Cerca

Folgore Caratese-Lavagnese Serie D: Ciko la aggiusta, ma Longo saluta i playoff

Ciko Svevo

Probabile addio ai playoff per la Folgore Caratese con il pareggio imposto da una Lavagnese attenta e coriacea, decisa a vendicare lo 0-5 subito all'andata. E per una ventina di minuti, tra la rete del vantaggio siglata da Rovido al 36' del primo tempo e il pareggio casalingo di Ciko al 9' della ripresa, la Lavagnese ha accarezzato il sogno di tornare in Riviera con i tre punti. Corretto il risultato finale di parità, in quanto nel primo tempo è stata la Lavagnese ad avere le occasioni per segnare mentre nel secondo tempo è stata la Folgore Caratese a essere più pericolosa in avanti.

Questione di centimetri La partita inizialmente la fa la Folgore Caratesse di Emilio Longo protesa in avanti con il modulo 4-3-3, molto attendista sull'altro fronte l'atteggiamento della Lavagnese, schierata da Cristiano Masitto con un 4-4-2, che spesso si trasforma in un 5-3-2 con l'arretramento di Bosso sulla linea dei difensori. La pressione biancazzurra su tutta l'ampiezza del terreno di gioco, però, non produce pericoli per la porta difesa da Boschini nei primi venti minuti della frazione di gioco iniziale. Gli unici due tiri in porta, si fa per dire, avvengono su calci di punizione, uno per parte, respinti comodamente dalle barriere. Il battesimo dei portieri avviene soltanto al 21', discesa di oltre sessanta metri di Bosso per la Lavagnese, diagonale da destra da circa 25 metri, Pizzella è attento e si distende per respingere un pallone che si stava facendo insidioso. Improvvisamente la partita si sblocca al 36', tra le polemiche del pubblico di casa presente in buon numero sugli spalti dello stadio «XXV Aprile», a favore della Lavagnese: pallone rimesso in area con una dolce palombella dopo un corner, ci si avventa Rovido che fulmina Pizzella in uscita, tantissime e accalorate le proteste dei giocatori di casa per la posizione di partenza del n. 7 degli ospiti ma per Sassano la mancata segnalazione del suo assistente è legittima. L'azione rivista più volte nelle riprese delle televisioni presenti sembra in effetti regolare, è Tronco sull'incrocio con Rovido a tenerlo in gioco per pochissimi centimetri. È la rete che decide il primo tempo, in cui la Folgore Caratese ha avuto più possesso palla ma le uniche due occasioni da rete le ha avute la Lavagnese e una l'ha sfruttata con Rovido.

Folgore all'arma bianca Squadre in campo al termine dell'intervallo con qualche novità nelle due formazioni: Longo manda sul terreno di gioco per la Folgore Caratese Paoluzzi per Cozzari e D'Antonti per Tronco, Masitto nella Lavagnese inserisce Cito per Alluci e al 4' Di Lisi per Avellino. I padroni di casa spingono subito sull'acceleratore per trovare al più presto il pareggio e ci vanno vicino già al 2' con una puntata di Finessi, messa in angolo da Boschini. Il pareggio per la Folgore Caratese è solo rimandato di qualche minuto, al 9' Ciko anticipa tutti di testa in area di rigore e non lascia scampo a Boschini. La Folgore Caratese adesso crede nella rimonta con sorpasso e aumenta il ritmo mentre la Lavagnese si affida a delle veloci ripartenze soprattutto affidate ai sapienti piedi di Addiego Mobilio. Non ci sono emozioni negli ultimi sedici metri sino al 41' quando Boschini con una strepitosa parata su tocco ravvicinato congela il punteggio sull'1-1. Infatti, i cinque minuti di recupero concessi dal signor Sassano vedono la Folgore Caratese protesa in avanti per compiere la rimonta e con i tre punti sperare ancora nei playoff; la Lavagnese si difende in modo ordinato e non rischia più niente.

IL TABELLINO

FOL.CARATESE-LAVAGNESE 1-1 RETI (0-1, 1-1): 36' Rovido (L), 9' st Ciko (F). FOL.CARATESE (4-3-3): Pizzella 6.5, Bini 6, Ciko 7 (40' st Kamal sv), Macrì 6, Alabiso 6.5, Tronco 5.5 (1' st D'Antoni 6), Cozzari 6 (1' st Paoluzzi 6), Marconi 6 (36' st Drogba sv), Finessi 6.5 (26' st Troiano 5.5), Di Stefano 6, Derosa 6.5. A disp. Bertozzi, Rudello, Buono, Schiavina. All. Longo 6. LAVAGNESE (4-4-2): Boschini 6.5, Oneto 6, Orlando 6, Avellino 6 (6' st Di Lisi 6.5), Bacigalupo G. 6, Alluci 6, Rovido 7 (12' st Di Vittorio 5.5), Bosso 7, Solinas 6 (26' st Lauro 6), Addiego Mobilio 6.5, D'Orsi 5.5 (30' st Cantatore 5.5). A disp. Bova, Profumo, Picasso, Scorza, Cito. All. Masitto 6.5. ARBITRO: Sassano di Padova 7. COLLABORATORI: Dellasanta di Trieste e Munitello di Gradisca d'Isonzo. AMMONITI: 24' Marconi (F), 7' st Di Lisi[01] (L), 21' st Derosa (F), 35' st Troiano[01] (F), 45' st Addiego Mobilio (L), 47' st Troiano[01] (F). ESPULSI: 47' st Troiano (F).

