Cerca

Imperia-Gozzano Serie D: Allegretti risponde a Minasso, Soda riporta i rossoblù in Serie C

Gozzano-Sestri Levante Serie D img_9674
Il Gozzano è di nuovo in Serie C! La notizia era ovviamente nell’aria già da un po’, ma mancava ancora la certezza matematica al gruppo di Antonio Soda per poter finalmente festeggiare la promozione. L’1-1 di Imperia porta in dote ai rossoblù proprio quel punticino che mancava per far partire i festeggiamenti. Non poteva che essere del numero 10 Allegretti la firma decisiva per la risalita dei rossoblù in Serie C: il fantasista classe 1992, con il suo 24o gol in campionato, ha messo un’ulteriore e decisiva impronta sulla promozione dei suoi, rispondendo al gol ligure di Minasso che aveva messo paura al Gozzano. Il gruppo di Soda torna così immediatamente nel mondo dei Professionisti dopo un solo anno di Serie D, conquistando la promozione in Serie C per la seconda volta nella sua storia. Allegretti salvifico. Soda ovviamente non abbandona il vestito classico nel match point: solito 3-5-2 e stessi undici protagonisti dell’ultima vittoria ai danni del Sestri Levante (2-1 firmato Sylla-Allegretti). Lupo si affida all’estro di Capra là davanti per provare a dare un senso ad un girone di ritorno a dir poco da incubo per i liguri. Sin da subito si intuisce quale sarà il leitmotiv della gara: ai padroni di casa vengono lasciati spazio e tempo per giocare, mentre il Gozzano aspetta compatto nella propria metà campo l’occasione giusta per ripartire in contropiede, sfruttando i continui dialoghi e cambi di posizione dell’affiatatissima coppia offensiva firmata da Sylla e Allegretti. La tattica attendista di Soda però, com’era giá successo nell’ultima gara con il Sestri Levante, nei primi minuti non paga: Vagge al 15’ deve prima superarsi su calcio d’angolo di Sancinito, poi si esalta su un tentativo di Malltezi, ma non può nulla sulla ribattuta di Minasso, che con il suo primo gol in campionato porta incredibilmente in vantaggio l’Imperia. Neanche il gol subito fa da sveglia per i rossoblù, che confermano evidentemente di aver sottovalutato oltremodo l’impegno con i liguri: deve nuovamente pensarci Vagge ad evitare il doppio svantaggio, quando al 18’ con un miracolo va a togliere la gioia della doppietta a Minasso, che aveva colpito di testa in maniera esemplare da distanza ravvicinata. Il numero uno, protagonista di un’ottima stagione, è ovviamente insoddisfatto della prestazione offerta sino a questo momento dai compagni, che ora sono costretti a stravolgere il loro piano gara iniziale. A parte un difficile colpo di testa di Allegretti e una punizione di Carta calciata sulla barriera però, nella prima mezz’ora gli ospiti non trovano il modo di impensierire la retroguardia nerazzurra, che sembra aver ritrovato la concentrazione smarrita negli ultimi due mesi. Solamente nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo si vede qualche tentativo più convinto dei ragazzi di Soda di arrivare al pareggio. È sempre il solito Allegretti ad ispirare la manovra offensiva del Gozzano: al 36’ il numero 10 lancia Piraccini in area, il quale tutto solo si fa ipnotizzare da Dani in uscita bassa, mentre subito dopo ci prova personalmente con un colpo di testa ma è ancora Dani a negare il gol al fantasista di Soda. Quando tutto sembra portare al fischio finale della prima frazione di gioco con i liguri in vantaggio, ecco che al 44’ arriva il primo lampo della partita di Sylla, che entra in area di rigore e viene sgambettato da Virga: dal dischetto si presenta ovviamente Allegretti che non sbaglia, siglando il fondamentale gol dell’1-1 (24° gol in campionato per lui, il 6° dagli undici metri) proprio a pochi secondi dalla fine del primo tempo. Festa Gozzano. Dopo l’enorme sospiro di sollievo al gol di Allegretti, ci si attende un inizio di ripresa più convincente dei rossoblù, che però dopo tre minuti devono nuovamente aggrapparsi a Vagge, che devia un tiro-cross insidiosissimo di Gandolfo dalla destra. Ol rischio corso nel primo tempo non cambia le idee di Soda: a pareggio acquisito, di nuovo tutti dietro con il solo obiettivo di non prendere un altro gol, il che ovviamente basterebbe per guadagnarsi la promozione. A differenza dei primi 45’, se si fa eccezione per il brivido provocato inizialmente da Gandolfo, il Gozzano riesce a vivere una ripresa più “tranquilla”, complice anche un Imperia che, non avendo più nulla da chiedere da tempo ormai dalla propria stagione, sembra non avere stimoli nel provare a vincere la partita. La difesa ospite, guidata da capitan Carboni, trova i giusti automatismi e non corre praticamente nessun pericolo nel corso del secondo tempo, a parte un tentativo da fuori di Martelli che finisce a lato non di molto. I ritmi negli ultimi minuti si abbassano vistosamente, permettendo così al Gozzano di controllare agevolmente la fine dell’incontro sino al fischio finale dell’arbitro, che lascia spazio alla gioia frenetica di Soda e di tutto il suo gruppo, che dopo un solo anno di “purgatorio” torna nuovamente in Serie C.

