Cerca

Brescia-Ravenna Women Serie B Femminile: Cimatti e Copetti protagoniste della vittoria ospite, Magri brilla tra le padrone di casa

Brescia Ravenna Women Serie B femminile

Brescia Ravenna Women Serie B femminile

Un lampo di Simona Cimatti regala al Ravenna tre punti importantissimi per la classifica e lancia la squadra di Recenti verso la zona promozione. La squadra ospite, dopo il rinvio del match contro il Tavagnacco della settimana scorsa, rialza la testa dopo la sconfitta pesante contro la Roma per 3-0 e il pareggio per 1-1 di due turni fa contro l’Orobica. Il Brescia invece cade dopo due risultati utili consecutivi, ma la prestazione offerta può sicuramente lasciare segnali positivi in vista delle prossime uscite, infatti le giocatrici allenate dal tecnico Treccani rimpiangono più di qualche occasione, fermate solamente da una straordinaria Copetti. La prima frazione Un avvio di partita roboante da parte del Ravenna che nei primissimi minuti di gioco chiude le padrone di casa all’interno della propria metà campo, non lasciando spazi per uscire. Cimatti, al secondo minuto di gioco, approfitta di uno spiraglio lasciato dalla retroguardia biancoblù e, trovandosi nel punto giusto al momento giusto, riesce a battere il portiere Gilardi e regalare il vantaggio alla sua squadra. La reazione del Brescia tarda ad arrivare ed è affidata solamente a calci piazzati, sui quali però la difesa ospite è sempre vigile a controllare. La squadra di Treccani trova la prima vera occasione da gol grazie ad un’invenzione di Magri che, con un lancio perfetto, trova l’inserimento di Viscardi che serve Luana Merli in mezzo all’area di rigore, ma la centravanti bresciana pecca di concretezza. Dopo un approccio offensivo da parte del Ravenna che le ha permesso di trovare l’1-0, la squadra abbassa notevolmente il baricentro lasciando campo al Brescia, ma disputa una fase difensiva molto ordinata. Nella prima frazione la partita è più che equilibrata con le padroni di case che sviluppano il gioco prevalentemente sulle fasce, cercando poi di convergere verso l’interno del campo per poi andare alla conclusione ma sono rare le occasioni in cui Copetti è chiamata veramente in causa. L’ultima chance della prima frazione è di Filippi che, dal limite dell’area, calcia col destro sfiorando il palo e di poco non trova il gol del raddoppio. La ripresa Nei secondi 45’ di gara si gioca praticamente in una metà campo, ma le occasioni nitide create dal Brescia sono solamente tre. La prima è di Ghisi che da sola davanti al portiere si lascia ipnotizzare e Copetti compie il primo grande intervento del pomeriggio. Al 28’ c’è il tentativo di Magri che, direttamente da calcio di punizione, impensierisce il portiere ravennate, il quale è ancora pronto e reattivo ad allontanare il pericolo. Nei minuti finali il forcing delle giocatrici di casa si fa più pericoloso e il pallone del pareggio è tra i piedi di Pasquali che, con il sinistro, alza troppo la sua conclusione che finisce alta sopra la traversa. Tre punti d’oro conquistati con estrema fatica dal Ravenna che, con tutte le sue forze, è riuscita a difendere il vantaggio acquisito in apertura e che, anche rischiando, ha basato il suo gioco solamente chiudendosi dentro la sua metà campo. Tanto rammarico per il neo tecnico del Brescia Treccani che, insieme alla sue ragazze, cercheranno dalla prossima partita di riprendersi e concretizzare le occasioni non segnate quest’oggi.

IL TABELLINO

Brescia Femm.-Ravenna Women 0-1 RETE: 2' Cimatti (R). BRESCIA FEMM. (3-5-2): Gilardi 6, Brevi 5.5 (16' st Barcella 6), Locatelli 5.5, Galbiati 5.5, Viscardi 6.5 (41' st Ronca sv), Ghisi 6, Magri 6.5, Previtali 5.5 (36' st Brayda sv), Massussi 5.5 (16' st Pasquali Sofia 5.5), Merli Cristina 5 (41' st Colombo sv), Merli Luana 5. A disp. Cogoli, Verzeletti, Martino, Pedemonti. All. Treccani 6. RAVENNA WOMEN (4-3-3): Copetti 7.5, Greppi 7, Picchi 6.5 (46' st Costa sv), Barbaresi 6.5, Cimatti 7 (21' st Burbassi 6), Capucci 6.5, Filippi 6.5, Morucci 6.5 (36' st Ligi sv), Giovagnoli 7, Raggi 6.5, Marengoni 6.5. A disp. Nicola, Omokaro, Melis, Crespi. All. Recenti 7. ARBITRO: Francesco Lipizer di Verona  7. ASSISTENTI: Thomas Storgato e Mattia Salvato di Castelfranco Veneto. AMMONIZIONI: Barbaresi (R), Raggi (R).

