Cerca

Torneo Eusalp, la Lombardia chiude al terzo posto: battuto il Veneto dopo i calci di rigore

Rappresentativa Under 16
Si conclude con un ottimo terzo posto l'avventura al Torneo Eusalp della Lombardia. La squadra di Matteo Medici ha battuto ai calci di rigore il Veneto, dopo essere stata sotto per due volte. La prima nei tempi regolamentari, quando i nostri classe 2005 si sono trovati a inseguire dopo appena venti minuti. Il rigore (dubbio) trasformato da Valerio vale il vantaggio per i veneti, in un primo tempo molto duro e giocato a ritmi ferrati. La seconda è durante i calci di rigore, quando alla Lombardia è servito un super Ravasio per recuperare il doppio svantaggio e vincerla. Un epilogo al miele per la selezione di Medici, che mette dunque in fila la terza vittoria consecutiva. Un percorso importante quello dei 2005 lombardi, macchiato solamente dall'esordio con sconfitta contro Bolzano. Conti alla mano il ko contro i trentini pesa come un macigno, soprattutto considerando le qualità del gruppo il quale ha dimostrato di potersela giocare davvero contro tutti. Poco male perché l'obiettivo (divenuto minimo dopo la sconfitta alla prima giornata) è stato centrato, il podio è stato agguantato e le premesse per il futuro sono decisamente incoraggianti. La partita. «Il Veneto, assieme al Sudtirol, è la squadra più forte che abbiamo affrontato». Bastano queste parole di Matteo Medici per raccontare quello che è l'approccio alla partita della Lombardia. La selezione lombarda si trova infatti di fronte a sé una formazione molto fisica e alquanto rognosa, che dopo un avvio a cento all'ora trova il vantaggio al 23'. Tuttavia il rigore concesso dall'arbitro è decisamente generoso: sul dischetto si presenta Valerio che spiazza Ravasio. Il 4-3-3 disegnato da Medici diventa in poco tempo un 4-1-4-1: Mastrolembo-Gervasoni formano l'asse di sinistra, Muca-Ferrari quella di destra. Berberi in mediana è coadiuvato da Di Raco e Pellegrino, mentre in avanti l'unica punta è De Leo. Importanti risposte arrivano anche dalla coppia di centrali Fekete-Carrino, praticamente perfetti per tutti i settanta minuti. Se nel primo tempo sia Di Raco che De Leo sono andati vicini al gol, il pareggio arriva puntuale nella ripresa. Il protagonista è ancora il centrocampista dell'Enotria: il cross di Mastrolembo pesca proprio il centrocampista lombardo, che di testa costringe la retroguardia veneta a deviare il pallone nella propria porta. Come accaduto nelle prime tre uscite, il leit-motiv della seconda frazione di gara è un copiane già conosciuto: la squadra di Medici viene fuori con talento alla distanza, sfiorando a più riprese il gol del vantaggio e tenendo con talento il pallino del gioco. Per decretare la terza forza dell'Eusalp bisogna però affidarsi ai calci di rigore. Ad avere la meglio sono i nostri lombardi, che s'impongono per 5-4 in maniera tutt'altro che semplice: sotto di tre gol, a prendersi la scena è Ravasio. Il portiere del Villa Valle è prima talentuoso a mantenere a galla i suoi, poi è eroioco nel parare il rigore decisivo. Medici nel post gara. Si percepisce grande soddisfazione nelle parole di Medici, intervenuto così nel post gara: « Abbiamo giocato una buona partita, soprattutto nella ripresa. Ci è capitato spesso di andare sotto, ma siamo stati bravi a rimanere in partita e a vincerla ai rigori». Per quanto riguarda invece l'analisi dell'avversaria della Lombardia, Medici non ha dubbi: « Assieme al Suditirol, il Veneto è sicuramente la formazione più attrezzata che abbiamo affrontato. Sono una squadra molto fisica e ci hanno messo in difficoltà in avvio. nella ripresa però siamo venuti fuori alla distanza, anche grazie ai cambi. Avere un gruppo così profondo ci ha aiutati molto durante il torneo». Sul prossimo numero di Sprint e Sport, in edicola domani (21 giugno) ci sarà spazio per la Rappresentativa Under 16: dalle dichiarazioni di Medici al bilancio di quella che è stata l'esperienza al Torneo Eusalp.

IL TABELLINO

LOMBARDIA-VENETO 1-1 (5-4 d.c.r.) RETI: 23' rig. Valerio (V), 5' st Di Raco (L). LOMBARDIA (x-x-x): Barotac, Muca, Mastrolembo (19' st Lauriola), Berberi (1' st Beraldo (12' st Consoloni)), Fekete, Carrino, Ferrari (27' st Caimi), Di Raco, De Leo (1' st Pizzaballa), Pellegrino, Gervasoni (12' st Mozzon). A disp. Ravasio, Foresti, Garavini. All. Medici. VENETO (x-x-x): Barban, Bergamo, Bertoldi, Biancato, Pogietta, Morsoletto, Schugur, Valerio, Ventura. A disp. Filotto, Casagrande, Curumi, Garon, Gasparin, Michelin, Rigoni, Sangrillo, Spigariol, Tampieri, Tavernaro. All. Pavanel.
Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c'è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400