Cerca

Pulcini B

Villapizzone-Lombardina: Bonacina all'assalto ma il rombo di Ferrari e il coraggio di Tomassi guidano i gialloviola in una ripresa entusiasmante

Un match pieno di soprese, quello in scena al Comunale di Via Perin del Vaga: parte forte la Lombardina, ma dal secondo parziale c'è solo Villapizzone

villapizzone-lombardina

Le formazioni al completo del Villapizzone e della Lombardina, assieme per lo scatto nel pre-partita, con i tecnici Santacroce e Del Vecchio

Una partita senza sconti ma soprattutto piena d'entusiasmo e grinta, quella disputata a Villapizzone tra i casalinghi in gialloviola e la Lombardina di mister Del Vacchio in tenuta arancioblù. Complessivamente le due formazioni mostrano buone capacità di gioco, intuizioni interessanti e tanta volontà nello spendersi per cercare il pallone, senza mai perdere di vista l'obiettivo finale: il gol, ma anche la possibilità di dare il meglio di sé per il proprio team. Così, in campo tante sono le prove di sacrificio, coraggio e qualità: dalle ottime prestazioni di entrambi i portieri, Strati e Bariggi, ad Aliprandi e Reali, a Pesci e Calio, fino a Tomassi e Romano passando per Macrì e Dubini. Una mezione d'obbligo al duo Ferrari-Tomassi, in grado di donare rinnovata energia a tutta la squadra e di guidarla da un secondo parziale giocato alla perfezione fino alla conquista dei tre punti alla metà del terzo tempo.

Incursione letale. Le due compagini entrano in campo già grintose ma ancora un po' incerte sulle gambe: qualche scatto significativo c'è, ma si equivale da una parte e dall'altra e si conclude (quasi) sempre tra i guantoni di Strati, che riesce ad infondere equilibrio e calma ai suoi, e di capitan Bariggi, che sfoggia una prestazione d'alto livello, parando tutto il parabile e dimostrando anche notevole sicurezza nelle uscite. Nel primo parziale di gioco, è Eltomy, coadiuvato da Dubini e Rossi, a tentare le cavalcate verso la porta con più insistenza; Dubini che è anche coinvolto in uno dei duelli di fascia più tosti, cioè quello diretto con Reali, che tenta spesso incursioni da destra per poi cercare dall'altro lato Succu, fermato in più occasioni da un Romano pian piano sempre più coraggioso, o centralmente per il rimorchio di Bonacina. È proprio il numero 6 ospite a trovare, proprio allo scadere del tempo, il gol decisivo. Nota: il team di Del Vacchio segna in realtà un primo gol al 7', che lascia allibiti per un istante i tifosi e che viene annullato poco dopo perché - confermerà la dirigenza - «la palla era già uscita dal campo».

Controllo totale. Il secondo parziale di gioco è inaspettatamente vivacizzato da alcuni cambi dalla panchina gialloviola, che determinano per l'appunto un cambio di passo visibile: il Villapizzone acquista sicurezza e, alla fine, anche il controllo assoluto del campo. Strepitosa prestazione, in realtà, di tutta la squadra, che gioca con compattezza, respinge efficacemente - i (pochi) tentativi avversari, guidati da Stivala e Aliprandi, che spesso arriva in porta con una velocità disarmante, che trovano però i muri saldi delle retrovie casalinghe - e costruisce tanto: è Tomassi, con gli scatti felini dalla fascia destra, ad innescare spessissimo un Ferrari famelico, che riuscirà a saziarsi già al 4' - con un gol «di rapina» su disattenzione difensiva arancioblù - e al 13', con una freddezza da vero bomber. Al 6', è invece Orlando a sganciare una bomba dalla distanza; ci mette la firma anche Tomassi, che chiude con gran classe dopo svariati tentativi da fuori area. Il team di Santacroce è un piacere per gli occhi, e la tifoseria in visibilio ne certifica lo spettacolo.

Tenuta mentale. L'ultimo parziale ha i tratti d'una gara differente: la Lombardina ha ancora tanto da dare, e i gol subiti non scoraggiano i Pulcini di Del Vacchio, che mostrano - nonostante il risultato finale - gran capacità di reagire e una fondamentale voglia di far bene. È così che, appena rientrati in campo, si propone Bibbo, sostenuto dai soliti Calio e Reali, che sulla fascia sfugge con buona tecnica, nonostante Dubini prima e Monteverdi poi diano notevole filo da torcere al numero 15 arancioblù; contestualmente, la difesa ospite cerca di contenere con buona fisicità gli iniziali scatti di Eltomy, che non trova spazio facilmente. Al 5', il cambio in attacco col rientro di Ferrari decreta una nuova ondata gialloviola nell'area di Bariggi: passano quattro minuti e l'instancabile numero 10 elude la difesa e insacca quasi in scivolata. Da mezionare il lavoro di Monteverdi, da metà tempo, che al 10' s'inventa un cross al volo per Ferrari, che di testa manca di pochissimo il palo destro. Ci riprovano all'ultimo, in cerca di riscatto, i ragazzi di Via Sbarbaro: incredibile incursione di Aliprandi, che lascia per un attimo senza fiato gli spalti, ma non centra lo specchio ben controllato da Strati.  

IL TABELLINO

VILLAPIZZONE - LOMBARDINA 5-1

RETI (0-1, 4-0, 1-0): 14' Bonacina (L), 4' st Ferrari (V), 6' st Orlando (V), 9' st Tomassi (V), 13' st Ferrari (V), 9' tt Ferrari (V).

VILLAPIZZONE: Strati, Monteverdi, Moretti, Tomassi, Bolognesi, Romano, Macrì, Orlando, Ferrari, De Donno, Dubini, Rossi, Eltomy. All. Santacroce. Dir. Macrì.

LOMBARDINA: Bariggi, Pesci, Strafurini, Aliprandi, Bonacina, Succu, Stivala, Calio, Bibbo, Baldini, Reali. All. Del Vacchio. Dir. Di Martino.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400