Cerca

Coppa Promozione

Barzago-Altabrianza: Sala marchia il successo gialloblù e regala i tre punti ad Arrigoni. Per Frigerio, la strada per la qualificazione si fa in salita

Il Barzago parte bene con una vittoria. Niente da fare invece per l'Altabrianza, che ora si vede drasticamente diminuire le possibilità per il passaggio del turno

Riccardo Sala, Barzago

Riccardo Sala, il match winner dell'incontro

 

Il Barzago inaugura la propria stagione nel migliore dei modi vincendo in casa 1-0 contro l’Altabrianza. A siglare la rete che regala ad Arrigoni il successo è Sala, che trasforma in gol un rigore in movimento su un assist al bacio di Stefanoni. La partita si rivela essere molto maschia, povera di occasioni nitide e ricca di falli e cartellini, con tanto di un’espulsione per parte. Accade tutto tra il 30’ e la fine del primo tempo: sia i due cartellini rossi che il gol vittoria di Sala. Nella ripresa i gialloblù riescono a reggere e a limitare le avanzate offensive degli ospiti, anche se allo scadere Boni fallisce incredibilmente un’occasione colossale per il pareggio. Ora ad attendere le due formazioni ci sarà l’Arcellasco: al Barzago potrebbe andare bene anche il pareggio (in caso domenica prossima l’Arcellasco non vincesse contro l’Altabrianza), mentre per gli uomini di Frigerio adesso si fa molto ardua per passare il girone, sebbene non sia ancora detta l’ultima parola e rimanga accesa una piccola speranza.

Doppia espulsione. Le due squadre, come era ampiamente prevedibile, approcciano il match a ritmi piuttosto blandi, essendo questa la prima gara ufficiale della stagione e avendo dunque le gambe non ancora preparate per livelli elevati di intensità. Nei primi minuti, infatti, nessuna compagine riesce ad impensierire l’altra: si annovera solamente qualche calcio piazzato, senza però che ci siano particolari brividi. Il primo squillo dell’incontro arriva al 21’ ed è di fattura gialloblù: Sala si smarca bene sul lato destro dell’area e crossa in mezzo, sul secondo palo Cortesi trova di testa l’impatto con il pallone ma non lo specchio della porta. La risposta dell’Altabrianza è immediata. Dopo neanche due minuti, Tagliabue trova un corridoio splendido in cui servire con un passaggio filtrante Gualandris, tuttavia il numero 11 conclude centralmente rendendo facile la parata a Soldo. Al 30’ arriva il primo episodio chiave che sembra stravolgere definitivamente l’equilibrio della partita. Tagliabue entra in modo scomposto su Villa, l’arbitro reputa l’intervento troppo pericoloso e decide di estrarre il cartellino rosso, tra le proteste dei tifosi ospiti. Vista la superiorità numerica, tutto sembra apparecchiato per una gara in discesa per il Barzago. E invece, neanche il tempo di metabolizzare l’accaduto che la parità di giocatori in campo viene immediatamente ristabilita. Il protagonista è Tironi che, già ammonito ingenuamente in precedenza per aver calciato un pallone dopo il fischio dell’arbitro, interviene in modo troppo rude e si becca il secondo giallo, finendo dritto sotto la doccia. La doppia espulsione infiamma gli animi e il finale di frazione. Al 37’ Rossetti si smarca molto bene liberandosi di un avversario intorno ai 25 metri e lascia partire un destro insidioso che sibila a lato del palo, sfiorando il vantaggio. Vantaggio che, invece, viene agguantato dai padroni di casa al 43’. Stefanoni viaggia come un treno sulla corsia di destra, giunto sul fondo effettua un cross rasoterra diretto sul dischetto del rigore, Sala ci arriva in corsa e, aprendo il piattone, trafigge Corti indirizzando la sfera all’angolino basso.

