Cerca

Villa Valle-Caravaggio Serie D: Un tempo per parte, l'equilibrio regna sotto l'albero

Lamesta Alessandro

Un classico “un tempo per parte”. Nel primo si lascia leggermente preferire la gioventù e la freschezza del Caravaggio, nel secondo meglio la migliore cifra tecnica e l'esperienza del Villa Valle, e così tutto si conclude in un salomonico pareggio a reti inviolate. Sfida tra Villa Valle e Caravaggio, comunque, piacevole e giocata a buon ritmo anche se non ci sono state tantissime occasioni da rete. Partono meglio i padroni di casa e al 5' Crotti comincia e finisce un'azione in velocità, tiro centrale da ottima posizione su assist di Stanzione. Invece, il primo squillo ospite è al 16' un tiro da 30 metri di Basanisi, bloccato facilmente da Asnaghi. Occasionissima per il Caravaggio un minuto più tardi, batti e ribatti in area e Frana da distanza ravvicinata manda alle stelle. Al 24' è il Villa Valle a sfiorare il vantaggio: Austoni ruba palla a Cortinovis, mette indietro rasoterra e Crotti non riesce a inquadrare la porta con un rigore in movimento. A questo punto la partita resta giocata a un buon ritmo ma non succede più nulla degno di nota fino al 43' quando Castelli tira una sassata dalla distanza che sorvola di poco la traversa della porta difesa da Valtorta. Si val riposo sullo 0-0, risultato equo per il gioco e le occasioni da rete espresse dai due undici in campo. Le squadre riprendono la contesa senza cambi effettuati da Bolis e Terletti. Il ritmo di gioco resta elevato ma le due compagini non riescono a essere realmente pericolose dalle parti di Asnaghi e Valtorta per la prima metà della ripresa. Per avere un'opportunità per segnare da appuntare sul taccuino bisogna attendere il 26', anzi ce ne sono due in pochi secondi per il Villa Valle, prima un cross perfetto di Crotti per il nuovo entrato Bosio, inzuccata precisa e miracolo di Valtorta; sul successivo calcio d'angolo palombella di testa di Meregalli che scavalca Valorta, salvato da un compagno sulla linea di porta. Altro salvataggio sulla linea a porte invertite al 42', dopo un mezza voléé dal dischetto del rigore del frizzante Granillo, entrato nel Caravaggio al 17' del secondo tempo al posto di Comelli. Iniziano i 4 minuti di recupero e sul fronte Villa Valle c'è una caparbia azione di Ghisalberti, invitante pallone in mezzo, sinistro di Brioschi sul fondo di pochi centimetri. E' l'ultima opportunità per cambiare il risultato di parità e poco oltre i quattro minuti di recupero il signor Bouabib dice che può bastare con il triplice fischio finale.

IL TABELLINO

VILLA VALLE 0

CARAVAGGIO 0

VILLA VALLE (4-4-2): Asnaghi 6, Stanzione 6 (17' st Brioschi 6), Crotti 5.5 (42' st Monza s.v.), Micheli 6, Ruggeri 7, Cavagna 6, Franceschinis 6.5 (14' st Tironi 6), Rondelli 6, Austoni 6.5 (12' st Bosio 6), Castelli 6 (28' st Ghisalberti s.v.), Meregalli 6.5. A disp.: Bellini, Tarchini, Massarucci, Corna. All. Bolis 6.

CARAVAGGIO (3-5-2): Valtorta 6.5, Cancelliere 6.5 (49' st Gerosa s.v.), Frana 6, Marku 6.5, Cortinovis 6, Pirola 6, Messaggi 6.5 (30' st Marchiondelli s.v.), Basanisi 5.5 (47' st Pirovano s.v.), Fumagalli 5.5 (21' st Viola 5-5), Lamesta 6.5, Comelli 6 (17' st Granillo 6.5). A disp.: Dominici, Traina, Bertolotti, Caccia. All. Terletti 6.

ARBITRO: Bouabib di Prato 6. Direzione di gara di discreta fattura, senza errori.

NOTE: ammoniti Austoni, Micheli, Meregalli (V), Lamasta, Messaggi, Marku (C). Rec.: 0' + 4'.

LE PAGELLE

 

VILLA VALLE

Asnaghi 6 E' preciso quando viene chiamato in causa; in un paio di occasioni deve ringraziale l'imprecisione degli attaccanti biancorossi.

Stanzione 6 Sa arrivare sul fondo per crossare con buona puntualità (17' st Brioschi 6).

Crotti 5.5 Ha un paio di ghiotte opportunità per sbloccare il match ma non si dimostra il solito stoccatore (42' st Monza s.v.).

Micheli 6 Deve spesso usare le maniere forte e l'esperienza contro l'intraprendenza dei caravaggini. Ruggeri 7 E' il vero signore del centrocampo della formazione di mister Bolis, tanto fosforo abbinato a un'ottima mobilità.

Cavagna 6 Non è molto appariscente, resta piuttosto abbottonato per coprire le spalle a Crotti

Franceschinis 6.5 Fino a quando non è sostituito mette in mostra tecnica e intelligenza calcistica sopra la norma (14' st Tironi 6).

