Cerca

Promozione

Il nuovo tecnico è pronto: «Eredito una panchina pesante, non sto più nella pelle»

Successivamente a una proficua annata in Prima Categoria, ora eredita la panchina di chi, quella categoria, l'ha vinta

PROMOZIONE SAN SEBASTIANO GIUSEPPE PISANO

PROMOZIONE SAN SEBASTIANO: In seguito a una positiva annata alla guida dell'ASD Marene, Giuseppe Pisano riparte dal San Sebastiano, raccogliendo il testimone di Davide Enrici

Raccogliere un'eredità calcistica non è mai semplice. Se l'eredità è quella di un vincente, allora bisogna avere le spalle larghissime per reggere la pressione. Non usa mezzi termini, infatti, Giuseppe Pisano quando si definisce "un pazzo" per avere accettato la panchina del San Sebastiano: l'ex-tecnico della Juniores Nazionale del Bra è infatti il nuovo tecnico della squadra fossanese, squadra che vinto il Girone F di Prima Categoria 2021/2022, a +2 dall'Atletico Racconigi.
Malgrado il prestigioso risultato conquistato, l'allenatore Davide Enrici ha lasciato la guida degli arancio-neri dopo quattro anni. Ovvia la decisione della dirigenza, a partire dal presidente Giuseppe Lingua, di correre presto ai ripari e assicurarsi le prestazioni di uno che, la Promozione, la conosce bene. E la scelta non poteva che ricadere su Pisano, che dopo una positivissima stagione alla guida del Marene (proprio nel Girone F di Prima Categoria, dove ha raggiunto il 9° posto), ha deciso di alzare l'asticella: «Al Marene ho fatto un campionato incredibile, a 0€, tenendo conto di quanto hanno speso invece le altre società - ha dichiarato il tecnico - Lì ho avuto dei giocatori veramente importanti, che sono rimasti in rossoblù; il nono posto è bugiardo per il Marene, avrebbe potuto puntare ai playoff, ma proprio dopo la gara con San Sebastiano abbiamo contratto un virus (che i tamponi non definivano come Covid), quindi per una quarantina di giorni abbiamo giocato con la squadra a terra, senza forze, perdendo terreno e punti per arrivare in alto. Abbiamo vinto diversi scontri diretti e ottenuto dei risultati incredibili: nella prossima stagione, il Marene potrà ambire veramente a quella zona playoff, anche perché avrà un gruppo amalgamato».

PROMOZIONE SAN SEBASTIANO: festeggiamenti neri-arancio
CREDITS: ORESTE TOMATIS

Dopo uno sguardo al passato, alla stagione appena conclusasi dopo tanta attesa e tanta pausa, Pisano non ha potuto fare a meno di commentare l'esperienza incombente: «Ho potuto godermi mio figlio, mi sono preso il mio tempo e posso muovermi in maniera diversa sul territorio: ora posso prendere veramente in considerazione l’idea Promozione. C’è stata grande sintonia con la società, è competente e organizzata, pronta per la categoria. Faccio i complimenti a Enrici per quanto fatto prima: ora raccolgo un’eredità importante e penso a fare bene».
Si tratta, appunto, di un salto importante, non solo per l'allenatore stesso, ma anche per il gruppo squadra, che in quanto neo-promosso dovrà riconsiderare i propri obiettivi e fare un cambio di mentalità non indifferente: «Arrivo al posto di un vincente, cambiamo categoria e quindi dovremo puntare per forza a un obiettivo diverso - ha proseguito l'ex-Marene - Andrò a guidare una squadra con mentalità, dovremo cambiare registro e capire che dovremo sacrificarci, perché ogni minuto sarà fondamentale, un punto può cambiare la stagione. Si tratta di un’altra sfida, in qualsiasi categoria ci si alleni, il calcio è una sfida con te stesso e poi col resto: per me insegnare calcio è una questione importante, voglio vedere i risultati dei ragazzi sia sul piano umano che sportivo. La mia fortuna di questi anni da allenatore (13) è riuscire a migliorare i ragazzi singolarmente nel corso dell’anno: lavorare sui singoli va a beneficiare piano piano su tutto il gruppo squadra».

In attesa di prepararsi per la nuova stagione (con la presentazione del nuovo tecnico avvenuta la sera di mercoledì 7 luglio), la dirigenza non è rimasta con le mani in mano e ha già chiuso i primi trasferimenti: Samuele Caristo (attaccante classe 1998, proveniente dall'Atletico Racconigi), Alessio Guzzo (2003, ha militato nella Juniores Nazionale del Fossano), Matteo Balocco (attaccante ex-Marene e Roretese), Loris Sansone (attaccante classe 2004, ex-Roreto), Lorenzo Barbero (centrocampista classe 1997, arrivato dal Villafranca) e Mattia Ariaudo (portiere classe 2002, proveniente dalla Giovanile Centallo).
«Ariaudo lo conosco bene perché lo volevo al Bra nei Nazionali, ma al Centallo ha avuto l’occasione di esordire in prima squadra ed è rimasto là - ha rivelato Pisano - È molto bravo, deve avere l’occasione di sbagliare, imparare e crescere. In Juniores è difficilissimo perché spiegare ed entrare nelle loro menti è complicato; il giovane non deve fare vincere le partite, deve non fartele perdere. Dobbiamo essere bravi noi allenatori a correggere i loro errori».

PROMOZIONE SAN SEBASTIANO: Mattia Ariaudo nuovo portiere nero-arancio

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400