Cerca

Piacenza-Juventus U23 Serie C: al «Garilli» la ribaltano Corbari e Maio, Zauli si consola con i play off

Zauli
Trentottesima e ultima giornata quella in scena al Garilli tra Piacenza e Juventus U23. Per i Lupi manca all'appello Pedone, squalificato dopo il quinto giallo procuratosi nella scorsa giornata. Tra i convocati dei biancorossi fa capolino un 2004 della primavera, ovvero Boffini; per lui è la prima convocazione tra i professionisti quest'anno. Zauli, invece, è costretto ad effettuare una prima sostituzione al 36' su Alcibiade che accusa un problema al polpaccio. Per lui entra Leone che chiude il primo tempo con un tiro pressoché buono, ma alto sopra la traversa. Il Piacenza, inoltre, non scende in campo con la solita difesa a tre. Scazzola schiera un 4-4-2 che non si vedeva, forse, dai tempi di Manzo. Il match si sblocca dopo appena nove minuti con una bella azione della Juventus: Anzolin crossa sul secondo palo per Troiano che infila la zucca e realizza il primo gol della partita. Dopo cinque minuti Scorza si procura un rigore che viene poi trasformato dal "mago" Cesarini. Questo era il suo terzo gol realizzato dal dischetto, per un totale di quattro reti all'attivo. Al ventesimo è invece Fagioli a trasformare il penalty ottenuto dal fallo commesso in area da Simonetti. Nel secondo tempo assistiamo ad una svolta del Piacenza. I Lupi, infatti, scendono in campo con forze nuove donando alla gara quella vivacità che era mancata sul finale di primo tempo. Grazie ai cambi del tecnico biancorosso, il Piacenza riaggancia i ragazzi di Zauli con un tiro dalla potenza stupefacente del sinistro di Corbari. A sette minuti dalla fine, fa il suo esordio tra i professionisti Boffini. Il classe 2004 è il più giovane ad aver esordito tra i "Pro" in questa stagione. Al Garilli non è mai detta l'ultima. La dimostrazione che questo sia un campo ostico per chiunque lo calchi arriva al 49' del secondo tempo. Il Piacenza porta a casa tre punti soddisfacenti grazie al terzo gol realizzato dalla capocciata di Maio sul cross di Gonzi. Il match tra le due formazioni si conclude quindi 3-2 a favore dei padroni di casa. Tutto in 20 minuti. Il match si apre con un ispirato Lamesta che trova già nei primi minuti due spunti interessanti che lo portano a due passi da Israel. Il classe 2000 nell'ultima partita di stagione parte titolare, dopo essersi portato a casa il record di giocatore più subentrato del girone. I bianconeri non tardano a fare capolino. Anzi, mettono in cassaforte già un primo importante gol. Al 9' un cross dalla destra di Anzolin pesca in area uno smarcatissimo Troiano che, di testa, infila Libertazzi e realizza il gol dello 0-1. L'atmosfera è ancora calda, nonostante il forte vento che si è alzato nella provincia emiliana. Infatti, poco dopo Scorza subisce fallo in area di rigore e si guadagna il penalty per i biancorossi. Sul dischetto si presenta il solito Cesarini che prima si fa parare il rigore da Israel, poi sulla ribattuta non perdona e porta i Lupi sull'1-1. Ai ragazzi di Scazzola piace mettersi in difficoltà. Qualche minuto dopo il pareggio, Simonetti restituisce il favore ai bianconeri e commette fallo in area. Il rigore lo batte Fagioli sparando una botta alla destra di Libertazzi. Piacentino sulla carta ma bianconero di fatto, Fagioli riporta i suoi a una lunghezza di distanza dai padroni di casa. Per il resto della prima frazione è la Juventus ad avere un po' più di possesso palla, anche se i biancorossi non smettono di cercare le giuste trame per arrivare al gol. A poco meno di dieci minuti dalla fine, Alcibiade è costretto a lasciare il terreno di gioco pare per un problema muscolare al polpaccio. Per lui entra Leone, il quale sull'ultimo giro d'orologio si rende pericoloso con un tiro che, però, finisce alto sopra la traversa. La prima metà di gara si conclude così 1-2. I Lupi la ribaltano. Nella seconda frazione le due formazioni scendono in campo invariate. L'amministrazione regna sovrana, salvo qualche spunto di Lamesta e Gonzi. Scoccato il ventesimo minuto, arriva una gran botta da fuori di Suljic. Pallone fuori di poco, ma tiro potenzialmente pericolosissimo per Israel. La musica cambia dopo il secondo doppio cambio di Scazzola quando, al posto di Battistini e Scorza, entrano Visconti e Maio. I due offrono velocità e vivacità al gioco, tanto da far tribolare parecchio la difesa bianconera. In questa fase positiva del match, arriva il gol del pareggio con il subentrato Corbari. Su un pallone vagante nei dintorni dell'area, lui piomba sulla sfera e calcia di prima intenzione di mancino un cannone che spiazza l'estremo difensore bianconero e finisce in porta. Il classe '94 realizza il suo nono gol in stagione e riporta la parità al Garilli. A sette minuti più recupero dalla fine, fa il suo esordio in biancorosso tra i professionisti il 2004 Boffini. Con il passare dei minuti, la Juventus cala d'intensità facendosi schiacciare dalla spinta dei Lupi. Se è vero quanto appena detto, sullo scadere del quarto minuto di recupero arriva il terzo gol del Piacenza ancora una volta per merito dei subentrati. Dalla destra arriva un cross perfetto di Gonzi, che ha giocato bene tutta la partita, intercettato da una zuccata perfetta di Maio. L'ultima partita del Piacenza si conclude quindi con tre punti che riconfermano il buon lavoro svolto dal tecnico Scazzola.    

