Cerca

Serie D

Fossano-Novara: Alfiero timbra alla prima contro il 'suo' Fossano. Poi ci pensa Vuthaj a castigare oltre misura la squadra di Viassi

Si impone la capolista in trasferta contro un Fossano che gioca bene ma che viene punito dagli episodi. Viassi arrabbiato col direttore di gara, spende parole al miele per i suoi: «Nulla da rimproverare, grande partita»

Fabrizio Viassi

Fabrizio Viassi

Un roboante e un po' bugiardo 0-3 è il risultato di 90’ di fuoco in cui il Novara fa la prima della classe e castiga un Fossano bello e da applausi, castigato prima dall'ex 'figliol prodigo' Vincenzo Alfiero, e poi dalla doppietta del cannoniere Vuthaj. Azzurri che allungano in vetta, anche in virtù della vittoria di mercoledì con la Lavagnese in un turno quasi completamente rinviato per neve, e Fossano che gonfia il petto e si prende gli elogi del proprio tecnico Viassi al termine di una partita persa ma assolutamente da applausi per i suoi. Con un primo tempo vivace e divertente, reso tale anche dalle tifoserie, soprattutto quella ospite che non smette di cantare ed incitare i suoi. Parte meglio il Fossano che ha più grinta e crea più pericoli, ma alla fine ne esce vittorioso il Novara con il Tap-in al 41’ di Alfiero che insacca su cross basso dalla sinistra di Amoabeng e porta gli ospiti in vantaggio al riposo. Il secondo tempi si apre con il giallo del guardialinee, poi risolto, e con un Fossano davvero col coltello fra i denti. Purtroppo per gli azzurri di casa non basta, visto che di fronte hanno un Vuthaj che ha fame di gol e segna il 18' e il 19' del suo campionato contro un Chiavassa che ci aveva messo più di una pezza fin lì. Sale a quota 35 punti la capolista, mentre il Fossano continua a navigare sul fondo, nonostante la buona prestazione messa in mostra davanti ai suoi tifosi. 