LE PAGELLE

FOLGORE CARATESE

Pizzella 6.5 Non ha tantissimo lavoro da svolgere ma quando è chiamato in causa non lascia nulla al caso. Alabiso 6.5 I suoi soli 18 anni non si vedono sul campo, laterale difensivo destro dalle buone iniziative e aspettative. Bini 6 Rimane piuttosto sulle sue per quasi tutta la partita, dovrebbe essere più intraprendente. Derosa 6.5 Cerca di giocare sull'anticipo contro Solinas e spesso gli riesce. Marconi 6 Prestazione senza particolari slanci ma nemmeno particolari errori. (36' st Drogba sv). Cozzari 6 Qualche buona incursione dal fronte destro biancazzurro, Longo lo sostituisce per un cambio di passo. 1' st Paoluzzi 6 Ha un tempo a sua disposizione e porta in dote brio e corsa per aiutare nel recupero. Ciko 7 Perfetto l'inserimento in area e l'elevazione di testa, oltre a una sapiente direzione del gioco, riporta in corsa la Folgore Caratese. (40' st Kamal El Idrissi sv). Di Stefano 6 Divide i compito di costruzione del gioco con Ciko, però è meno brillante del compagno. Macrì 6 È l'elemento di fantasia del tridente schierato ad Longo, anche se accende la luce solo a intermittenza. Finessi 6.5 È lui a suonare la carica per l'undici di casa nei primi minuti della ripresa, Boschini gli nega il gol con un riflesso felino. 26' st Troiano 5.5 Venti minuti in campo, due ammonizioni, espulsione; occasione persa. Tronco 5.5 Prestazione piuttosto evanescente, non riesce a entrare nel vivo del match. 1' st D'Antoni 6 Si piazza al centro dell'attacco, fa salire la squadra e si rende pericoloso con un paio di colpi di testa.

All. Longo 6 Dovrebbe dare la svolta alla sua squadra già nel primo tempo. Ciko riacciuffa un pareggio che però lascia molto amaro in bocca, perché vuol dire salutare il treno playoff.

LAVAGNESE

Boschini 6.5 Giovane portiere dalla grande reattività, decisivo nel finale. Oneto 6 Onesta prestazione senza incorrere in sbagli che possano essere pericolosi per i compagni. Orlando 6 Partita fotocopia del suo compagno sull'altra fascia e onesta sufficienza finale. Avellino 6 Tanta l'esperienza al servizio della squadra in difesa, esce quando non ne ha più da spendere. 4' st Di Lisi 6.5 Chiamato in causa si dimostra giocatore tosto, sia in difesa sia quando si spinge all'arrembaggio in attacco. Bacigalupo 6 Difensore granitico, non sta a guardare dove respinge il pallone, basta allontanarlo dall'area. Alluci 6 Si piazza davanti alla difesa per fare da scudo al settore centrale, non demerita. 1' st Cito 6 Messo in campo da Masitto per battagliare, assolve al compito datogli beccandosi anche una ammonizione. Rovido 7 Inserimento perfetto al millimetro al 36' e gol meritato per la Lavagnese, che sogna sino al 9' della ripresa. 12' st Di Vittorio 5.5 Piuttosto spaesato quando sostituisce Rovido, non lascia la sua impronat sul match. Bosso 7 Si sdoppia tra centrocampo e difesa e trova anche il tempo di costruire la prima occasione da gol della Lavagnese, il migliore in campo. Solinas 6 Si batte come un leone come centravanti-boa che deve aiutare i compagnia salire e provare ad allungare la squadra. 26' st Lauro 6 Un 2003 che non soffre l'impatto di una gara impegnativa quando è schierato da Masitto. Addiego Mobilio 6.5 Con le sue accelerazioni palla al piede fa male alla difesa della Folgore in più di una occasione. Dorsi 5.5 Non dà una grossa mano a Solinas in attacco, non è un pericolo per la difesa della Folgore Caratese. 29' st Cantatore 5.5 Sedici minuti più cinque di recupero senza dare segni di vita.

All. Masitto 6.5 La sua squadra disputa una partita quasi perfetta tatticamente, non va lontano dal colpaccio.

ARBITRO Sassano di Padova 7 Insieme al suo collaboratore, probabilmente, non sbaglia in occasione del vantaggio ospite, Rovido non è in fuorigioco e questo è un grosso merito.

LE INTERVISTE

Classica prestazione dai due volti per la Folgore Caratese, un primo tempo con un approccio sbagliato per i biancazzurri, la risurrezione e il pareggio nella ripresa con il bel gol di testa di Ciko, aspetti non lasciano soddisfatto l'allenatore Emilio Longo a fine partita. «Dovevamo partire nello stesso modo con cui abbiamo iniziato a giocare nella ripresa - ha spiegato Longo -, nei secondi 45 minuti abbiamo dimostrato un atteggiamento diverso, più arrembante e propositivo. Così, abbiamo regalato 45 minuti agli avversari e siamo andati sotto nel punteggio con il gol di Rovido; siamo stati bravi poi a recuperare ma alla fine resta un pareggio come ce ne sono stati troppi in questa stagione. Probabilmente, noi siamo questi e dobbiamo migliorare sotto questo aspetto. C'è qualcosa da recriminare sugli episodi, la posizione del loro gol e almeno un probabile rigore per noi nel secondo tempo; però, Io in primo luogo e i giocatori dobbiamo assumerci le responsabilità di questi mezzi passi falsi, un paio di questi trasformati in vittorie avrebbero potuto cambiare al stagione. Anche oggi contro la Lavagnese non siamo stati abbastanza decisi in area di rigore, con un pizzico di cattiveria in più avremmo buttato dentro il pallone della vittoria a pochi minuti dal fischio finale». Per le ultime tre giornate cosa si aspetta dalla sua squadra? «Dobbiamo rimanere il più concentrati possibile, conquistare il maggior numero di punti per migliorare ancora il record di un campionato di Serie D della Folgore Caratese.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400