Cerca

Presentazione Serie C

Pro Sesto, Filippini: «L’obiettivo è salvarsi il prima possibile»

Biancocelesti scatenati sul mercato: dopo bomber Capogna, ufficiali anche Grandi, Capelli, Marzupio e Buongiorno; domani primo test col Milan

Antonio Filippini Pro Sesto

Antonio Filippini, confermato alla guida della Pro Sesto

Mercoledì ha preso ufficialmente il via la stagione 2021/22 della Pro Sesto, con la ripresa degli allenamenti seguita ieri dalla presentazione della squadra. Nemmeno il tempo di scaldare i motori e i ragazzi di Antonio Filippini saranno subito impegnati nella prima amichevole, un test di lusso contro il Milan. La partita si disputerà domani a Milanello alle 17:00 e, fa sapere la società biancazzurra, sarà trasmessa in diretta su Milan TV, sull’app ufficiale di A.C. Milan e sul canale Youtube della squadra rossonera.

Pro Sesto dirigenti

Il programma delle amichevoli proseguirà quindi sabato 24 luglio a Ronzone con Monza-Pro Sesto e continuerà giovedì 29 a Rovetta contro il Pisa Sporting Club. Subentrato a poche giornate dal termine dello scorso campionato a Francesco Parravicini, Filippini è riuscito nell’impresa di salvare la squadra senza nemmeno dover ricorrere ai playout, meritandosi la riconferma: «Per ogni allenatore è importante partire dall’inizio per scegliere i giocatori insieme alla società. Cercheremo di dare sempre il massimo per ottenere il prima possibile la salvezza, che è l’obiettivo principale. Mantenere la categoria è fondamentale non solo per noi ma per tutta Sesto San Giovanni».

Gli fa eco il Direttore Sportivo Jacopo Colombo: «Sicuramente partiamo da una base importante, un gruppo composto prima di tutto da uomini, che hanno contribuito a riportarci nel professionismo. La squadra la stiamo costruendo, arriveranno altri giocatori. Insieme al mister stiamo cercando i profili giusti per completare quello che manca. Vogliamo salvarci molto prima della scorsa stagione e provare a entrare nei playoff». I primi rinforzi sono già stati definiti, con Capogna annunciato ad inizio settimana ed altri quattro colpi ufficializzati proprio oggi: Grandi, Capelli, Marzupio e Buongiorno.

 Riccardo Capogna Pro Sesto

L’acquisto più atteso era proprio quello di Riccardo Capogna, attaccante centrale dotato di un fisico possente e di grande esperienza, che nelle ultime tre stagioni ha vestito la maglia del Lecco, prima trascinandolo in Serie C e poi facendo registrare il suo record di marcature tra i professionisti. Complessivamente ha collezionato ben 330 presenze tra Serie D, C e Seconda Divisione svizzera per un totale di 104 reti in carriera. Insieme a lui, per risolvere il problema della sterilità del reparto offensivo che ha condizionato la Pro Sesto nella seconda metà della passata stagione, hanno firmato anche: Daniele Buongiorno, classe 1994, dalla Lavagnese; Daniele Grandi, figlio dell’ex biancoceleste Fabio, dal Brusaporto; Alessandro Capelli, ala protagonista del ritorno in Serie C nel 2019/20, l’anno scorso al Città di Varese. Per rinforzare la difesa, invece, è stato acquistato Manuel Marzupio dalla Cavese.

Manuel Marzupio Pro Sesto

Il numero uno biancoceleste, Gabriele Albertini, ha dettato le linee guida per la stagione: «La speranza è quella di migliorare per non arrivare all’ultima giornata col patema d’animo dello scorso anno. Arriviamo da una stagione faticosa, sicuramente la squadra dovrà riflettere quella che è la nostra voglia di lavorare per questa grandissima società. Speriamo di rivedere presto il pubblico allo stadio perché è un po’ il rammarico della scorsa stagione, quando non siamo riusciti a goderci pienamente la promozione con i nostri tifosi. Devo ringraziarli tantissimo perché comunque non ci hanno mai fatto mancare il loro appoggio neanche nei momenti più difficili». Il presidente si è anche soffermato sul grandissimo successo della squadra femminile, che da neopromossa ha dominato il campionato di Serie C conquistando subito un’altra promozione: «È stata una soddisfazione incredibile riuscire a portare la squadra in Serie B, a livello nazionale».

L'annata appena conclusa ha lasciato anche strascichi a livello economico. Ne ha parlato l'Amministratore Delegato Mauro Ferrero: «È stato un anno difficile. In genere noi cerchiamo di lamentarci il meno possibile pubblicamente, secondo me ci sono dei momenti in cui le cose devono essere dette. Spero che le nostre parole, insieme a quelle delle tante altre società che faticano a gestire una situazione del genere, vengano raccolte da qualcuno. Noi abbiamo vissuto una situazione dove a campionato già iniziato sono cambiate le norme che riguardano l’utilizzo dei giovani, e ci siamo ritrovati ad avere dei benefici inferiori proprio perché li facevamo giocare di più. Ma non è l’unica situazione che riteniamo assurda. La prima arriva da quello che veniva chiamato Decreto Ristori, poi diventato Decreto Sostegni. Il testo prevedeva che si potevano chiedere dei contributi se c’erano dei danni sul fatturato della società. Il problema è che la Pro Sesto, essendo passata da società dilettantistica a professionistica, il fatturato l’ha aumentato. Ma nessuno ha preso in considerazione l’aspetto dei costi, che logicamente sono lievitati. Nessuno va a guardare l’utile di esercizio. Ancora più incredibile è che il 21 di maggio il nostro presidente Ghirelli, che stimiamo, esce con la notizia che il governo ha deciso di aiutare le società di Lega Pro. Dopo due mesi non ci sono ancora i decreti attuativi».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400