Cerca

Rappresentative

Terminato il primo raduno full regione dell'Under 15, ora si fa sul serio: Rossi, Bottani e Villasanta fanno sorridere Gabriele Peccati in attesa della prima amichevole

Al centro sportivo di Filago termina con una vittoria dei verdi contro gli arancio (5-1): Fanelli ci mette la firma su calcio di rigore, Bassi superlativo

Terminato il primo raduno full regione dell'Under 15, ora si fa sul serio: Rossi, Bottani e Villasanta fanno sorridere Gabriele Peccati in attesa della prima amichevole

Arouna Rossi (Enotria) e Andrea Adamo (Accademia Inter) in azione nel raduno di Filago

Ora si fa sul serio. Torna la Rapp Under 15 e lo fa con il primo raduno full regionale: sai abbonato? Per te questo e molto altro. Non sei abbonato ma hai acquistato una copia del giornale di questa settimana? Per leggere questo contenuto e quelli che nei prossimi mesi accompagneranno le nostre Rapp Regionali al Torneo delle Regioni ti basta scannerizzare un qualsiasi qr-code presente sul giornale attraverso la nostra applicazione (Android e Ios). Diventerai così utente premium per sette giorni e potrai leggere contenuti come questi e tutti gli altri dedicati ai campionati Élite come spiegato a questo link. In ogni caso, sul giornale in edicola il prossimo lunedì (22 novembre) sarà presente il qr-code da scannerizzare per accedere al contenuto.

"Da grandi poteri derivano grandi responsabilità". O se preferite, "With great power comes great responsibility" mantenendo la lingua madre della celebre frase del film Spider-Man. Tale citazione, divenuta negli anni utilizzata per raccontare svariati contesti, è attribuibile a Ben Parker, uno degli zii di Peter divenuto il capostipite di tale frase. Se Gabriele Peccati avrà problemi di violazioni di copyright per aver fatto sua tale citazione lo dirà il tempo, certo è che per il tecnico della Rappresentativa Under 15 sarebbe stato complesso pensare ad una frase migliore per approcciare l'intervista post raduno di Filago. Questa volta partiamo dalla fine: triplice fischio dell'arbitro e tutti sotto la doccia. Termina 5-1 per i verdi, ma pur cadendo in banalità è evidente che del risultato non importi niente a nessuno. Né ai ragazzi né tantomeno a Gabriele Peccati, che nel post gara ha utilizzato proprio la celebre citazione di Spider-Man per dichiarare che «Non mi sento di escludere nessuno. Mancano cinque mesi al torneo e sarebbe ingiusto fare già le mie scelte. Il mio compito è molto delicato: sono nella posizione di decidere chi entra e chi esce, un po' come avviene con le squadre di club ma qui è tutto amplificato per il contesto nel quale andremo a giocare». 

Remake. Le porte per il Torneo delle Regioni rimangono dunque aperte per tutti, tuttavia c'è qualcuno che queste porte le ha probabilmente spalancate di fronte a sé. Il primo è sicuramente Arouna Rossi, talento dell'Enotria che sia con la maglia rossoblù che con quella della Rapp sta mostrando a più riprese di meritarsi una chiamata. L'unico dubbio potrebbe però derivare da un fattore esterno, ovvero le squadre professionistiche. La domanda sorge infatti spontanea: siamo di fronte ad un Gabriele Vedovati 2.0? Era il 2019 quando il centravanti ex Virtus Ciserano Bergamo ed ora in forza all'Under 17 dell'Inter incantò la Rapp al tempo di Protopapa. Il tutto sotto l'occhio attento della società nerazzurra, che non perse tempo e lo tesserò già a gennaio impedendogli di prendere parte al torneo di Bolzano, mai svolto poi per i fatti che tutti conosciamo. Tutto ciò per dire cosa? Arouna è un talento cristallino destinato a fare grandi cose. A Filago gli è mancato solamente il gol, il quale ha invece contraddistinto il pomeriggio di Tommaso Bottani. Il centrocampista del Ponte San Pietro l'ha fatto splendido al 32' della ripresa, quando con un mancino devastante dai trenta metri ha battuto Comi ed ha messo a segno un gol clamoroso, con il pallone che è finito proprio sotto l'incrocio dei pali.

