Cerca

Pinerolo-Azalee Serie C Femminile: Magatti show, troppe assenze per le biancoblù

Pinerolo-Azalee
Tra le migliori Azalee viste in questa stagione, un Pinerolo con più di mezza squadra fuori. Il larghissimo 1-7 con cui le ragazze di Paolo Colombo superano le padroni di casa di Vincenzo Chiarenza si può riassumere anche attraverso questi due dati inoppugnabili. Con questo risultato le Azalee agganciano il Campomorone al quinto posto, un solo punto dietro al Pinerolo che vede allontanarsi sempre più il duo Torino Women-Genoa in seconda piazza. Le Azalee la sbloccano presto, dopo appena cinque minuti di gioco c'è il lancio millimetrico di Fabiana Vischi che vede l'inserimento per vie centrali di Laisla Diefenthaeler che non sbaglia davanti a Serale. Nonostante lo svantaggio però il Pinerolo c'è, soprattutto con una strepitosa Francesca Mellano che con un gioco di prestigio lascia sul posto 3 difensori avversari prima di sparare su Migliazza. Poco prima della mezz'ora però, cinque minuti in cui le Azalee segnano tre reti in rapida successione e chiudono i conti. Si scatena soprattutto Caterina Magatti che prima serve un rigore in movimento a Noemi Lettieri, poi trova il gran gol dalla distanza e infine segna al volo il gol del momentaneo 4-0. Prima dell'intervallo ci pensa Gaia Barbini a fissare il risultato sul 5-0 con un'azione personale conclusa saltando anche Serale (autrice comunque di un paio di buoni interventi). Prima parte di ripresa equilibrata, poi è la solita Magatti a rompere gli indugi con l'ennesima azione travolgente dalla destra: 0-6. Subito dopo la numero 11 però si fa male ed è costretta a lasciare il campo ad Alice Coppola. Serale ipnotizza Barbini messa davanti alla porta da un passaggio della neoentrata Coppola, ma poi deve capitolare sul tiro di Vischi. Trova il gol della bandiera, e che gol, Pamela Gueli che dopo aver preso le misure in un paio di occasioni, pesca l'eurogol dalla distanza. Ci sarebbe spazio anche per il secondo gol ma Migliazza para un rigore in pieno recupero a Mellano che se lo era procurato. Pro Sesto, Campomorone, Azalee: questo terzetto risulta ancora indigesto al Pinerolo che così come nel girone di andata ottiene tre sconfitte consecutive. C'è un'altra lista che però ha determinato questa debacle, quella composta da Bianco (bello comunque rivederla tra le convocate), Ceppari, Magnarini, Armitano, Usseglio, Aimetti, Milone e Civalleri, tutte grandi calciatrici che per squalifica o infortuni di lungo e breve corso non sono state a disposizione di Chiarenza. E con Gueli, Graziotto o Mellano a non poter rifiatare mai. Chissà che campionato sarebbe stato per il Pinerolo con tutta la rosa a disposizione. Il Pinerolo ha però la possibilità di tornare a correre anche in classifica con le prossime due partite contro Spezia ed Alessandria, sperando di recuperare qualche giocatrice in più. Prova convincente per le Azalee (anche loro in quanto ad infermeria non scherzano) che hanno il merito di sbloccarla subito e giocare con scioltezza e lucidità. Ora le ultime tre ostiche partite del girone contro Torino Women, Campomorone e Independiente possono essere affrontate con maggior serenità.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400