Alfieri in diagonale Nel soleggiato pomeriggio dell’Angelo Pochissimo di Fossano, va in scena quello che si direbbe un duello testa-coda, per fare un parallelismo con la Formula 1 che si corre alla stessa ora. Si perchè il Novara si presenta da capolista con statistiche da capogiro: 9 vittorie, 5 pari e appena 1 sconfitta, con 14 gol subiti e 34 fatti, la metà dei quali realizzati dal capocannoniere Vuthaj, che ha una media di minuti giocati/gol di un gol aogni 79 minuti. I padroni di casa sono invece a quota 11 punti in campionato, a -3 dalla zona salvezza che eviterebbe i play-out, ma con 14 partite giocate, ma il campionato è ancora lungo. Si perchè il Fossano ha una partita in meno con 3 vittorie, 2 pareggi e 9 ko, ma con 26 reti subite e un attacco che ha meno reti segnate del bomber ospite, per l’appunto 14 gol all’attivo. Il Fossano non ha giocato in settimana, da qui il match in meno, mentre i novaresi sono usciti vittoriosi per 1-0 dallo scontro in casa con la Lavagnese. Il precedente match, aveva visto anche il Fossano travolgere in casa la stessa lavagnese, col punteggio di 4-1, mentre il turno 14 aveva visto il pari in trasferta del Novara con il PHDAE. In un atmosfera splendida parte subito con un giallo il match: Di Salvatore si infila alla ricerca di un pallone vagante ma prima di arrivare di fronte a Desjardins viene fermato da ultimo uomo da un difensore novarese che rischia molto, ma per il direttore di gara non c’è nulla e si prosegue. Il tifo è davvero incessante da parte dei supporter ospiti che tra cori e bandiere non si sono ancora fermati. Al 7’ Menabò ha una grandissima chance di concludere a rete ma Desjardins neutralizza il tiro con i piedi, ma sulla respinta Di Salvatore preferisce passare ad un compagno che tirare, ma la scelta si rivela un fiasco, col pallone che finisce tra i piedi dei giocatori ospiti. Poi ci prova il Novara al 10’ con un contropiede ben orchestrato ma Rosano impedisce che si concretizzi consegnando il pallone in anticipo al proprio portiere. Ancora protagonista il Novara al 14’ con un tiro di Gonzalez alto sopra la traversa. Al 15’ abbiamo il primo corner del match a favore dei padroni di casa ma il tiro da fuori di Rosano è abbondantemente a lato. Risponde ancora la formazione ospite ottenendo un bel corner dopo una azione corale pericolosa, e dalla bandierina il Novara colpisce una traversa ma è tutto annullato per fallo di mano di Bonaccorsi che riceve anche il primo giallo del match. È una partita davvero vivace e bella da vedere, con continui capovolgimenti di fronte e azioni da una parte all’altra. Va sottolineato che in questi primi 20’ minuti di gioco è il Fossano ad avere le chance migliori, come proprio nel corso del 21’ con Galvagno neutralizzato da Desjardins in corner. Dal corner il Fossano arriva al tiro ma la conclusione colpisce un giocatore in fuorigioco, pertanto il direttore di gara Vogliacco di Bari annulla per offside. Di contro il Novara continua a tenere in mano le redini del gioco, tenendo alta la squadra e continuando a girare palla, ma dalle loro imprecisioni sono nate le occasioni fossanesi. Già al 25’ arriva un cambio per il tecnico Marchionni che sostituisce l’ammonito Bonaccorsi per far entrare al suo posto Benassi che prende il suo posto nella difesa dei novaresi, da capire se le motivazioni siano solo tecniche visto il rendimento sottotono fin qui del giocatore, oppure se sia stato il cartellino rimediato e la forma fisica a indurre la sostituzione così anticipatamente. Il Novara col passare dei minuti è comunque molto salito e sta veramente schiacciando il Fossano nella sua metàcampo. Alla mezza’ora ci prova Vaccari con un filtrante alto verso le punte, ma la sua idea è mal realizzata e il pallone si spegne sul fondo. Al 34’ l’autentico miracolo di Scotto che anticipa Vuthaj appena prima del tiro in area, salvando la sua squadra. Al 40’ ancora bomber Vuthaj a provarci di testa, ma Chiavassa aveva neutralizzato ancor prima del fischio dell’arbitro per fallo in attacco. Poco dopo è ancora il Novara a presentarsi in area fossanese, stavolta con un corner, ma il pallone sfila in rimessa laterale per gli ospiti dopo una deviazione della retroguardia di casa. Proprio da questa rimessa al 41’ nasce il gol del Novara, con Alfiero che insacca facilmente un pallone su un cross che arriva dalla sinistra di Amoabeng. 0-1 e Novara che ora deve gestire il risultato fino all’intervallo, visto che il Fossano, che si stava schiacciando troppo fin lì, ora prova a rimettere la testa fuori. L’arbitro assegna infine un solo giro d’orologio da recuperare al termine del primo tempo. Nonostante il breve lasso di tempo assegnato per il recupero, il Novara si presenta ancora dalla bandierina, ma stavolta l’azione si chiude con un nulla di fatto. 

