Cerca

Città di Varese - HLS Derthona Serie D: i Leoni passano all'Ossola, nel finale il rigore di Zerbo vale i 3 punti

Città di Varese - HLS Derthona
L'ultimissimo atto del girone A di Serie D vede affrontarsi Città di Varese e HLS Derthona, una sfida tra due compagini che hanno saputo raggiungere entrambe l'obiettivo della salvezza da ormai qualche giornata, ma che nel pomeriggio del "Franco Ossola" danno vita ad un match accesso e combattuto come se in campo ci si giocasse ancora un reale obiettivo. Alla fine sono gli uomini di Zichella a spuntarla, con un 2-1 in rimonta targata Lipani e Zerbo, che ha lasciato però delle accese polemiche sulla decisione del direttore di gara nell'assegnazione del penalty nel finale (con tanto di rosso diretto) sul contatto in area tra lo stesso Zerbo e Polo. A nulla sono serviti gli ultimi assalti del Città di Varese, che dopo essere andata in vantaggio con Balla, si è vista subito ripresa dal gol di Lipani, avendo poi nella ripresa diverse palle gol per poter portarsi in vantaggio. Così non è stato, e seppur ininfluente ai fini della classifica, la sconfitta lascia comunque un po' di amaro in bocca per gli uomini di Rossi, che mancano il successo davanti al proprio pubblico finalmente presente sulle tribune, e che non ha mancato di sostenere la squadra, come è finalmente normale che sia. Lipani riacciuffa subito Balla. Con la tranquillità di chi sa di non aver nulla da perdere, ma allo stesso tempo con la determinazione di concludere con una vittoria il proprio campionato, le formazioni di Rossi e Zichella iniziano con un alto ritmo di gioco. I primi ad andare vicini al vantaggio sono però i biancorossi, che spinti anche dal proprio pubblico presente sulle tribune, al 4' confezionano una bell'azione corale partita dalla sinistra, con Balla che arriva al cross trovando Polo sul secondo palo, il suo tiro però pecca di precisione, terminando a lato. È sempre l'esterno numero 2 ad avere ancora tra i piedi il pallone del vantaggio, perché al 13' un'uscita a vuoto di Rosti dagli sviluppi di un calcio d'angolo gli fa carambolare il pallone tra i piedi, la difesa ospite è tuttavia brava a murare immediatamente la sua conclusione. Il vantaggio del Varese è comunque nell'aria, ed infatti il minuto 16 è quello buono: rimessa battuta veloce da Polo a servire Capelli che mette in mezzo, il primo tiro di Nicastri è murato, ma la seconda conclusione di Balla è invece vincente e vale l'1-0. Non c'è però nemmeno il tempo di esultare per il pubblico del Franco Ossola, che il Derthona si fa subito minaccioso in avanti, e se al 17' è strepitoso Siaulys a togliete dal sette la punizione dal limite di Zerbo, nulla può sulla conclusione di Lipani sul calcio d'angolo successivo, riportando così subito il punteggio in parità. La partita rimane così accesa e viva, anche quando Balla è costretto a dare forfait al 23', perché il suo subentrato, Minaj, entra subito a mille nel match, recuperando un ottimo pallone a metà campo dando così il via ad un tre contro due che vede arrivare alla conclusione Capelli, Rosti però è provvidenziale nel deviare con il piede. A questo punto le due formazioni iniziano a calare un po' il ritmo, puntando su un fraseggio più ragionato che produce comunque delle occasioni, come i tiri dalla distanza di Zerbo e Capelli, i quali però non spezzano l'equilibrio. Zerbo gioia finale. L'inizio della ripresa è più a tinte bianconere, con un organizzato pressing dei tre attaccanti, supportati sempre da Mutti e Lipani, che non permette al Varese di trovare le giuste geometrie. Questo permette alla squadra di Zichella di essere più presente nella metà campo biancorossa, anche se la prima vera occasione arriva solo al 17', con il colpo di testa di Varela dagli sviluppi di un corner, che chiama Siauylis al suo grande secondo intervento di giornata. È la scintilla che da nuova energia al match, perché nell'azione successiva sono i padroni di casa ad andare vicini al vantaggio con Minaj, l'attaccante varesino è anticipato però proprio sul momento del tiro dal provvidenziale intervento di Esposito. Se in questo momento della gara Zichella sceglie di non modificare l'assetto della sua squadra, Rossi pesca invece diverse soluzioni dalla sua panchina: una di queste è Giulio Ebagua che appena entrato in campo si presenta con una conclusione ambiziosa dai 35 metri, ma che in realtà manca di poco il bersaglio. Un altro cambio che rischia di essere vincente per Rossi è Aiolfi, che al al 36' ha una grandissima occasione su una bella palla messagli in mezzo da Minaj, ma il classe 2003 manca la porta clamorosamente da ottima posizione. Il minuto chiave della partita è però il 39': cross dalla destra di Manasiev, Zerbo si avventa sul pallone e con un gran colpo di testa chiama Siaulys al suo terzo miracolo di giornata. L'azione viene però interrotta dall'arbitro che segnala il calcio di rigore e l'espulsione per Polo, reo secondo il direttore di gara di aver spinto l'attaccante ospite, spinta che però sembrava alquanto debole. Dal dischetto va lo stesso Zerbo, che trasforma, nonostante Siaulys avesse intuito la traiettoria. Il finale vede così l'assalto del Città di Varese, che nonostante l'inferiorità numerica riesce a creare due occasioni per pareggiare, prima con un colpo di testa di Ebagua parato da Rosti, poi con un tiro dal limite di Disabato che sfiora il palo. Tentativi che però non cambiano il risultato, e così dopo i 4 minuti di recupero è il Derthona ad esultare, concludendo così il campionato con il tredicesimo posto finale e 47 punti. Per il Città di Varese invece, la classifica recita sedicesimo posto e 42 punti.  

