Cerca

Real Meda-Spezia Serie C Femminile: goleada delle ragazze di D'Onofrio, apre Badiali, chiude Zorzetto

real meda spezia serie c femminile
Finisce 6-0 per le padroni di casa la sfida domenicale tra Real Meda e Spezia, sotto un sole estivo, al termine di una partita dove si è resa evidente la grande differenza di punti in classifica. Fin dal primo minuto, la squadra di D'Onofrio ha dimostrato di avere più idee, più qualità e di riuscire, in pochi passaggi, ad arrivare nell'area di rigore avversaria, mettendo in evidente difficoltà la difesa della squadra ospite. Lo Spezia, da parte sua, ha dato il tutto per tutto dal primo all'ultimo minuto, tirando fuori grinta e tanto coraggio, ma ha dovuto arrendersi alla maggiore forza delle avversarie. L'uscita dal campo deve però essere a testa alta, perché poche squadre sarebbero state in grado di entrare in campo con la voglia di mettere in difficoltà un Real Meda che è apparso con le fiamme negli occhi e carico a molla per portarsi a casa i tre punti, importantissimi viste le difficoltà nelle ultime partite. Le danze vengono aperte subito al 9' da Badiali, con un gol sugli sviluppi di un corner, e si chiudono al 45' del secondo tempo, con un'incornata di testa di Zorzetto, che vale la doppietta personale. In tutti i minuti di gioco, la squadra di casa è stata dominante, riuscendo ad imporre i propri ritmi, alti, ma sprecando anche tantissime occasioni, soprattutto sotto porta, con errori di Ferrario e della stessa Zorzetto. Le ospiti hanno provato più volte la ripartenza, soprattutto affidandosi ad una grintosissima Buono, senza però riuscire a trovare una rete che avrebbe potuto dar loro fiducia e, forse, provare a modificare le sorti della partita. Il risultato finale rispecchia, però, lo svolgersi del match, premiando la squadra che ha, senza ombra di dubbio, meritato la vittoria, dimostrando la sua oggettiva superiorità. La sblocca Badiali, raddoppia Ferrario. Il primo tempo inizia con il Real Meda che prende in mano le redini della partita e si lancia subito in attacco, cercando la rete del vantaggio già nei primi minuti. Lo Spezia chiude con precisione e si affida alle ripartenze. Al 9' le ragazze di D'Onofrio si portano subito in vantaggio, con un tiro di prima di Badiali, sugli sviluppi di un corner. La rete dà fiducia alla squadra di casa, che riparte con maggiori idee su come incidere nuovamente e aumentare il margine di vantaggio, mentre lo Spezia continua a chiudersi dietro, ma riesce a salire a poco a poco col passare dei minuti di gioco. La partita si fa divertente, con azioni e ripartenze da ambo le parti, affidandosi da un lato alla velocità di Ferrario e Arosio, dall'altra a quella di Buono e Zambon. Verso la metà della prima frazione di gara, il divario tecnico tra le due squadre si fa più evidente, con il Real Meda che prende completamente il controllo della gara e inizia ad attaccare in modo sempre più insistito, avvicinandosi in più occasioni alla seconda rete. Al 41', dopo la prima vera azione dello Spezia, Badiali serve Ferrario con una bellissima palla in profondità, la quale, a tu per tu con Gatti, non sbaglia e segna il raddoppio per le sue. La stessa Ferrario si avvicina alla doppietta personale in altre due occasioni nel finale di tempo, prima colpendo la traversa su punizione, poi sbagliando a due passi dalla porta. I primi 45' di gioco si chiudono con un dominio della squadra di casa e un risultato che poteva essere anche più ampio, ma uno Spezia che, con grinta, riesce a lottare per la maglia. Doppietta Zorzetto, super Moroni. Lo spartito di inizio della seconda metà di gara è lo stesso su cui si era concluso