IL TABELLINO

    PIACENZA- JUVENTUS U23 RETI: 9' Troiano (J), 14' Cesarini (P) (rig), 21' Fagioli (J) (rig), 23' st Corbari (P), 49' st Maio (P) PIACENZA (4-4-2): Libertazzi 6; Simonetti 5.5, Tafa 6, Battistini 5.5 (12' st Visconti 6.5), Marchi 6; Lamesta 6 (38' st Boffini sv), Suljic 6 (20' st Corbari 7.5), Palma 6, Gonzi 7; Scorza 6.5 (20' st Maio 8), Cesarini 7 (12' st De Respinis 6). A disposizione: Stucchi, Martimbianco, Miceli, Saputo, Galazzi, Babbi, Cannistrà. All.: Scazzola 8 JUVENTUS U23 (4-3-2-1): Israel 6; Barbieri 5.5, Alcibiade 6 (36' Leone 6), Gozzi 6, Anzolin 6.5 (36' st Oliveira sv); Troiano 7 (36' st Cerri sv), Peeters 6, Fagioli 6.5; Akè 6, Compagnon 6 (24' st Da Graca 6); Dabo 6. A disposizione: Nocchi, Bucosse, Boloca, Ranocchia, Brighenti, Di Pardo, Delli Carri, Omic. All.: Zauli 6. ARBITRO: Taricone di Perugia 6.5. ASSISTENTI: Cortese di Palermo e Poma di Trapani. AMMONITI: 26' Tafa (P), 26' st Barbieri (J), 32' st Peeters (J).    

