Cerca

Seconda Categoria

A Ciriè suona la Campanella per la Prima Categoria: Ravizza manda in festa i nerazzurri

Lo Junior Torrazza cede 3-1 sul campo della squadra di Pizzorno: inutile la rete di Stani

A Ciriè suona la Campanella per la Prima Categoria: Ravizza manda in festa i nerazzurri

Il Ciriè festeggia la promozione in Prima Categoria al termine della sfida vinta contro lo Junior Torrazza

Il 5 giugno 2022 è il giorno del triplete nerazzurro anche se non si tratta di una vittoria di un campionato ma di un playoff. Non si parla dell'Inter come nel 2010 bensì del Ciriè: la squadra di Marco Pizzorno trionfa 3-1 contro lo Junior Torrazza nella finale di playoff e ottiene la promozione in Prima Categoria. Due i veri protagonisti di questo storico successo: Campanella con assist e gol, Ravizza con una doppietta. Il centrocampista si prende però la palma di migliore in campo per la sua seconda rete personale, quella con cui ha chiuso definitivamente la partita: una fantastica pennellata su calcio di punizione finita sotto l'incrocio dei pali. I ragazzi di Ivan Cannalonga hanno provato a riaprire la sfida con una buona prestazione nel secondo tempo accorciando le distanze al 18' con Stani su assist di Trusciglio. Il Ciriè, rimasto in dieci uomini sul finale di partita per l'espulsione di Bersanetti, è stato però bravo a resistere agli attacchi avversari riuscendo così a conquistare la vittoria e la promozione in Prima Categoria (che si aggiunge alla vittoria in Coppa nel comitato di Torino e in quella regionale).  

3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3

CAMPANELLA MINA VAGANTE IN ATTACCO

Dopo una iniziale fase di studio tra le due squadre, il primo vero pericolo della partita al 10’ a favore dei padroni di casa: Di Vincenzo svetta di testa su calcio d’angolo e Scapinello risponde presente con una bella parata reattiva. Il Ciriè continua la propria pressione offensiva riuscendo a sbloccare il risultato al 14’: Campanella avvia una bella azione sulla fascia sinistra, Ravizza si impossessa della sfera insaccando la rete con un bel tiro preciso. La squadra di Cannalonga prova una timida reazione nella metà campo avversaria e Liguori ottiene un interessante calcio di punizione: Stani si presenta alla battuta ma il suo tiro finisce però sulla barriera avversaria. Dopo un’iniziale sofferenza gli ospiti riescono infatti a portarsi con maggiore costanza nella metà campo neroazzurra e il match risulta così più equilibrato. I padroni di casa riescono tuttavia a trovare il gol del raddoppio al 29’: lancio lungo dal centrocampo, Antonacci e Mancini chiudono su Longo, Campanella si lancia così in profondità e realizza la rete del 2-0 dopo essersi ritrovato a tu per tu con Scapinello. Poco più tardi Chiodo non trattiene palla su un’uscita alta, Trusciglio si fionda così sul pallone ma il suo tiro viene salvato dalla chiusura puntuale di Bersanetti. Lo Junior Torrazza si rende nuovamente pericoloso al 39’ quando Liguori mette una bella palla a disposizione di Ciccia, il centrocampista si rende autore di un bel tiro ma Chiodo gli nega la gioia del gol con un bell’intervento. Successivamente Nicolosi pennella un fantastico lancio per Mameo: il difensore tenta due volte la conclusione ma trova di fronte un insuperabile Scapinello. Stani ottiene poi un calcio di punizione a due passi dal limite dell’area di rigore: il tiro di Trusciglio va abbondantemente a lato della porta. Dopo due minuti di recupero il direttore di gara manda a bere un thè freddo i calciatori.

