Cerca

Castellanzese-Folgore Caratese Serie D: Chessa, Ghilardi e Fusi segnano il secondo posto dei neroverdi, Longo saluta definitivamente i playoff

castellanzese-folgore caratese serie d
Castellanzese per continuare a sognare e a ottenere la miglior posizione in classifica, Folgore Caratese per provare ancora a ipotecare un posto nei playoff. Succede praticamente tutto nel primo tempo, che si conclude con il risultato di 3-1 in favore della formazione neroverde: Chessa (gelido dal dischetto e giunto al suo 34esimo gol stagionale), Ghilardi e Fusi indirizzano al meglio la gara, poi D'Antoni alla mezz'ora accorcia le distanze. Nella ripresa piovono gli infortuni, ma regge anche l'equilibrio. Gli uomini di Longo provano a pressare alto, ma continuando a sbattere sul muro difensivo della Castellanzese, con Fusi e Ghilardi sempre pronti ad abbassarsi per dare man forte ai compagni del reparto arretrato. Longo si gioca tutte le carte a disposizione, ma il verdetto è uno solo, la Folgore Caratese resta fuori dalla post season.


Castellanzese e Folgore Caratese in campo prima del fischio d'inizio

Tris neroverde, D'Antoni accorcia. Passano solamente 40 secondi ed ecco che la Castellanzese prova la prima imbuca, inventita di Corti che innesca Chessa, la conclusione è di poco fuori. La risposta della Folgore è immediata, assist al bacio di Ciko, Macrì prova la botta ma Indelicato risponde presente. Al 6' di gioco Monticone atterra in area Corti, lanciato a rete, e per il fischietto di Terni non ci sono dubbi: calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Chessa, che con un fulmine angolato batte Pizzella e porta i neroverdi in vantaggio. Al 13' azione splendida di Alushaj che cerca e trova Concina che offre un assist perfetto per Ghilardi che insacca. La Folgore Caratese prova ad affidarsi ai tiri potenti di Ciko e alla sgaloppate di Di Stefano, ma l'azione offensiva continua a infrangersi sul muro difensivo neroverde. La Castellanzese tenta di calare il tris con Colombo che offre un passaggio alla stregua della perfezione a Mecca, ma c'è la respinta di Pizzella. Un giro di orologio dopo (24') il tris arriva: Fusi disegna una parabola perfetta che termina laddove l'estremo difensore ospite non può arrivare. La Folgore prova ad accorciare, Macrì innesca Ciko che dalla distanza non inquadra lo specchio. Al 31' gli uomini di Longo accorciano: D'Antoni si mangia Concina, e segna il 31-, nel frangente Indelicato aveva indovinato la traiettoria, non riuscendo però a stoppare la sfera. Pochi istanti dopo Mazzoleni è costretto al primo cambio: Corti non riesce a continuare, dentro Bigotto. Poco prima del 40' bella giocata di D'Antoni per Di Stefano, bravo Indelicato a bloccare l'attaccante ospite. Allo scadere doppia occasione per gli uomini di Longo: brutta uscita di Indelicato, Kamal prova a fiondarsi sulla sfera, ma la retroguardia neroverde devia; poi Macrì prova il tiro angolato dalla lunga distanza, ma è un nulla di fatto. Tanti infortuni, ma regge il 3-1. Con l'ingresso di Buono, D'Antoni viene servito al bacio: servito Ciko, la conclusione viene murata, dalle retrovie arriva Cozzari che calcia al volo ma non trova lo specchio; nel frangente brutto contraccolpo per Indelicato che è costretto ad uscire, spazio a Porro. La Folgore Caratese prova ad alzare il proprio baricentro, per continuare ad accorciare le distanze, ma la difesa neroverde è ben piazzata, specie Alushaj che frena D'Antoni e Kamal in svariate occasioni. A metà prima frazione Alessandro Perego recupera un pallone clamoroso, che era quasi terminato out, mette la sfera dentro al volo, Bigotto prova la rovesciata ma il legno gli nega la gioia. Due giri di orologio dopo sono ancora gli uomini di Mazzoleni a rendersi insidiosi, Mecca calcia in mezzo Colombo prova la conclusione: miracolosa la parata di Pizzella. Al 33' D'Antoni prova di nuovo la gran botta, ma Porro si distende e mura in un tempo. Nonostante i 5' di recupero assegnati dall'arbitro il risultato non cambia più: 3-1 e Folgore fuori dai playoff.

