Cerca

Pontedera-Orobica Serie B Femminile: Lazzari-De Vecchis firmano la vittoria bergamasca, risposta pronta alla vittoria della Roma in chiave salvezza

Pontedera-Orobica
L'Orobica non sbaglia e torna a vincere, dopo lo stop nel derby perso contro il Brescia, superando in trasferta il Pontedera di Ulivieri. Si decide tutto nel primo tempo dove, prima la determinazione di Lazzari, poi il colpo di genio di De Vecchis consegnano a Marini 3 punti fondamentali. Gestita al meglio in questo senso la pressione della Roma: le capitoline, in anticipo all'ora di pranzo, hanno superato in trasferta il Brescia superando virtualmente l'Orobica. Un sorpasso durato poco però, con una vittoria fondamentale specie in virtù degli scivoloni di Chievo, sconfitta in casa della Lazio, e del Vicenza fermato in casa dal Pomigliano. La corsa salvezza è ancora viva e tutta da decidere. La formazione bergamasca ora conta un vantaggio di soli due punti sul Vicenza a 5 partite dal termine del campionato. Nel frattempo settimana prossima a Bergamo arriva la Lazio: sfida complessa ma che se ben affrontata può dare uno slancio chiave per la salvezza definitiva. Meraviglia De Vecchis. Il primo tempo, tutt'altro che bello ed emozionante, viene disturbato nel finale da un gioiellino firmato Giorgia De Vecchis. Le ragazze di Marini si fanno preferire nel gioco e nella tenuta del campo. Il 4-3-1-2 permette di reggere bene sul 4-2-3-1 di Ulivieri, che tende comunque ad allargare gli esterni e a portare il trequartista sulla linea di Carrozzo, e i vantaggi arrivano specie in fase offensiva. Tutto ciò viene favorito da una Lazzari in grande spolvero: la giovane attaccante classe 2000 è perfetta nei movimenti perché lavora sull'orizzontale cercando con grande intelligenza lo spazio. Situazioni sulle quali la difesa granata lavora male di gruppo ed infatti l'Orobica punge quando riesce a giocare con l'attacco alla profondità. Minuto 9': proprio Lazzari mette in pratica quanto dettato da Marini andando al tiro su imbucata di De Vecchis con la sfera che termina di poco a lato. Per il Pontedera è la sola Iannella a provare ad impensierire Nardi con due conclusioni tutt'altro che pericolose. La svolta arriva al tramonto della prima frazione di gioco quando, prima una ingenuità della difesa di casa, poi il gioiellino di De Vecchis, permettono alle bergamasche di andare all'intervallo con un vantaggio di due reti. Minuto 36': disimpegno difensivo delle granatine poco chiaro che porta Sacchi ad un rinvio veloce sui piedi di Lazzari che di prima respinge a rete. Minuto 41': la numero 18 controlla palla poco dopo la metà campo ed esplode un destro potentissimo che si spegne all'incrocio dei pali alla destra di Sacchi. Parziale meritato che arriva senza grandi paturnie. Amministrazione Orobica. L'Orobica sembra aver smaltito le scorie del derby perso contro il Brescia qualche settimana fa. Partita dalle mille polemiche, causa episodio dubbio che è stato rispedito al mittente, il cui risultato metteva in una posizione delicata la formazione rossoblu che si rivedeva risucchiata nella zona retrocessione. Ecco però pronta la risposta, in una gara difficile, contro un avversario che nelle ultime settimane ha dato prova di essere squadra ostica e che può ancora sperare in una salvezza. Le granatine erano riuscite a strappare un pareggio sul campo del Ravenna nell'ultimo turno, dopo lo scontro salvezza vinto la settimana precedente contro la Roma. La seconda parte di gara non vede arrivare la svolta che Ulivieri probabilmente si aspettava. Il Pontedera fatica nel costruire il suo gioco e fatica parecchio quando si tratta di attaccare la porta difesa da Nardi. La solita Iannella, al 17' della ripresa, ci prova, ma la sua punizione dal limite manca di precisione e termina alta. Dall'altra parte Marini chiede controllo e ordine, diktat rispettati in pieno e che permettono alle sue ragazze di trovare un giusto equilibrio. Pontedera che sfiora il gol che potrebbe riaprire i discorsi al minuto 35' con la conclusione di Mazzella, deviata dalla difesa ospite, che scheggia la traversa con Nardi ormai battuta. Situazione che risveglia l'Orobica che al 40' sfiora il colpo del K.O. definitivo prima con Galli, conclusione a botta sicura respinto da Sacchi, poi con Zigic, che calcia a porta vuota trovando il meraviglioso intervento in recupero di Pantani che salva sulla riga. L'arrembaggio finale del Pontedera non sortisce gli effetti desiderati e alla fine i tre punti se li aggiudica la truppa di Marini che torna a respirare, rispondendo presente alla vittoria della Roma di mezzogiorno sul campo del Brescia.  