Rondelli 6 In mezzo al reparto difensivo costituisce un coppia di ferro con Meregalli.

Austoni 6.5 Un vero fastidio per la difesa biancorossa per il movimento e la caparbietà nel contendere i palloni nell'impostazione (12' st Bosio 6).

Castelli 6 Meno sul pezzo del compagno di reparto, prova a risolverla con un bolide dalla distanza che esce di poco (28' st Ghisalberti s.v.).

Meregalli 6.5 Con lui al centro della difesa non si passa e si permette il lusso di qualche lancio super preciso.

All. Bolis 6 Chiede ai suoi più precisione, aspetto mancante soprattutto nel primo tempo.

CARAVAGGIO

Valtorta 6.5 E' decisivo su un colpo di testa ravvicinato del nuovo entrato Bosio e non ha sbavature.

Cancelliere 6.5 Ha solo diciotto anni, però dimostra autorevolezza da vendere sul fronte destro della difesa biancorossa (49' st Gerosa s.v.).

Frana 6 Non ha particolari slanci nella partita, presidia la sua fascia di competenza con diligenza.

Marku 6.5 E' il più anziano della brigata biancorossa insieme a Basanisi, anche se ha soli 24 anni, e da combatte da veterano.

Cortinovis 6 Se la sbriga abbastanza bene contro due clienti difficili come Austoni e Cavagna.

Pirola 6 Fa da perno centrale al reparto arretrato di mister Terletti e si guadagna la pagnotta.

Messaggi 6.5 Giostra ottimamente a centrocampo sia con il pallone tra i piedi sia in assistenza ai compagni (30' st Marchiondelli s.v.).

Basanisi 5.5 Si vede che hai colpi per far bene, ma l'ex Giana dovrebbe essere più concreto (47' st Pirovano s.v.).

Fumagalli 5.5 Gioca soprattutto al servizio della squadra e si dimentica che è un attaccante e che il suo mestiere è fare gol (21' st Viola 5-5).

Lamesta 6.5 Il capitano si aggiudica la palma di migliore in campo del Caravaggio, alle spalle delle punte serve ottimi palloni.

Comelli 6 E' più intraprendente del socio di reparto Fumagalli e impegna di più la difesa di casa (17' st Granillo 6.5).

All. Terletti 6 Il dinamismo dei suoi giovani dà fastidio al Villa Valle soprattutto nel primo tempo.

 

POST PARTITA

Non è stata sicuramente la migliore versione stagionale del Villa Valle quella vista nell'incontro pareggiato a reti inviolate con il Caravaggio. «Anzi, è stata la peggiore partita casalinga ha affermato con decisione l'allenatore Marco Bolis». E' stato sbagliato l'approccio alla sfida? «Non direi - ha risposto il tecnico -, se ben analizziamo le prime occasioni per andare a rete sono state del Villa Valle. Poi con il passare dei minuti ci siamo allungati, sfilacciati, e siamo stati poco attenti e precisi nella costruzione del gioco e nell'ultimo passaggio dal fondo. L'unica possibilità per colpire la difesa del Caravaggio era andare sul fondo e mettere in mezzo il pallone, lo abbiamo fatto bene su entrambe le fasce, però sbagliavamo sempre al forza e la precisione del passaggio. Dobbiamo anche considerare che il Caravaggio è cresciuto col passare dei minuti e nel primo tempo si è fatto preferire mentre nella ripresa noi avremmo meritato qualcosa in più. Faccio anche notare che in questa stagione così frammentata ci manca, per forza di cose, la continuità». Il pareggio, quindi, è il risultato corretto? «Penso di sì - ha concluso Bolis - forse abbiamo avuto qualche occasione in più ma non così rilevanti».

Punto prezioso per il Caravaggio in casa del più quotato Villa Valle, anche se i biancorossi dovranno già dal prossimo futuro inanellare qualche colpo da tre punti per rendere più sicura la classifica. Un Caravaggio molto intraprendente nel primo tempo, un po' meno brillante nella ripresa, come mai secondo il capitano Alessandro Lamesta? «Abbiamo scelto di cominciare forte e la scelta ha pagato, nei secondi 45 minuti invece si è fatta sentire la stanchezza della partita precedente, giocata soltanto tre giorni fa. Devo anche sottolineare, che nonostante il calo fisico negli ultimi muniti abbiamo avuto a disposizione il pallone per fare il colpo pieno, penso che avremmo meritato di più di questo, comunque, ottimo punto in classifica, ottenuto contro una signora squadra come il Villa Valle». Effettivamente sembra mancarvi qualcosa nella fase conclusiva. «Abbiano lavorato tanto sulla costruzione del gioco - ha spiegato il capitano biancorosso - e i risultati si sono visti in campo; adesso dobbiamo centrare di più la porta. C'è tempo per migliorare per un organico giovane come il nostro, ma dobbiamo farlo in fretta per non ritrovarci in una brutta zona della classifica».

 
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400