4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4

CHE MAGIA DI RAVIZZA SU PUNIZIONE

Nei primi minuti della ripresa gli ospiti ritornano sul terreno di un gioco con una buona verve offensiva ma la difesa avversaria regge nei migliori dei modi. Anche il Ciriè si presenta comunque in avanti e Campanella, ricevuto palla da Nicolosi, calcia senza però impensierire particolarmente Scapinello. La squadra di Cannalonga ottiene comunque una serie di calci piazzati tra cui quello battuto da Pellegrino e parato da Chiodo al 13’. I padroni di casa sembrano voler rischiare poco nulla nel corso del secondo tempo, motivo per cui si affacciano meno volte in avanti e stanno più bassi. Lo Junior Torrazza riesce finalmente ad accorciare le distanze al 18’: Trusciglio crossa dalla fascia sinistra, Stani arriva puntuale sulla palle e insacca quasi indisturbato la rete del 2-1. Quattro minuti più tardi il Ciriè si riaffaccia in avanti con una bella progressione sulla fascia sinistra del subentrato Formisano ma il classe 2005 trova il muro della difesa avversaria in area di rigore. Gli ospiti non demordono e, al 29’, si rendono nuovamente pericolosi con un’azione identica a quella del gol ma, questa volta, Bersanetti chiude con uno straordinario intervento su Stani: il centrale esulta come se avesse segnato un gol. La squadra di Pizzorno sembra ormai voler gestire sempre più il proprio vantaggio in attesa del fischio finale dell’arbitro: buona fase difensiva e ripartenze, questo lo stile di gioco adottato dal Ciriè. I nerazzurri ottengono poi un calcio di punizione al 42’: Ravizza si incarica della battuta e realizza letteralmente un capolavoro insaccando la rete con un bel tiro potente che finisce all’incrocio dei pali. Subito dopo si accendono gli animi sia in campo che sul terreno di gioco: Bersanetti sale sulla rete di recinzione e litiga con il tifo ospite. Placati gli animi, il direttore di gara gli estrae il secondo giallo e lo mando sotto la doccia. La partita termina con un calcio di punizione per lo Junior Torrazza: Stani calcia, Chiodo para. Arriva così il triplice fischio dell'arbitro e scatta la festa del Ciriè grazie alla vittoria finale di 3-1. 

5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5

IL TABELLINO

CIRIÈ-J.TORRAZZA 3-1
RETI (2-0, 2-1, 3-1): 14' Ravizza (C), 29' Campanella (C), 18' st Stani (J), 42' st Ravizza (C).
CIRIÈ (4-2-3-1): Chiodo 6.5, Parisi 6.5 (20' st Mattana 6.5), Naretto 7, Mameo 7 (15' st Formisano 6.5), Bersanetti 7.5, Giampietro 6.5 (50' st Corrado sv), Di Vincenzo 7, Ravizza 9, Longo A. 6.5 (24' st Bonito 6), Nicolosi 7 (39' st Fornelli sv), Campanella 8. A disp. Fantini, Marrocco G., Boi, Ruscio. All. Pizzorno 8. Dir. Pedretti - Zulian.
J.TORRAZZA (4-3-3): Scapinello 7, Liguori 6, Albertone 6 (17' st Russo 6.5), Mancini 5.5, Actis 6 (14' st Martone 6), Antonacci F. 5.5, Ciccia 6.5 (38' st Cabiati sv), Perseghin 6.5, Stani 7, Trusciglio 7, Pellegrino 6. A disp. Lopes, Hamrad, Boaron, Magnifico, Abena, Ferrandino S.. All. Cannalonga 6. Dir. Agricola - Ferrandino.
ARBITRO: Prior di Ivrea 6.5.
AMMONITI: 8' st Bersanetti (C), 26' st Antonacci F. (J), 40' st Trusciglio (J), 41' st Cabiati (J).
ESPULSI: 45' st Bersanetti (C).