il primo: Real Meda in attacco, Spezia bene in chiusura. Dopo i primissimi minuti, però, la squadra di casa sembra abbassare un attimo i ritmi e le ragazze di Erbetta ne approfittano subito, riuscendo a portare a casa le prime vere azioni della gara, senza però trovare la rete per diminuire lo svantaggio. L'occasione più pericolosa è sicuramente un tiro di Buono, su passaggio di Zambon, a cui si oppone un'ottima e attenta Ripamonti, che mantiene la porta inviolata. Le ragazze in maglia nera dilagano poi con un autogol su corner al 12' e, tre minuti dopo, con una precisa conclusione di Zorzetto, su bellissimo assist della subentrata Moroni. Le quattro reti di svantaggio sembrano far accusare il colpo allo Spezia, che appare sempre più in difficoltà, soprattutto in fase di uscita, ma cerca comunque di tenere duro. Il Real Meda riesce a gestire la partita con sempre maggiore tranquillità, continuando comunque a risultare molto pericolosa in area di rigore. Prima del triplice fischio, infatti, arriva al poker con un fantastico gol di Moroni, da fuori area, e un colpo di testa della solita Zorzetto, che si fa trovare prontissima su un altro preciso cross di una ispirata Moroni. Il match si conclude così con un'enorme vittoria della squadra di casa, al termine di una partita giocata perfettamente, ma uno Spezia che ha dimostrato di non mollare fino al fischio finale, meritando enormi applausi.  

IL TABELLINO

Real Meda-Spezia 6-0 RETI: 9' Badiali (R), 41' Ferrario (R), 12' st aut. Ciampi (S), 15' st Zorzetto (R), 30' st Moroni (R), 45' st Zorzetto (R). REAL MEDA (4-3-3): Ripamonti 6.5, Podda 5.5 (25' st Turati 6), Rovelli Chiara 6.5, Beretta 6, Roma 7, Ragone 6.5, Badiali 7 (11' st Moroni 7.5), Longo 6 (13' st Mariani 6), Ferrario 7 (30' st Porro 6), Arosio 6.5 (35' st Venturi sv), Zorzetto 7.5. A disp. Alluvi, Pizzi, Tiziani. All. D'onofrio 7. SPEZIA (4-4-2): Gatti 6 (35' st Rossi Clara sv), Brizzi 6, Desmerean 6.5, Predoi 6, Berti 5.5, Zambon 5.5, Buono 7 (25' st Paita 5.5), Duce 6 (28' st Vergassola sv), Lapperier 5.5, Ciampi 5.5 (32' st Maarouf sv), Lombardo 5.5 (1' st Nari 5.5). All. Erbetta 6. ARBITRO: Sciolti Gabriele di Lecce 6.5. ASSISTENTI: Padovano Cesare di Pavia e Finocchio Davide di Milano.

LE PAGELLE

REAL MEDA Ripamonti 6.5 Sempre pronta e attenta le poche volte in cui viene chiamata in causa, trasmette sicurezza e richiama le compagne all'attenzione quando sembrano distrarsi. Un estremo difensore coi fiocchi, quando gioca si vede la differenza. Podda 5.5 Nel primo tempo commette troppi errori, alcuni ingenui, e non appare completamente in partita. Cresce col passare dei minuti, iniziando anche a spingere maggiormente e riuscendo a portare a casa un paio di sovrapposizioni. Ha personalità, non è semplicemente la sua miglior partita. 25' st Turati 6 Entra con personalità, grinta e tanta voglia di fare. Rovelli 6.5 Un gigante in difesa, riesce a chiudere qualsiasi spunto delle avversarie. Non arretra di un centimetro, rimedia alle poche sbavature che commette e continua a crescere nei novanta minuti. Con lei in difesa, si può sicuramente stare più tranquilli. Beretta 6 Come la compagna sopra riportata, gioca con precisione e grande esperienza, riuscendo a condurre una partita da magistrale. Appare un poco frenata nelle uscite palla al piede, forse per indicazioni tecniche oppure perché si sente più sicura a rimanere nelle retrovie. Roma 7 Che partita! Un treno, macina metri sulla fascia e si fa trovare dappertutto, supportando le compagne sia in fase difensiva che offensiva. Le riesce sempre la giocata e la ripartenza e chiude difensivamente ogni volta che viene chiamata in