LE PAGELLE

BRESCIA Gilardi 6 Qualche incertezza che l’ha vista corresponsabile nell’azione del gol ospite. Per il resto della gara e soprattutto nella ripresa è spettatrice degli eventi. Brevi 5.5 Non compie sbavature grossolane ma non si mette in mostra particolarmente e, soprattutto nelle battute iniziali, mantiene bassa la concentrazione. 16' st Barcella 6 Entra per l’ultima mezz’ora, protagonista di qualche giocata interessante ma poco efficace Locatelli 5.5 Ha le responsabilità maggiori in occasione del gol perché perde la marcatura dell’attaccante avversaria. Il resto di partita è ordinaria amministrazione. Galbiati 5.5 Qualche errore di troppo in fase di impostazione che le fa perdere sicurezza. I pericoli maggiori in avvio di gara arrivano proprio dalla sua parte e, dopo attimi di incertezze, controlla senza problemi le avanzate avversarie. Viscardi 6.5 Una delle poche a mettersi in mostra in un primo tempo opaco da parte della squadra. Le sue discese sulla fascia lasciano il segno e l’assist potenziale fornito a Merli L. è una vera chicca, peccato. (41’st Ronca sv). Ghisi 6 In mezzo al campo fatica a dettare i tempi di gioco e non riesce quasi mai a inserirsi per creare delle occasioni, quando le capita la spreca. Magri 6.5 Insieme a Viscardi è una delle poche fiamme accese del Brescia della prima frazione. Pallone illuminante a creare l’unica azione da gol dei primi 45’ e nel secondo tempo batte una punizione precisa indirizzata in rete, ma il portiere salva tutto. Previtali 5.5 Combatte e lotta in mezzo al campo ma le battaglie vinte sono poche. Viene superata spesso dalle avversarie e le giocate offerte non sono sempre precise. (36’st Brayda sv). Massussi 5.5 Sulla corsia di sinistra si fa vedere poco e i palloni giocati infatti non sono moltissimi. Poteva offendere di più ma si limita al compito facile. 16’ st Pasquali 5.5 Ha sul piede la palla del pareggio ma calcia alto sopra la traversa. Merli C. 5 Tanto movimento nel suo ruolo da seconda punta ma le giocate da annotare sono veramente poche. (41’ st Colombo sv). Merli L. 5 Spreca una nitida opportunità da rete nel primo tempo, confezionata alla grande dalle compagne che la mettono nella condizione di spingere la palla in porta, ma scivola goffamente. All. Treccani 6 Sbaglia l’approccio alla partita che alla fine si rivela letale, prova ad aggiustare a gara in corsa ma il portiere avversaria nega il pari. RAVENNA Copetti 7.5 Vera protagonista della partita, in particolare nella ripresa. Compie interventi degni di un portiere di categoria superiore e sia mai che i miracoli di oggi non possano permettere alla squadra di puntare alla promozione. Greppi 7 Insieme all’altra centrale Giovagnoli comanda la difesa con ordine e attenzione, uscendo con soddisfazione con la porta inviolata. Picchi 6.5 Lotta come un leone in mezzo al campo, reparto che nei primi minuti ha dato man forte all’attacco e che, nel resto di gara, ha supportato ottimamente la difesa. (46’ st Costa sv). Barbaresi 6.5 Gioca intelligentemente i palloni che gli capitano tra i piedi. Impiega sia qualità che quantità al servizio delle compagne uscendo a testa altissima. Cimatti 7 Come un rapace d’area di rigore azzanna il pallone e lo trasforma in un gol che alla fine risulta decisivo ai fini della vittoria. 21’ st Burbassi 6 Si prende sulle spalle il peso dell’attacco anche se i suoi compiti sono prettamente difensivi. Capucci 6.5 Da terzino destro occupa la posizione con estrema diligenza e perfezione non lasciando quasi mai opportunità da quel lato di campo. Filippi 6.5 Sfiora il gol nel primo tempo e si rende utile come spalla d’attacco, sempre presente e disponibile per alzare il baricentro della squadra. Morucci 6.5 Come tutto il reparto di centrocampo dà l’anima per ottenere con le unghie e con i denti una vittoria dal sapore dolce. (36’ st Ligi sv). Giovagnoli 7 Partita difensivamente solida ed efficace, un muro invalicabile dal quale nessuno riesce a passare. Raggi 6.5 Mantiene la sua posizione sulla corsia di sinistra con ordine e disciplina anche se in qualche frangente soffre le avanzate dell’esterno avversario. Marengoni 6.5 Tocca tanti palloni ma corsa e resistenza sono il piatto forte che serve quest’oggi. Fino al 90’ vaga per il campo pressando in continuazione costringendo sempre un tocco in più per la costruzione della manovra del Brescia. All. Recenti 7 Imposta una partita perfetta dal punto di vista tattico. È fortunato per certi aspetti, ma non è un caso che i tre punti siano anche merito suo. ARBITRO Lipizer di Verona 7 Gara non particolarmente difficile da arbitrare, sempre sicuro e deciso nelle scelte.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400