Cerca

Promozione

L’Arona come il Milan: pochi innesti mirati, focus su crescita dei giovani talenti

La società biancoverde ha le idee ben chiare su quale sia la linea da seguire per la programmazione della rosa in vista della prossima stagione

Mattia Vezzù

Mattia Vezzù, qualificato attaccante classe 1993 in arrivo dal Dormelletto, insieme ai dirigenti Antonio Notte e Damiano Malgaroli

Come ogni estate, luglio è il mese nell’arco del quale il mercato entra nel vivo sia sul fronte entrate sia sul fronte uscite. L’obiettivo delle società è sempre quello di puntellare la rosa per una duplice motivazione tecnica: la prima è quella di innalzare il tasso tecnico complessivo della squadra, la seconda è quella di ampliare il ventaglio di soluzioni tecnico/tattiche a disposizione dell’allenatore. Un doppio focus che richiede una programmazione mirata sugli investimenti da fare. In questo senso, ogni società segue la propria filosofia.

Tuttavia, seppur molte compagini cerchino di rivoluzionare la rosa bilanciando gli esuberi con nuovi acquisti, c’è chi invece mira a effettuare pochi innesti funzionali valorizzando i ragazzi provenienti dal settore giovanile. E’ il caso dell’Arona che, nell’arco di queste settimane, sta seguendo il modello del Milan. I biancoverdi non apporteranno grandi cambiamenti o restyling, ma si focalizzeranno sulla crescita dei talenti emergenti dal proprio settore giovanile per inserirli in Prima Squadra in modo che abbiano la possibilità di misurarsi in un campionato competitivo come la Promozione.

TRE ACQUISTI PER IL 4-3-3 DI RAGAZZONI

La campagna acquisti degli aronesi ha visto gli arrivi di Filippo Capacchione, Mattia Vezzù e Luca Gessa. Si tratti di innesti che andranno a rinforzare il reparto avanzato e il centrocampo. Per quanto concerne il fronte offensivo, i biancoverdi erano alla ricerca di finalizzatori che potessero apportare maggior concretezza sotto porta per sfruttare maggiormente le occasioni create. Per la mediana, invece, l’obiettivo era quello di aggiungere quantità e qualità tra linee, con un centrocampista in grado di costruire l’azione basso e dare una mano in fase di non possesso.

L'attaccante classe 1991 è reduce dall'esperienza triennale al Bulè Bellinzago e ha già disputato sei annate in Eccellenza, due con Varallo Pombia e quattro con l'Oleggio. Si tratta di un esterno offensivo in grado di svariare sul fronte avanzato col suo dinamismo che potrebbe offrire maggiore imprevedibilità alla manovra offensiva e conseguentemente ampliare le soluzioni tattiche in attacco. E' dotato di estro ed è abile nell'uno contro uno. L'annata antecedente aveva realizzato dodici reti.

La punta classe 1993, invece, arriva dal Dormelletto, dove ha militato complessivamente per ben otto annate nell'arco della propria carriera, e anche lui ha maturato un'esperienza biennale in Eccellenza tra le file dell'Oleggio. Non è una vera prima punta, le sue caratteristiche tecniche lo portano a essere un regista avanzato grazie alla sua visione di gioco, sa giocare sia come trequartista sia come seconda punta. Ha un destro educato che lo porta a essere una minaccia per le difese avversarie con la sua capacità di calciare dalla distanza con forza e precisione. E' uno specialista dei calci piazzati, in particolare delle punizioni, che siano dal limite dell'area di rigore o più distanti. Nel 4-3-3 di Ragazzoni potrebbe ricoprire il ruolo di falso nueve tra le ipotesi tattiche al vaglio.

L'ultimo acquisto è Gessa, centrocampista classe 1993 proveniente dallo Sparta Novara. A centrocampo ricopre il ruolo di regista sia di mediano davanti alla difesa, è in grado di impostare l'azione dal basso e di fare da filtro. Alla buona tecnica abbina una spiccata determinazione che lo pone come uomo spogliatoio e in grado di rappresentare una figura di riferimento per i più giovani. Ha militato in Promozione anche in altre compagini quali Dormelletto, Briga e Accademia Borgomanero.

VALORIZZARE I GIOVANI TALENTI

Capitolo giovani. L'idea dell'allenatore Enrico Ragazzoni è quella di far crescere, nella rosa dell'Arona della prossima stagione, quattro classe 2006 che hanno ben figurato nelle giovanili della società biancoverde. Si tratta di: Riccardo Corradino, Filippo Bagarotti, Leonardo Bovi e Vincenzo Lettieri. I primi 3 prenderanno parte al primo giorno di raduno, in programma l'8 agosto, mentre per Lettieri il futuro è ancora da delineare.

Corradino è un attaccante di ruolo prima punta. Ha già esordito in Prima Squadra lo scorso 29 maggio partendo come titolare nella sfida contro l'Omegna e subentrando nella partita della settimana seguente contro il Piedimulera. L'annata antecedente ha giocato sia negli Allievi sia nell'Under17 realizzando complessivamente 24 reti. Oltre alla spiccata vena realizzativa, è prestante fisicamente con gli oltre 180 centimetri di altezza.

Bagarotti è una centrocampista avanzato. Anche lui ha debuttato in Prima Squadra, sempre contro i rossoneri allenati all'epoca da Tabozzi. La passata stagione ha militato nell'Under16 e nell'Under17 mettendosi in luce con ottime prestazioni e ben 23 sigilli stagionali. Bovi è stato l'estremo difensore degli Allievi l'anno scorso e si giocherà il posto da titolare con Tornatora. Lettieri invece è un attaccante e nell'ultima stagione tra Under 16 e Under 17 ha realizzato 25 reti complessive. Quattro profili visionati a lungo e che a suon di performance di alto livello si sono conquistati la possibilità di far parte della rosa dell'Arona nella Promozione A 2022-23.

Il settore giovanile biancoverde promette bene anche per quanto riguarda l'Under18, campione in carica del girone A del Campionato Regionale. Una rosa ricca di future promosse, tra le quali spicca Kemmeron Cavazza. Si tratta di un tuttocampista che sulla mediana emerge per le sue doti in fasi di non possesso dove è molto abile nel recuperare palloni dando vita alle ripartenze di biancoverdi. Non solo, le 14 marcature messe a referto nella stagione che si è conclusa qualche settimana fa lo pongono come un giocatore molto preciso nelle conclusioni dalla distanza. Un mix di fattori che gli sono valsi la chiamata in Prima Squadra in ottica prossima stagione.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400