IL TABELLINO

Pontedera CF-Orobica C.B. 0-2 RETI: 36' Lazzari (O), 41' De Vecchis (O). PONTEDERA CF (4-2-3-1): Sacchi 5.5, Sacchi 6 (23' st D'alessandro 6), Sidoni 5.5 (37' st Dehima sv), Rizzato 6, Pantani 6.5, Del Prete 5.5 (11' st Dantoni 6), Consoloni 6 (23' st Mazzella 6.5), Maffei 5.5, Iannella 6.5, Gavagni 6.5, Carrozzo 6. A disp. Bulleri, Terreni, Viterbo, Iannetti. All. Ulivieri 5.5. OROBICA C.B. (4-3-1-2): Nardi 6, Magni 6.5, Salvi 6.5, Hilaj 7.5, Visani 6.5 (10' st Asta 6), Zigic 7, Poeta 6.5, Foti 6, Mandelli 6.5 (36' st Galli sv), De Vecchis 7.5, Lazzari 6.5 (20' st Antolini 6.5). A disp. Crippa, Galimberti, Bertazzoli, Trevaini, Kalasic. All. Marini 7. ARBITRO: Fabrizio Pacella di Roma 2  7. ASSISTENTI: Edoardo Salvatori di Tivoli e Emilio Giulio Leonardi di Ostia Lido. AMMONITA: Mandelli (O).