Brivido finale con dejà vu. Ad inizio ripresa l’Altabrianza scende in campo con aggressività, spirito propositivo e fame di trovare la rete del pareggio. Gli uomini di Arrigoni rispondono inizialmente con un atteggiamento molto difensivo che sembra presagire un secondo tempo caratterizzato dalle barricate gialloblù e dalla pressione asfissiante degli ospiti. In realtà, con il passare dei minuti il Barzago inizia a rodare, non solo limitando notevolmente gli spazi di penetrazione agli avversari ma provando anche ad imbastire delle trame di gioco interessanti. Tuttavia, il focus principale dei padroni di casa resta la solidità difensiva, e l’obiettivo pare raggiunto con il progredire della ripresa e la contemporanea mancanza di palle gol per la formazione di Frigerio. Questo canovaccio dell’incontro permane fino ad un quarto d’ora dalla fine, quando l’Altabrianza si getta di nervi e con l’orgoglio alla ricerca del pari. La prima opportunità capita al 27’ a Gualandris, che su un traversone vagante si infila bene alle spalle dei difensori locali, ma calcia a lato. Al 35’ il subentrato Colombo approfitta di una respinta rivedibile di Soldo segnando in tap-in la rete del possibile 1-1, tuttavia l’arbitro annulla tutto per posizione di fuorigioco. Infine, l’occasione più clamorosa giunge al 48’ e ha un sapore di deja vù: Galimberti parte sulla corsia di sinistra (come Stefanoni nel primo tempo, ma a fasce invertite), si avvicina al fondo e crossa rasoterra, nella zona del dischetto arriva a rimorchio Boni (come Sala in occasione del gol), ma il suo tiro sorvola la traversa. Si conclude dunque la partita sul risultato di 1-0, regalando ad Arrigoni i tre punti e una situazione favorevole per il passaggio del girone; mentre per Frigerio si mette decisamente in salita, anche se uno spiraglio resta comunque aperto.

 

 

IL TABELLINO

 

BARZAGO-ALTABRIANZA 1-0
RETI: 43’ Sala (B).
BARZAGO (4-3-3): Soldo 6, Tironi 4.5, Mattera 6.5, Isaia 6, Montrasio 7, Panzeri 6, Stefanoni 6.5 (29’ st Neanaa 6.5), Villa 6.5, Cortesi 6.5, Sala 7 (12’ st Teli 6.5), Gizdov 5.5 (36’ st Graziano sv). A disp: Gagliardi, Trifiletti, Dodesini, Musella, Proserpio. All: Arrigoni 6.5.
ALTABRIANZA (4-2-3-1): Corti 5.5, Tirinzoni 5.5 (4’ st Corvino 5.5), Fumagalli 6 (24’ st Galimberti 6), Boni 6, Chakhssi 6, Bello 6, Donghi 6, Tagliabue 5.5, Rossetti 6.5, Delle Fave 6, Gualandris 5.5 (28’ st Colombo 6). A disp: Tomasin, Barattini, Cozza, Mauri, Ferrario, Brunati. All: Frigerio 5.5.
ARBITRO Rosciano di Cinisello Balsamo 5
ASSISTENTI: Ferretti di Varese e Besozzi di Varese.
AMMONITI: Tironi (B), Villa (B), Cortesi (B), Boni (A), Donghi (A).
ESPULSI: al 30’ Tagliabue (A) e al 33’ Tironi (B) per doppia ammonizione.

 

 

LE PAGELLE

 

