Cerca

Promozione

Il tecnico dei Vice Campioni Regionali va in Promozione: l'ex "Galletto" in biancoblù

C'è aria di rivoluzione nella piazza cuneese: netto cambio di marcia in vista del nuovo ciclo

Alessandro Redento, nuovo allenatore della Santostefanese

Alessandro Redento, ex tecnico dell'Asti Under 16, è la nuova guida tecnica della Santostefanese

Si è chiuso uno dei capitoli più romantici delle colline cuneesi: la Santostefanese saluta dopo 3 stagioni due protagonisti assoluti della rinascita biancoblù come il Direttore Sportivo Ezio Grasso e l'allenatore Ezio Isoldi. La coppia prese la squadra di Santo Stefano Belbo sul lastrico e in preda ad una grande crisi finanziaria dopo la retrocessione dall'Eccellenza e la risollevò dalle ceneri sia dal punto di vista economico (chiudendo il bilancio triennale in positivo) che da quello calcistico riportando i biancoblù ai vertici del calcio regionale.

Ma morto un Papa se ne fa un altro, ed ecco che la società del Presidente Margaglia stupisce tutti chiamando un volto nuovo del panorama regionale e in particolare di quello giovanile: i biancoblù ripartiranno da colui che ha creato l'Asti Under 16 dei miracoli, quella squadra che ha lasciato tutti senza parole arrivando ad un soffio dal trionfo. Lui è Alessandro Redento, è l'artefice dell'impresa dei Galletti e la Santostefanese non ha avuto dubbio a puntare su di lui per aprire un nuovo ciclo vincente.

LE PAROLE DI REDENTO

«Sono molto entusiasta e carico di buttarmi in questa nuova esperienza. E' una sfida molto stimolante e non vedo l'ora di mettermi in gioco. So che ci saranno delle difficoltà nel percorso ma sono consapevole delle mie potenzialità - dichiara energico il neo tecnico biancoblù. Anche la società è molto carica e si è messa subito a disposizione per cercare di costruire una squadra di livello. La parola d'ordine è MIGLIORARSI. La società mi ha scelto per puntare molto sui giovani e cercare di valorizzarli il più possibile. Santo Stefano è una piazza molto importante che attrae molti ragazzi in rampa di lancio. Nei miei anni in panchina ho imparato ad approcciarmi con i giovani con cui bisogna avere un rapporto particolare per far sì che rendano come possono». Un cambio di tendenza netto per la Santostefanese il quale, nelle ultime stagioni, aveva puntato sempre di più su giocatori  dall'usato sicuro dalla grande esperienza come Gomez, i fratelli Onomoni, Bregaji, Boschiero, Roveta per mirare subito alla promozione in Eccellenza. 
«Stiamo programmando al meglio la campagna di mercato, cercheremo di creare una squadra con un mix di giovani dalle grandi prospettive, con alcuni ho già avuto qualche contatto, e "vecchi" di esperienza in grado di dare ancora tanto a livello di personalità e crescita allo spogliatoio. Stiamo facendo delle valutazioni insieme alla dirigenza per vedere chi farà ancora parte del progetto il prossimo anno - come i confermati Mondo e Boschiero, che vestiranno ancora biancoblù e saranno al centro del progetto e del 4-3-2-1 di Redento - e chi verrà aggiunto. La Promozione è una categoria importante che i ragazzi devono sfruttare come trampolino per arrivare a giocarsela a livelli ancora più alti», conclude entusiasta il tecnico ex Asti che dopo tutta la trafila giovanile nei Galletti, si è lanciato in questa prima eccitante sfida nel calcio dei grandi.

Il cartello "Lavori in corso" è ben in vista in quel di Santo Stefano Belbo e dopo ferragosto la squadra si ritroverà per la prima volta in vista della partenza del campionato dell'11 settembre.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400