Cerca

Grosseto-Giana Serie C: Magrini e Brevi si dividono la posta in palio, Montesano non basta per continuare la striscia

Oscar Brevi
Finisce in parità il match tra Grosseto e Giana, con le due compagini che si dividono la posta in palio accontentandosi di un punto per parte. I toscani guidati da Magrini si avvicinano così all'obiettivo stagionale che è quello della salvezza, ma con un occhio anche ai playoff, che ora distano solo 3 punti. I ragazzi di Gorgonzola invece, guidati da Brevi, non riescono a reggere il vantaggio inziale, e nel secondo tempo vengono raggiunti dagli ospiti. I biancazzurri al momento occupano l'ultima piazza dei playout, a un solo punto di distanza dalla salvezza diretta in una classifica molto corta e con tante squadre in pochi punti. I padroni di casa sono una delle rivelazioni di questo campionato. Pur essendo una squadra debuttante non hanno mai dovuto guardarsi le spalle, consolidandosi a metà classifica e senza rientrare mai nella zona playout. Il Grosseto di Magrini per la sfida contro la Giana può contare su alcuni recuperi importanti come il rientro di capitan Ciolli reduce da infortunio, l’ex centrocampista biancazzurro Piccoli, squalificato a Novara, e infine l’importante ritorno del difensore albanese Kraja, recentemente impegnato con la nazionale Under 21. Molte però sono anche le assenze per i grifoni, con gli infortunati Gorelli, Scaffidi e Moscati, e gli squalificati, la punta Russo e il mediano Cretella. Ruolino di marcia non eclatante per i toscani, che nelle ultime 6 giornate hanno raccolto solamente 6 punti, e sono reduci da una pesante sconfitta contro il Novara, maturata negli ultimissimi minuti di gioco. Dall’altra parte, per la sponda Giana, si tratta di una squadra che ha cominciato la stagione con qualche problema, ma che alla lunga sta recuperando terreno per giungere all’obiettivo della salvezza diretta, senza passare dai playout. I ragazzi del tecnico Brevi, stanno marciando uniti verso questo unico scopo, e i risultati parlano per loro: 4 vittorie nelle ultime 4 partite. La compagine di Gorgonzola è reduce da una incredibile vittoria nel derby contro il Renate, e di sicuro si dimostrerà combattiva e determinata a portare a casa i 3 punti. Minimo sforzo. Primo tempo che comincia in modo vivace e scoppiettante, per terminare invece con un ritmo molto più blando e statico. Le due squadre si affrontano mettendo in mostra un bel calcio, rapido e pulito. La prima occasione del match è per i toscani in maglia rossa, quando al 6' Acerbis risponde presente sul colpo di testa di capitan Ciolli dopo un calcio d'angolo insidioso. Gli ospiti invece ci mettono qualche minuto di più per carburare e rendersi pericolosi, riuscendo a trasformare la prima occasione in gol. Al 15' è Greselin a saltare un avversario con un tunnel da capogiro, prima di essere steso e guadagnare una punizione dai 30 metri. Sul calcio da fermo si presenta Dalla Bona che pennella un traversone perfetto su cui si avventa Montesano, lasciato colpevolmente solo dentro l'area. Il 24 di Gorgonzola risponde presente e trasforma il colpo di testa dando il vantaggio momentaneo ai suoi. Dopo il gol del vantaggio la Giana decide di lasciare la manovra agli avversari, ma il Grosseto non riesce a rendersi pericoloso come vorrebbe e le poche occasioni create si distinguono per imprecisioni e poca lucidità. Il Grosseto prova a fare leva sulla velocità di Galligani e l'intraprendenza di Merola, ma la difesa della Giana è abile e pronta ad allontanare le offensive avversarie. Sarà proprio l'11 toscano l'uomo più pericoloso dei grifoni, infatti al 39' si mette in proprio sulla fascia destra e dopo aver saltato un paio di avversari conclude violentemente in porta dal limite dell'area, non andando lontano dal bersaglio grosso. La reazione della Giana arriva poco dopo, al 42', quando Corti scappa sulla fascia destra e nessuno riesce a prenderlo, entra in area e calcia, ma Chiorra sforna una bella parata e sigilla il risultato. Si va al riposo sul risultato di 1-0 in favore della Giana, che ha trovato il vantaggio su calcio piazzato dopo 15' di gioco. Pari e patta. Secondo tempo che inizia nella stessa maniera in cui era terminato il primo, con una Giana attendista e pronta a far male in ripartenza. La prima occasione è proprio per la compagine di Gorgonzola che al 5' guadagna una punizione dal limite dell'area. Sul punto di battuta si presenta ancora una volta Dalla bona, che questa volta calcia in porta col destro, ma Chiorra, nonostante un effetto strano del pallone, smanaccia in calcio d'angolo. Ancora gli ospiti a rendersi pericolosi, ma gli uomini di Brevi devono fare i conti con un super Chiorra, che al 13' effettua una grande parata su un tiro di Zugaro dal limite dell'area. Nel frattempo il Grosseto continua ad avere il pallino del gioco e a cercare spazi per bucare la retroguardia ospite, che si dimostra però molto solida. Solo una gran giocata può risolvere la partita e allora chi se non Galligani, il migliore in campo, prova con insistenza a trovare il pareggio. Prima al 20' prova a segnare con una punizione di seconda dai 30 metri, lasciando partire una gran botta su cui Acerbis rimane immobile, ma il pallone esce di poco a lato. Poi al 31' i suoi sforzi e quelli del Grosseto vengono ripagati, Galligani riceve il pallone al limite dell'area, dove pressato da un difensore, effettua una sterzata quasi cestistica con cui lascia l'avversario sul posto prima di depositare il pallone nell'angolino basso a destra. Questo gol riequilibra i conti, e nei restanti 15' di partita succede poco altro, con le 2 squadre che sembrano quasi accontentarsi di 1 punto per parte. Adesso il Grosseto è sempre più vicino alla salvezza, mentre la Giana resta nel limbo e interrompe la sua striscia di vittorie consecutive, ma con la consapevolezza di aver guadagnato un buon punto su un campo ostico.    

