Cerca

Speranza Agrate-Spezia Serie C Femminile: Buono è letale e recupera per due volte l'armata di Brambilla

Si chiude con un pareggio la cavalcata della Speranza Agrate di Danilo Brambilla che saluta il campo di Via Archimede con 2-2 ai danni della Spezia. Una gara che sembra essere in discesa per l'Agrate, squadra capace di sbloccare il match dopo soli 60' secondi con la zuccata vincente di Ferraro. Da qui la gara è in controllo e ben amministrata, contro l'armata in rosa che inizialmente fatica a prendere le misure e torna a macinare gioco solamente a fasi alterne. Decisiva per la rimonta delle aquile è la gara di Carlotta Buono: l'attaccante classe 1998 gioca sul filo del fuorigioco e sfrutta alla perfezione la sua incredibile velocità andando per due volte al gol in due azioni in fotocopia. L'Agrate è sfortunato, come certifica la traversa di Biffi nel primo tempo o i palloni divorati a tu per tu con Maarouf nella ripresa e il risultato è un pari che lascia l'amaro in bocca. Biffi illumina, Ferraro mette dentro. Neanche tempo di prendere posizione sul campo ed è subito monologo Agrate che parte subito forte. In particolare è Federica Biffi a regalare la prima fiammata del pomeriggio, con uno strappo sulla destra che Zambon fatica a contenere; traversone preciso della numero 8 sul secondo palo per Ferraro che arriva di testa e spinge in fondo al sacco. Gol, bel segnale d'avvio per l'Agrate e Spezie chiamata da subito a rimontare. Le rossoverdi controllano bene il pallino del gioco: la palla, come al solito, gira bene e viene prontamente servita per gli inserimenti di Ebali e Valente. Spezia che invece cerca di trovare un assetto maggiormente equilibrato, che le permetta di coprire meglio il campo e sviluppare delle situazioni più consone alle qualità delle proprie interpreti. Detto, fatto e al minuto 13' arriva il pari: azione iniziata da dietro con Lapperier che riesce a giocare in profondità su Buono che lascia sul posto Povia, arriva sul limite dell'area, ed esplode un destro preciso che si va ad infilare sul secondo palo. L'Agrate però non si scioglie e torna sui soliti ritmi ed il vantaggio sul solito asse Biffi-Ebali arrivi di li a poco. Minuto 28': la numero 8 controlla palla e imbuca alla perfezione per l'ex Pero, che lotta contro Bedini e a tu per tu con Maarouf non sbaglia e infila infondo al sacco. Agrate sprecona, Buono la pareggia. Il secondo tempo è tutt'altro che emozionante: il caldo inizia a farsi sentire in maniera preponderante, le energie calano in maniera drastica cosi come la lucidità. Tanti errori, poca precisione e giocate non sempre ben eseguite. Il tutto condito dall'infinita sfortuna dell'Agrate che tra pali e salvataggi sulla riga delle ragazze in rosa si divora 3 gol già fatti. I primi due dopo soli 4' minuti, con Ebali che clamorosamente prima manda la sfera sul palo da due passi, poi sulla ribattuta calcia dritto per dritto addosso all'estremo difensore avversario. L'Agrate sbaglia, lo Spezia no e la solita Buono trova la doppietta personale. Dopo una lunga fase parecchio noiosa del match, lo Spezia si ripresenta in avanti con una giocata in profondità proprio per la numero 7 - posizione probabilmente irregolare non segnalata -, che parte in solitaria, calcia angolato e complice una parata mal riuscita di Carrusci trova il gol del 2-2. Come nel primo tempo la Speranza non demorde e si rialza subito cercando di riportarsi in vantaggio. Minuto 33': pallone dentro giocato su Biffi che controlla bene ma spreca tutto calciando centrale, sulla ribattuta c'è Castellani che calcia di prima intenzione trovando la deviazione provvidenziale di Duce sulla linea di porta. Chiude i conti Citterio, ben assistita da Biffi, con una conclusione precisa ma che Maarouf riesce a respingere bene per un pari finale amaro.