BARZAGO

Soldo 6 Non deve compiere interventi particolarmente impegnativi, gestisce a dovere l’ordinaria amministrazione. L’unico rischio grosso capita quando respinge male il tiro di Donghi e subisce il gol di Colombo sulla respinta, ma per sua fortuna è tutto fermo per fuorigioco.
Tironi 4.5 Prima si fa ammonire per aver calciato un pallone dopo che l’arbitra aveva già fischiato: decisamente evitabile. Poi, entra con troppa irruenza e combina la frittata rimediando il secondo giallo e vanificando la superiorità numerica dei suoi dopo soli due minuti. Rimandato. 
Mattera 6.5 Intavola un bel duello sulla fascia con Gualandris, riuscendo a tenerlo tutto sommato a bada. 
Isaia 6 Agisce da schermo davanti alla difesa, fa il suo senza eccellere in modo particolare. Prestazione sufficiente. 
Montrasio 7 È il primo a far partire l’azione da dietro con una discreta impostazione. Quando c’è da difendere, non si fa troppi problemi ad intervenire con grinta e decisione. Baluardo della retroguardia. 
Panzeri 6 Solitamente decide di spazzare senza fronzoli ogni pallone pericoloso, con il fine di evitare eventuali guai. Meno sicuro del compagno di reparto, ma comunque efficace.
Stefanoni 6.5 Parte come un treno sulla destra nell’occasione che porta all’1-0, il tutto condito da un pallone messo chirurgicamente sui piedi di Sala, che deve semplicemente piazzarla in rete. Alla fine, nel match si fa vedere solamente con questa giocata, ma è la giocata che decide la partita.

29’ st Neanaa 6.5 Entra in campo con grinta e “garra” nonostante la giovane età. Recupera una buona quantità di palloni.
Villa 6.5 Bene sia quando gioca in mezzo al campo, dove fa sentire la sua presenza dispendendo qualità e quantità, sia quando passa a fare il terzino per colmare il buco lasciato dall’espulso Tironi.
Cortesi 6.5 Viene molto spesso incontro al pallone per far salire la squadra. Porta a casa diversi falli utili a far rifiatare i compagni.
Sala 7 Arriva con i tempi giusti sul cross basso servitogli da Stefanoni, ringrazia il compagno indirizzando il tiro all’angolino basso alle spalle di Corti. Match winner. Da segnalare anche un bel pallone messo sulla testa di Cortesi nel primo tempo.
12’ st Teli 6.5 Ingresso vivace, da terzino destro porta una buona spinta.  
Gizdov 5.5 Mostra la dose di imprevedibilità necessaria per poter saltare con costanza l’uomo. Peccato però che non lo faccia quasi mai. 36’ st Graziano sv.
All: Arrigoni 6.5 La sua squadra non si fa prendere alla sprovvista e non reagisce negativamente all’espulsione di Tironi, anzi è proprio li che riesce a passare in vantaggio. Nel secondo tempo si difende alla grande e, a parte i brividi nel finale, porta a casa i tre punti senza troppa fatica.

Gli undici del Barzago


ALTABRIANZA
Corti 5.5 Trasmette insicurezza al reparto difensivo con i piedi e soprattutto nelle uscite alte, nelle quali fa provare ai compagni certi brividi.
Tirinzoni 5.5 Prestazione incolore, priva di giocate da ricordare.

4’ st Corvino 5.5 Entra per dare sostegno alla mediana, combina troppo poco.
Fumagalli 6 Non spinge così frequentemente; tuttavia, quando decide di farlo, dimostra di poter creare diversi grattacapi alla retroguardia locale. Dovrebbe osare di più. 

