spezia nella miglior partita da lui disputata.

Mattia Salvini (Senna Gloria) – Quasi ad ogni partita il migliore in campo della squadra della provincia lodigiana. Presenza fondamentale per la permanenza, duttile tatticamente giocando liberamente tra difesa e centrocampo, è stato il vero gioiello dei suoi, riuscendo a raccogliere consensi anche da parte degli avversari. Decisivo.

Marco Samaden (Settalese) – Il faro. I giallorossi hanno deciso di consegnare la torcia per illuminare il cammino al calciatore classe 1993. Nel pieno del gioco, il suo compito è stato quello di far partire le azioni di attacco e ci è riuscito perfettamente, smistando palloni e proponendo gioco. Stagione impreziosita dalla rete siglata contro il Cologno nel 4-0 con cui i suoi hanno avuto la meglio durante la dodicesima giornata.

Davide Venturiero (Tribiano) – Ancora lontano dai numeri che registrava in quel di San Giuliano, ha fatto vedere sprazzi di classe pura, dimostrandosi uno dei leader in un anno difficile per la compagine. Due reti in 29 partite, ma tanta fantasia al servizio del gruppo.

 

WINNER: MARCO SAMADEN (SETTALESE)

La lista extralarge, necessaria visti i tanti nomi che non potevano restare fuori e che meritavano una più che doverosa menzione, ha visto spuntare il centrocampista della Settalese. Premio ancora più prestigioso, dunque, vista la concorrenza e che rende merito ad un giocatore che ha trovato una bella dimensione in cui poter esprimere le sue doti.

NOMINATION MIGLIOR CENTRAVANTI

Kevin Cavallanti (Romanengo) – Un infortunio di troppo ha condizionato la stagione, ma il suo rendimento è stato semplicemente micidiale. 16 le reti messe a segno, a partire dalla doppietta a inizio stagione contro il Casalpusterlengo che ha fatto presagire numeri importanti. E questi sono stati confermati, con la squadra biancorossa che si è presa uno spazio di rilievo nel girone, arrivando a giocarsi meritatamente i playoff. Da segnalare anche la doppietta al Villa, con il gol dell’1-2 al 95’, e la tripletta all’Atletico CVS nel 7-1 finale.

Emanuele Cristarella (Paullese) - Inarrestabile, è stato il vero trascinatore della sua Paullese, terminale offensivo classico capace di marcare il tabellino con discreta costanza. L’uomo delle doppiette, è finalmente sbocciato: non aveva mai segnato così tanto in una singola stagione in categoria.

Andrea De Santis (Soresinese) - Il gol dello 0-3 al Senna Gloria a inizio ripresa ha certificato la vittoria e l’aritmetica promozione. Non solo, però, questo gol: dei 15 messi a segno, quello nella sentitissima sfida con la Soncinese che è valso l’1-2 in trasferta a dieci minuti dalla fine è stato fondamentale, uno dei più bei capitoli della corsa al titolo. Marcatore vero.

Gianluca Maraschio (Villa) – Nel raggruppamento con difese difficili da affrontare (e le coppie nominate in precedenza ne sono testimonianza), lui è riuscito a ergersi come capocannoniere del gruppo, siglando 18 reti complessivamente. Una punta perfetta per caratteristiche, che può dare però ancora di più: i risultati di squadra devono essere assolutamente migliorati. Restano però alcune performance degne di nota: dalle doppiette contro La Spezia e Atletico CVS fino alla tripletta col Cologno. Numeri importanti.

Andrea Migliavacca (Club Milanese) – Resta ancora indelebile la doppietta rifilata nel girone d’andata nel big match contro la Soresinese: a San Donato fu 2-0 e pareva essere la partita dell’anno. Purtroppo per i suoi, il finale di campionato è stato diverso, ma le sue doti realizzative hanno contribuito al raggiungimento di un importante piazzamento. È mancato qualcosa nel girone di ritorno, e infatti si è sentito. Da segnalare anche il tris alla quarta giornata contro il La Spezia.

 

WINNER: KEVIN CAVALLANTI (ROMANENGO)

c

Difficile. Difficile davvero assegnare la palma di migliore, al cospetto di cinque nomi di assoluto livello. La premiazione è andata però al condottiero del Romanengo, che ha avuto la miglior media gol per minuti giocati (1 ogni 115’) e che è stato il terminale di un collettivo che ha disputato una stagione importante.

NOMINATION MIGLIOR TREQUARTISTA/ESTERNO ALTO

Andrea Brunetti (Soresinese) – L’uomo del big match. Domenica 3 aprile va in scena la super sfida tra Soresinese e Club Milanese ed è un suo gol a decidere la partita: settimo e ultimo centro stagionale dal peso specifico non indifferente. La sua caratura e la sua sicurezza sono state trasferite ai compagni più giovani, rendendo questa stagione speciale.

Mattia Checchi (Club Milanese) – Non ci sono parole per descrivere il talento di questo calciatore.  Mobile, estroso, tecnico: c’è tutto ciò che si può richiedere ad un talento cristallino, fondamentale sia nella regular season che nei playoff, con una prestazione mostruosa fornita contro la Settalese. Calciatore sublime.

Nicholas Dognini (Soncinese) – A quarant’anni si è tolto la soddisfazione di trionfare in Coppa. Un calciatore diviso in questa stagione tra due casacche biancorosse, prima col Romanengo e poi appunto con la Soncinese. Per comprendere la portata della sua classe, basti pensare che con la sua prima società ha steso la Soresinese a domicilio con una doppietta. L’Ibra della Promozione? Sì, senza dubbio.

Pietro Lasi (Settalese) – La rivelazione. Zecchillo lo ha schierato prima punta, ruolo atipico per lui, e ha reso alla grandissima. 16 gol, tante doppiette e tanto impegno, fondamentali per il grande risultato ottenuto dalla società del Presidente Stefanutti.

Matteo Ruggieri (Tribiano) – Difficilmente marcabile, ha rappresentato la mina vagante del Tribiano. Sempre in movimento, non ha mai lesinato colpi di classe e tanto sudore. Fondamentale per il progetto.

  

WINNER: MATTIA CHECCHI (CLUB MILANESE)

Anche qui qualsiasi decisione sarebbe stata condivisibile, ma per media voto e per talento, Checchi è stato il miglior calciatore in assoluto dell’intero raggruppamento. Ha un dono naturale, riesce sempre a creare percezione di poter creare scompiglio con il pallone tra i piedi. Premio meritatissimo.

Terminata la rassegna, ecco la definitiva Top 11 del girone E di Promozione della stagione 2021/22 con annessa ipotetica panchina (modulo 3-4-3):

1 Todesco (Club Milanese)
2 Lahdili (Soresinese)
3 Colombo (Club Milanese)
4 Tremolada (Tribiano)
5 Berishaku (Soresinese)
6 Oprandi (Soresinese)
7 Checchi (Club Milanese)
8 Samaden (Settalese)
9 Cavallanti (Romanengo)
10 Salvini (Senna Gloria)
11 Dognini (Soncinese)

12 Catanzaro (Paullese)
13 Fondrini (Tribiano)
14 Allegretti (Club Milanese)
15 Tomat (Club Milanese)
16 Reali (Settalese)
17 Ghidinelli (Soncinese)
18 Ardini (Soresinese)
19 Brunetti (Soresinese)
20 Lasi (Settalese)
21 Maraschio (Villa)
22 De Santis (Soresinese)
23 Cristarella (Paullese)

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400