Cerca

Alessandria-Albinoleffe Serie C: l'uomo della provvidenza è Stanco, grigi in finale

Alessandria
Laddove non arrivano la tecnica e la prestanza fisica arrivano il cuore e l'intelligenza. Tratti che hanno permesso all'Alessandria di evitare i calci di rigore e di guadagnarsi la finalissima play off contro il Padova (andata domenica 13, ritorno giovedì 17). Con l'Albinoleffe il finale è 2-2, sufficiente per passare il turno dopo la vittoria esterna 2-1 dell'andata. Ottima comunque la formazione di Marco Zaffaroni, ha fatto tutto quello che doveva fare nei 90' passando due volte in vantaggio e pareggiando il risultato dell'andata ed è giunta esausta ai supplementari cercando di passare definitivamente nel primo over time. Il colpo non è andato a buon fine e l'esperienza della compagine di Moreno Longo ha fatto così la differenza, nonostante i tempi regolamentari non giocati benissimo. Evviva la praticità dunque. Orgoglio seriano. La partita la deve fare l'Albinoleffe, almeno nei primi minuti. E subito Gelli (eroe del match di Catanzaro) interpreta bene il piano di battaglia mettendo in mezzo un pallone sul quale Prestia anticipa di un soffio l'accorrente Cori. Risposta mandrogna al 6' con un lancio dalle retrovie di Di Gennaro per Arrighini, Canestrelli legge l'azione e cede arretrato per Savini che spara via. Soluzione personale al 12' per Casarini da fuori: palla di non molto oltre la traversa. Il match non decolla in questa sua prima parte ma cambia tutto alle soglie della mezz'ora. Al 27' Manconi prende palla e attacca la porta, avendo 3 avversari attorno a sé cede sulla destra per Cori ma è molto bravo Macchioni ad allungarsi e a mandare via la palla. L'Albinoleffe sale di tono e un minuto dopo Gabbianelli gestisce bene palla dal limite dell'area, palla sul sinistro e gran Botta che fulmina sul palo lontano Pisseri. 0-1. Seriani vicini addirittura al raddoppio al 30' quando con una bella torsione di testa il perticone Cori spedisce di poco sul fondo. L'Alessandria reagisce nell'ultimo spicchio di primo tempo. Al 32' su un cross pericoloso di Mustacchio da destra Savini è costretto a smanacciare in corner. Al 34', invece, corner da destra di Casarini, irrompe a centro area Di Gennaro con il piattone e Savini da campione alza oltre la traversa. Passano altri 2' ed un corner corto di Di Quinzio, battuto di potenza, viene respinto in affanno dalla difesa ospite. L'occasionissima del pari per la squadra di Longo capita al 39': bel taglio in diagonale di Mustacchio per Celia che ha palla sul sinistro in area, ma invece della precisione opta per la forza a non inquadra la porta. Nella ripresa l'Alessandria mette a frutto la supremazia avuta prima dell'intervallo. Da calcio piazzato al 7' Di Quinzio mette in mezzo, torre involontaria di Bruccini per Arrighini che dal limite dell'area e ben piazzato e fa partire una staffilata che fulmina Savini. 1-1. Dalla panchina dell'Albinoleffe Zaffaroni fa alzare una prima batteria di giocatori freschi, tra cui soprattutto Tomaselli. Il classe 1999 inizia a farsi pericoloso sulla destra tra serpentine e corse in profondità. Nel frattempo al 19' un destro di Gelli dal limite dopo azione insistita viene deviato in angolo. Minuto numero 26: Tomaselli fa il diavolo a quattro sulla destra e penetra in area andando quasi sul fondo, tocco in mezzo all'altezza del dischetto di rigore e Gelli di prima intenzione questa volta non può sbagliare. 1-2. Questa rete toglie morale e metri all'Alessandria, che rivede la qualificazione messa in discussione. Solo nel finale i grigi tornano a premere, ma il rigore reclamato per una mischia in area che vede andare giù Arrighini resta chimera. L'Albinoleffe invece rifiata e sembra puntare tutto sui supplementari. Esperienza grigia. Difatti nel primo tempo aggiuntivo subito un'azione pericolosa per i giallorossi: Manconi si porta la palla sul destro e dal limite fa partire un tiro a giro che mette i brividi a Pisseri terminando di pochissimo a lato. La squadra di Zaffaroni al 10' reclama un rigore inutilmente: sponda in area sugli sviluppi di un corner, il neo entrato Galeandro colpisce sotto misura e tocca il braccio di Eusepi, molto vicino però al corpo dell'avversario. L'arbitro assegna così un altro corner. Doppia sgasata nell'Alessandria nel finale: al 14' da Bruccini in profondità ad Eusepi, tocco di punta sul fondo. Un minuto più tardi cross di Di Quinzio per Eusepi che con un bel colpo di testa sovrasta l'avversario e scheggia la parte superiore della traversa. Meglio evitare una beffa ai rigori per i grigi ed ecco che gli inviti di Longo a trovare la qualificazione entro i 120' trovano compimento. Al 2' del secondo tempo supplementare bel taglio di Frediani per Casarini che si trova a tu per tu con Savini e con la palla sul sinistro ma sbatte incredibilmente contro Stanco. L'ex Modena deve così farsi perdonare e su un cross dalla destra di Frediani spizza sul primo palo anticipando il distratto marcatore e insacca alle spalle del portiere dell'Albinoleffe. 2-2. È il gol che non ci si aspetta e che fiacca il carattere seriano. Altri 10'giocati più con il cuore che con le gambe e l'Alessandria tutto può entrare in campo per esultare per la finalissima contro il Padova. Applausi per un Albinoleffe che è comunque riuscito a farsi strada nei play off giocando ben 8 partite nonostante una classifica di partenza di campionato non eccelsa.