IL TABELLINO

CASTELLANZESE-FOLGORE CARATESE 3-1 RETI: 6' rig. Chessa (C), 13' Ghilardi (C), 24' Fusi (C), 31' D'Antoni (F) CASTELLANZESE (3-5-2): Indelicato 6.5 (6' st Porro 6), Concina 6.5, Perego G. 6, Alushaj 7.5, Chessa 7 (44' st Sestito sv), Colombo 7 (32' st Gazzetta 6), Fusi 7.5, Corti 6.5 (34' Bigotto 6.5), Ornaghi 7 (6' st Perego A. 6), Mecca 6.5, Ghilardi 6.5. A disp. Tagliamonte, Gulinelli, Manfrè, Chilafi. All. Mazzoleni 7. FOLGORE CARATESE (4-3-3): Pizzella 5.5, Bini 5, Ciko 6.5, Monticone 5, D'Antoni 6.5 (35' st Tronco sv), Macrì 6 (13' st Paoluzzi 6), Alabiso 5 (2' st Buono 6.5), Kamal 6.5 (30' st Drogba 6), Cozzari 6, Di Stefano 5.5, Derosa 5.5 (30' st Marconi 6). A disp. Bertozzi, Finessi, Schiavina, Cacciatori. All. Longo 5.5. ARBITRO: Mihalache di Terni 6. ASSISTENTI: Bertozzi di Cesena e Sbardella di Belluno. AMMONITI: Derosa (F), Gazzetta (C), Concina (C).

