Cerca

Fanfulla - Virtus Ciserano Bergamo Serie D: Nessi risponde ad Anastasia, è pareggio fra lodigiani e bergamschi

FANFULLA VIRTUS CISERANO BERGAMO SERIE D

FANFULLA VIRTUS CISERANO BERGAMO SERIE D

Termina in parità la sfida fra Fanfulla e Virtus Ciserano Bergamo. Gara combattuta, con le due formazioni che non hanno rinunciato ad attaccare per guadagnare i tre punti. Nel complesso, il pareggio è il risultato giusto per quanto si è visto sul terreno di gioco. La prima frazione è equilibrata e si gioca su buoni ritmi, con entrambe le compagini che si rendono pericolose, sfruttando o i calci piazzati, o lo sviluppo dell'azione palla a terra. Non bisogna aspettare nemmeno dieci minuti per il vantaggio della squadra di casa. Spaneshi premia la sovrapposizione di Negri sul lato destro dell’area di rigore. Il numero sette bianconero protegge palla e si fa tamponare da Pellegrini. Per il direttore di gara è calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Anastasia che apre il piattone e fredda Colleoni, spiazzandolo. Incassato il colpo, gli ospiti reagiscono e ci vuole un doppio intervento di Cizza per evitare il pareggio. Prima su un colpo di testa di Esposito, deviato sopra alla traversa. Poi su una conclusione di destro di Del Carro, smanacciata in corner. Alla mezz’ora, il Fanfulla spreca un’ottima chance per raddoppiare. Perfetto scarico a rimorchio di Anastasia per Cirigliano, il cui destro strozzato termina distante dalla porta del portiere bergamasco. E così, alla terza opportunità, gli ospiti trovano il gol. Zuccata di Del Carro da calcio d’angolo, il palo salva Cizza, ma Nessi si avventa come un falco sulla ribattuta e deposita in rete, portando i suoi all’intervallo sul punteggio di parità. Nella ripresa, il primo a provarci per la Virtus è Spini, che si libera in area dalla marcatura di Spaneshi e conclude con un sinistro potente, ma centrale, respinto da Cizza. I padroni di casa faticano a produrre azioni insidiose e così Ciceri manda in campo Qeros e Brognoli. Proprio i due subentrati confezionano la prima situazione pericolosa della ripresa per il Guerriero, terminato con la conclusione del numero diciotto, respinta da Colleoni. Poco più tardi è ancora Qeros a creare scompiglio fra le maglie della difesa ospite, con una bella serpentina che porta all’assist per Palmieri, il cui tentativo è però debole e centrale. Partita opaca del dieci bianconero, a cui è mancato lo spunto per fare la differenza. Col passare dei minuti i ritmi si abbassano e la partita si incattivisce, a tal punto che Paccella è costretto a mettere mano al cartellino più volte. I bianconeri insistono fino alla fine per centrare i tre punti, soprattutto con Guerini, che dopo una serie di dribbling sulla sinistra mette al centro un bel cross teso, senza che però nessuno dei suoi compagni arrivi ad impattarlo. Le due squadre si trascinano al fischio finale e termina quindi senza una vera e propria occasione il match, con un punto prezioso per i bergamschi, un po’ meno per i lodigiani, che non riescono a sorpassare in classifica la Real Calepina, la cui partita contro il Breno non si è disputata.

IL TABELLINO

FANFULLA 1 VIRTUS CISERANO BERGAMO 1 RETI: 9’ Anastasia (F) (rig.), 37’ Nessi (V). FANFULLA (4-3-3) Cizza 6.5, Spaneshi 6.5, Pascali 6, Serbouti 6, Bernardini 6, Negri 6(9’ st Qeros), Laribi 6 (25’ st Bertelli 5.5), Palmieri 5, Guerrini 6, Cirigliano 5 (9’ st Brognoli 6), Anastasia 6. A disp. Carriello, Fabiani, Tourè, Baggi, De Carli, Mouddou. All. Ciceri 6. VIRTUS CISERANO BERGAMO (4-3-3) Colleoni Mat 6.5, Moioli 6 (25’ st Galdoune 6), Del Carro 6, Nessi 6.5, Pellegrini 5.5, Muchetti 6, Ricozzi 6, Chiarparin 5.5(29’ st Bonfanti 6), Spini 6.5 (20’ st Ambrosini 5.5), Esposito 6.5 (36’ st Haoufadi sv), Confalonieri 5.5. A disp. Colleoni Mau, Suagher, Capitanio, Bonfanti, Jaouhari, Panzaga. All. Del Prato 6.5. ARBITRO: Pacella di Roma Due 6 Gestisce bene, ma qualche cartellino troppo severo. AMMONITI: Guerrini (F), Palmieri (F), Serbouti (F), Nessi (V), Brognoli (F), Spaneshi (F), Ambrosini (V).

