Cerca

Seconda Categoria

Tutti i verdetti stagionali: ecco chi sale in Prima Categoria e chi scende in Terza

I playoff, con la promozione nella settima divisione in palio, prenderanno il via domenica 29 maggio

Tutti i verdetti stagionali: ecco chi sale in Prima Categoria e chi scende in Terza

Il Rosta festeggia il titolo di campione del Girone D di Seconda Categoria

La stagione 2021/2022 è ormai giunta al termine ed è tempo di tirare le somme. Alcune squadre hanno guadagnato il Paradiso grazie alla vittoria del campionato mentre altre dovranno passare dal Purgatorio per arrivarci. Poi c'è chi è sceso all'Inferno arrivando agli ultimi due posti in classifica. Bando alle ciance, ecco tutti i verdetti di questo entusiasmante campionato. 

GIRONE C

SQUADRA VINCITRICE: Fiano Plus

I rossoblù ottengono la promozione diretta in Prima Categoria al termine di un'eccellente stagione: 59 punti, frutto di 17 vittorie e 8 pareggi. La squadra, guidata in panchina da un allenatore esperto come Massimo Bollone, ha fatto della continuità dei risultati la propria arma migliore per vincere il campionato. Certo, il Fiano avrebbe potuto chiudere anticipatamente il discorso primo posto se non avesse perso punti per strada come nelle sfide contro Brandizzo e Sciolze ma, alla fine, ciò che più conta nel calcio è il risultato finale. I rossoblù possiedono inoltre il miglior attacco del campionato: 73 gol totali, 25 dei quali sono stati realizzati da Paolo Solazzo (non a caso il capocannoniere del girone). 

AMMESSE AI PLAYOFF: Ciriè, Agliè Valle Sacra e Junior Torrazza.

La compagine di Marco Pizzorno ha chiuso il campionato in seconda posizione con ben 56 punti riuscendo a rimandare la festa del Fiano Plus all'ultima giornata (grazie al pareggio ottenuto nello scontro diretto alla penultima). I nerazzurri possiedono la migliore difesa del girone C: solamente 22 gol subiti in ventisei giornate di campionato, per un totale di 0,84 a partita. La soddisfazione stagionale più grande arriva dalla Coppa: nella sfida vinta contro l'Agliè Valle Sacra, Di Vincenzo e compagni hanno infatti guadagnato il titolo di Campioni della provincia di Torino accedendo così alla fase regionale. 

Ottima stagione anche per la squadra di Vitaliano Giaquinto. I biancoazzurri sono infatti arrivati in terza posizione sorpassando lo Junior Torrazza proprio all'ultima giornata di campionato (l'Agliè ha infatti vinto 1-3 sul campo dello Sciolze mentre la squadra di Cannalonga ha perso contro il Castiglione) e chiudendo il campionato a 52 punti. Gli infortuni hanno sicuramente condizionato la prima parte della stagione facendo perdere qualche punto per strada e quindi terreno dal Fiano Plus e Ciriè. Giaquinto si è però tolto una bella soddisfazione: aver vinto la Coppa Seconda e Terza del comitato d'Ivrea.

Lo Junior Torrazza di Ivan Cannalonga chiude il proprio campionato al quarto posto con 50 punti, arrivati grazie alle 15 vittorie e ai 5 pareggi. Tra le prime quattro classificate è la squadra che ha realizzato meno gol: solamente 46 pur creando tanto nel corso delle partite. Forse serviva un pizzico di maggiore concretezza in fase offensiva per segnare di più e ottenere così più punti nelle 26 sfide di campionato. Una piccola soddisfazione, seppur agrodolce, arriva comunque dalla Coppa dove i ragazzi di Cannalonga sono arrivati in finale contro l'Agliè nel comitato di Ivrea.

RETROCESSE: Polisportiva Valmalone e Chambave.

