Cerca

Florentia San Gimignano-Roma Serie A Femminile: Cantore la riacciuffa di rigore, giallorosse sprecone

Florentia San Gimignano esulta dopo il pareggio

Florentia San Gimignano esulta dopo il pareggio

Dagli spalti dello Stadio Comunale Santa Lucia un nugolo d’inguaribili tifosi intona un “ Sai perché mi batte il corazon? Ho visto la Florentia e innamorato son” che porta decisamente fortuna alla formazione di Stefano Carobbi. Le padrone di casa, infatti, strappano il pareggio ad una sfortunatissima Roma, dopo un incontro piuttosto nervoso che ha regalato pochi -ma buoni- brividi e una rete a testa, tanto per non scontentare nessuno. Reduce da quattro sconfitte consecutive, la squadra della Florentia guadagna un punto prezioso, mentre le giallorosse incassano il secondo pareggio dopo una serie di tre vittorie e mantengono stabile il quarto posto in classifica. L’arbitro Eugenio Scarpa ha tirato fuori un solo cartellino giallo ai danni di Sofia Cantore al 26’ della ripresa, ma i falli commessi durante la partita, soprattutto da parte della Florentia, sono stati circa una ventina. Numero che, poi, si è trasformato in altrettante occasioni per la formazione di Elisabetta Bavagnoli, risoltesi però in un nulla di fatto. Il match ha visto la “rete di battesimo”, al 9’ del primo tempo, di Elena Linari, granitico difensore della Nazionale, che non solo ha sbloccato il risultato, ma ha anche inaugurato il suo primo gol in maglia giallorossa. Di tutta risposta, ci ha pensato Sofia Cantore agli sgoccioli della prima frazione di gioco, direttamente dal dischetto del rigore.   Fiume giallorosso. La Roma comincia subito con la quarta marcia inserita, sfruttando la velocità su entrambe le fasce. Il primo brivido arriva dopo soli 4 minuti di gioco, con Manuela Giugliano che s’infila tra le maglie della difesa avversaria e s’inventa un passaggio basso che, però, nessuna delle compagne di squadra raccoglie. Il calcio d’angolo galeotto è battuto da Vanessa Bernauer: un cross morbido al centro dell’area che trova il piatto preciso e letale di Elena Linari al 9’. Gol per la Roma. La partita è ancora tutta da giocare, ma l’entusiasmo regalato dal gol spinge le giallorosse ad attaccare ancora, mentre le padrone di casa si trincerano dentro la propria metà campo e cercano di “fare da diga” allo straripante fiume giallorosso. Da segnalare il tiro pretenzioso della solita Giugliano, da fuori area, al 10’, bloccato da Amanda Tampieri tra i pali della Florentia, o il tentativo di Elisa Bartoli al 14’ intercettato da un’attenta Tamara Dongus. Sul fronte verde-nero i guizzi offensivi scarseggiano, eccezion fatta per Paola Boglioni che, al 19’, tenta l’affondo nella difesa giallorossa ma viene fermata dal portiere Rachele Baldi. Al 22’ Sofia Cantore -trascinatrice della squadra- alza lo sguardo e adocchia la Baldi fuori posizione, decidendo di provare un pallonetto che però calibra male. Peccato. Non c’è una grande comunicazione tra i reparti di gioco della Florentia, è la Roma a fare da padrona prima al 29’, con un delizioso tiro