24’ st Galimberti 6 Si mette in mostra con un’unica giocata: l’assist per il gol annullato a Colombo.
Boni 6 Porta una buona dose di sostanza sulla mediana e in particolar modo dopo l’espulsione di Tagliabue, visto che deve sopperire all’assenza del compagno di reparto. Mezzo voto in meno per il gol fallito nel finale che sarebbe valso il pari.
Chakhssi 6 Si deve occupare della marcatura su Cortesi: riesce in parte a limitarlo, ma non ad arginarlo in modo definitivo.
Bello 6 Fa partire con il suo mancino precisi lanci lunghi. Non disdegna nemmeno le conclusioni dalla distanza, anche se non riesce mai ad impensierire realmente Soldo.
Donghi 6 Nel primo tempo ricopre il ruolo di esterno alto, nel secondo quello di terzino. Non crea molto in fase offensiva, meglio quando deve ripiegare in quella difensiva.
Tagliabue 5.5 Comincia bene la gara con delle belle incursioni palla al piede e un passaggio filtrante interessante che manda Gualandris a tu per tu con il portiere. Tuttavia, pesa sulla sua valutazione l’intervento scomposto ed evitabile con cui si fa espellere.
Rossetti 6.5 Costretto a giocare molto spesso spalle alla porta, fa un buon lavoro di sponde rendendosi utile alla causa. Si dimostra però molto abile anche quando deve mettersi in proprio e tentare la giocata individuale. Il migliore dei suoi.
Delle Fave 6 Il talento non gli manca, prova ad accendersi con giocate illuminanti: a volte non lo comprendono i compagni, in altre sbaglia lui a prendere le misure.
Gualandris 5.5 Effettua movimenti insidiosi alle spalle dei difensori, e infatti si procura due discrete chances per andare in goal, ma le fallisce entrambe.

28’ st Colombo 6 Entra per realizzare il gol del pareggio: lo segna, ma in posizione di offside.
All: Frigerio 5.5 La sua squadra non disputa neanche un brutto primo tempo, ma si ritrova comunque sotto. Ad inizio ripresa comincia con lo spirito giusto, ma col passare dei minuti non riesce a creare occasioni particolarmente pericolose, se non nei minuti finali.

Gli undici dell'Altabrianza

ARBITRO Rosciano di Cinisello 5: Forse un po’ generoso il primo rosso, mentre la doppia ammonizione a Tironi pare corretta. In generale, non dà l’idea di avere molto in pugno la gara e sembra farsi condizionare troppo dalle proteste dei giocatori.

 

 

LE INTERVISTE

Nel post-partita, si dichiara soddisfatto il tecnico Arrigoni del Barzago: <<Abbiamo disputato un primo tempo importante, a livello di personalità, di gioco espresso e di occasioni create. La doppia espulsione ci ha penalizzati particolarmente, visto che abbiamo dovuto rinunciare a un giocatore che si occupasse sia della fase di spinta che di quella difensiva. Nel secondo tempo abbiamo sofferto maggiormente, loro qualche occasione l’hanno fallita, ma per quanto riguarda la capacità di resistere e tener botta abbiamo fatto una grande gara. L’importante, però, è che abbiamo disputato una grande prestazione. Poi oggi avevamo fuori parecchi giocatori, speriamo di riaverli presto così da poter avere anche più scelta dalla panchina. È stata una vittoria tanto bella quanto insperata, visto l’ottimo livello degli avversari. Ad ogni modo, voglio sottolineare che nel nostro campo è difficile venire a giocare, noi non regaliamo niente a nessuno: la partita di oggi ne è la prova. La partita con l’Arcellasco? Onestamente non era un nostro obiettivo passare il girone, andiamo a giocarcela e vediamo cosa succede>>.

Roberto Arrigoni, allenatore del Barzago

 

Invece, si dimostra rammaricato e deluso dalla prestazione l’allenatore dell’Altabrianza Carlo Frigerio: <<Loro hanno meritato di vincere, noi abbiamo sbagliato tutto quello che potevamo sbagliare, sia a livello tecnico che di comportamento e di scelte. Loro sono una squadra organizzata e il loro mister è uno in gamba, però oggi hanno dimostrato di aver avuto molta più voglia e molto più carattere rispetto a noi. Anche se avessimo segnato in quell’occasione finale, il mio giudizio sulla partita non sarebbe cambiato. Oggi abbiamo giocato male, sinceramente non me l’aspettavo. In settimana analizzeremo gli errori commessi, poi proveremo a ripartire con il piede giusto già dalla prossima. Ora bisognerà lavorare sulla testa e sulla mentalità. Il passaggio in coppa era un nostro obiettivo, adesso vedremo cosa succederà nelle due gare con l’Arcellasco>>.

Frigerio, il tecnico dell'Altabrianza

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400