causa. Ragone 6.5 La partita che ci si aspetta da una giocatrice con la sua qualità. Fa suo il centrocampo e gioca con grande intelligenza, evitando di risultare scorretta ma facendo capire chi comanda. Cala verso il finale di gara, forse per stanchezza fisica, ma si porta a casa comunque la maggioranza dei contrasti. Badiali 7 Grande prestazione di grinta e personalità, riuscendo a lasciare la sua impronta prima con un gol e poi con un grande assist. Una giocatrice che è bello vedere giocare per l'impegno che ci mette su ogni pallone. Esce per un problema al polpaccio e speriamo non sia nulla di grave, perché è in grande condizione. 11' st Moroni 7.5 Finalmente vedo la gara che mi aspetto da una giocatrice con i suoi piedi e la sua immensa qualità. Entra dalla panchina, ma con la voglia di dimostrare qualcosa, non si sa se agli altri o a se stessa, e ci riesce perfettamente. Un gol meraviglioso, due assist al bacio, tanta corsa e voglia di fare. Così è proprio bello vederla giocare. Longo 6 Un po' anonima in una partita in cui tanti nomi sono giunti alla ribalta. Fa il suo, ci mette coraggio, ma appare un po' frenata e fuori luogo in alcune occasioni. 13' st Mariani 6 Senza infamia e senza lode la sua partita dal suo ingresso, ci prova, ma fatica a concludere la giocata, corre tanto e recupera palloni. Ferrario 7 All'inizio appare un po' sottotono, poi, come sempre, esce la sua velocità e qualità e fa ricredere tutti. Palla al piede è sempre pericolosa, le sue ripartenze sono sempre qualcosa di infermabile. In un paio di occasioni avrebbe potuto essere più precisa sotto porta, ma sa sempre come lasciare il segno (30' st Porro 6). Arosio 6.5 Ha il tiro per fare male, ma oggi non riesce a ferire nessuno, né a centrare la porta. Nonostante questo, una partita condotta con grande personalità, a cui alterna corsa sulla fascia e incursioni al centro (35' st Venturi sv). Zorzetto 7.5 Merita il premio di migliore in campo perché fa tutto quello che dovrebbe fare una nel suo ruolo: tenere alto il pallone e segnare. Torna a casa con una doppietta e la consapevolezza di crescere continuamente con il passare delle partite. Lotta, fa a sportellate e non tira mai indietro il piede. Che carattere! All. D'Onofrio 7 Prepara la squadra nel miglior modo possibile, sapendo di dover portare a casa i tre punti e facendolo alla perfezione. SPEZIA Gatti 6 Sui gol non può nulla, né può provare ad evitarne qualcuno. Si fa trovare pronta in alcune uscite, dovrebbe farsi sentire maggiormente in altre, perché rischia di mettere in difficoltà le sue compagne (35' st Rossi sv). Brizzi 6 Come tutte le altre sue compagne, ci mette grinta e rimane in campo stringendo i denti nonostante il dolore a seguito di un pestone. Per questo coraggio merita la sufficienza, nonostante alcuni errori compiuti nel corso della gara. Desmereani 6.5 In difesa è sicuramente la migliore e gioca con una personalità gigantesca, riuscendo più volte a chiudere avversarie con una qualità ben superiore. E' il difensore che vorrebbe ogni squadra: attenta, grintosa, sempre sul pallone. Chapeau! Predoi 6 Una sufficienza che si merita col passare dei minuti, soprattutto quando, nei minuti finali, sembra essere rimasta l'unica a crederci ancora e a voler provare a trovare la rete, per alzare il morale alla squadra, portando palloni in giro per il campo, senza essere supportata. Berti 5.5 Fatica a contenere le avversarie e compie diverse ingenuità. Qualche volta fermare le avversarie anche in modo poco pulito può servire, ma sembra non avere il coraggio sufficiente per farlo. Zambon 5.5 Un paio di belle giocate mostrano quello che può essere in grado di