IL TABELLINO

    GROSSETO-GIANA 1-1 RETI: 15' Montesano (GE), 31' st Galligani (GR). GROSSETO (4-3-2-1): Chiorra 6, Raimo 6, Polidori 5, Ciolli 6 (23' st Simeoni 6), Campeol 5 (23' st Giannò 6), Sersanti 5.5, Vrdoljak 5.5, Piccoli 5 (14' st Kraja 6.5), Sicurella 5.5 (40' st Fratini sv), Galligani 7.5, Merola 6.5. A disp. Barosi, Fregoli, Gorelli, Consonni, Gafà, Bifini. All. Magrini 6.5. GIANA (3-5-2): Acerbis 6, Marchetti 6.5, Bonalumi 6, Montesano 7, Madonna 5.5, Pinto 6, Dalla Bona 6.5 (33' st Capano sv), Greselin 6 (1' st Zugaro 5.5), Perico 6 (44' st Barazzetta sv), Corti 6 (35' st D'Ausilio sv), Perna 6 (35' st Ferrario sv). A disp. D'Aniello, Finardi, Rossini, Benatti, De Maria, Pirola, Ruocco. All. Brevi 6.5. ARBITRO: Scarpa di Collegno 6.5. COLLABORATORI: Catani, Di Maio, Di Francesco. AMMONITI: Greselin (GE), Vrdoljak (GR), Polidori (GR).    

