Cerca

Under 15

Una stagione strepitosa: ora il Sedriano punta all'Élite

Secondo posto e un solo punto dalla vetta, ora i playoff per continuare a sognare

Sedriano Under 15

I ragazzi classe 2007 del Sedriano

Il Sedriano ha concluso la regular season al secondo posto con 48 punti, soltanto uno in meno della Cedratese vincitrice del girone. I ragazzi di Nicola Rigliaco hanno collezionato ben 15 vittorie (le stesse della capolista) in quello che è stato senza dubbio il campionato più equilibrato e combattuto di tutta la categoria. L'ultima vittoria è arrivata domenica contro il Villa Cassano, un netto 3-0 per chiudere al meglio il girone: partita sempre in controllo e gran prestazione di tutta la squadra; a sbloccare la gara un rigore a metà primo tempo di Alessio Burni, nella ripresa poi la doppietta di Manuel Pampolini ha chiuso definitivamente il match. Da evidenziare anche il lavoro di Andrea Pugliese, solitamente un centrocampista ma per l'occasione prestato alla difesa con ottimi risultati, e di Simone Vivaldo, il capocannoniere della squadra che ha centrato due traverse nel primo tempo.

LA SQUADRA

Nicola Rigliaco e il suo staff (Federico Frugoni, preparatore atletico; Andrea Ponti, dirigente accompagnatore), sotto il coordinamento del direttore tecnico Fabio Calcaterra, sono approdati sulla panchina dei classe 2007 del Sedriano ad inizio stagione e con il duro lavoro si sono conquistati la stima e la fiducia di tutti: dopo una partenza un po' a rilento (sconfitta con il Mazzo e pareggio con l'Ispra) la squadra ha iniziato a rodare e ad esprimere un gran gioco, che ha portato i gialloblù a scalare la classifica e a ottenere anche vittorie strepitose, come il 3-0 rifilato alla Cedratese o il 3-1 sul campo dell'Accademia Varesina, oltre che le altre vittorie negli scontri diretti con le altre compagini che hanno lottato per le zone alte della classifica. La squadra con il 4-4-2 del tecnico ha trovato un grande equilibrio, che gli ha permesso di essere la seconda difesa meno battuta con soli 27 gol subiti: Edoardo Ponti e Filippo Frugoni sono la coppia di centrali, mentre Alessandro Magistrelli e Cristian Rescali sono i terzini, rispettivamente sinistro e destro. Con questo quartetto i gialloblù hanno dato grandi garanzie ai portieri Christian Mariani, Riccardo Scaramuzzi e Gioele Oldani, tutti e tre autori di ottime prove quando chiamati in causa. A centrocampo invece il duo formato dal capitano Daniele Bonora e dal vicecapitano Andrea Pugliese è il perfetto mix di qualità e quantità: tanti palloni recuperati e buon contributo anche in zona gol, viste le 5 reti e i diversi assist che insieme hanno fornito. In uno schieramento come il 4-4-2 i due centrali di centrocampo devono riuscire a fare da collante tra il reparto difensivo e quello offensivo senza sbilanciare la squadra, compito che i due ragazzi interpretano alla perfezione. Sulle corsie esterne Luca Tamburini, Riccardo Ricci Bitti e Alessio Passoni svolgono un ruolo fondamentale: un esterno di centrocampo, oltre a riuscire a dribblare gli avversari e avere nella corsa un punto di forza, deve essere in grado di sacrificarsi in fase di ripiegamento e aiutare i terzini. In fase offensiva invece è necessario accompagnare sempre l'azione per dare manforte alle due punte. Non va dunque sottovalutato tutto il lavoro che fanno i ragazzi sulle fasce, ma gli vanno dati tutti i riconoscimenti. Le due punte del Sedriano invece sono Manuel Pampolini e Simone Vivaldo, il primo autore di 7 gol (tra cui 3 doppiette), il secondo di 15 (una doppietta e un poker). Questi due attaccanti fanno della velocità e degli inserimenti alle spalle dei difensori i loro punti di forza e insieme duettano alla perfezione risultando spesso decisivi sotto porta. Quando però Rigliaco ha bisogno di un tandem d'attacco con caratteristiche differenti ecco che entrano in gioco Davide Brici e Leonardo Sartirana, due centravanti molto più fisici che si sono rivelati fondamentali contro le difese più solide e robuste. Con le loro doti infatti riescono a far salire la squadra e a giocare di sponda con gli esterni e i centrocampisti. Una qualità del Sedriano è proprio la profondità della rosa: tanti giocatori forti che possono giocare e cambi all'altezza che cambiano il corso delle partite. Tra questi sicuramente Jacopo Parietti, Francesco Martino, Yari Mannolo, Samuele Ranzani e Alessio Burni, tutti giocatori che ogni volta che scendono in campo, che sia dal primo minuto o a partita in corso, danno il massimo per la squadra dimostrandosi ottimi giocatori. Non è infatti semplice per il tecnico scegliere l'11 titolare, che viene deciso in base al tipo di avversario che la squadra affronta.

Andrea Pugliese, premiato come migliore in campo dopo la gara d'andata contro il Valceresio

I PLAYOFF

Adesso Sedriano dovrà affrontare i playoff per provare ad accedere al campionato Élite: i playoff sono composti da 3 turni, quello preliminare, la semifinale e la finale (i primi due turni gara secca, mentre la finale andata e ritorno). Con il secondo posto ottenuto nella regular season i gialloblù salteranno il turno preliminare e affronteranno in semifinale la vincente tra la quinta e la sesta classificata. Se il Club Milano mercoledì 27 vincerà la gara che deve recuperare contro il Villa Cassano arriverà quarto, e l'avversaria del Sedriano sarà la vincente tra Sestese e Vighignolo. In caso contrario i biancorossi arriverebbero sesti e potrebbero essere loro gli avversari dei gialloblù. Secondo il regolamento, i playoff non prevedono supplementari e in caso di parità accederà al turno successivo la meglio piazzata in campionato. Al Sedriano basterà quindi non perdere per andare in finale. Rigliaco però ha le idee chiare: «Avere due risultati su tre è sicuramente un grande vantaggio, però noi dovremo scendere in campo con l'idea di vincere. Giocare per non perdere può essere molto pericoloso, restando sulla difensiva basta un episodio per perdere e non avere poi le forze di riprendere la gara. Qualsiasi sarà il nostro avversario giocheremo a viso aperto». Il Sedriano, durante il campionato, ha affrontato alla grande le sfide con Vighignolo, Sestese e Club Milano, vincendo sia andata che ritorno con le ultime due e ottenendo 4 punti contro la prima: «Sono tutte grandi squadre e sarà una partita diversa rispetto al campionato. Il Vighignolo ha il secondo miglior attacco del girone e ha due giocatori davanti veramente temibili (riferendosi a Edoardo Tarquinio e Riccardo Greco ndr), mentre la Sestese è una delle squadre che gioca meglio tra quelle che abbiamo affrontato e il loro numero 9, Thomas Clementi, è davvero molto forte. Il Club Milano invece è una squadra che ti lascia pochi spazi, difficile superare la loro difesa». Non sarà dunque una passeggiata, ma i ragazzi del Sedriano hanno le giuste qualità per poter continuare a far bene e provare a vincere i playoff conquistando l'Élite, che sarebbe la ciliegina sulla torta di un magnifico percorso.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400