Talento. «Mai come quest'anno c'è omogeneità di talenti in giro per la regione - prosegue Gabriele Peccati - visto il numero incredibile di ragazzi che giocano nei Regionali non Élite o comunque in squadre non di primissima fascia». Un assist perfetto per parlare della coppia Ardito-Villasanta. Il primo terzino della Rhodense, il secondo centravanti della Masseroni: uniti sia dal talento che da un campionato fino a questo momento non esaltante per le rispettive squadre, che tuttavia possono coccolarsi due talenti cristallini. Senza dimenticare poi Ludovico Odelli, ed ecco il talento che risiede al di fuori dell'Élite. Il centravanti del Breno prima si beve in velocità Morano - in forza al Paladina - poi batte Nikolli con un destro preciso dopo oltre trenta metri di scatto. Discorso diverso invece per la coppia bergamasca Gamba-Paris e il centravanti milanese Fanelli. I primi due, rispettivamente in forza al Ponte San Pietro e al Villa Valle, hanno confermato quanto di buono fatto vedere in un campionato fin qui formidabile per le rispettive squadre: il centravanti blues ne ha fatti addirittura due - un tap-in facile e un colpo di testa strepitoso - mentre il centrocampista giallorosso ci ha messo la firma dopo aver eluso due avversario con un dribbling fulmineo. Senza dimenticare poi il bomber di Andrea Acquaro, sul quale il Seguro punta fortissimo e protagonista di un pomeriggio altrettanto "fortissimo". Un gol per il centravanti, bravo a battere Comi con un destro preciso direttamente su un calcio di rigore da lui stesso conquistato.

Fasi. Cosa si evince da tutto questo? Semplice, che la tecnica e la qualità sicuramente non manca. Tuttavia ciò non avanzerà le sveglie della domenica mattina di Gabriele Peccati: «Continuerò ovviamente a svegliarmi presto ed andare sul campo. In generale posso dire che oggi è terminata la prima fase, ma da stasera comincia già la seconda. Ora bisogna capire quali dei giocatori che io e il mio staff abbiamo visto meglio possono essere inseriti in un'ottica di squadra. E qui subentra un'altra figura professionale che ho voluto per questo percorso». Si tratta di un mental coach, volto ad andare a capire banalmente cosa passi per la testa di questi ragazzi. Talentuosi, vero, ma pur sempre quattordicenni. «Ho voluto un mental coach - prosegue Peccati - affinché possa vedere all'interno del ragazzo. Noi troviamo talenti, ma sta poi a lui darci i suggerimenti giusti visto che l'abilità in sé non basta». Il tutto, ovviamente, come squadra. Lo staff della Rapp è un qualcosa di incredibile, capace di contraddistinguersi per passione, preparazione, team work, abnegazione e qualità. Dal coordinatore tecnico Daniele Tacchini a Sergio Pedrazzini, passando per Martino Arosio, Dario Lobello, marco Bologna, Claudio Mantegazza, Giovanni De Angelis e l'onnipresente Minoia. E questo è solo l'inizio...

IL TABELLINO

ARANCIO-VERDI 1-5
RETI:
5', 25' Gamba (V), 9' st rig. Fanelli (V), 11' st Odelli (A), 18' st Paris (V), 32' st Bottani (V)
ARANCIO:
Sadiku, Cavalleri, Pascarella, Ardito, Rossi, Ciceri, Barchiesi, Romanini, Villasanta, Brancati, Rossi, Comi, Pedote, La Manna, Bertolini, Cretti, Martino, Giangreco, Occhionero, Odelli, Raza, Ismail.
VERDI:
Bassi, Polizzi, Adamo, Stival, Alvarez, Patelli, Spolaor, Buzzi, Forlani, Gamba, Zizza, Nikolli, Roberti, Morano, Facchinetti, Bottani, Paris, Oggionni, Bianchi, Fanelli, Sangaletti, Finazzi. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400