CLICCA QUI PER LEGGERE CRONACA

IL TABELLINO

Speranza Agrate-Spezia 2-2 RETI (1-0, 1-1, 2-1, 2-2): 1' Ferraro (Sper), 13' Buono (Spez), 28' Ebali Essomba (Sper), 27' st Buono (Spez). SPERANZA AGRATE (3-5-2): Carrusci 5.5, Pagano 6, Perego 5.5, Povia 6.5, Bertoni 6, Nuzzo 6 (12' st Riella 5.5), Ferraro 7 (1' st Citterio 6), Biffi 7.5, Ebali Essomba 7.5 (16' st Cervati 6), Castelli 6 (8' st Tasca 6), Valente 6 (22' st Castellani 5.5). A disp. Chiesa, Buttò Elisa, Citelli. All. Brambilla 6. SPEZIA (5-3-2): Maarouf 6, Bedini 5.5 (27' st Ciampi 6), Desmerean 6, Predoi 6, Berti 5.5, Zambon 5.5, Buono 8, Duce 6.5 (7' st Nari 6), Lapperier 6, Brizzi 6, Polese 5.5 (40' st Paita sv). A disp. Rossi Clara. All. Erbetta 6. Dir. Vergassola. ARBITRO: Manis di Oristano 7. ASSISTENTI: Dieli di Monza e Zaretti di Seregno. AMMONITA: Povia (SA).

