Cerca

Fortitudo, Borlini: «La gavetta è molto importante, sono contento di averla fatta in questa società»

Borlini-Alssandro
Alessandro Borlini ha fatto una lunga gavetta all'interno della Fortitudo prima di diventare l'allenatore della Prima Squadra, club militante nel girone I di Seconda Categoria. Il tecnico spiega infatti che «alleno da una vita in questa società. Ho incominciato con gli Esordienti per poi guidare tutte le altre squadre del settore giovanile prima di arrivare finalmente in Prima Squadra. Il mio unico anno sabbatico è stato quando mi sono trasferito alla Fulvius due stagioni fa. Sono comunque molto contento di aver fatto la gavetta, penso che sia molto utile in ogni settore della vita: dal lavoro allo sport». Borlino non vede l'ora di tornare sui campi da gioco per poter proseguire con il lavoro incominciato all'inizio della scorsa stagione prima che questa venisse definitivamente sospesa. «Non siamo partiti nei migliori dei modi però eravamo un gruppo praticamente nuovo, avevamo solamente bisogno di amalgamarci. Nell'ultima partita disputata abbiamo infatti vinto 4-0 contro il Don Bosco Alessandria» commenta il tecnico. Per quanto riguarda il prossimo campionato, Borlino afferma che lui e la società non ne hanno ancora parlato molto ma «l'obiettivo sarà sicuramente quello di mantenere la categoria. Abbiamo inoltre intenzione di puntare molto, a partire dalla prossima stagione, sulla linea verde. Vogliamo infatti riportare in squadra i tantissimi ragazzi, tutti nati negli anni Duemila, che sono attualmente in prestito in altre società, tra cui lo Stay o Party (squadra militante nel Girone D di Promozione, ndr) ». La Fortitudo manterrà comunque l'ossatura avuta in questa stagione: il capitano resterà infatti Mirco Cavallone ( «è un esempio per tutti, voleva smettere in questa stagione ma ha deciso di proseguire ancora un anno vista la sospensione del campionato. Classe 1977, farà da chioccia ai tantissimi ragazzi che ci saranno in rosa») e il suo vice sarà ancora Alessio Badarello ( «difensore centrale classe 1994, è un ragazzo veramente favoloso. Sono contento di allenarlo da molti anni. Punterò molto su di lui e Mirco, anche per il contributo che possono dare per la crescita dei nostri giovani»). Il modulo preferito di Borlino è il 4-3-3 «anche se, a volte, cambio in base alle caratteristiche dei giocatori che ho a disposizione e a quelle degli avversari». Il tecnico spera comunque che si possa tornare molto presto sui campi in modo da poter portare avanti la crescita della propria squadra.

LA ROSA DELLA FORTITUDO SECONDA CATEGORIA

Portieri: Luca Cantamessa (1996), Alessandro Caprioglio (2001), Luca Nese (1998). Difensori: Alberto Alessio (1996), Alessio Badarello (1994), Tommaso Baroso (2001), Fabio Correzzola (1996), Jury Forsinetti (1978), Youssef Hrouchi (2000), Kevin Milan (1996), David Njora (1999), Simone Roati (1990), Jacopo Santello (1983). Centrocampisti: Manuel Baldomé (1996), Yassin Benalkhadir (1990) Jgor Forsinetti (1982), Suad Hoxha (2000), Daniele Maiorana (1991), Alessandro Melfi (1991), Mohisin Misbah (1995) Marco Tocco (1990). Attaccanti: Alessio Badarello (1996), Luca Boccaccio (1997), Mirco Cavallone (1977), Luca Marangoni (1986), Luca Mazzeo (1997), Nico Nese (1998), Blerim Osmani (1991), Matteo Pinto (1997). Allenatore: Alessandro Borlini. Vice allenatore: Massimo Diprizito. Preparatore dei portieri: David Pozzati.
Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c'è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400