La squadra di Luca Rovaretti è sicuramente tra le più giovani del girone, motivo per cui ha pagato un pò di inesperienza in questo campionato. Nel girone di ritorno la Polisportiva Valmalone è comunque cresciuta molto sul piano del gioco riuscendo a giocarsela praticamente contro chiunque, Ardor San Francesco a parte. In caso di ritorno in Seconda Categoria tra un solo anno, i ragazzi di Rovaretti potranno tranquillamente dire la loro e lottare almeno per le posizioni di metà classifica. Curioso un dato statistico: i rossobiancoblù hanno il secondo miglior attacco del campionato malgrado il penultimo posto. 

Numeri disastrosi per lo Chambave: 25 sconfitte, 1 pareggio, 23 gol fatti e ben 113 subiti. Retrocessione in Terza Categoria semplicemente inevitabile. 

GIRONE D

VINCITRICE DEL CAMPIONATO: Rosta Calcio.

Una stagione indimenticabile per Giuseppe Quinto. Alla sua prima esperienza alla guida di una Prima Squadra, il tecnico vince il campionato con 52 punti grazie alle 15 vittorie e ai 7 pareggi. Due statistiche molto interessanti: i biancorossi sono rimasti imbattuti dal 17 ottobre al 10 aprile per un totale di sette mesi e diciotto partite; possiedono inoltre la miglior difesa dell'intera Seconda Categoria piemontese con soli 15 gol subiti. Un altro grande merito del Rosta Calcio è aver vinto il campionato con un gran numero di giovani all'interno della rosa (ad esempio Pavarani e Donnarumma) dimostrando che si può puntare sui Duemila già in Prima Squadra con risultati più che positivi.

AMMESSE AI PLAYOFF: Olympic Collegno, Atletico Alpignano, Moderna Mirafiori e Real Orione.

Gli arancioneri hanno disputato una stagione niente male: 14 vittorie, 7 pareggi e 5 sconfitte per un totale di 49 punti. La squadra di Rosario Terrano ha avuto anch'essa una lunga striscia di risultati utili consecutivi che è durata dal 10 ottobre al 27 febbraio, un mese ed una settimana più corta del Rosta Calcio. Nulla da invidiare anche per quanto riguarda il pacchetto arretrato: la seconda miglior difesa del girone ha subito solamente 21 reti, 0,80 a partita. Con questi dati l'Olympic Collegno si candida ad essere la favorita del playoff. 

L'Atletico Alpignano è riuscito a conquistare la terza posizione pur avendo cambiato allenatore a campionato in corso: da Piero Bar ad Andrea Riina. Entrambi sono riusciti ad ottenere ottimi risultati nelle ventisei partite stagionali: un totale di 48 punti, frutto di 14 vittorie e 6 pareggi. I biancorossi possiedono inoltre il miglior attacco grazie alle 56 reti subite riuscendo così a compensare ad una difesa tutt'altro che impeccabile (ben 40 gol incassati).

La squadra di Mario Bonomo sembrava poter pensare addirittura alla prima posizione dopo la vittoria casalinga sul Rosta Calcio ma, nelle ultime due giornate di campionato, è letteralmente crollata incassando due sconfitte (contro Atletico Alpignano e Brunetta). Ciò non cancella quanto di bello è stato fatto nel corso della stagione: alla sua prima vera stagione dopo la fusione il Moderna Mirafiori ha conquistato la terza piazza con 47 punti, 13 vittorie e 8 pareggi oltre che il secondo miglior attacco.

Pier Paolo Stella ha compiuto un piccolo miracolo dopo il suo arrivo sulla panchina del Real Orione. Il tecnico ha infatti portato la sua squadra dalle zone basse della classifica al quinto posto, l'ultimo valido per la qualificazione ai playoff: un risultato che sembrava quasi impossibile al suo arrivo, considerata anche la rosa corta avuta a disposizione per gran parte del campionato. Il Real Orione può essere la vera outsider dei playoff.  