fare, ma ovviamente la qualità avversaria si fa sentire nella maggior parte delle occasioni e viene spesso fermata con relativa facilità. Corre comunque fino alla fine, senza arrendersi nonostante il grande svantaggio. Buono 7 Un voto di incoraggiamento per una giocatrice che, in più occasioni, è riuscita a mettere da sola in difficoltà un'intera difesa avversaria. Sa usare la sua velocità per sgusciare via tra le maglie avversarie e alcune sue conclusioni avrebbero meritato miglior sorte. Esce dal campo stanchissima e meriterebbe una standing ovation per quello che è stata in grado di far vedere in campo. 25' st Paita 5.5 Entra a match ormai concluso, prova a dire la sua, ma si perde tra le maglie avversarie. Duce 6 Nella prima metà di gara porta a termine delle importanti chiusure, dettate da un ottimo tempo di gioco, poi cala fisicamente nella seconda metà di gara, anche a causa della qualità avversaria. Ci mette sempre personalità fino alla sua uscita dal campo (28' st Vergassola sv). Lapperier 5.5 Appare quella più in difficoltà delle sue per tutta la gara, lasciando ampio spazio alle ripartenze avversarie, che trovano spesso campo libero. Non le si può dire più di tanto, però, perché va ammessa la qualità avversaria e che ha fatto di tutto per provare a fermarla. Ciampi 5.5 Gioca con grinta e tanto impegno, riuscendo a portarsi a casa alcune chiusure. Sfortunata in alcune occasioni, non può molto su altre, perché soffre la velocità delle ragazze in maglia nera (32' st Maarouf sv). Lombardo 5.5 Non appare mai veramente in partita, nonostante provi in tutti i modi a lasciare il segno. Come per tutte le sue compagne, va comunque apprezzato completamente il coraggio con cui è scesa in campo e la voglia di fare. 1' st Nari 5.5 Esattamente come la compagna sopra riportata, entra con voglia di fare, ma si trova davanti delle giganti, che le impediscono qualsiasi giocata. All. Erbetta 6 Quando ti trovi di fronte una squadra superiore sotto tutti i punti di vista, puoi far poco, se non cercare di tornare a casa a testa alta. Le sue ragazze ci riescono completamente, nonostante i tanti gol di scarto. ARBITRO Sciolti di Lecce 6.5 Gestisce la gara con polso e personalità. INTERVISTE POST-PARTITA: All. D'Onofrio, Real Meda: «Avevo chiesto alle ragazze di far vedere la differenza punti che c'è in classifica e credo che il campo lo abbia definito perfettamente. C'è una diversa qualità tra le due squadre e credo si sia visto, anzi, avremmo anche potuto fare più gol. Ho visto qualcosa di buono, ma, come mi sembra ovvio, c'è ancora da lavorare. Alla fine dopo due settimane insieme non puoi chiedere troppo, ma ho visto qualcosa di buono, qualcosa da cui partire per lavorare. Hanno fatto tutto quello che avevo chiesto loro e sono soddisfatto». All. Erbetta, Spezia: «Siamo stati ovviamente in una situazione di difficoltà, ma le ragazze hanno giocato al massimo delle loro possibilità, hanno dato tutto quello che potevano dare, alcune anche più di quello che avevano, e sono riuscite in alcune occasioni a mettere in difficoltà una squadra più forte. Abbiamo provato a giocare comunque e usciamo dal campo sapendo di aver dato tutto. Probabilmente anche il campo in erba o il caldo hanno inciso un po', l'umore adesso è sicuramente basso, ma c'è stata una reazione e questo è importante. Abbiamo costruito in misura maggiore che in passato, abbiamo anche avuto un po' di sfortuna e ci serve un po' di concretezza in più, perché se avessimo segnato sarebbe potuto succedere di tutto dopo. Comunque sono contento del fatto che abbiamo lottato fino alla fine».  
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400