LE PAGELLE

CASTELLANZESE Indelicato 6.5 Sulle uscite qualche errorino c'è, ma regala comunque sicurezza ai suoi murando soprattutto quella conclusione di Kamal nel primo tempo. 6' st Porro 6 Entra in campo con personalità e dimostra grande attenzione in ogni fase del gioco. Concina 6.5 Suo l'assist che porta al gol Ghilardi. Buona prova in fase difensiva dove erge un muro, bene anche in quella di spinta. Perego G. 6 Primo tempo di grande sostanza, attenzione e intelligenza tattica. Nella ripresa cala un po' e commette qualche ingenuità. Tutto sommato però la prova è sufficiente. Alushaj 7.5 Sempre più faro della difesa neroverde. Riesce ad arginare D'Antoni e Di Stefano in maniera egregia non andando mai in affanno. Chessa 7 Il rigore è “solo” il 34esimo sigillo stagionale. Tanto lavoro fra le linee e tanti palloni soffiati a metà campo. Sempre più Super Mario. (44' st Sestito sv). Colombo 7 Il lavoro sporco passa sempre dai suoi piedi. Forse un po' troppo generoso con i compagni in qualche circostanza, ma pur sempre vero leader in campo e anche fuori. (32' st Gazzetta 6). Fusi 7.5 La parabola perfetta che disegna e porta al 3-0 è solo la ciliegina sulla torta. Buona intesa con Mecca nella prima frazione, e una quantità assurda di sfere recuperate. Non dimentica mai la fase difensiva, arretrando quando necessario. Corti 6.5 Conquista il calcio di rigore, poi è costretto a uscire per un risentimento muscolare. Peccato. 34' Bigotto 6.5 Entra praticamente a freddo e fa subito la voce grossa. Se quella rovesciata fosse andata in rete, si sarebbe assicurato il premio “gol di giornata”. Ornaghi 7 Prova assolutamente di spessore. Contrasti perfetti, duelli vinti e tanta spinta. Con tenacia riesce a frenare anche uno come Di Stefano. (6' st Perego A. 6). Mecca 6.5 Non una delle sue prove più brillanti, ma a centrocampo è sempre l'uomo in più. Recupera sfere e prova a impostare la manovra. Ghilardi 6.5 Solita grande spinta sulla fascia di competenza. Mette la firma sul secondo gol, dopo una splendida intuizione di Concina. Spinge tanto, ma è sempre pronto ad abbassarsi per dare man forte alla retroguardia. All. Mazzoleni 7 Altro successo per lui e per la Castellanzese. Comunque vada l'ultima giornata la semifinale dei playoff sarà davanti al pubblico neroverde. Primo tempo di assoluto spessore, ripresa di grande attenzione. FOLGORE CARATESE Pizzella 5.5 Protagonista di alcune intuizioni e di parate encomiabili, però tre gol subiti restano un po' troppi. C'è da lavorare su qualche uscita. Bini 5 Sottotono, dietro commette diverse sbavatura che portano Chessa & Co ad avvicinarsi innumerevoli volte alla porta di Pizzella. Meglio nella ripresa, ma la sufficienza non c'è. Ciko 6.5 Nella prima frazione con i tiri dalla lunga distanza prova a mettere un po' di pepe. Bene in alcuni contrasti, è l'ultimo a mollare. Monticone 5 Il rigore arriva da un suo errore su Corti. Nella sua zona è dove la Castellanzese riesce a rendersi più insidiosa, e Fusi lo annichilisce in pieno. D'Antoni 6.5 Mezzo punto per aver provato a riaprirla con il gol della bandiera. La qualità delle giocate c'è, ma troppo spesso è lasciato solo là davanti, dove comunque fa a spallate con tutti. (35' st Tronco sv). Macrì 6 Primo tempo con troppi pochi buoni spunti. C'è da dire che però i suoi passaggi sono alla stregua della perfezione, anche se Alushaj resta un cliente scomodo. (13' st Paoluzzi 6). Alabiso 5 Discorso analogo a Monticone. È proprio nella sua zona di competenza che la Castellanzese riesce ad affondare il colpo. Concina poi gli fa vedere i sorci verdi. 2' st Buono 6.5 Buoni spunti sulla fascia e tanti recuperi. Regala freschezza e soluzioni alternative. Kamal 6.5 Il classe 2003 ha qualità e le mette in mostra. Pecca un po' in inesperienza, deve farsi le ossa, ma il profilo resta assolutamente interessante. (30' st Drogba 6). Cozzari 6 Poche idee, anche se con qualche spizzata in mezzo all'area fa venire i brividi ai neroverdi. Sufficienza risicata. Di Stefano 5.5 Si vede poco, troppo poco. Ornaghi e Ghilardi lo seguono come due ombre e gli lasciano poco spazio per giocare e poco tempo per pensare. Derosa 5.5 Pecca in sufficienza. Ghilardi lo brucia spesso e volentieri in velocità e raramente riesce a recuperare. In affanno. (30' st Marconi 6). All. Longo 5.5 Playoff sfumati. Campionato comunque positivo per la sua Folgore Caratese, che ha il vanto di aver schierato sin dal 1' di gioco due classe 2003 in campo. Per 20' però il blackout dei suoi è totale. ARBITRO Mihalache di Terni 6 Sulla gestione dei cartellini qualcosa è rivedibile, però azzecca il rigore e dimostra personalità.

LE INTERVISTE

Achille Mazzoleni, tecnico della Castellanzese, è di poche parole, ma colme di gioia: «Non sono contento di più. Spesso eravamo quelli che dovevano rincorrere, mentre nelle ultime gare segnamo e indirizziamo già dal primo tempo. Indelicato sicuramente riuscirà a recuperare, mentre per Corti il problema muscolare sembra un pelo più importante. Playoff con il Legnano? Sicuramente spettacolo assicurato e pubblico foltissimo, sarebbe bello». Spazio poi a Pietro Fusi e Andrea Ghilardi, due dei tre marcatori di giornata e i due esterni. Il primo commenta così: «Dopo 20' di gioco eravamo sul 3-0, potevamo ovviamente evitare il gol. Abbiamo sofferto tutti insieme e portato a casa i tre punti, quello è l'importante. Nel secondo tempo abbiamo avuto qualche occasione, ma non eclatanti come nel primo; c'è da dire che nelle ultime gare abbiamo imparato a gestire un po' meglio il risultato, ma qualche errorino lo commettiamo ancora». Ghilardi, invece osserva: «Ottima partita, approcciata nel modo giusto; c'è stato un piccolo calo perché in questo momento non è facile tenere alti i ritmi. Avendo molta corsa per me è più facile essere presente sia in fase offensiva che in quella difensiva».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400