LE PAGELLE

FANFULLA Cizza 6.5 Per due volte nega il gol agli avversari con due grandi interventi, al terzo tentativo è costretto ad arrendersi. Spaneshi 6.5 Intelligente la sua giocata nell’occasione che porta al calcio di rigore. In difesa non corre particolari rischi. Pascali 6 Contiene gli attaccanti della Virtus con sicurezza, giganteggiando in difesa e lasciando tranquillo Cizza per tutto l'incontro. Serbouti 6 Come il compagno di reparto, dà il suo contributo al centro della difesa, senza concedere spazi ai bergamaschi. Bernardini 6 Ordinato dietro e, in qualche situazione, propositivo in avanti, grazie alla sua grande falcata. Negri 6 Si guadagna il penalty e macina tanti chilometri. Instancabile. Laribi 6 Determinante il suo senso della posizione in un paio di situazione potenzialmente problematiche per la sua squadra. Un po' meno brillante in fase di impostazione. Palmieri 5 Perde troppi tempi di gioco quando riceve palla, vanificando diverse potenziali occasioni che avrebbero potuto creare non pochi problemi agli avversari. Giornata no. Guerrini 6 Corre tanto e regala qualche spunto offensivo, come quello negli ultimi istanti di gara che per poco non vale la vittoria. Cirigliano 5 Spreca un rigore in movimento nel primo tempo e non è mai pericoloso. Viene cercato e servito poco dai compagni. Anastasia 6 Freddo dagli undici metri, per il resto match sottotono, con pochi spunti pericolosi. All. Ciceri 6 Buona prova dei suoi, per poco i cambi non gli regalano tre punti che sarebbero stati pesantissimi.   VIRTUS CISERANO BERGAMO Colleoni 6.5 Non è chiamato a compiere miracoli. Trascorre un pomeriggio tranquillo. Sul gol subito non può nulla. Moioli 6 Buona gara, soprattutto difensivamente. Si vede poco nella metà campo avversaria. Del Carro 6 Si rende pericoloso più lui degli attaccanti, entrando anche nell’azione del pareggio. Solo il legno gli nega la gioia personale. Nessi 6.5 Gol da vero rapinatore d’area. Non sarebbe il suo mestiere, ma poco importa. Alla Virtus va più che bene lo stesso. Pellegrini 5.5 Ingenuo nel regalare il rigore agli avversari. Tampona Negri che aspettava solo il contatto. Muchetti 6 Lotta e combatte da vero capitano, uscendo dal campo con i calzettoni sporchi e senza fiato. Ricozzi 6 Dai suoi piedi nascono buone occasioni per i suoi, specialmente dalle traiettorie insidiose disegnate su calcio di punizione. Chiarparin 5.5 In ombra. Non aiuta in costruzione, tiene la posizione quando attacca il Fanfulla. Spini 6.5 Gestisce bene la sfera, sbracciando e sgomitando fra gli avversari, e aiuta in fase di non possesso i suoi compagni del reparto arretrato. Esposito 6 Fatica fra i due centrali avversari, ma si rende comunque pericoloso con un colpo di testa che per poco non trafigge Cizza. Confalonieri 5 Gara anonima, priva di alcuno spunto e pericolosità. Da un numero dieci ci si aspetta di più. All. Del Prato 6.5 Non rinuncia ad attaccare e torna a casa con un punto meritato.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400