IL TABELLINO

CITTÀ DI VARESE - HLS DERTHONA 2-1 RETI: 16' Balla (CV), 18' Lipani (D), 40' st rig. Zerbo (D) CITTÀ DI VARESE (3-4-1-2): Siaulys 8, Polo , Quitadamo 6, Parpinel 6, Sow 5 (20' st Ebagua 6.5), Capelli 6, Nicastri 5.5 (32' st Aiolfi 5.5), Snidarcig 6 (8' st Beak 5.5), Mapelli 6, Aprile 6 (8' st Disabato 6.5), Balla 6.5 (23' Minaj 6.5). A disposizione Fall, Esposito, Mamah, Ritondale. Allenatore Ezio Rossi 6.5 HLS DERTHONA (4-3-3): Rosti 6.5, Gualtieri 6.5, Tordini 5.5, Gjura 6, Emiliano 6.5, Lipani 7, Zerbo 7, Mutti 6 (27' st Magne sv), Varela 6.5 (38' st Spoto sv), Kanteh 6 (37' st Paini sv), Manasiev 6. A disposizione Parodi, Paini, Nsingi, Casagrande, Cardore, Andriolo. Allenatore Giovanni Zichella 6.5 ARBITRO: Matteo Dini di Città di Castello 5 ASSISTENTI: Michele Desiderato di Barletta; Francesco Tragni di Matera AMMONITI: Disabato, Aiolfi (CV); Akouah (D) ESPULSI: 39' st Polo (CV)  