IL TABELLINO

Alessandria-Albinoleffe 2-2 dts (andata 2-1) RETI: 28' Gabbianelli (Alb), 7' st Arrighini (Ale), 26' st Gelli (Alb), 5' sts Stanco (Ale). ALESSANDRIA (3-4-1-2): Pisseri 6, Prestia 6, Di Gennaro 6, Macchioni 6 (29' st Frediani 6.5), Mustacchio 7, Casarini 6.5, Bruccini 6, Celia 6, Di Quinzio 5.5, Corazza 6 (24' st Eusepi 6.5), Arrighini 6.5 (7' pts Stanco 7). A disp. Crisanto, Chiarello, Cosenza, Podda, Gazzi, Crosta, Mora, Poppa, Rubin. All. Longo 6.5. ALBINOLEFFE (3-5-2): Savini 7, Mondonico 5.5, Canestrelli 6.5, Riva 6 (17' st Nichetti 6), Borghini 6, Gabbianelli 7 (17' st Petrungaro 6), Genevier 7 (7' sts Maritato sv), Gelli 7, Gusu 5.5 (11' st Tomaselli 6.5), Cori 6.5 (47' st Galeandro 6), Manconi 6.5. A disp. Paganessi, Cerini, Nichetti, Trovato, Piccoli, Ravasio, Miculi, Caruso, Maritato. All. Zaffaroni 7. ARBITRO: Miele di Nola 6.5. ASSISTENTI: Caso di Nocera Inferiore e Minlutti di Maniago. AMMONITI: Mustacchio (Ale), Petrungaro, Borghini (Alb).

LE PAGELLE

ALESSANDRIA Pisseri 6 Ha visto due palloni entrare ed un altro paio volare non troppo lontano dalla sua porta. Zero parate. Prestia 6 Solido sul centro-destra anche se senza troppi squilli. Di Gennaro 6 Talvolta è lui stesso ad impostare il gioco, nonostante i compiti prettamente difensivi. Macchioni 6 Ogni tanto si sgancia sulla sinistra forse per la troppa intraprendenza. Ma non compie grossi errori da matita rossa. 29' st Frediani 6 Utile a tenere alti i giri del motore nei tempi supplementari. Mustacchio 7 Mette in mezzo una quantità infinita di palloni dalla fascia destra, alcuni con il contagiri, altri parecchio ragionati. Sgusciante. Casarini 6.5 Si propone e lotta fino all'ultimo minuto dei supplementari. Efficace. Bruccini 6 Non troppo propositivo a centrocampo. Ha giocato con il freno a mano tirato. Celia 6 Sbaglia un gol comodo da appoggiare in porta scegliendo la potenza invece che la precisione. Meno incisivo sulla sinistra. Di Quinzio 5.5 Non trova la posizione giusta sulla tre quarti. Gioca di sicuro troppo spalle alla porta. Corazza 6 Lotta con poco costrutto. E torna poche volte indietro a reclamare la palla. 24' st Eusepi 6.5 Dà più profondità alla squadra e di testa coglie una traversa ancor prima del definitivo 2-2 Arrighini 6.5 Una fiammata, un gol. Prima e dopo sembra un corpo estraneo alla squadra. 7' pts Stanco 7 Prima con un'azione degna di un difensore dell'Albinoleffe sbarra la strada a Casarini, poi rimedia tutto prendendo il tempo all'avversario e spizzando di testa la palla meglio come non si poteva. Ingresso sensato. All. Longo 6.5 Ci vogliono un paio di sberloni ben assestati per far tornare l'Alessandria in gara. La squadra ha tanta qualità e si vede. Con il 3-4-1-2 però un po' di spaesamento in avanti. ALBINOLEFFE Savini 7 Due interventi da urlo a negare il gol all'Alessandria nei tempi regolamentari. Ha fatto una parte notevole nei 120'. Mondonico 6 A volte tarda a chiudere, ma sono errori di poco conto. Canestrelli 6.5 Giostra bene in retroguardia nonostante la giovane età. Pressioni zero, gioca a testa alta. Riva 6 Tiene serrata la porta, poi il suo livello cala e deve essere sostituito. 17' st Nichetti 6 Francobolla bene il diretto avversario, senza concedergli troppo. Borghini 6 Corsa tanta, ma non sempre i passaggi sono azzeccati. Gabbianelli 7 Si inventa il gol del vantaggio con una giocata di grande pregio. Lesto a portarsi palla sul sinistro e a mirare il palo lontano con estro. 17' st Petrungaro 6 Tiene bene botta a centrocampo. Genevier 7 Corre a più non posso fino agli ultimi scampoli di partita. Grande classe. ( 7' sts Maritato sv) Gelli 7 Sale in cattedra nella ripresa e timbra un'altra rete che poteva risultare memorabile per l'Albinoleffe. Gusu 6 Fa poco per aumentare la pressione offensiva. 11' st Tomaselli 6.5 Entra ed è subito protagonista per il nuovo vantaggio. Una spina nel fianco sulla destra. Cori 6.5 Ha corso molto e ha avuto anche qualche occasione per tirare piazzandosi meglio rispetto al diretto marcatore. 47' st Galeandro 6 Porta ossigeno in attacco ma non le occasioni. Manconi 6.5 Palla lunga e scappa via, a volte lo devono fermare in tre. All. Zaffaroni 7 Ha studiato e messo in pratica una partita ai limiti della perfezione. A due passi dal miracolo.  
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400