LE PAGELLE

    PIACENZA Libertazzi 6 Chiamato in causa non tantissime volte, ma quando serve lui c'è. Riprende fiducia con il rettangolo verde e con la sua linea difensiva. Simonetti 5.5 Tornato nel suo ruolo originario, gioca una buona partita ma con un'unica sbavatura: la marcatura saltata su Troiano sul primo gol dei bianconeri. Tafa 6 Ottima prestazione del difensore biancorosso che, come al solito, non cala mai d'intensità. Battistini 5.5 Peccato per il fallo da rigore commesso poco dopo aver pareggiato nel primo tempo. Per il resto non gioca male. 12' st Visconti 6.5 Entra con personalità e dona quel giusto sprint al match, rendendolo più piccante sul finale. Marchi 6 Solita prestazione egregia dell'esterno di difesa. Per lui niente da dire, sufficiente su ogni fronte. Lamesta 6 Ha le giuste idee e la giusta velocità, peccato che poi si perda sempre all'ultimo. Ha bisogno di perfezionare questo aspetto, poi il suo attivo sarà sicuramwnte più pesante.(38' st Boffini sv). Suljic 6 Trova le giuste trame per i compagni e tenta anche un tiro ben riuscito. Sul finale ha un po' le pile scariche e per questo Scazzola interviene. 20' st Corbari 7.5 Magistrale e autoritario. Decide quasi sempre le partite anche senza giocare al meglio. Nono gol stagionale che fa capire tanto della qualità di questo ragazzo. Palma 6 Una buona partita che rimane costante fino alla fine. Rendimento sufficiente che permette ai suoi compagni di esprimersi al meglio. Gonzi 7 Ci prova durante tutta la partita e, finalmente, sul finale riesce a confezionare l'assist giusto per Maio. Buone l'intensità e l'intenzione, connotate dalla solita cattiveria agonistica che lo contraddistingue. Scorza 6.5 Una buona prestazione anche per lui che oggi parte dal primo minuto al fianco di Cesarini. Guadagna anche il rigore che porta al primo pareggio tra Piacenza e Juventus. 20' st Maio 8 Chiude la partita in maniera favolosa e gratificante non solo per lui, ma anche per tutto il Piacenza e per il tecnico che ha creduto in lui schierandolo come un asso a fine partita. Cesarini 7 Bravo nel rimanere lucido sulla ribattuta del rigore. Il suo modo di proteggere la sfera permette a tutto il Piacenza di avanzare alto sulla trequarti avversaria. 12' st De Respinis 6 Anche lui entra e dà il suo contributo in maniera sufficiente. All. Scazzola 8 Un girone di ritorno da incorniciare per l'allenatore dei Lupi che ha regalato la salvezza al Piacenza con una giornata d'anticipo e che chiude la stagione con una bellissima vittoria contro la Juventus U23. JUVENTUS U23 Israel 6 Sui tre gol del Piacenza non può fare granché. Ha parato il rigore a Cesarini che, però, poi lo ha castigato sulla ribattuta. Barbieri 5.5 Peccato perché aveva fatto bene fino all'ultimo. Poi Maio gli sbuca alle spalle e realizza il 3-2 definitivo. Avrebbe dovuto aspettarselo, perché gli ronzava attorno da un po'. Alcibiade 6 Il suo problema fisico ha significato molto per la difesa bianconera. Dopo la sua uscita, infatti, è parsa molto più labile e disorientata. 36' Leone 6 Fa un buon match, senza incidere chissà quanto. Sulla falsa riga dei compagni, anche lui si porta a casa una sufficienza. Gozzi 6 Prova a prendere lui in mano le redini della difesa dopo l'uscita di Alcibiade. Per buona parte ci riesce, grazie anche alla sua importante fisicità. Anzolin 6.5 Confeziona l'assist perfetto per la testa di Troiano ad inizio primo tempo. Poi rimane costante durante tutto il match, senza commettere alcuna sbavatura.(36' st Oliveira sv). Troiano 7 Se dovessimo descriverlo solo con due parole, diremmo determinante e fondamentale. Ha un'esperienza e una personalità che fanno da collante per questa Juventus (36' st Cerri sv). Peeters 6 Non tanto luminoso come suo solito. Oggi pare leggermente annichilito. Forse il vento piacentino gli avrà scombussolato le idee. Fagioli 6.5 Trasforma il rigore nel primo tempo. Poi, a parte qualche spunto interessante che trova per mandare i compagni in porta, non emerge chissà quanto. Potrebbe e dovrebbe fare di più. Akè 6 Anche lui si porta a casa un sei politico, di quelli che sanno di insensato. Non dà una spinta particolare ai compagni come in teoria dovrebbe fare. Infatti, nel secondo tempo non si fa vedere molto. Compagnon 6 Prestazione sulla falsa riga di tutti i bianconeri, non al meglio ma neanche da criticare. 24' st Da Graca 6 Fa dei buoni venti minuti senza però trovare il supporto dei compagni. Dabo 6 Lasciato solo là davanti per la maggior parte del tempo, non riceve una grande mole di palloni per potersi adoperare al meglio. Ha anche una chance nel primo tempo che, però, spreca nell'uno contro uno con Libertazzi nel quale quest'ultimo ha la meglio. All. Zauli 6 Una sconfitta arrivata all'ultimo giro d'orologio e che non pesa chissà quanto sul finale di stagione che dovrà affrontare la Juventus U23. Certo, perdere non fa piacere a nessuno e scendere di una posizione tantomeno, però possiamo dire che tornare a casa con il sacco vuoto oggi non è poi così da amaro in bocca.   ARBITRO Taricone di Perugia 6.5 Tiene un metro di giudizio costante durante tutto il corso della gara e fischia due rigori netti. Un arbitraggio sopra la media di quelli visti fino a qui.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400