Vuthaj fa 18 e 19... Il secondo tempo tarda ad iniziare, visto che pare che un assistente del direttore di gara abbia qualche problema fisico, ma è ancora tutto da vedere. Alla fine Roberto Calamari e Massimo Bennati diventano i nuovi guardialinee del match, per un secondo tempo che si preannuncia infuocato, visto che su di una fascia abbiamo il team manager del Fossano e dall’altra il dirigente del Novara. Tornando al campo abbiamo subito un inizio scoppiettante da parte di Specchia che salta due avversari prima di venir fermato in fallo laterale da un centrale novarese. Di contro restituisce il cartellino giallo per fallo di mano Menabò al Novara, sprecando una buona azione sotto porta. Subito dopo le proteste del Fossano si fanno apertissime, e stavolta forse il dubbio c’è veramente visto che Adorni calcia in area e viene steso da Bergamelli con un intervento che il direttore giudica regolare, ma i dubbi rimangono. Il dato di fatto è che il difensore novarese ha rischiato tantissimo ed ha giocato un jolly pericoloso in quella zona di campo. Il Fossano è però sceso in campo con un altro piglio e lo si vede dal pericolo creato al 11’, sul quale è l’arbitro a fischiare il fuorigioco onde evitare pericoli più grandi. Al 24’ doppio intervento di Chiavassa, il primo su Vuthaj, e il secondo dopo la respinta su Laaribi, col pallone che viene spedito in corner, dal quale il Novara non ne approfitta. Il doppio miracolo di Chiavassa tiene in piedi i suoi ragazzi che stanno nuovamente iniziando a calare come ritmo ed intensità, complice un Novara che non lascia più spazi aperti per provare a fare male e che costringe i padroni di casa a reinventarsi. Al 29’ serve ancora un super Chiavassa a strozzare in gola l’urlo di gioia ai tifosi novaresi, visto il miracolo autentico sul bomber del girone A Vuthaj. Passa un paio di giri d’orologio e al minuto 31’ c’è un contropiede letale che il Fossano concede al Novara e a tu per tu con Chiavassa, Vuthaj non perdona e trafigge gli avversari per la 18esima rete del suo campionato che vale lo 0-2, tra le proteste per un presunto fuorigioco da parte dei padroni di casa. Nella seconda parte degli ultimi 45’ abbiamo assistito ad un match che si è un po’ spento dal punto di vista delle occasioni, con il Novara che ha gestito egregiamente il match. Sul finale l’arbitro assegna 5’ di recupero, ma il risultato di 0-2 non sorride di sicuro al Fossano, che comunque ha ancora tempo per provarci, e lo fa sin da subito con una punizione dalla sinistra. Proprio da questo angolo parte un contropiede orchestrato da Vuthaj che serve nello spazio Amoabeng, ipnotizzato da Chiavassa, poi un errore della retroguardia fossanese che non spazza la sfera consente a Vuthaj di avere una seconda occasione, nella quale il pallone colpisce il palo. Non basta a fermare il capocannoniere, che al minuto 49’, sull’ultimo contropiede del match, salta Chiavassa e issa il match sul risultato roboante di 0-3. Punteggio decisamente severo per quanto visto in campo, specie da parte di un Fossano che non ha demeritato nonostante l’avversario fosse di un altro livello. Adesso il prossimo turno vedrà il Novara impegnato in casa contro il Gozzano, mentre il Fossano andrà in trasferta contro il Borgosesia. 

IL TABELLINO

FOSSANO-NOVARA 0-3

RETI: (0-1, 0-1): 41’ Alfiero (N), 31’ st Vuthaj (N), 49’ st Vuthaj (n)

FOSSANO (3-5-2): Chiavassa 6.5, Bellocchio 5.5, Scotto 6, Giraudo 5.5 (26’ st Della Valle 6), Adorni 6.5, Fogliarino 6 (23’ st Scarafia 6), Rosano 7 (38’ st Di Salvatore G. sv), Specchia 6.5, Galvagno 6.5, Menabò 6, Di Salvatore L. 6. All. Viassi Fabrizio 6.5. A disp. Fazio, Utieyin, Moreo, Brero, Coulibaly, Giobergia

NOVARA (3-4-1-2): Desjardins 6.5, Bonaccorsi  5 (25’ Benassi 6), Bergamelli 6, Amoabeng 7, Paglino 6 (35’ st Capone sv.), Di Munno 6 (19’ st Tentoni 6), Vaccari 6, Di Masi 5.5, Gonzalez 6.5 (44’ st Bortoletti sv), Alfiero 8 (19’ st Laaribi 5), Vuthaj 9. All. Marchionni Marco 6.5. A disp. Taliento, Vimercati, Pereira, Muhaxheri 

ARBITRO: Vogliacco Valerio di Bari 5.5.

AMMONITI: 18’pt Bonaccorsi (N), 5’st Menabò (F), 36’st Adorni (F), 47’st Laaribi (N).


LE PAGELLE 

FOSSANO (3-5-2)

Chiavassa 6.5 Oggi è superlativo sui gol non può nulla. 

Bellocchio 5.5 Dalla sua fascia nasce il gol dello 0-1, da rivedere in alcuni piazzamenti. 

Scotto 6 Disputa un ottimo primo tempo, crolla solo nel finale di gara. 

Giraudo 5.5 Patisce un po’ Alfiero e in generale soffre quando il Fossano si schiaccia, rimanendo spesso con troppi uomini intorno. 

26’ st Della Valle 6 Entra e fa quel che gli viene chiesto senza strafare.

Adorni 6.5 Su di lui si avventa l’avversario al momento del tiro lasciandogli la caviglia gonfia come confermato dal suo mister, partita di gran livello. 

Fogliarino 6 Sia ad inizio primo tempo, che del secondo ha un ritmo forsennato che carica i suoi, poi alla lunga la batteria si scarica e viene sostituito. 

23’ st Scarafia 6 Entra e lo si vede un paio di volte al tiro, giusto l’atteggiamento.

