Cerca

Seconda Categoria

La retrocessione più incredibile di cui leggerete quest'anno

La squadra va giù all'ultima giornata per un punto di penalità preso nel 2021, in merito a una partita del 2020, per una squalifica risalente del 2019 (quando il calciatore era in un'altra società)

La retrocessione più incredibile di cui leggerete quest'anno

L'"Effetto Farfalla" è l'espressione che, scremata da nozionismo fisico o scientifico, mette in correlazione il battito d'ali di una farfalla in un posto X e la calamità che, anche molto tempo più tardi, questo può provocare nella località Y, magari in tutt'altra posizione del globo: è in sostanza l'affermazione che sia il caos a prevalere e che, per quanto si possa mettere gli eventi nelle migliori condizioni possibili, i risultati proprio non arrivano.

Tornando al pallone, la farfalla che ha scatenato un uragano sulla strada del Città di Monza verso la salvezza ha iniziato a volteggiare parecchio tempo fa, e ha avuto modo di agganciarsi all'altrettanto nota "Legge di Murphy", quella che si sintetizza così: "Se qualche cosa può andar male, lo farà".

L'ex tecnico del Città di Monza,  Valter Cuccu

Un suo tesserato, il difensore Andrea Cuccu, venne infatti sanzionato con un turno di squalifica dopo la gara di Coppa Lombardia tra Campagnola Don Bosco e Vedano (settembre 2019): in maglia biancorossoblù il ragazzo disputò poi due match della medesima manifestazione in posizione irregolare, Cernusco-Città di Monza e Città di Monza-Cosov (settembre 2020). La Procura Federale della F.I.G.C. ha fatto successivamente scattare un provvedimento nei confronti suoi e della società (aprile 2021), quando i campionati dilettantistici pativano il secondo stop per cause di forza maggiore: Andrea non avrebbe potuto così partecipare a due gare di campionato, il presidente Antonio Marchetta e il dirigente Andrea Sironi sono stati inibiti rispettivamente 2 e 3 mesi (per violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità) e il club brianzolo punito infine con 500 euro di ammenda e 1 punto di penalizzazione (per responsabilità oggettiva).

Era un -1 che volteggiava appunto leggero come una farfalla, ma che col passare delle settimane è piombato come un gancio ficcante di Muhammad Alì al mento di un pugile alle corde, perché le vittorie della Gerardiana (2-0) a Vedano e del Centro Sportivo Villanova (1-0) a Usmate nell'ultimo turno di campionato hanno dilatato il suo svantaggio. Il Città di Monza ha chiuso a -7 dalla terz'ultima: l'annullamento dei playout ormai è ufficiale (non si giocano con un margine superiore a 6 punti). Sarebbe bastato un punto in più. Quel solo punto che il Città di Monza ha avuto di penalità, per avere ancora una chance di salvare la categoria.

LA CLASSIFICA FINALE
VILLANOVA 27
GERARDIANA 27
NUOVA USMATE 27
CITTA' DI MONZA 20
SASD 10

A rendere ancora più "curioso" l'episodio, c'è inoltre il fatto che Andrea Cuccu sia il figlio di Valter Cuccu, tecnico del Città di Monza al momento della mancata osservanza della squalifica, nel 2020, ed esonerato a metà di quest'ultima stagione.

Ovvio, le regole sono regole e sarebbe opportuno fossero sempre applicate, omogenee (in Italia lo scudetto a parità di punti è assegnato in virtù degli scontri diretti, come in Spagna: Bundesliga, Eredivisie, Ligue 1 e Premier invece hanno scelto il criterio della differenza-reti) e mai stravolte in corso d'opera, non sta a noi fare loro le pulci, né trarre insegnamenti: appare però dura da digerire per la parte in causa una sanzione che abbraccia un arco cronologico così ampio.

Il presidente Antonio Marchetta

C'è ancora margine di manovra? Lo abbiamo domandato al presidente Antonio Marchetta: «Ho interpellato chi di dovere a Monza per capire la questione: a Milano e a Roma non mi hanno risposto.. Come mai devo scontare in questo torneo il punto di penalizzazione? Nella sentenza, che ho rispettato pagando l'ammenda e scontando l'inibizione, non era indicato il quando. L'avvocato dice che possiamo vincere l'eventuale causa, ma a che prezzo? Aver ragione tra qualche anno e intanto andare allo scontro diretto con la Federazione, col rischio di subire torti? Sono nel calcio da parecchio, dirigevo l'Atletico Cederna e timono dal 2010 questa società: sul campo la squadra non meritava la salvezza, non ha reso come in allenamento e qualcosa non ha funzionato. So che a fine campionato le motivazioni fanno la differenza: accetto a denti stretti che Gerardiana e Centro Sportivo Villanova abbiano vinto la loro ultima gara, ma sono testardo e vorrei qualche soddisfazione, come il fatto che la Procura Federale cominci a controllare i risultati pazzi delle ultime giornate... Ho preso contatto con altri sodalizi, avendo un contratto di 10 anni col Comune di Monza per la gestione dei campi sportivi, perché il labirinto della Terza Categoria non mi interessa: nel caso allestirei solo la categoria Juniores, o iscriverei le squadre al campionato CSI».  

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400