a giro di Annamaria Senturini che Tampieri respinge dopo un allungo micidiale, e poi Paloma Lazaro, praticamente da sola a tu per tu col portiere al 33’, dopo il suggerimento di Lindsey Thomas che però rotola a pochi centimetri dal palo. La prima frazione di gioco è agli sgoccioli, la Florentia non demorde e cerca un timido attacco affidandosi a Cantore che, in area, viene atterrata al 44’ e guadagna un calcio di rigore. E’ lei stessa a metterlo a segno, siglando il pareggio per la sua squadra e la fine del primo tempo. Come si suol dire, “1-1 e palla al centro”. Si ricomincia daccapo.  Nervosismo tagliente. Nessun cambio alle formazioni, le squadre tornano in campo esattamente come le avevamo lasciate. La Roma è ancora stordita dal gol subìto, mentre la Florentia comincia a crederci sul serio. Serena Ceci commette fallo su Thomas al 2’ da una posizione invitante al limite dell’area, la preferita della Giugliano che s’incarica di battere il calcio di punizione. Alto sulla traversa. Lazaro ci riprova al 4’ con un sinistro, ma Tampieri è ben posizionata e spedisce in angolo l’ennesimo tentativo avversario. Florentia si proietta con poca convinzione in avanti, e lo fa affidandosi al colpo di testa di Melania Martinovic al 5’, che finisce tra le braccia pronte di Baldi. E’ ancora lei la protagonista di un’azione meravigliosa orchestrata da Cantore, che la vede libera e smarcata e le serve un pallone certosino; Martinovic si fa prendere, forse, dalla paura, e rallenta la sua corsa facendosi sottrarre il pallone da Allyson Swaby in recupero al 14’. La musica deve cambiare, perciò servono note fresche in campo: per la Florentia escono al 20’ Florin Wagner e Bianca Bardin, sostituite rispettivamente da Melanie Kuenrath e Francesca Imprezzabile. Anche la Roma effettua una sostituzione al 25’, con Lazaro che lascia il posto a Giada Greggi. Con i cambi attuati il nervosismo aumenta, così come la voglia da parte della Roma si portare a casa la partita. Al 26’ Giugliano si smarca ma viene falciata in malo modo da Cantore, che “guadagna” l’unico cartellino giallo dell’incontro. Al 32’ Vanessa Bernauer serve a pennello Thomas, ma l’attaccante si allunga troppo il pallone e non riesce a rendersi pericolosa per Tampieri. Al 35’ un’altra sostituzione per le fila della Florentia: fuori Boglioni, colpevole di parecchie imprecisioni, dentro Giulia Bursi; anche Martinovic torna in panchina, al suo posto entra Federica Anghileri. E’ un momento della gara parecchio disordinato e confuso, combattuto soprattutto a centrocampo in un groviglio di gambe e intercettazioni che non arrivano mai alle rispettive porte. Al 38’, poi, Elena Linari ci mette la testa su calcio d’angolo e colpisce in pieno il palo, che le nega la doppietta personale. L’ultima azione è delle padrone di casa, con una galoppata sulla fascia di Cantore che semina le avversarie e serve un pallone d’oro ad Anghileri; Baldi, però, si allunga e le dice di no. Si chiude così l’incontro, con la Roma che esce a testa bassa dal campo e una Florentia al settimo cielo. 

