Cerca

Seconda Categoria, la rifondazione totale del GSD Genola

GSD Genola
La storia del GSD Genola è piuttosto travagliata, fatta di diversi alti e bassi che però non hanno mai abbattuto gli spiriti di chi ha voluto portare avanti il discorso genolese: la società è stata costituita nel 1986 ma il primo grande cambiamento è avvenuto nel 1992, quando è entrato nel direttivo un gruppo di volenterosi del paese, alcuni dei quali rimasti tuttora, come il dirigente Mario Baudino. Con la costituzione di tale dirigenza, la squadra bianco-azzurra è riuscita a salire fino in Promozione, vincendo il campionato di Prima Categoria. Quando però tale direttivo ha lasciato il testimone a un nuovo gruppo è avvenuto l'inaspettato, poiché la squadra è retrocessa fino in Seconda Categoria. Accortasi della situazione, la precedente dirigenza ha scelto di riprendere in mano le redini della società e si è prefissata di ritornare ai fasti di un tempo: « Questo biennio non ci sta aiutando a risalire, avevamo raggiunto i playoff ma il campionato è stato sospeso; questa stagione abbiamo cambiato tanti elementi e ci è mancata un po' di amalgama, difatti l'incipit è stato difficoltoso (due sconfitte su due, ndr) - ricorda proprio Baudino - Con la Giovanile Genola 05 c'è un rapporto piuttosto complicato, dato che è vicina all'amministrazione comunale, che si è messa contro di noi, togliendoci anche l'uso dei campi; in passato avevamo deciso di fare il settore giovanile in comune ma alla fine i giallo-neri hanno preso il sopravvento, difatti abbiamo ricostituito la nostra Juniores solo ultimamente. Ci avevano anche proposto di fonderci con loro, tuttavia la loro intenzione era di togliere alcuni dei nostri dirigenti, perciò abbiamo proseguito di testa nostra». A guidare la rivoluzione genolese c'è, ormai da due anni, il patrono Stefano Giordana e sotto la sua presidenza è stata ricostituita la Juniores, come menzionato poc'anzi, di modo da conferire alla prima squadra più elementi pronti possibili: dei 17 elementi in rosa infatti ben 15 sono di Genola e sono tutti nati fra 2003 e 2004. Tuttavia, il solo settore giovanile non basta per ritornare in Prima Categoria e per questo motivo sia nell'estate 2019 che in quella del 2020 sono state fatte delle intense campagne acquisti per rinforzare la rosa, che due anni fa era rimasta con soli sette componenti. [caption id="attachment_263501" align="aligncenter" width="640"] Willy Engolo è uno dei tanti nomi che si è unito alla causa bianco-azzurra durante la scorsa estate.[/caption] Altro artefice di questa rinascita è l'attuale tecnico Manuel Foletto, che, dopo aver allenato la Juniores quattro anni fa, aveva lasciato Genola a causa degli screzi fra le due società compaesane ma è tornato sulla panchina della prima squadra, dando una grossa mano al direttore sportivo Diouf (suo ex secondo) nel rinnovare lo staff tecnico - fra cui l'arrivo di Marco Bertolino, considerato uno dei migliori preparatori dei portieri della zona - e la rosa a propria disposizione, come per esempio gli approdi di Nicolò Foletto e Vincenzo Castiglia. « L'approccio al girone è stato negativo perché ci sono mancate pedine fondamentali e quindi c'era molto nervosismo; i ragazzi però sono molto umili, talvolta non abbiamo avuto il campo per allenarci e ci siamo adattati allenandoci in una piazza comunale, inoltre tutte le amichevoli pre-campionato sono state disputate fuori casa - precisa l'allenatore - Essendo genolese e avendo giocato qui in passato noto un disequilibrio importante fra le due società e ciò intacca le nostre possibilità. Comunque, è importante avere creato un gruppo juniores con degli elementi del paese perché diversi ragazzi di Genola sono ritornati a giocare con questa maglia. Siamo ripartiti da zero e nel pre-stagione ce la siamo giocata con squadre di calibro ben superiore; lo scorso anno eravamo messi peggio di adesso e siamo arrivati quarti al momento della sospensione dei campionati». [caption id="attachment_263499" align="alignnone" width="1400"] Il classe 2001 Zaccaria Moujeahid è ritenuto uno degli elementi di maggiore prospettiva all'interno della rosa di Foletto.[/caption] La maggior parte della rosa ha 24 anni o meno e presenta alcuni elementi giovani molto importanti, in particolare il centrocampista offensivo Zaccaria Moujeahid, che se in assenza di Foletto aveva trovato poco spazio, in questo inizio di stagione aveva siglato sei reti in quattro partite e sarebbe potuto essere un tassello fondamentale nei mesi successivi. Dopo aver adoperato il 4-2-3-1 in diverse occasioni, il tecnico nel corso della stagione 2019/2020 ha optato per un 3-4-1-2, che gli ha fruttato molti punti: « i ragazzi sono stati bravi a adattarsi a ruoli differenti - continua Foletto - Abbiamo patito alcuni addii, come quella del capitano Caudana che era utilissimo soprattutto nell'ambito dello spogliatoio, ora però la fascia è stata ereditata da mio fratello Nicolò Foletto, tornato a casa dopo alcuni anni altrove fra Prima Categoria e Promozione e ha ricostituito nuovamente una coppia d'attacco eccezionale con Abdoul Bonkoungou. La spina dorsale della squadra rimane comunque Albano Sulejmani, che definisco il nostro "De Rossi", è quello che ci dà la scossa». [caption id="attachment_263497" align="alignnone" width="1400"] Albano Sulejmani è uno degli elementi più rilevanti del centrocampo bianco-azzurro.[/caption]

LA ROSA DEL GSD GENOLA (SECONDA CATEGORIA - GIRONE G):

PORTIERI: Tommaso Clerico (1994), Stefano Vitale (1992). DIFENSORI: Diego Caula (1995), Steve Willy Engolo (1995), Seydina Kane (1997), Maicol Rinaudo (2000). CENTROCAMPISTI: Stefano Audetto (1997), Kastriot Barkici (1993), Andrea Lingua (1989), Zaccaria Moujeahid (2001), Gora Pame (1996), Albano Sulejmani (1993). ATTACCANTI: Abdoul Bonkoungou (1993), Vincenzo Castiglia (1992), Nicolò Foletto (1992), Soufiane Moussaid (1997), Wendmanegda Fulgence Nayaga (1992), Geri Panxhi (1999), Fabrizio Ruscello (1992). [caption id="attachment_263500" align="alignnone" width="1400"] Nicolò Foletto è tornato a vestire la maglia del GSD Genola dopo alcuni anni e ha ereditato la fascia da capitano.[/caption]
Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c'è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400