IL TABELLINO

IMPERIA-GOZZANO 1-1 RETI (1-0, 1-1): 15' Minasso (I), 45' rig. Allegretti (G). IMPERIA (4-3-3): Dani 7.5, Scannapieco 6, Malandrino 6.5, Sancinito 6.5, Gandolfo 6.5 (43' st Comiotto sv), Virga 5, Capra 5.5 (33' st Donaggio sv), Fatnassi 7 (41' st Martini sv), Martelli 6, Malltezi 6.5 (28' st Gnecchi 6), Minasso 7 (18' st Grandoni 6). A disp. Palmieri, Kacellari. All. Lupo 6.5. GOZZANO (3-5-2): Vagge 8, Carboni 6.5, Vono 6 (25' st Di Giovanni 6), Sylla 6.5 (33' st Rao sv), Allegretti 7.5, Kayode 6.5, Carta 5.5 (14' st Gemelli 6), Piraccini 5.5 (43' st Modesti sv), Bianconi 6, Cella 6.5 (39' st Confalonieri sv), Pavan 6. A disp. Cincilla, Bane, Rabuffi, Sangiorgio. All. Soda 6.5. ARBITRO: Migliorini di Verona 6.5. COLLABORATORI: Macchi di Gallarate e Marchesin di Rovigo. AMMONITI: 29' Virga (I).