RETROCESSE: San Paolo Torino e Respect

Il San Paolo Torino ha avuto il merito di aver creduto alla salvezza fino all'ultimo, anche quando questa sembrava essere impossibile a poche giornate dal termine del campionato. Qualche risultato utile ha fatto sì che si riaprisse qualche spiraglio ma il verdetto è stato comunque inevitabile: retrocessione in Terza Categoria con due soli punti di svantaggio sul Real Torino 2014. Il risultato di maggior prestigio è arrivato proprio all'ultima giornata: successo sul Susa per 4-1. 

Giovanni Gallo ha messo anima e cuore affinché il suo Respect potesse salvarsi e mantenere la Seconda Categoria. Il gruppo non l'ha però più seguito nelle ultime partite di campionato, dimostrando di aver praticamente mollato la presa. La vera svolta negativa è arrivata nella sconfitta rimediata nella sfida contro la Sursum Corda lo scorso 25 aprile. Dopo questa retrocessione il Respect potrebbe non iscriversi in Terza Categoria. 

GIRONE E

VINCITRICE DEL CAMPIONATO: Luserna

I biancazzurri, guidati ottimamente in panchina da Ivan Gaydou, hanno conquistato meritatamente la promozione in Prima Categoria. I numeri parlano chiaro: 15 vittorie, 10 pareggi, 7 punti di vantaggio sulla diretta inseguitrice (il Giaveno Coazze) hanno fatto sì che il Luserna fosse senza alcun dubbio la squadra più forte del girone. La capolista possiede inoltre il secondo miglior attacco e la miglior difesa: 50 gol subiti, 16 subite. 

AMMESSE AI PLAYOFF: Giaveno Coazze, Olimpica Grugliasco, Vigone Sg. Piossasco

La squadra di Lazzaro Grasso ha vinto il campionato degli altri con ben 48 punti conquistando così il diritto di giocare in casa gli scontri del playoff. Un pò troppi i gol subiti (34) ma questi sono stati ricompensati da un buon attacco: 48 quelli realizzati. Il Giaveno Coazze è il favorito per conquistare la promozione in Prima Categoria con i playoff. 

Vladimiro De Concilis, tecnico dell'Olimpica Grugliasco, ha avuto il merito di aver sempre creduto nei playoff. Un importante aspetto psicologico che ha fatto sì che anche la sua squadra avesse la sua stessa mentalità e conquistasse così la terza posizione in classifica riuscendo ad approfittare dei passi falsi delle dirette concorrenti. Fondamentale avere avuto la seconda migliore difesa del campionato: 28 gol subiti, pochi considerato il fatto che è spesso mancato un portiere di ruolo nelle partite. 

Secondo molti addetti ai lavori, il Vigone gioca uno dei migliori calci del girone come ben dimostrano le 51 reti: la quarta classificata ha, non a caso, il miglior attacco del girone E. Paolo Boretto ha infatti costruito un bel gruppo con il quale può assolutamente dire la sua durante i playoff. Occhio a non sottovalutare il Vigone nella corsa alla Prima Categoria. 

Il Sg. Piossasco ha avuto un crollo nelle ultime giornate: un solo punto nelle ultime cinque giornate di campionato consegnando di fatto il primo posto al Luserna. Questo finale di stagione deludente ha fatto scendere i rossoverdi dalla seconda alla quinta posizione. Nicola Panarelli dovrà assolutamente ricorrere ai ripari se vuole essere tra i protagonisti dei playoff.  

RETROCESSIONI: Atletico Moretta e Atletico Volvera

Le due compagini hanno disputato un campionato al di sotto delle aspettative: l'Atletico Moretta, in penultima posizione, ha la peggior difesa con 66 reti incassate mentre l'Atletico Volvera ha il peggior attacco con appena 22 gol realizzati. Con questi dati diventa dura lottare per la salvezza e la permanenza in Seconda Categoria. Per i neroverdi l'unica grande soddisfazione stagionale è essere arrivati in finale di Coppa Seconda e Terza del comitato di Pinerolo, poi persa contro il Cumiana Real.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400