Cerca

Promozione

Rigore parato all'esordio in D e vero numero uno in Eccellenza, ora una nuova ardua missione

«Ho giocato a buoni livelli, ma è pure vero che alla fine non ho mai potuto esultare per la vittoria di un campionato. E vincere una volta mi piacerebbe davvero» dice il portiere classe 1995

Umberto Cerruti

Umberto Cerruti, portiere classe 1995, approda al LG Trino e debutterà quindi in Promozione, categoria da lui mai giocata

Umberto Cerruti-LG Trino, questa volta si fa! Blindano infatti la porta i biancoazzurri e lo fanno con il classe 1995 che risale dalla Prima Categoria alla Promozione e che per molti addetti ai lavori comunque è ancora sotto categoria rispetto alle sue capacità. Habituèe dell'Eccellenza per tanti anni, è sempre stato tra i più richiesti nella zona del Piemonte Orientale, con chiamate persino dalla Lombardia. D'altronde quando si esordisce in D giovanissimi (ai tempi del Santhià nel 2013) e si para subito un rigore all'esordio, non si può che essere dei predestinati.

In ogni caso per la formazione di Ugo Yon l’innesto del portiere vercellese è un grande colpo, e con la sua solita umiltà lo stesso Cerruti si presenta in punta di piedi per la nuova avventura: «Non vedo l’ora di iniziare, so che ci sono in squadra tanti buoni giocatori, ma la differenza la farà il gruppo e noi dobbiamo cercare subito di costruirne uno molto buono - osserva il nuovo numero uno del LG Trino - conosco ormai da anni Brugnera sin da i tempi del Santhià, così come Bernabino e Meo Defilippi sono stati miei compagni all’Alicese, lo stesso mister Yon mi ha già allenato. Vincere un campionato è sempre difficile, perchè riesce ad una sola squadra tra tante, ma mi auguro vivamente che accada se si riesce a creare l’amalgama giusta. Perchè se è vero che io ho fatto anche l’Eccellenza a buoni livelli, è anche vero che alla fine non ho mai potuto esultare per qualcosa a fine campionato. E vincere una volta mi piacerebbe davvero. Anche se siamo capitati in un girone molto competitivo, non conoscevo il D con le squadre di Casale e Alessandria, l’A di più ma la concorrenza è sicuramente tanta».

a a a a a a a a a

Il portiere Umberto Cerruti con il direttore sportivo del LG Trino Marco Aceto, l'estremo difensore era stato cercato dai trinesi già ai tempi dell'Eccellenza

Fatto sta che sempre di Promozione si parla, e in questa maniera Cerruti motiva la scelta di essersi adattato a qualche gradino in meno nella scala del calcio nonostate il suo valore: «Bisogna fare anche delle scelte nella vita, qualche chiamata l’ho sempre avuta ma erano situazioni lontane da casa che mi sarebbe stato difficile accettare anche per lavoro. Se il contesto in cui mi trovo è professionale, non lo considero comunque un passo indietro. È capitato così alla Virtus Vercelli, sarà così anche al LG Trino». E proprio alla Virtus Vercelli nell’ultima stagione il neo numero biancoazzurro ha giocato (bene) blindando la difesa, alla fine risultata la migliore del girone con sole 27 reti subite, ancora meglio delle promosse Ceversama e Junior Pontestura. «Dispiace per come è andata a finire, non abbiamo fatto i play off per un pelo, e penso che la differenza l’abbiano fatta i gol fatti in attacco, meno numericamente di chi ci è arrivato davanti - conclude Cerruti - alla Virtus Vercelli comunque mi sono trovato benissimo e possono solo ringraziare la società e chi mi ha allenato. Si trattava di Prima Categoria, ma il contesto era di certo da serie superiore per quanto sono stato trattato bene».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400