LE PAGELLE

    GROSSETO Chiorra 6 Concorso di colpa in occasione del gol. La difesa lascia l'uomo libero, ma lui probabilmente sarebbe potuto uscire. Si riscatta con la super parata su Corti, tenendo il risultato inchiodato sull'1-0. Raimo 6 Sulla fascia destra è una scheggia. Molto spesso crea apprensione nella difesa della Giana con le sue accelerazioni devastanti. Quando arriva sul fondo effettua buoni cross, che però non sortiscono grandi effetti. Polidori 5 Soffre e non poco l'intraprendenza avversaria. Si fa saltare molto spesso in velocità, e Corti spesso lo punta con facilità. Ciolli 6 Il rientro del capitano è stato importante. Garantisce solidità e compattezza, ma sul gol subito ci sono anche le sue colpe, anche se la prova resta sufficiente. 23' st Simeoni 6 Entra bene in partita subendo poco e niente. Fa il suo senza sbavature, con la convinzione e la determinazione giuste. Campeol 5 Non entra in partita, risultando sterile e molle. In campo sembra spaesato e quando ha il pallone tra i piedi sembra non sapere come comportarsi. Logica la sostituzione. 23' st Giannò 6 Buon ingressi in campo, dove si fa apprezzare per il suo spirito di sacrificio. Lotta e combatte su ogni pallone senza mai mollare Sersanti 5.5 Buona mentalità, si vede che affronta la partita con il piglio giusto ma purtroppo gli manca un pizzico di lucidità per essere più incisivo. Troppo spesso sembra avere paura di tenere il pallone tra i piedi e forza la giocata. Vrdoljak 5.5 Fuori partita e poco coinvolto. Non riesce a farsi notare in mezzo al campo. Sembra nervoso e poco sul pezzo, commettendo falli inutili e toccando pochi palloni. Piccoli 5 Prestazione insufficiente. Impreciso e poco vivace, i pochi palloni che passano dai suoi piedi li smista male, commettendo errori basilari nell'effettuare anche passaggi semplici. 14' st Kraja 6.5 Entra e cambia la partita. Diventa il faro del centrocampo e il collante tra attacco centrocampo, collegando le due fasi e rendendosi anche pericoloso di tanto in tanto. Sicurella 5.5 Fa il compitino senza rendersi mai veramente pericoloso. Viene spesso incontro ai centrocampisti per farsi dare il pallone, ma quasi sempre sceglie di riscaricare il pallone indietro piuttosto che provare la giocata Galligani 7.5 Sicuramente il migliore dei suoi per distacco. Riesce a rendersi sempre pericoloso grazie alla sua grandissima velocità. Quando ha il pallone tra i piedi può succedere di tutto, ma troppo spesso i compagni non lo seguono. Merola 6.5 Grande intesa con Galligani, con cui si trova con estrema facilità. Dai suoi piedi nasce sempre qualcosa di buono, e per questo la difesa avversaria cerca di blindarlo come può. All. Magrini 6.5 Un buon punto ottenuto tramite una rimonta. L'obiettivo salvezza adesso è sempre più vicino. Bravo nel trasmettere il giusto atteggiamento alla sua squadra.   GIANA Acerbis 6 Sicurezza tra i pali. Organizza tutta la difesa con la sua voce, e sulle uscite alte è sempre puntuale. Incolpevole sul gol. Marchetti 6.5 Dà vita ad uno scontro avvincente con Galligani. Lui molto fisico, l'avversario più esile ma velocissimo. Un duello che va avanti per tutta la partita, che è stato molto apprezzato e da cui escono tutti e due bene. Bonalumi 6 Prestazione sufficiente, in cui si destreggia bene nella difesa. Pulito e ordinato non commette errori, dimostrando di essere presente e sicuro di sè. Montesano 7 Ha il grande merito di trasformare la prima occasione della Giana in gol. Bravo a sfruttare l'occasione e altrettanto pronto a chiudere gli spazi in difesa. Dalle sue parti si fa fatica a passare. Madonna 5.5 Per larghi tartti si assenta dalla partita, sparendo metaforicamente dal campo. Non è il solito, sarà incappato in una giornata poco fortunata. Pinto 6 Piede vellutato e giocate di qualità per servire i compagni. Lotta molto a centrocampo dove viene spesso ingabbiato dagli avversari, di modo che abbia poco spazio per esprimere al meglio le sue potenzialità. Dalla Bona 6.5 A centrocampo fa la voce grossa, grazie al suo tempismo e alla sua tecnica. Pregevole la punzione del gol, con cui ha servito un pallone delizioso a Montesano. (33' st Capano sv). Greselin 6 Buona prestazione, in cui sfoggia le sue abilità tecniche. Grande tunnel con cui guadagna la punizione da cui nasce il gol, poi partita di semplice amministrazione. Peccato per l'ammonizione che ha portato Brevi a sostituirlo a inizio secondo tempo per non rischiare. 1' st Zugaro 5.5 Non riesce a incidere nel match come avrebbe potuto. la sua velocità è un'arma letale ma non riesce a scatenarsi, dimostrandosi statico e poco sul pezzo. Perico 6 Spinge poco rispetto al solito ma disputa comunque una buona gara. Non soffre quasi mai sulla sua fascia, facendosi trovare sempre pronto e dipsonibile. (44' st Barazzetta sv). Corti 6 Punta di peso che fa molto lavoro sporco. Non si tira indietro quando c'è da fare a sportellate e adora il contatto fisico. Fondamentale nel far salire la squadra e nell'accelerare spesso sulle fasce. (35' st D'Ausilio sv). Perna 6 Prova di grande sacrificio in cui si batte vivacemente per la causa. Non segna e non gli capitano molte occasioni, ma in queste partite bisogna mettere l'obiettivo della squadra davanti a tutto. (35' st Ferrario sv). All. Brevi 6.5 Un punto che interrompe la striscia di vittorie ma non quanto di buono espresso dalla sua squadra. La partita è bloccata e cerca di imostarla sulla fase difensiva. Il gol nasce da una grande giocata avversaria, su cui nessuno avrebbe potuto fare molto.     ARBITRO Scarpa di Collegno 6.5 Arbitra un incontro rispettoso e non mette spesso mano ai cartellini. Giusta interpretazione degli episodi e nessun errore da parte sua e degli assistenti.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400