Cerca

Pulcini

Leone XIII-Triestina: bella la sinergia di gruppo, tre i goleador, Agnano, Santambrogio e Carli

Testa a testa fra due squadre di pari livello, ma il Leone XIII ci mette lo zampino e riesce a portare a casa la partita

Pulcini 2011 Leone XII

La squadra dei pulcini 2011 in posa con il tecnico Rovizzi prima della partita contro la Triestina

Una bella partita quella fra i Pulcini del Leone XIII e quelli della Triestina. Le due squadre sono ben equilibrate e hannno tanta voglia di divertirsi indipendentemente dal risultato. Il Leone ha quel coraggio in più che gli permette di conquistare tre reti con la gioia dei presenti. Anche la Triestina si fa valere, tutti i piccoli calciatori ce l’hanno messa tutta affrontando con il sorriso le varie difficoltà.

Ad aprire Agnano. Il primo tempo è combattuto a pari merito: le squadre comunicano molto fra di loro e la voglia di giocare prende il sopravvento. In particolare, c’è il numero 1 del Leone XIII, Ravone, che per tutta la partita incoraggia e suggerisce ai propri compagni tutte le mosse necessarie da fare. Grattarola difende bene il pallone dagli attacchi avversari collaborando molto con Santambrogio e Fumagalli che insieme cercano di creare l’occasione per segnare. Del triestina in questo primo tempo si fanno valere molto Quartodipaolo che, adrenalinico, non si ferma mai e cerca di conquistare sempre l’altra metà campo, il capitano Menoncello e Severini. Dopo 10’ dal fischio d'inizio arriva il primo gol del Leone XIII segnato da Agnano, che segna in maniera netta tirando la palla dritto di fronte a sé in porta. Successivamente, ci riprova Ruffinengo, ma i riflessi del portiere rossoblù sono pronti a risolvere la situazione. Dopo altre azioni repentine che si susseguono, è la volta del gol di Santambrogio, del minuto 14. Durante il secondo tempo, si decide di cambiare un po' dando a tutti gli altri calciatori, che avevano pazientemente aspettato il proprio turno, la possibilità di giocare. Per il Leone è la volta di Grande, Cantaluppi e Dragonetti. Intanto gli allenatori posti alle estremità del campo, continuano a incoraggiare e sostenere i piccoli giovani campioni. Questo tempo è più difficile, nessuno delle due squadre prevarica l’altra. Intorno al 22’ la situazione comincia a scaldarsi per un attimo, Dragonetti cerca di confermare la propria supremazia tentando di insaccare un paio di tiri, prontamente parati dal portiere della Triestina. Anche Grande tenta il colpaccio, sfiorando con un tiro deciso il palo destro della porta, ma per questa volta non se ne parla. Il secondo tempo si conclude in parità, così al fischio i ragazzi bramosi di consigli tornano correndo dai loro premurosi maestri.

Poco dopo inizia il terzo ed ultimo tempo. Questa volta i ragazzi sono competitivi, alla voglia di giocare comincia ad accostarsi la voglia di vincere e fare bene raggiungendo un buon punteggio. Così per prima, passa all’attacco la triestina. Scioti e Patratti arrivano in area piccola e spalleggiandosi nelle azioni continuano a passar la palla fra loro. Intorno al minuto 14’ il numero 6 Carli del Leone XIII, dopo esser stato atterrato su un avversario, si rialza più forte che mai, segnando la rete decisiva che stabilirà la vittoria finale.  

IL TABELLINO

LEONE XIII- TRIESTINA 3-0
RETI (2-0,0-0,1-0):
10' Agnani (L), 14' Santambrogio (L), 14' tt Carli (L)
LEONE XIII: Favagrossa, Dragonetti, Cantaluppi, Carcano, Carli, Fumagalli, De Lucia, Santambrogio, Agnano, Grattarola, Falconi, Ruffinengo, Grande, Ravone. All. Rovizzi.
TRIESTINA: Barassi, Di Placido, Frigerio, Ianieri, Leone, Menoncello, Patratti, Quartodipaolo, Resente, Riboldi, Sbardella, Scioti, Severini. All. Capocchia.

LE INTERVISTE

L’allenatore del Leone XIII, Matteo Rovizzi, descrive così la partita e la squadra: «Partita difficile, sapevamo già che la Triestina è forte e oggi ne abbiamo avuto la prova. Vorrei ricordare ai ragazzi di continuare su questa strada perché è quella giusta. Manca ancora un po’ di tecnica,ma nulla di eccessivamente problematico». Mentre Vito Capocchia, tecnico della Triestina, in tutta onestà ammette: «La partita mi è piaciuta, è il primo anno che seguo questa squadra e tutto sommato, nonostante alla fine il Leone XIII fosse un tantino superiore, ho pensato che questi ragazzi siano stati in gamba, perché hanno tenuto testa agli avversari e contrastavano molto le azioni. Ci siamo divertiti».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400