Cerca

Scuola Calcio

I Tigrotti si allenano a tempo di musica: «rende tutto più coinvolgente»

Alfredo Carameli, tecnico-bandiera del calcio preagonistico, racconta il suo primo anno alla guida dei 2013 Pro Patria

I Pulcini dell'Aurora Pro Patria

In posa. Alfredo Carameli, alla guida dei 2013

I Pulcini 2013 della Pro Patria, sono allenati dall'esperto e giramondo Alfredo Carameli, supportato, nei compiti esterni e sul campo, dai dirigenti Nicola Fedele e Sergio Scognamiglio. Questi bambini hanno formato in questa stagione una squadra completamente nuova, in quanto provenienti da altre realtà calcistiche dell'area bustocca e della Valle Olona.

L'allenatore ne evidenzia l'evoluzione, sia dal punto di vista del gioco che psicologica: «Ho notato che sono notevolmente migliorati nella tecnica individuale da quando abbiamo iniziato lavorare, e in campo hanno imparato a gestire meglio gli spazi. Apprezzo molto soprattutto il fatto che in gara siano più compatti fra loro, e che, conoscendosi meglio, siano diventati più amici anche in ambito extra calcistico». Durante il campionato le avversarie che hanno dato maggior filo da torcere ai tigrotti, sono state il Canegrate, la Castellanzese e l'Universal Solaro. Carameli spiega, osservando: «In quelle gare, il loro affiatamento ci ha fatto patire la differenza soprattutto sul piano fisico. Nella fase primaverile, però, abbiamo però ridotto questo divario».

Tra i pali dei biancoblù l'unico portiere Leonardo Borsari, già dotato di un buon senso della posizione. In fase di copertura, si distinguono Nicolò Fedele, Davide Mezzasalma e Luca Schillaci, molto vigorosi e abili nei duelli. Il tecnico ne sottolinea l'importanza in partita a questi livelli: «Intendiamo consolidarli, perché permettono di creare la superiorità numerica e il fatto di cercarli rende i bambini più temerari nei confronti degli avversari. I duelli di ogni genere, come l'uno contro uno e il due contro uno, rafforzano anche il gioco collettivo. Adotto la metodologia del Corver Coaching, basata proprio su duello, intensità e velocità».

Il perno del centrocampo è Christian Gadda, tatticamente intelligente, e anche i duttili Alessandro Scognamiglio, Giorgio Nobili, Matteo Marcarini e Lorenzo Melchiori, già efficaci nel saltare l'uomo. Nel reparto conclusivo, emergono Lorenzo Airaghi e Federico Tonelli, che puntano subito la porta avversaria. Carameli svela la sua tattica: «Giochiamo a sette con il 2-3-1, ben compreso dai bambini, il più consono alle loro caratteristiche, che ci permette anche di occupare meglio tutto il campo. Privilegio un calcio propositivo, ma a palla bassa, in cui le azioni partono dai reparti posteriori. Penso che in partita dovremmo rendere ancora più veloci le nostre verticalizzazioni, allo scopo di poter raggiungere più rapidamente e imprevedibilmente la porta avversaria».

Nella sua avventura sportiva, la Pro Patria a maggio ha disputato un torneo a Cassano D'Adda, al quale hanno partecipato squadre come la Reggiana, la Pergolettese e il Monza. L'allenatore ricorda in particolare il pareggio senza reti contro l'Atalanta: «Abbiamo giocato bene fino allo scadere, con tenacia, senza concedere niente agli avversari».

«Prima delle partite consiglio ai bambini di tentare di applicare tutto ciò che svolgiamo in fase di preparazione. Sto insegnando loro a calciare dei rigori forti e angolati, e ritengo che sia ancora prematuro esercitarci sui colpi di testa, calci d'angolo e punizioni. Rendiamo i nostri allenamenti ancora più coinvolgenti ascoltando della musica, che proponiamo di impiegare anche in occasione delle gare».

L'allenatore rammenta infine anche la partita contro i Pulcini del Milan in finale all'Ausonia Cup, effettuando anche delle riflessioni interessanti: «Nonostante avessimo subito molti gol, ritengo che per i bambini confrontarsi con dei coetanei di alto livello tecnico e mentale, sia molto utile per la loro evoluzione calcistica». Il tecnico racconta poi qualcosa di sé, della sua lunga avventura sulla panchina, e dei suoi progetti per il futuro: «Sono milanese, ho cinquantadue anni, tifo il Milan, ed è il mio primo anno alla guida di questi educati e rispettosi 2013. In precedenza sono stato responsabile per il Milan Academy, e abbiamo aperto tre Scuole Calcio Milan anche in Arabia Saudita. Persino in quella realtà molto diversa dalla nostra, notavo la grande passione dei bambini verso il calcio. Ho seguito nella mia carriera anche i Pulcini di Cimiano, Aldini e Ausonia».

Rosa Pulcini Pro Patria 2013 stagione 2021-22
Borsari Leonardo portiere
Fedele Nicolò difensore
Mezzasalma Davide difensore
Schillaci Luca difensore
Gadda Christian centrocampista
Nobili Giorgio esterno alto
Marcarini Matteo esterno alto
Scognamiglio Alessandro esterno alto
Melchiori Lorenzo esterno alto
Airaghi Lorenzo attaccante
Tonelli Federico attaccante
Allenatore: Carameli Alfredo
Dirigenti: Fedele Nicola e Scognamiglio Sergio 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400