Cerca

Chieri - Verbania Serie D: Coulibaly fa respirare Morgia

Chieri Verbania Serie D Coulibaly

Chieri Verbania Serie D Coulibaly

Certi match esaltano e non annoiano neanche per un secondo. Il Chieri ha giocato così, con voglia e prepotenza, riuscendo ad imporsi per 2-0 su un Verbania leggermente sottotono, ma pur sempre insidioso. Morgia impone calma e tranquillità, e la squadra lo ascolta, attendendo con intelligenza il momento giusto per passare all'attacco, che tuttavia sembra tardare ad arrivare. La prima occasione degna di nota è infatti del Verbania che, dopo appena 3', trova Pedrabissi sottoporta. La sua svirgolata intimorisce Giappone, che respinge con un brivido, ma sempre sul destro di Pedrabissi, che manda il pallone fuori per questione di centimetri. Il Chieri arranca, ma cerca di riprendersi garantendo un giro palla pulito e veloce. La possibilità di passare in vantaggio arriva al 33', quando Pezzati ferma irregolarmente Della Valle all'interno dell'area. È indiscutibilmente rigore. Varano, seppur con qualche errore alle spalle, decide comunque di prendersi la responsabilità di calciarlo: tira male, troppo piano e a sinistra, non causando particolari difficoltà a Savoini nel riuscire a pararglielo. Il Chieri non si perde d'animo e al 40' arriva la rete dell'1-0: a segnarla è Silenzi, che accelera improvvisamente e si lascia l'intera difesa verbanese alle spalle. Il Verbania tenta la reazione immediata attraverso la ripartenza di Pedrabissi, che crossa per Gioria dalla distanza: la palla viene colpita con troppa forza, e finisce oltre la traversa. La ripresa regala delle vere dimostrazioni di forza da parte del Chieri: ottimo Savoini nel parare il bolide di Cecchi al 3'st. Dopo pochi secondi, Lonardi tenta di fermare Rossi spingendolo in area, e Tagliente assegna al Chieri un secondo rigore. A batterlo è Silenzi, che sottoscrive la maledizione del Chieri sbagliandolo clamorosamente. La partita si trascina verso il suo termine senza troppe occasioni clamorose. Fondamentale è l'ingresso in campo al 43' di Coulibaly, giovane promessa del 2000: è il 46'st quando tenta il tiro in porta, parato a fatica da Savoini, che lascia scivolare via la palla. Coulibaly, non soddisfatto, ci si avventa e riesce in qualche modo a calciare, osservando la sfera che rotola lentamente fino alla rete. È il 2-0, e la partita è conclusa. Morgia si ritiene soddisfatto, tanto per il risultato quanto per essere riuscito a portare a casa una partita non scontata, visto l'organico dimezzato a causa di numerosi infortuni dovuti a traumi muscolari. Si crea tensione in sala stampa nel momento in cui, in modo un poco pressante, viene implicitamente accusato di essere parte attiva delle ingiurie dei suoi ragazzi, secondo alcuni "avvenute in settimana, e non in partita". La calma vacilla, ma la sua risposta è inequivocabile e non lascia spazio a fraintendimenti: la preparazione non ha niente a che vedere con gli infortuni, anzi, viene portata avanti serenamente, insegnando ai ragazzi ad andare oltre gli scogli mentali e favorendo la preparazione dei più giovani, cuore e futuro del suo progetto.

Il Tabellino di Chieri Verbania Serie D

CHIERI 2

VERBANIA 0

Reti (1-0; 1-0): 40' Silenzi (C), 45+1'st Coulibaly (C). Chieri 4-2-3-1: Giappone 7, Mosagna 7, Samake 6, Giacinti 6.5, Della Valle 6.5, Conrotto 6.5, Bragadin 7 (1'st Rossi 6), Cecchi 7, Silenzi 7 (43'st Coulibaly 7), Varano 6.5, Sbordone 6.5 (34'st Bruni 6). A disp. Bertoglio, Pavia, Barcellona, Brero, Morone, Barbero. All. Morgia 7.5. Verbania 4-4-2: Savoini 7, Lonardi 6, Fortis 6.5, Gatti 6, Pezzati 6, Osei 6.5, Gioria 6 (27'st Riva 6),Vanzan 6.5 (27'st Colombo 6), Austoni 6.5, Gambino 6(1'st Mutti 6), Pedrabissi 6. All. Cotta 6. Ammoniti: Samake, Varano (C); Lonardi (V). Arbitro: Tagliente di Brindisi 6: sufficientemente preciso, si lascia comunque sfuggire qualcosa.

Le Pagelle di Chieri Verbania Serie D

CHIERI 4-2-3-1 All. Morgia 7.5: la squadra vince nonostante le pesanti assenze anche grazie a un buon condottiero. Giappone 7: non corre eccessivi pericoli, ma c'è nel momento del bisogno.                Mosagna 7: le sue abilità difensive sono indiscusse, impossibile superarlo. Samake 6: ammonizione buona e giusta, ma prende anche lui qualche colpo di troppo. Giacinti 6.5: vince ogni contrasto, e se ha palla la tiene a costo della vita. Della Valle 6.5: procura un rigore, eccellenti qualità in fase di disimpegno. Conrotto 6.5: gioca di fisico e viene temuto, dimostra grande tecnica e viene rispettato. Bragadin 7: fastidioso al punto giusto, è impossibile scollarselo di dosso. 1'st Rossi 6: Si procura un rigore all'esordio. Cecchi 7: copre la sua zona e anche quella degli altri, formidabile nel recupero palla. Silenzi 7: la sua rete è fondamentale e trasforma tutta la partita. 43'st Coulibaly 7: tanta qualità in una manciata di secondi. Da applausi. Varano 6.5: non trattiene la calma, ma quando ha palla è uno spettacolo di rara bellezza. Sbordone 6.5: primo tempo da applausi, è scatenato e costantemente pericoloso. 34'st Bruni 6: ha fretta di entrare in partita, ma non fa la differenza anche quando potrebbe.

VERBANIA 4-4-2

All. Cotta 6: tira fuori il meglio dei suoi ragazzi, ma si prende un'ammonizione per proteste. Savoini 7: che dire? Para due rigori, e soccombe a due insidie su un milione. Lonardi 6: elettrico e reattivo, a tratti un po' troppo aggressivo. Fortis 6.5: fa un lavoro da giganti in difesa, resistendo a denti stretti. Gatti 6: resiste ad ogni assalto, maniene la calma nei momenti di panico. Pezzati 6: preciso e ordinato alla vecchia maniera, garantisce il giro palla. Osei 6.5: è ovunque, si avventa su ogni pallone e non smette mai di lottare. Gloria 6: prestazione da sufficienza, temporeggia un po' troppo invece di crossare. 27'st Riva 6: copre bene a sinistra, disturba Della Valle quando può. Vanzan 6.5: giocatore fondamentale, unico capace di contenere il tornado Sbordone. 27'st Colombo 6: si lascia trascinare troppo dagli eventi, ma si fa rispettare. Austoni 6.5: si fa spazio a spallate, non teme nessuno, non molla un centimetro. Gambino 6: è instancabile, sbaglia pochissimo e infastidisce tutti. 1'st Mutti 6: buona prestazione, fondamentale nei salvataggi. Pedrabissi 6: meriterebbe di più, ma sbaglia qualcosina di troppo sottoporta.

PAMELA CARASSINO
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400