LE PAGELLE

PONTEDERA Sacchi F. 5.5 Male in occasione del vantaggio di Lazzari dove calcia addosso all'attaccante ospite in una situazione dove poteva andare sugli esterni. Macchia grave in un match dove poi si esalta, specie nella ripresa, dove regala due meravigliosi interventi. Sacchi A. 6 A livello difensivo il suo dovere lo fa bene. Male invece nell'apporto alla fase offensiva: l'Orobica gioca tanto dentro il campo e questo le crea delle praterie che però sfrutta raramente, un peccato perché servirebbe il suo apporto in avanti in determinate situazioni (23'st D'Alessandro 6). Sidoni 5.5 Le grandi difficoltà che incontra si verificano quando l'Orobica gioca palla nello stretto e a velocità che la mettono in difficoltà. Legge male anche i movimenti di Lazzari che le taglia davanti con troppa facilità. Nota positiva la gestione del pallone fatta bene (37'st Dehima sv). Rizzato 6 Regge meglio di Sidoni sul piano difensivo complice una buone dose di cattiveria agonistica, dote fondamentale per il ruolo ricoperto. Rimane qualche incertezza, specie nelle marcature non sempre eccellenti. Pantani 6.5 Miracolo non da poco nel finale su Zigic dove, a porta vuota, recupera con uno scatto togliendo sulla linea di porta un pallone che era destinato al gol. Prova nel complesso positiva dove fa del suo meglio in contenimento. Del Prete 5.5 Non offre la stessa continuità di prestazione come Consoloni. La palla quando passa dai suoi piedi non riesce a girare con maggior velocità e questo è un problema vista la difesa solida e attenta dell'Orobica, pronta a chiudere ogni spazio (11'st Dantoni 6). Consoloni 6 Buona la gestione del pallone in fase di costruzione dove sbaglia poco, è pulita nei passaggi e cerca di mettere ordine quando le cose non vanno per il verso giusto. Buona anche la fase d'interdizione dove, con qualche problema, riesce a dar fastidio alle ripartenze avversarie. 23'st Mazzella 6.5 L'ingresso è positivo, specie per quanto riguarda la fase offensiva a cui porta un peso maggiore e doti tecniche importanti. Per poco non sfiora il gol che avrebbe riacceso le speranza con un colpo di classe equiparabile al gol di De Vecchis. Maffei 5.5 Vale un po' il discorso fatto per Sacchi: ha spazi davanti a se che non sfrutta e questo impoverisce non poco il reparto offensivo del Pontedera. A questo si aggiunge una Magni in grande spolvero che la neutralizza spesso e volentieri. Iannella 6.5 L'unica che delle 4 frecce offensive prova a creare dei pericoli alla porta difesa da Nardi. Nel primo tempo le manca fortuna e precisione in due occasioni, nella ripresa spreca una punizione da posizione favorevole e che poteva essere conclusa meglio. Gavagni 6.5 Prova a crearsi lo spazio sfruttando i movimenti di Carrozzo. Sulla sua strada però trova una Hilaj in formato maxi, oggi impeccabile in fase difensiva dove non sbaglia un colpo. Importante l'apporto offerto davanti dove prova a inventare senza troppa fortuna. Carrozzo 6 Viene presa in cura dal duo difensivo bergamasco che la "maltratta" per tutti e 90' i minuti di gioco. Tanta fatica oggi nel trovare palloni giocabili, lei però non demorde e ci prova fino alla fine. All. Ulivieri 5.5 Prima 45' minuti deludenti dove le sue ragazze faticano a scalfire la retroguardia ospite. Poi un timido tentativo di ritorno in partita ma che si verifica solo nel finale quando oramai il risultato è già deciso. OROBICA Nardi 6 Sempre attenta e pronta all'intervento quando serve. Non si segnala con grandi interventi ma è sempre sul pezzo. Attenzione che non le manca mai, nemmeno al 90' quando riesce a bloccare la ripartenza in campo aperto di Carrozzo. Magni 6.5 Ha l'intelligenza di capire quando sbilanciarsi in avanti e quando invece tenersi più coperta. Non corre mai rischi, anche perché la fascia destra di Ulivieri è poco pericolosa. Sempre pronta anche a dare una mano in fase offensiva dove spesso appare negli ultimi 30 metri di campo. Salvi 6.5 Concreta e dura quando si tratta di andare a recuperare palla dove esce sempre vincitrice. Difficile andarle via sia nello stretto che nel lungo dove da prova di un buon atletismo. Qualche sbavatura in fase di costruzione. Hilaj 7.5 Fase difensiva pressoché perfetta dove non sbaglia praticamente nulla. La grande qualità messa in mostra la si ha in fase di costruzione: anche se pressata ha la lucidità di controllare, girarsi e trovare lo scarico migliore per le compagne. Visani 6.5 Gavagni è cliente scomoda sempre difficile da contenere. Lei risponde in maniera positiva mantenendo sempre bene la posizione. Si fa apprezzare anche in costruzione dove trova sempre giocate semplici ma intelligenti (10'st Asta 6). Zigic 7 Quando si accende regala delle giocata di altissima classe. Ottimo l'apporto alla fase difensiva dove si fa sentire un supporto al centrocampo, meno incisiva invece davanti dove arriva al tiro mancando però di cinismo. Poeta 6.5 Governa a centrocampo dove non si smuove dalla posizione di perno basso sbattendo la porta in faccia in più occasioni alle ripartenze del Pontedera. Lavoro che non si ferma qui e a cui si aggiunge la solita grande gestione del pallone. Foti 6 Meno incisiva e brillante rispetto alle compagne di reparto. Difficoltà che emergono quando De Vecchis si abbassa costringendola a scivolare sulla difesa e questa la toglie dalla fase offensiva in cui potrebbe fare di più. Mandelli 6.5 Ruolo che in gare come questa non le permettono di affondare più di tanto in fase offensiva. Ha il compito di attaccare il limite dell'area, questo fa si che il suo sia un lavoro più di rifinitura che di attacco alla porta (36'st Mandelli sv). De Vecchis 7.5 Fase di adattamento che, quando superata, la porta a trovare con grande facilità il modo per andare a pungere la difesa granata. Regala una perla di altissimo livello e davanti alla quale ci si può solo togliere il cappello. Lazzari 6.5 Fondamentali i movimenti che offre sull'orizzontale e che facilitano il lavoro sia in inserimento che in attacco alla profondità delle sue compagne. Cattiva e determinata a conquistare il gol. 20'st Antolini 6.5 Ingresso propositivo dove cerca sin da subito di portare maggiore forza ad un attacco leggero ma tanto tecnico. Lavora bene in protezione palla creando delle buone soluzioni per le compagne. All. Marini 7 Risposta importante in una gara difficile vuoi per le pressioni della Roma, vuoi per il risultato della gara d'andata. L'Orobica ha in mano la gara sin dalle prime battute di gioco e non perde mai il controllo sul match. Ottima anche la gestione del finale. ARBITRO Fabrizio Pacella di Roma 2 7 Gara corretta dove le chiamate sono sempre puntuali e corrette. Sempre vicino all'azione conduce bene senza troppi problemi. Giusta anche la gestione dei cartellini.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400