Cerca

Il Torino di Nicola ha giocato un derby da vero Toro, dice Luca Giannini

b08c70f9-c4c6-4af4-ac10-e4fd12472903
Un derby combattutissimo, un derby con tante emozioni. La Juve non rimedia alla sconfitta con il Benevento e rimedia un solo punto nel derby di ritorno della mole. A salvarla, come sempre, Cristiano Ronaldo. Ad analizzare per noi la partita da un punto di vista tecnico-tattico è stato Luca Giannini, tecnico e guida delle Pizzerie Riunite (girone I Seconda Categoria): [caption id="attachment_270333" align="aligncenter" width="469"] Luca Giannini, tecnico e guida delle Pizzerie Riunite[/caption] " Bel derby, equilibrato e finalmente combattuto. Nei primi minuti la Juventus è partita meglio e ha avuto due occasioni importanti e alla terza ha fatto gol Chiesa (autore di un'ottima stagione) su una mezza dormita della difesa del Toro. La squadra di Nicola, contrariamente a quanto ci si potesse aspettare, ha subito reagito, dimostrando carattere e unione di intenti. La Juve si è fatta un po' schiacciare, non riuscendo a ripartire con frequenza. Il gol di Sanabria è sicuramente un grande errore di Szczesny, che ha lasciato la palla lì dopo un tiro da fuori di Mandragora. Il primo tempo è poi scivolato senza troppi sussulti, con il Toro che ha preso coraggio e fiducia. Il secondo tempo per la Juve è cominciato in maniera disastrosa: l'errore di Kulusevski ha lanciato Sanabria in porta, regalando il vantaggio meritato ai padroni di casa. De ligt nell'occasione ha probabilmente indugiato troppo. C'è da sottolineare, tra l'altro, un secondo errore del portiere della Juve, apparso in giornata davvero no. Fino al settantacinquesimo la Juve non ha prodotto molto, trovando poi la rete del pareggio grazie a una grande intuizione di Ronaldo su sponda inusuale di Giorgio Chiellini. Dal pareggio in poi ci sono stati 10 minuti di ottimo ritmo, in cui entrambe le squadre avrebbero potuto vincere. Bentancur, con un ottimo tiro da fuori, ha sfiorato il gol, non arrivato soltanto per un ottimo intervento di Sirigu. Anche Sanabria ha avuto un'ottima occasione di testa, su un bellissimo cross dalla destra. Nel finale a mio avviso il Toro, visti anche gli ultimi derby con la Juve, ha avuto un po' di paura. La squadra di Nicola ha fatto una partita da vero Toro: ho visto spirito e voglia e le due punte hanno svolto un lavoro encomiabile. Belotti, a livello di quantità, è stato impressionante. Anche Verdi e Sanabria hanno fatto molto bene: il primo, in particolare, ha fatto sicuramente una delle sue migliori prestazioni dell'anno. Molto bene anche Bremer, sempre attento là dietro. La Juventus, anche per le assenze, si è schierata in modo particolare: Pirlo è stato obbligato a mettere un ordinato 4 4 2 e Danilo a centrocampo. Nessuno verticalizzava, nessuno accendeva la lampadina per inventare qualcosa di inaspettato e le uniche azioni sono arrivate da giocate singole di Chiesa o cross di Cuadrado. Abbiamo visto la solita Juve di quest'anno, una squadra con potenzialità ma anche con tantissimi limiti e difficoltà, che fa fatica a trovare un'identità di gioco. I problemi sono davvero molti e le assenze di Mckennie, Arthur e Dybala hanno davvero pesato". [caption id="attachment_270337" align="aligncenter" width="1200"] Sanabria, eroe assoluto del match[/caption] Migliori in campo? Nella Juve Chiesa, Ronaldo e Cuadrado. Nel Toro ovviamente Sanabria. E poi dico Verdi. Chi vince lo scudetto? Chiaramente Inter. Penso che sia più entusiasmante la lotta Champions: sarà davvero lotta fino alla fine.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400