IL TABELLINO

Florentia San Gimignano-Roma 1-1 RETI (0-1, 1-1): 9' Linari (R), 45' rig. Cantore (F). FLORENTIA SAN GIMIGNANO (4-4-2): Tampieri 7.5, Pisani 6, Ceci 6.5, Dongus 6, Boglioni 5.5 (36' st Bursi 5), Wagner 5 (21' st Kuenrath 5.5), Re 7, Bardin 6 (21' st Imprezzabile 6), Dahlberg 5, Martinovic 6 (36' st Anghileri 6.5), Cantore 8. A disp. Lonni, Rodella. All. Carobbi. ROMA (4-2-3-1): Baldi 6, Bartoli 6.5, Linari 7, Swaby 6.5, Soffia 7, Giugliano 7.5, Bernauer 6.5, Serturini 7, Thomas 5.5, Bonfantini 6.5, Lazaro 5 (25' st Greggi 5). A disp. Banusic, Erzen, Ceasar, Ciccotti, Pipitone, Corrado, Pettenuzzo. All. Bavagnoli. ARBITRO: Scarpa di Collegno 6.5. AMMONITA: 26' st Cantore (F).

LE PAGELLE

FLORENTIA SAN GIMIGNANO Tampieri 7.5 Salva la squadra da 2 gol quasi certi, rimediando alle troppe imprecisioni della difesa. Si fa trovare pronta, non abbassa mai la guardia. Pisani 6 La sua partita è un duello continuo con Soffia, nel tentativo di bloccare l’offensiva avversaria e i tiri velenosi. Ceci 6.5 Sulla fascia il suo scopo è quello di fermare Bartoli in tutti i modi possibili, a volte con interventi al limite della correttezza, ma la strategia riesce.  Dongus 6 Anonima per quasi tutto l’incontro. La qualità delle attaccanti giallorosse è superiore, lei cerca di “metterci una pezza”. Boglioni 5.5 Ci accorgiamo di lei solo per il gol mancato al 19’, dopo una galoppata promettente sulla fascia. 36' st Bursi 5 Una gara non molto soddisfacente e una performance decisamente sbiadita che non le fa raggiungere la sufficienza. Wagner 5 Trasparente per le avversarie. Intercetta qualche passaggio avversario, ma sbaglia troppi suggerimenti in avanti. 21' st Kuenrath 5.5 Sulle precise orme della titolare, anche lei non riesce ad entrare in partita e “si lascia attraversare”. Re 7 A lei il merito di "aver tenuto a bada" Soffia, mettendola spesso alle strette e costringendola a tirare male o a spostarsi sul piede meno familiare. Brava. Bardin 6 Il centrocampo della Florentia non funziona bene, lei non comunica nè con le retrovie nè con l’attacco.  21' st Imprezzabile 6 I ndovina qualche guizzo d’ingegno che regala occasioni alle sue compagne di squadra. Forse, se avesse avuto più tempo… Dahlberg 5 Quando riesce a seguire l’azione, partecipa, anche se non si è vista molto durante l’incontro. Poteva fare molto di più. Martinovic 6 Si starà ancora mangiando le mani per le due occasioni sciupate. Poco convinta, serve più coraggio.  36' st Anghileri 6.5 Come ha fatto a sbagliare? Quando la sfortuna si mette di mezzo, non c’è talento che regga. E’ un gran peccato. Cantore 8  La star. Se non fosse stato per lei, questa partita sarebbe stata una sconfitta. Invece corre, recupera, passa, guadagna un rigore, lo segna. Bravissima.  All. Carobbi 6.5 I cambi effettuati sono giusti. La squadra "soffre" il necessario, ma regge  il confronto e porta a casa un risultato magnifico. Molta costanza e pazienza.   ROMA Baldi 6 Impensierita in un numero di volte che si possono contare sulle dita di due mani. Indovina anche l'angolo del rigore, ma non arriva a pararlo. Bartoli 6.5 Una continua spina nel fianco della difesa avversaria. Quando abbassa la testa e inizia a correre, non ce n'è per nessuno. Linari 7 Primo gol per lei con la maglia giallorossa e una performance di tutto rispetto. Blocca gli inserimenti avversari, si fa trovare pronta e si propone spesso in attacco. Peccato per il palo, che starà ancora tremando. Swaby 6.5 Si vede poco, ma si sente parecchio. Fantastico il recupero in corsa che ha impedito a Martinovic di portare le avversarie in vantaggio. Soffia 7 Gira, rigira, crossa, tira. Meglio di una trottola, la troviamo dappertutto, mentre fa di tutto. Molto brava. Giugliano 7.5 Una garanzia. Tatticamente sta maturando moltissimo, con passaggi certosini e un controllo di palla invidiabile. Peccato che oggi i suoi calci di punizione non siano stati velenosi. Bernauer 6.5 Si propone spesso in avanti, dà una mano a costruire l'azione e talvolta si rende pericolosa. Bene. Serturini 7 Quando comincia a correre, si salvi chi può. Il "prosieguo" di Bartoli svolge benissimo il suo lavoro, impensierendo il portiere avversario e "mettendo a sedere" sul posto i difensori ubriacati dai suoi dribbling. Thomas 5.5 "E' brava, ma non si applica". Perde tempo, non entra in partita e spreca molte occasioni. Bonfantini 6.5 Un passo promettente e una corsa micidiale. Avrebbe meritato qualcosina di più. Lazaro 5 Poteva regalare la vittoria alla sua squadra, ma sbaglia mira e fa rotolare il pallone a pochi centimetri dalla vittoria. Non ci siamo. 25' st Greggi 5 Un timido colpo di testa è il solo momento in cui la vediamo in azione. All. Bavagnoli 6 Doveva spingere di più per ottenere concretezza sotto porta. Un buon inizio gara per lei, ma poi la grinta è andata scemando.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400