Cerca

Il Ds Moretti: mi aspettavo una telefonata, ma ringrazio Bra. Tutti gli obiettivi raggiunti

Marco Moretti e Raffaele Senatore
Con il comunicato di ieri, venerdì 25 giugno, il Bra ha pubblicamente non confermato lo storico allenatore Fabrizio Daidola e con lui gran parte dello staff tecnico, fino ad arrivare al Direttore Sportivo Marco Moretti. Di fronte, dunque, ad un ridimensionamento economico, la società giallorossa ha optato per una sterzata forte a livello di gestione andando dichiarare di riponderare obiettivi e tipologia di rosa. Il DS uscente Marco Moretti ringrazia pubblicamente per l'opportunità concessagli in questa stagione: «Non posso fare altro che ringraziare dal profondo del cuore la società e tutti i suoi componenti. È stata una grande stagione e ora dovrò andare avanti per la mia strada. Sicuramente sono soddisfatto e orgoglioso del raggiungimento degli obiettivi che mi ero prefisso a inizio stagione: raggiungere una classifica soddisfacente, riportare i tifosi allo stadio (ove era possibile per la pandemia) e ridare a Fabrizio (Daidola) la posizione che gli competeva come allenatore dopo tre stagioni così così. Ci siamo riusciti e ingrazio tutti, dalla società fino ai ragazzi che sono stati stupendi». Tra i ringraziamenti sentiti, c'è però una nota stonata per Moretti che risiede nelle modalità con cui si è conclusa l'avventura in giallorosso: «Abbiamo cercato di portare del professionismo dove potevamo e qualcuno ci ha impedito di continuare. Poi magari la società vuole puntare ad obiettivi minimi in Interregionale. Ci sta, anche se mi dispiace molto per loro. La delusione però risiede nel fatto che mi sarei aspettato una telefonata, non di saperlo dai giornali. Tutto ciò comunque non cambia il mio affetto per le persone e la società Bra a cui augurerò sempre il meglio». Ora però si pensa al dopo, e il dopo a Bra sembra portare il nome di Roberto Floris, già quest'anno vice di Daidola e allenatore "canterano" dell'Attilio Bravi, dove ha vinto il primo titolo regionale giovanile. «È un bravo ragazzo e un bravo allenatore a cui auguro tutto il bene possibile. Sicuramente per lui non sarà facile: sia perché, nel caso in cui sarà lui il prossimo allenatore, sarà un esordiente, sia per la stagione da cui arriva di alta classifica. Nel caso, la società dovrà essere intelligente e lasciargli tempo per crescere così che le sue qualità vengano fuori. Anche Fabrizio, nonostante la separazione, è contento che sia arrivato il momento di Floris e lo ha espresso in società, dicendo che se mai avessero dovuto sostituirlo avrebbero dovuto puntare su di lui. È stato nel gruppo e può continuare il percorso iniziato. Gli auguriamo decisamente il meglio». Oltre Bra, c'è anche un futuro per Moretti, Daidola e Raffaele Senatore, tecnico dell'Under 19 anche lui vittima del taglio economico: «Volendo la società ridimensionare - continua Moretti - a farne le spese è stato anche Senatore, non fosse altro perché veniva da Torino. È un allenatore quotato, soprattutto nel lavoro coi giovani. Si è fatto apprezzare da tutti (e sottolineo tutti) per le sue qualità umane e tecniche. Lui ha la possibilità di fare una bellissima Eccellenza e io farò di tutto per aiutarlo e premiare le sue qualità. Io e Daidola vedremo e valuteremo delle opzioni, qualora dovessimo trovare qualcosa chiederò anche a Senatore se avrà piacere di seguirci e se ci sarà la possibilità».  
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400