Cerca

News

Fc Milanese: dopo l'esperienza con gli Esordienti nel Città di Sangiuliano, per gli Under 14 è in arrivo Salvatore Incontrera

L'entusiasmo del tecnico è rivolto al futuro della nuova società, di cui sposa la visione sui progetti e la stabilità

Salvatore Incontrera

Salvatore Incontrera è il nuovo tecnico dell'Under 14 della società Fc Milanese

Il mondo dell’agonistica di Fc Milanese è estremamente competitivo e l’entrata di Salvatore Incontrera nasconde una duplice ragione. Il tecnico, si lascia alle spalle la vecchia società, il Città Sangiuliano, affascinato dalla nuova sfida che a fine Agosto gli permetterà di allenare i Giovanissimi del primo anno. Ma ancora una volta occorre ricordarsi degli anni appena vissuti, abbastanza travagliati, che offrono un motivo in più per appellarsi alla ragione e molto probabilmente ad un pizzico di pessimismo, ed in questo caso non guasta. Incontrera sceglie la nuova strada anche per le possibilità che una sede ben strutturata come la Fc Milanese, mette a disposizione dello staff e dei calciatori tutti.

Il tecnico, che vanta dieci anni di esperienza nonostante la sua giovane età, già a 16 anni oltre a giocare comincia ad allenare i Pulcini 2003 nella Sangiulianese. Dopo aver ricoperto per molto tempo entrambe le professioni, si accorge che il ruolo del tecnico gli calza decisamente meglio di quello del calciatore e che a giocare, preferisce allenare. Così tre anni fa decide di lasciare la Seconda Categoria della Riozzese, per dedicare totalmente il suo tempo alla carriera da allenatore. Da quel momento tutte le sue energie verranno messe a disposizione delle giovani sognanti promesse e, fra le altre, c'è una categoria in particolare a cui si affeziona, quella degli Under 14. In Città Sangiuliano allenava i 2008, continuare a seguire questa classe nella nuova società gli permetterà di superare le fragilità che i ragazzi di questa età son costretti ad affrontare. Oltre alla loro biologica trasformazione, subiscono un cambiamento di gioco netto che necessita al loro fianco la presenza di tecnici preparati, che li motivino nella maniera corretta.

«Già in condizioni normali non è semplice passare dalla Scuola Calcio all’Agonistica, e dunque dal calcio a 7 a quello a 11, figuriamoci in quelle in cui ci ritroviamo negli ultimi tempi. Avere diversi spazi, permette una continuità sul lavoro, che non è tanto benefica per l’allenatore quanto per i ragazzi. Ci si augura che questo anno possa finalmente lasciare indietro gli altri, ma se così non dovesse essere, cercare soluzioni alternative ed essere pronti ad ogni evenienza è sicuramente la maniera giusta per affrontare il futuro, evitando panico e paure di fronte all’ennesime chiusure», spiega bene Incontrera.

Tra gli obbiettivi del tecnico c'è la formazione di un gruppo coeso che sappia ben affrontare le sfide settimanali. In effetti gli è stato affidato un nuovo gruppo, che conosceva solo in parte, ed i risultati si otterranno solo se i ragazzi impareranno a fidarsi gli uni degli altri. L’impegno sarà massimo, dopo le vacanze estive si comincerà con allenamenti in doppia seduta per cercare di fare le cose al meglio ed ottenere fin da subito il raggiungimento di piccoli traguardi che possano incoraggiare entrambe le parti.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400