LE PAGELLE

CIRIÈ

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Chiodo 6.5 A parte il rischio corso nel primo tempo per non aver trattenuto la palla nella sua uscita alta, compie una partita praticamente perfetta: bella la sua parata sul tiro di Ciccia.
Parisi 6.5 Si dimostra essere la solita garanzia sulla fascia destra grazie alla sua corsa con cui si rende prezioso sia in fase difensiva che in quella offensiva. 
20' st Mattana 6.5 Entra sul terreno di gioco e continua il bel lavoro svolto dal compagno sostituito: buona copertura difensiva e tanta corsa in fase offensiva. 
Naretto 7 Il terzino sinistro è estremamente utile sulla corsia mancina perché garantisce copertura difensiva e spinta offensiva nei novanta minuti.
Mameo 7 Il difensore centrale, oltre a neutralizzare un gran numero di attacchi avversari, va vicino a segnare il terzo gol nerazzurro.
15' st Formisano 6.5 Il classe 2005 si fa notare per una straordinaria galoppata sulla fascia sinistra dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo.
Bersanetti 7.5 La sua espulsione non rovina in alcun modo l'eccellente prestazione offerta come difensore centrale: due chiusure sui tiri avversari che valgono praticamente come due gol. 
Giampietro 6.5 Gestisce molto bene i tempi di gioco a centrocampo grazie alla sua qualità e alla sostanza offerta per gran parte del match. (50' st Corrado sv)
Di Vincenzo 7 La sua presenza a centrocampo si dimostra essere ancora una volta fondamentale per la sua strepitosa sostanza con cui fa girare bene la sua squadra e chiude molte azioni avversarie. 
Ravizza 9 La sua punizione, con cui chiude definitivamente il discorso promozione, è un'autentica perla di rara fattura. Bravo poi ad approfittare dell'assist di Campanella per aprire le danze. 
Longo A. 6.5 Il centravanti si rende meno pericoloso del solito durante il suo minutaggio ma è sempre nel vivo del gioco nel tentativo di trovare il guizzo giusto per segnare. 
24' st Bonito 6 Nella seconda metà della ripresa contribuisce a dar respiro al pacchetto arretrato facendo salire spesso e volentieri la propria squadra. 
Nicolosi 7 È costantemente una mina vagante nella metà campo avversaria grazie agli eccellenti passaggi per i suoi compagni di reparto. (39' st Fornelli sv)
Campanella 8 Primo tempo semplicemente perfetto per il numero undici con l'assist fornito a Ravizza e il gol realizzato quindici minuti dopo. Ha poi svolto tanto lavoro prezioso lungo la fascia. 
All. Pizzorno 8 I nerazzurri ottengono la promozione in Prima Categoria grazie ad una bella prova sia in fase difensiva che in quella offensiva: il pacchetto arretrato alza praticamente un muro, il reparto avanzato concretizza quanto creato. 

J. TORRAZZA

2 2 22 2 2 2 2 2 2 2 2

Scapinello 7 L'estremo difensore realizza una serie di interventi grazie ai quali mantiene ancora in corsa la propria squadra per il discorso promozione: molto belle le parate su Di Vincenzo e su Mameo. 
Liguori 6 Soffre in fase offensiva in alcuni tratti della partita ma rimedia grazie alla spinta offensiva con cui ha effettuato bei cross. 
Albertone 6 Il terzino sinistro soffre a tratti la qualità di Nicolosi riuscendo però a garantire una buona copertura difensiva durante i suoi sessantadue minuti disputati.
17' st Russo 6.5 Grazie alle sue energie fresche trasmette maggiore vivacità nella costruzione di gioco nel tentativo di trovare la via del gol. 
Mancini 5.5 Si fa sorprendere troppo facilmente in occasione dei primi due gol subiti non fornendo così la copertura necessaria.  
Actis 6 Offre una buona sostanza a centrocampo coadiuvando molto bene Perseghin nella costruzione del gioco. 
14' st Martone 6 Al suo ingresso in campo continua il lavoro svolto dal suo compagno aggiungendo maggiore freschezza fisica. 
Antonacci F. 5.5 Proprio come il suo compagno di reparto va in difficoltà in occasione delle due reti subite durante il primo tempo. 
Ciccia 6.5 Si rende pericoloso con un bel tiro sul finale del primo tempo ma Chiodo gli nega la gioia del gol con un bell'intervento con cui mantiene momentaneamente la porta inviolata. (38' st Cabiati sv)
Perseghin 6.5 È il vero motore del centrocampo gialloblù riuscendo a dettare molto bene i tempi di gioco per gran parte dei novanta minuti. 
Stani 7 Dopo numerosi tentativi entra finalmente nel tabellino dei marcatori con un bel tap-in vincente con cui riapre momentaneamente la partita. 
Trusciglio 7 L'ala sinistra del tridente d'attacco è, soprattutto nella seconda frazione di gioco, una mina vagante per la difesa avversaria grazie ai suoi bei cross per Stani. Fornisce infatti l'assist per l'attaccante in occasione del gol da lui realizzato. 
Pellegrino 6 La mezzala destra cala durante la ripresa ma, nel primo tempo, è costantemente nel vivo del gioco.  
All. Cannalonga 6 La sua squadra ha il merito di essere rimasta in partita per quasi tutta la partita ma, allo stesso tempo, si può lamentare di non aver creato particolari pericoli per trovare la via del pareggio nonostante la spinta offensiva. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400