LE PAGELLE

IMPERIA Dani 7.5 Bravissimo in uscita bassa su Piraccini e rettivissimo su colpo di testa ravvicinato di Allegretti. Scannapieco 6 Sylla non è un cliente facile, ma nel complesso si fa valere anche di fronte allo strapotere atletico del numero 9 rossoblù. Malandrino 6.5 Il duello personale con Kayode è una sfida dentro la sfida: vedere un classe 2002 e un classe 2004 che se la giocano a viso aperto è sempre una gioia per gli occhi. Sancinito 6.5 Bella la palla con cui mette Malltezi davanti a Vagge e da cui scaturisce poi il tapin vincente di Minasso. Pericoloso anche con un tentativo direttamente da calcio d’angolo che per poco non sorprende Vagge. Gandolfo 6.5 Spinge con convinzione e fa venire i brividi a Soda con un tiro-cross pericolosissimo neutralizzato da un super Vagge. (43' st Comiotto sv) Virga 5 Colleziona il suo 16° cartellino giallo della stagione (troppi) e rischia anche di venire espulso quando stende Sylla in area di rigore. Capra 5.5 Punto di riferimento nerazzurro davanti, il veterano non riesce a dare sfogo al proprio estro. (33’ st Donaggio sv) Fatnassi 7 Che gara del classe 2004, all’esordio in campionato: letteralmente indemoniato, arriva su tutti i palloni e si propone anche in fase offensiva. (41’ st Martini sv) Martelli 6 Si fa vedere con una conclusione dalla distanza che non termina di molto a lato alla sinistra di Vagge. Malltezi 6.5 Fa da raccordo tra il centrocampo è l’attacco, inserendosi in maniera proficua alle spalle della retroguardia rossoblù. 28’ st Gnecchi 6 Prova ad incidere nel finale, ma le squadre ormai sono rassegnate al pareggio. Minasso 7 Primo gol in campionato per il classe 2001, che mette paura per tutta la prima frazione al Gozzano. Solo un miracolo di Vagge gli nega la gioia della doppietta. 18’ st Grandoni 6 Svaria su tutto il fronte d’attacco, senza però trovare guizzi o giocate particolarmente degni di nota. All. Lupo 6.5 Interrompe una striscia di quattro sconfitte consecutive proprio contro la capolista, che per 45’ resta a guardare di fronte al giro palla dei suoi. La vittoria continua a mancare da tanto certo, ma se non altro questo pareggio è un buon segnale rispetto alle ultime uscite. GOZZANO Vagge 8 Giá protagonista di una splendida stagione, il portierone classe 1996 si prende la scena anche contro l’Imperia. Sul tapin di Minasso non può nulla, ma prima aveva respinto il tentativo ravvicinato di Malltezi e un tiro da calcio d’angolo di Sancinito. Con un miracolo su Minasso e una prodezza su Gandolfo permette ai suoi di consolidare il pareggio decisivo per la promozione. Carboni 6.5 Prende in mano le redini della difesa nella ripresa e conduce i suoi ad una nuova promozione dopo quella storica di due stagioni fa. Vono 6 Gara ordinata dell’esterno classe 2000, che non spinge troppo in avanti ma non rischia nulla dietro. 25’ st Di Giovanni 6 Si limita a svolgere il compitino, badando solamente a non commettere errori. Sylla 6.5 Un unico guizzo, ma decisivo, quello con cui si procura il calcio di rigore poi traformato da Allegretti. (33’ st Rao sv) Allegretti 7.5 Il numero 10 si carica ancora una volta i rossoblù sulle spalle, svegliando tutta la squadra con i suoi tentativi di trovare subito il pareggio, poi conquistato trasformando con freddezza il calcio di rigore decisivo per la Serie C. Kayode 6.5 Bel duello con Malandrino sulla sua fascia, prova a sfruttare la sua rapiditá e guadagna calci d’angolo con movimenti improvvisi ma mai figli del caso. Carta 5.5 Pecca di luciditá in alcuni momenti salienti del primo tempo, per poi finire anzitempo la benzina. 14’ st Gemelli 6 Dentro per gestire l’ultima mezz’ora, cosa che non gli viene difficile grazie ai ritmi molto bassi degli ultimi minuti. Piraccini 5.5 Ha sulla coscienza un’ottima occasione buttata al vento su assist geniale di Allegretti: Dani è sicuramente bravo a chiudergli lo specchio in uscita bassa, ma lui poteva fare meglio. (43' st Modesti sv) Bianconi 6 Prende le misure nella ripresa e conclude la gara senza particolari sbavature. Cella 6.5 Abbina quantita e qualità: fa valere il fisico in fase di interdizione ma non fa mancare il suo apporto da regista. (39’ st Confalonieri sv) Pavan 6 Anche lui esegue gli “ordini” di capitan Carboni e nel secondo tempo contribuisce al giro palla con cui i suoi addormentano la partita. All. Soda 6.5 Raggiunge l’obiettivo massimo con il minimo sforzo. I suoi rischiano eccessivamente nel primo tempo, ma il gol di Allegretti allo scadere della prima frazione ridà serenità a tutta la squadra, che poi nella ripresa gestisce sapientemente i ritmi portando a casa una nuova promozione in Serie C. ARBITRO: Migliorini di Verona 6.5 Dirige la gara senza dover prendere decisioni particolarmente complicate. Netto il rigore su Sylla, steso in area da Virga.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400