Cerca

Rappresentative

AAA cercasi collaboratori e selezionatori: il Comitato apre a autocandidature

Aperta la manifestazione di interesse per collaborare con il Comitato

patentini allenatori panchina

Prima i corsi e poi sedersi in panchina

AAA CERCASI SELEZIONATORI. Il comitato regionale ha pubblicato il bando di autocandidatura a selezionatore delle Rappresentative regionali e per la ricerca di collaboratori sui territori. Una mossa inedita per modalità e tempistiche che vede per la prima volta il Comitato Regionale a richiedere collaborazione tramite una propria bacheca virtuale. Da un lato questa mossa ufficializza una prassi già presente (l’invio spontaneo dei curricula) con un surplus di “trasparenza”, dall’altro però evidenzia un ritardo e una non linea decisa sul cammino delle Rappresentative, che ancora una volta cominceranno non prima di fine ottobre.

La novità dell’iniziativa del Comitato sta però nella nuova figura di collaboratore sul territorio come spiega il presidente Christian Mossino: «È un’iniziativa finalizzata a capire quali sono gli allenatori sul territorio disponibili a collaborare. Per portare avanti un discorso ramificato vorremmo fare attività tecniche di supporto tipo Centri Federali e uno scounting sul posto, in modo tale che chi farà poi il selezionatore potrà contare su giocatori visti, individuati dalle società o segnalati da questi allenatori. Questa richiesta ci permette di capire le disponibilità: molti allenatori potremmo conoscerli, ma altri potremmo non conoscerli. Non è un bando vero e proprio, ma una manifestazione di interesse valida anche per il ruolo di selezionatore delle rappresentative. Poi la scelta sarà la nostra, ma ci sembra il modo più corretto di conoscerli tutti».

La richiesta pubblicata dal Comitato ha come termine ultimo il 10 ottobre e prevede un rimborso giornaliero di 31€ e vi può partecipare soltanto chi i tecnici con Uefa B o superiori. Con le tempistiche poi di esaminazione dei curricula l’impalcatura partirà entro la fine di ottobre, spiega Mossino. Una calendarizzazione comunque già avanzata, ma che potrebbe guadagnare tempo se le segnalazioni sul territorio fossero mirate e si riducessero al minimo l'iniziativa intrapresa nel 2018, ovvero la segnalazione da parte delle società dei propri tesserati. Pratica quest'ultima che fece perdere alle varie Rapp oltre un mese di tempo per visionare una mole immensa di calciatori, quando in realtà la squadra era già praticamente nella mente dei tecnici.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400