Cerca

News

Enotria: dalle conferme delle panchine ai successi dei ragazzi della Scuola Calcio, la società continua ad essere un marchio di garanzia

Il lavoro di squadra, il rispetto e la professionalità gli ingredienti principali di un Club che cresce insieme ai suoi campioni

Enotria

Gli Esordienti B esultano dopo la vittoria ottenuta nel torneo organizzato dalla società Uesse Sarnico

La chiave di lettura che rivela la fama sempre crescente della società Enotria si fonda su un principio semplice, il rispetto. Sembra paradossale eppure è quanto si apprende dalle parole del direttore sportivo Giovanni Stringhini e dal Responsabile Scuola Calcio Daniele Bonari. Esiste una sola certezza, chi entra in Enotria difficilmente va via! Tutte le conferme di tecnici e collaboratori per le panchine del prossimo campionato ne sono la prova. Ad allenare i 2009 Matteo Corciulo insieme a Fabio Scognamiglio supportati dal collaboratore Marco Pantaleo. Per i 2010 Andrea Salogni, Nicola Pucci e Filippo Bertozzi. Matteo Bergomi con Luca Nardone e Alessio Capelletti destinati ai 2011. Mentre le squadre dei 2012 verranno preparate da Paolo TerrieriNicolò Cafagna, Luciano Conca e l’unica novità della stagione rappresentata dall’allenatore Alessandro Boles passato in Enotria dalla Scuola Calcio Inter. Ai 2013 Andrea Summa, Stefania Colonna e Riccardo SipioniDario Colombo ai 2014.

Il settore dell’agonistica con quello della pre-agonistica sono uniti non da una catena, il cui legame non è mai più forte del suo anello più debole, ma da una fune dove ogni singola fibra intrecciata in supporto alle altre si rende resistente e flessibile reggendo sforzi, fatica e successi.

Il club ha una visione d’insieme lungimirante, si guarda ad obbiettivi comuni. «Ai ragazzi della Scuola Calcio si insegna che la vittoria delle partite non dev’essere tra i loro obbiettivi primari, il focus su cui devono concentrare tutte le loro energie è per migliorare. Ovvio che a seguito di un successo contro l’avversario, l’autostima di un bambino cresca, ma non è quello il risultato a cui bisogna ambire». Queste le parole di Stringhini, che chiaramente spiegano il perché 9 dei loro ragazzi tra il settore dell’agonistica e quello della scuola calcio, abbiano già ricevuto delle offerte da parte di grandi società professioniste. «Il nostro duro lavoro sta dando i suoi frutti - aggiunge Bonari - ci impegniamo affinché più giocatori possibili crescano tecnicamente e raggiungano i settori agonistici. Mi auguro che i ragazzi che già hanno ottenuto questa possibilità nelle grandi squadre professioniste, non si cullino e continuino a lavorare a testa bassa proprio come fatto in Enotria».

Il più piccolo è Jacopo Maltoni, un portiere tecnico e molto bravo anche con i piedi richiesto da Fc Inter. Di un anno più grande Leonardo Sella, classe 2010, centrocampista di prospettiva che approderà al Monza. Seguono i 2009 Francesco Bonomi e Ryan Rusu entrambi destinati a casa Milan. Ragazzi capaci, con ottime qualità offensive. Rusu ha vissuto 3 anni in Enotria prima del grande salto, mentre Bonomi insieme a Sella vi erano stati soltanto un anno. Sempre 2009 ma destinato come Maltoni all’Inter, Mattia Pannuto, centrocampista centrale molto tecnico in Enotria da ben cinque anni. Infine il 2008 Leonardo Mortarino portiere dal fisico importante che farà sicuramente bella figura nella squadra professionistica Fc Inter.

Quando finalmente quest’anno ha permesso di ritornare alla normalità, ogni categoria ha avuto pari opportunità per riprendere oltre allo sport, la socialità. Quattro o addirittura cinque gli allenamenti a settimana per far tornare a vivere i ragazzi. «Il calcio non è escluso dagli avvenimenti che toccano la vita di tutti i giorni, le notizie che ci giungono quotidianamente non ci fanno rimanere del tutto sereni in prossimità dell’autunno, ma cercheremo di adattarci, troveremo il modo per rispettare ancora di più le regole e i protocolli lavorando bene». Parole di sincero realismo quelle del Direttore Sportivo, che racchiudono la voglia di mettercela tutta, in Enotria è vietato arrendersi.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400