Cerca

Esordienti B

Dal giovane bomber Rutigliano, all'autorevole portiere Tessarin: l'Idrostar racconta i suoi 2010

Il dirigente Tessarin e il tecnico Fraschini svelano gli aspetti importanti della squadra: «Sono improntati sulla difesa»

Gli Esordienti 2010 del Cesano Boscone Idrostar

I gialloblù, guidati dal tecnico Salvatore Fraschini, affiancato dal dirigente Roberto Tessarin

Gli Esordienti 2010 dell'Idrostar, società di Cesano Boscone, sono primi nel girone ventitrè del campionato primaverile, e finora hanno vinto tutte le partite giocate: disputeranno l'ultima gara contro il Lombardia Uno. La rosa dell'Idrostar comprende ben trentacinque giocatori, i quali svolgono diverse tipologie di allenamenti, finalizzati alla preparazione per la fase agonistica. Il dirigente accompagnatore Roberto Tessarin, che affianca il tecnico Salvatore Fraschini, sorpreso, esprime un giudizio positivo in merito a questa fase della stagione: «I nostri atleti hanno dimostrato un'evoluzione calcistica notevole e molto evidente, al di sopra delle aspettative, e in generale sono anche molto più coesi e compatti. Seguo questo gruppo dal 2017, sin da quando giocavano nei Primi Calci, sul campo a cinque».

Tessarin e Fraschini, in merito al ruolo di capitano, ritengono: «Per ora non abbiamo un vero e proprio leader, ma in ogni partita attribuiamo la fascia a giocatori diversi, allo scopo di far capire ai ragazzini l'importanza di saper gestire la squadra in campo». Il dirigente osserva: «L'allenatore tiene molto a edificare la squadra sulla difesa, e sul far partire le azioni di gioco dai reparti posteriori, pur privilegiando un calcio propositivo palla a terra». Tra i pali dei gialloblù, Emanuele Tessarin, già molto bravo nelle uscite, e anche a coordinare il reparto difensivo. I protagonisti della fase di copertura sono: i solidi centrali Riccardo Catalano e Leonardo Luigi D'Isita, e anche l'esterno destro Saverio Arena, tutti efficaci anche nel colpire di testa. A centrocampo vigila il duo formato da Giuseppe Mavellia e Alessandro Ronchi, ed emergono anche il duttilissimo Leonardo Lucca, l'esterno sinistro mancino Giorgio Lo Re e anche Andrea Mancosu. Fra gli esterni, si distinguono Christian Zincone e Lorenzo Viola, dal buon dribbling, che crea anche i duelli, e anche il duttile Alessandro Zanelli.

Tessarin svela la tattica: «Adottiamo il 3-4-1, e penso che in gara dovremmo essere molto più precisi in fase conclusiva, e anche acquisire maggior sicurezza nell'effettuare i retropassaggi al nostro portiere. Purtroppo nella fase invernale, avevamo commesso diversi errori sotto porta». Il bomber è Marco Rutigliano, autore di molti gol in questo finale di stagione, che in precedenza giocava da centrocampista centrale. Il dirigente svolge anche una riflessione comportamentale: «Apprezzo molto il gioco vigoroso dei ragazzini in gara, ma soprattutto anche il fatto che siano educati e rispettosi nei confronti degli avversari e degli arbitri. Ho notato che hanno imparato anche a cercarsi maggiormente, e a far ripartire più abilmente le azioni sulla fascia».

Tessarini fornisce degli altri dettagli in merito alla sua attività, e racconta anche di sè: «Prima delle partite comunico sempre con i ragazzini, allo scopo di motivarli e di suggerire loro il giusto approccio mentale, tendendo anche a trasmettere la mia precedente esperienza calcistica. In passato ho giocato da centrocampista nella Prima Squadra del Trezzano, all'epoca militante in Prima Categoria».

LA ROSA

Emanuele Tessarin
Leonardo Luigi D'Isita
Gabriel Nimara
Lorenzo Viola
Cosimo Gabriele Dellerma
Alessandro Ronchi
Marco Rutigliano
Riccardo Catalano
Leonardo Lucca
Giuseppe Mavellia
Simone Ornito
Christian Zincone
Saverio Arena
Giorgio Lo Re
Andrea Mancosu
Alessandro Zanelli

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400