Cerca

Serie B femminile

Il test match di Sirmione: Non mille baci e poi altri cento, ma solamente sei "pesanti carezze"

Amichevole di prestigio per le Leonesse del Brescia contro il Sassuolo: sugli spalti anche Cristiana Girelli

Il test match di Sirmione:  Non mille baci e poi altri cento, ma solamente sei "pesanti carezze"

La centrocampista biancazzurra Laura Ghisi in azione (foto pagina Facebook Brescia Calcio Femminile)

Sotto gli occhi della capitana della Nazionale - nonché della Juventus - Cristiana Girelli, che ha sfruttato questi venti giorni di stallo per effettuare una proficua ricognizione sullo stato dell’arte in casa Sassuolo, ad oggi l’avversario più temibile per il sodalizio sabaudo in campionato, il Brescia ne incassa sei proprio contro le emiliane pur tornando a casa con importanti risvolti in chiave tattica. Il passivo finale infatti non deve confondere, né allarmare.

Se il Como si sta confrontando ancora in partite ufficiali (Coppa Italia) con squadre di Serie A come la Roma, il Brescia fa esattamente altrettanto in buoni test attitudinali come questo giocato a Sirmione grazie all’ospitalità della Garda Soccer Academy. Confrontarsi con le migliori e vedere di che pasta si è fatte è sempre buona cosa, soprattuto per chi ambisce a grandi palcoscenici. Per la cronaca, comunque, la formazione di Giampiero Piovani, il cui figlio peraltro è tecnico delle Under 17 del Brescia, ha la meglio abbastanza facilmente con le reti di Iriguchi (6’) e Ferrato (10’) nel primo tempo, Philtjens (52’), Barcella (autorete 62’), Bugeja (70’) e Cambiaghi (87’) nel secondo: per Hjolhman la rete della bandiera che ha tenuto quantomeno in bilico la prima frazione. 

IL TEST

L’amichevole di Sirmione contro le emiliane, però, avrà senz'altro fornito buone indicazioni al tecnico biancazzurro Elio Garavaglia, a prescindere dalla netta sconfitta. Innanzitutto serviva mantenere il ritmo gara e mettere ossigeno nei polmoni in una fase scarica di partite come questa, per garantire a tutte il necessario minutaggio e una discreta condizione nel più breve lasso di tempo possibile. Non a caso le Leonesse dovrebbero confrontarsi anche con la Pro Sesto nel weekend per il medesimo motivo.

Tornando alla gara, le 6 reti subite sono frutto di una superiorità evidente da parte delle neroverdi a comprova di quanto il cammino da percorrere dal Brescia sia ancora lungo, anche se la prestazione di diverse biancazzurre può ritenersi nel complesso soddisfacente. Tra queste sicuramente le sgambate di Giulia Asta e Jenny Hjolhman coloro le quali hanno confezionato la rete della bandiera bresciana a seguito di una buona intesa sulla corsia di sinistra che ha sorpreso di brutto la retroguardia ospite: bello anche il dribbling al portiere della svedese. Esperimenti di affinità - questi - senz’altro da riproporre anche in campionato. 

DA MIGLIORARE

Il reparto parso più in affanno ovviamente risulta essere quello difensivo, ma difficile valutarne il reale impatto negativo visto comunque il maggiore tasso tecnico-tattico delle avversarie. Sicuramente la video analisi di Garavaglia e del suo staff potrà far luce su alcune situazioni di gioco, migliorandone l’efficacia, come quelle riguardanti la prima pressione quando non sempre le due interne di centrocampo si portavano con solerzia ad allinearsi con le larghe ali offensive per infastidire sul nascere la manovra emiliana. Una situazione sicuramente figlia di un atteggiamento psicologico troppo passivo e la cui sudditanza il tecnico dovrà attenuare, magari con la giusta dose motivazionale unita a del buon sensazionalismo tattico. Giro palla, ordine in campo e costruzione dal basso invece non sono mancati, nonostante la forte pressione e l'ottima disposizione delle ragazze di Piovani.

LA RIPRESA

Il campionato adesso resta fermo e riprenderà domenica 20 febbraio con la 16ª giornata, mentre le uniche squadre cadette a scendere in campo domenica saranno Cortefranca e Pink Bari per recuperare la terza di ritorno. Il calendario, almeno stando alla carta, dovrebbe ripartire dal big match fra Como e Brescia, anche se con alte probabilità la partitissima verrà posticipata a data da destinarsi per l'impegno di alcune ragazze con le rispettive nazionali. Meglio così. Quarantene ed inattività non avrebbero garantito le condizioni ottimali per uno spettacolo valevole il campionato degno di questo nome. Le finestre per recuperare anche di domenica difatti non mancheranno, con la speranza ovviamente che la situazione di classifica nel mentre non si stravolga.

L'AFFILIAZIONE

Intanto si allarga la proposta per quanto riguarda l'ambizioso programma di affiliazioni e così, dopo i «Punto Brescia» aperti a Sirmione e Prevalle, adesso anche la ridente cittadina di Toscolano Maderno e il suo club entreranno in collaborazione con il prestigioso club bicampione d'Italia, il tutto col vivo benestare della sindaca Delia Maria Castellini (al centro nella foto in basso). «Sono molto felice di poter accogliere – le parole di Clara Gorno, presidente Bcf - il Toscolano Maderno all’interno di questo nostro percorso. Sono certa che sarà una bellissima esperienza, soprattutto per le bambine e ragazze della zona che così potranno avere a disposizione una realtà importante e qualificata per fare sport in sicurezza e stare insieme».

LEGGI ANCHE IL COMUNICATO UFFICIALE SUL SITO DELLE LEONESSE

Le fa eco il direttore generale Pietro Sbaraini: «Vale la pena ricordare che il progetto dei Punto Brescia ha una peculiarità unica: le bambine e le ragazze che vorranno iniziare questo percorso presso il Toscolano Maderno saranno tesserate Brescia Calcio Femminile. Potrebbe sembrare un dettaglio di poco conto, ma posso assicurare che non è così. Abbiamo già praticamente raddoppiato i numeri delle tesserate rispetto alla scorsa stagione grazie alle iscritte nei Punto Brescia di Sirmione e Prevalle, ora partiamo con Toscolano Maderno e mi unisco ai ringraziamenti fatti dalla presidente Gorno agli amici della società sportiva e alla Sindaca Castellini per la meravigliosa e fattiva collaborazione».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400