LE PAGELLE

SPERANZA AGRATE Carrusci 5.5 Sul primo gol copre bene la porta ed è brava Buono a pescare l'angolo giusto, male invece sulla seconda rete dove la deviazione è debole ed il gol evitabile. Pagano 6 La solita gara fatta di tante ottime corse e sovrapposizioni che tanto fanno comodo. Nella ripresa ha spazio per rimanere più avanzata ma è poco servita. Perego 5.5 Nel primo tempo è propositiva ma le compagne la premiano raramente. Nella ripresa è meno incisiva e manca di continuità. Povia 6.5 Oggi del trio difensivo è quella che funziona meglio. Sempre decisa e concisa nelle giocate seppur rimanga quella sbavatura in occasione del primo gol. Bertoni 6 Solita gara di sostanza e amministrazione. Poco da recriminare perché l'attacco ligure non è cosi pressante e difficilmente passa dalle vie centrali. Nuzzo 6 Nota sempre più positiva di questa stagione: ha acquisito una grande esperienza e sta confermando di essere difensore di spessore e di primo livello. 12' st Riella 5.5 Ingresso non positivo e incisivo come suo solito. Difficoltà dovute alla fisicità della retroguardia avversaria che la neutralizza subito e dal fatto che non riesce a trovare una giusta posizione. Ferraro 7 Primo affondo e lei si tuffa subito in area per fare densità e confeziona cosi un bel gol. Poi torna a macinare chilometri in mezzo al campo nel recupero palla e negli inserimenti poi a supporto dell'attacco. 1' st Citterio 6 Qualche buono spunto e poco di più. Non riesce a mettere il suo segno sul match ma confeziona un altra buona prestazione li in mezzo dove dimostra di avere un buon equilibrio nelle due fasi di gioco. Biffi 7.5 Altra prova di primo livello dove dimostra qualità di altro livello per quanto riguarda la fase di gestione del pallone e impostazione da dietro. Male invece quanto al cinismo sotto porta dove nella ripresa divora un gol già fatto. Ebali Essomba 7.5 Nel primo tempo fa di tutto e di più: prende posizione e si fa dare palla sui piedi per poi scaricare per gli inserimenti delle compagne. Nel mezzo un gol, sempre di rabbia e potenza, un assist ed un palo su cui poteva fare meglio (16' st Cervati 6). Castelli 6 Gara pulita e onesta, manca il guizzo o la giocata che possa illuminare. Lei fa il suo senza lode ma comunque con risultati apprezzabili (8' st Tasca 6). Valente 6 Il solito grande lavoro di sostanza e sacrificio dove però manca il gol che chiuda il cerchio. Spesso quest'anno ha regalato prestazioni di grande supporto mancando però in fase offensiva (22' st Castellani 5.5). All. Brambilla 6 Pareggio amaro dove la vittoria non arriva per una questione di pura sfortuna. Prestazione nel complesso positiva, seppur emozionalmente difficile viste le vicende delle ultime settimane. Stagione comunque da incorniciare per il gran lavoro fatto. SPEZIA Maarouf 6 Nella ripresa è lei a tenere a galla le compagne con degli interventi salva vita complice un attacco rossoverde che le calcia spesso addosso. Lei è sempre vigile e rimane sul pezzo sempre e comunque. Bedini 5.5 Qualche difficoltà iniziale specie nel prendere le misure a Ebali che riesce sempre ad appoggiarsi a lei per farsi dare palla. Dietro è in difficoltà sopratutto nei duelli in velocità (27' st Ciampi 6) Desmerean 6 Ha il compito tutt'altro che semplice di condurre la difesa a 5 di Erbetta. Leader silenzioso che riesce a tenere compatte le compagne anche quando tutto sembra crollare. Predoi 6 Li in mezzo è una continua lotta e corsa dietro a Castelli e Ferraro che rimangono più arretrare e non le danno modo di amministrare palla. Lei riesce a contenere al meglio delle sue forze e nel complesso la sua è una prestazione positiva. Berti 5.5 Ebali la mette duramente alla prova con numerosi duelli fisici dove lei puntualmente esce sconfitta, vedi la cavalcata centrale della numero 9 che riesce poi a trovare il gol. Zambon 5.5 Biffi affonda al primo colpo e la va via subito con troppa facilità. Primo gol che è in parte colpa sua. Poi cerca di arginare al meglio Perego ma è poco decisa a contrasto. Buono 8 Concreta al massimo. Le arrivano due palloni giocabili e due sono i gol che porta a casa. Velocità che mette duramente alla prova Povia e che la vedono spesso uscire vincitrice. Duce 6.5 Dietro è quella che lavora meglio, perché riesce a destreggiarsi meglio quanto a equilibrio nelle due fasi di gioco. Quando può si espone in avanti ma senza concedere troppo alle sue spalle (7' st Nari 6). Lapperier 6 Vale lo stesso discorso fatto per Predoi: modulo e gioco dell'Agrate rendono difficile la vita li in mezzo sia nel lavoro in impostazione che recupero palla. Rimane però sempre in partita e tira fuori una buona prestazione. Brizzi 6 Li in mezzo è quella che prova a mettere più grinta e cattiveria agonistica. Tante corse dietro alle maglie Agrate per andare al recupero palla che non sempre arriva, ma che comunque mette a dura prova il gioco a centrocampo delle ragazze di Brambilla. Polese 5.5 Movimenti non sempre giusti e che difficilmente sono servibili dalle compagne. Rispetto a Buono riesce a giocare pochissimi palloni nelle ultime zone del campo, il che si traduce in una gara poco emozionante (40' st Paita sv). All. Erbetta 6 Non una grandissima prestazione, ma il pareggio è frutto della costanza delle sua ragazze che rimangono sempre in partita senza perdere mai completamente la bussola. Qualche buona qualità c'è, deve però essere ancora ben lavorata per venire fuori. ARBITRO Manis di Oristano  7 Gara nel complesso corretta che riesce sempre a condurre nel migliore dei modi. Interventi sempre giusti, cosi come la gestione dei cartellini. Unico episodio dubbio il fuorigioco chiesto dall'Agrate in occasione del gol di Buono che a prima impressione pareva netto.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400