LE PAGELLE

CITTÀ DI VARESE Siaulys 8 Probabilmente la sua miglior partita della stagione, compie tre interventi decisamente miracolosi, intuendo anche il calcio di rigore di Zerbo. Polo 5.5 Ha sui piedi le prime due occasioni del match, tuttavia dopo viene cercato meno frequentemente dai compagni, rimanendo in ombra fino all'episodio chiave del rigore, che seppur in maniera generosa, lo vede coinvolto. Quitadamo 6 Schierato in un inedita posizione di centrocampista centrale, risponde bene al nuovo ruolo, giocando si con semplicità, ma sempre con la classica grinta che lo contraddistingue. Parpinel 6 Partita ordinata e senza sbavature, non eccellendo ma senza neppure soffrire rischiare particolarmente. Sow 5 Macchinoso e a volte d'intralcio per la stessa manovra offensiva dei suoi. Decisamente una giornata no. 20' st Ebagua 6.5 Pronti via e si presenta con un bolide dai 35 metri che rischia di far esplodere il "Franco Ossola". Voleva particolarmente il gol e lo si nota, cercando la conclusione in più di un'occasione, senza però riuscire a gonfiare la rete. Capelli 6 L'occasione divorata nel primo tempo non è da miglior realizzatore della squadra, ed infatti pesa parecchio. Tuttavia ha sempre la capacità ed il coraggio di prendersi il pallone nelle situazioni più spinose, gestendolo sempre bene. Nicastri 5.5 In po' troppo timido sulla sinistra, non riuscendo mai a guadagnare il fondo e a superare Gualtieri. 32' st Aiolfi 5.5 Ha l'opportunità di fare il bis dopo il gol contro il Chieri, ma il suo tap-in che sembrava già per farlo esultare manca clamorosamente la porta. Snidarcig 6 Detta i tempi con giocate semplici ed efficaci, badando sempre al sodo. 8' st Beak 5.5 Non incide particolarmente, facendosi notare solamente per qualche buon lancio sull'esterno. Mapelli 6 Anche lui come Parpinel gioca una partita senza spiccare particolarmente, ma sempre rimanendo attento e soffrendo poco. Aprile 6 Da centrale di destra rischia poco, cordinandosi bene con Parpinel e Mapelli nei movimenti difensivi. 8' st Disabato 6.5 Da assolutamente qualità con il suo ingresso in campo e nel finale sfiora il gol del pari con una bella conclusione dal limite. Balla 6.5 Nei primi 20 minuti trova gol, giocate e geometrie che lo facevano candidare a uomo partita. Esce purtroppo anzitempo per infortunio 23' Minaj 6.5 Sopperisce alla grande alla perdita di Balla, garantendo vivacità e strappi nella zona offensiva che portano alle occasioni di Capelli e Aiolfi. All. Ezio Rossi 6.5 Così come da quando è arrivato, anche oggi la sua squadra non ha mai rinunciato a giocare, a proporre un calcio offensivo e tenere quanto più spesso possibile il controllo del gioco. Oggi è arrivata una sconfitta, ma se il Città di Varese è riuscito a salvarsi con quattro giornate d'anticipo gran parte del merito è suo. HLS DERTHONA Rosti 6.5 Se nulla può sul gol di Balla, sulla conclusione di Capelli e sul colpo finale di Ebagua si fa trovare assolutmanete pronto e decisivo. Gualtieri 6.5 Motorino instancabile della fascia sinistra, non sono poche le volte che riesce ad arrivare sul fondo, rimanendo attento anche in fase difensiva, arginando le iniziative di Nicastri. Tordini 5.5 La grinta e la voglia non gli mancano, ma specialmente dalla sua parte Minaj gli va via in più di un'occasione. Gjura 6 Difende con ordine e precisione, annullando senza problemi Sow, soffrendo invece un po' di più con Ebagua. Emiliano 6.5 Anche lui come Gjura si fa trovare sempre concentrato dietro, ma in più produce una chiusura fondamentale su Minaj nella ripresa. Lipani 7 Non solo il gol del pareggio, perchè il classe 2001 è un vero leader a centrocampo, prendendo in più di un'occasione in mano la squadra con giocate intelligenti ed efficaci. Zerbo 7 La sua tecnica la davanti fa assolutamente la differenza, restando una costante minaccia per tutto il match. A questo poi, si affianca la personalità e la freddezza di trasformare il rigore da 3 punti a 5' dalla fine. Mutti 6 Tanta corsa e tanti palloni giocati, aiutando spesso il reparto avanzato quando c'era da pressare alto. (27' st Magne sv) Varela 6.5 Si muove molto su tutto il reparto avanzato, producendo sponde interessanti, ma anche lasciando lo spazio per gli inserimenti di mezzali ed esterni. Va vicino al gol con un gran colpo di testa, ma trova davanti a se uno strepitoso Siaulys. (37' st Spoto sv) Kanteh 6 Molta più quantità che qualità, ma è comunque l'equilibratore necessario ed efficace del suo centrocampo. (37' st Paini sv) Manasiev 6 E' il meno ispirato del trio d'attacco, anche se è da un suo cross che nasce l'azione del calcio di rigore. All. Giovanni Zichella 6.5 Sceglie di cambiare poco durante il secondo tempo, anche quando la squadra sembrava in affanno. Un azzardo che però alla fine paga. ARBITRO Matteo Dini di Città di Castello 5 La gestione della gara era anche particolarmente buona prima del 39' della ripresa. Da lì in poi però perde completamente il polso della partita. Il contatto Polo-Zerbo è sembrato fin troppo debole per assegnare il calcio di rigore, men che meno l'espulsione.  

LE INTERVISTE

Di poche parole l'allenatore del Città di Varese Ezio Rossi: «Anche oggi come in quasi tutte le partite che abbiamo giocato ci ritroviamo di fronte allo stesso copione: giochiamo bene e produciamo, e poi veniamo puniti. Futuro? Al 90% rimarrò qui, ho già parlato con la società per impostare la squadra dell'anno prossimo, poi è chiaro, tra il dire ed il fare c'è di mezzo tanto, specialmente in categorie come queste. Le idee sono chiare, e faremo di tutto per cercare che si realizzino. I tifosi? Speriamo tutti di averli con noi per tutta la prossima stagione: per noi sono un valore aggiunto, specialmente per la piazza che è Varese. Ci permetterebbero di giocare veramente in casa, diventando un fattore non secondario»
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400