Rosano 7 uno dei più pericolosi del Fossano nel primo tempo, è molto attivo e lotta su ogni pallone.

Specchia 6.5 impegna il portiere, corre, recupera palloni e non molla un centimetro. 

Galvagno 6.5 Gran partita anche la sua, peccato che il risultato sia pesantissimo. 

Menabò 6 Mezzo voto in meno per un giallo sciocco, se no davvero anche il suo match era abbondantemente sufficiente. 

Di Salvatore L. 6 Cala nella ripresa dove è molto timido, ma sono sue le migliori occasioni del primo tempo, specie la prima dove viene fermato. 

All. Viassi Fabrizio 6.5 E' giusto premiare i suoi ragazzi perchè giocano un ottima partita, puniti dagli episodi contro una squadra di un altro livello.

NOVARA (3-4-1-2)

Desjardins 6.5 Quando chiamato in causa risponde sempre pronto. 

Bonaccorsi  5 Giallo sciocco, avulso dal gioco in diversi frangenti, probabile sostituzione per scelta tecnica. 

25’ Benassi 6 Sostituisce l’esuberanza del compagno portando ordine.

Bergamelli 6 é bravo per tutto il match ma è graziato dal direttore con un intervento al limite, non si entra in area in quel modo. 

Amoabeng 7 Assit, corsa da vendere e fisicità, il mix perfetto per una partita egregia. 

Paglino 6 Non si fa vedere particolarmente nel secondo tempo, ma nel primo ha tanta corsa e sostanza.

Di Munno 6 Partita che lo vede in difficoltà sull’iniziale pressione fossanese, poi una volta che i suoi salgono migliora anche lui.

19’ st Tentoni 6 Entra e non rimane a guardare ritagliandosi due ottimi spazi per calciare, la palla però non va dove vuole. 

Vaccari 6 Primo tempo coraggioso, nel secondo un po’ assente . 

Di Masi 5.5 Non è molto pericoloso nella sua area di competenza, neutralizzato spesso. 

Gonzalez 6.5 Tra le linee è pericoloso, si muove bene e gestisce alcuni palloni in maniera saggia, portando a creare diverse potenziali occasioni da rete.

Alfiero 8 Gol dell'ex figliol prodigo da rapinatore d’area, si fa trovare pronto al momento giusto e tiene botta sui difensori a più riprese, ha anche un occasione da fuori con il pallone che esce però. 

19’ st Laaribi 5 Entra, prende un giallo, rischia il rosso e all’unica occasione buona sparacchia sul portiere.

Vuthaj 9 E' capocannoniere ed è palese il motivo: si cerca le occasioni, se le crea, duella con Chiavassa e alla fine colpisce anche e per ben due volte. 

All. Marchionni Marco 6.5 Il suo Novara è una squadra solida e compatta, oggi però non si è visto il gioco che conosciamo ma l’allenatore fa subito auto-critica e questo rende grande una squadra.

Arbitro Vogliacco Valerio di Bari 5.5 L’episodio coi guardalinee non dipende da lui, ma due interventi davvero al limite a favore del Fossano entrambi risolti con un nulla di fatto sono da cerchiare, manca un cartellino più severo a Laaribi.


LE PAROLE

Fabrizio Viassi , allenatore Fossano: «Ho visto una grande squadra, un gran Fossano, che ha ribattuto colpo su colpo al Novara. Se ribaltassimo la situazione, anziché il nostro Di Salvatore lanciato a rete ci fosse stato Vuthaj sarebbe stato rigore. Sono stato dall’altra parte, e quando ci sono le grandi squadre contro le piccole molte volte certe cose non vengono viste. Per il resto risultato bugiardissimo, gli episodi hanno deciso per un risultato così pesante immeritato per i nostri ragazzi. Abbiamo disputato una buona partita, anche se nel secondo tempo abbiamo rischiato di più. La squadra ha interpretato la partita alla grande e siamo stati bravi sia su Alfiero che su Vuthaj. Ci siamo trovati sotto 0-1 all’unica occasione che loro hanno avuto, e per occasioni da gol nel primo tempo siamo stati anche superiori. Non ho nulla da rimproverare ai miei ragazzi, a volte anche le piccole fanno sgambetti alle prime della classe».

Marco Marchionni, allenatore Novara: «Sono partiti più forti loro, noi faticavamo ad accorciare perchè giocavamo con due attaccanti più un trequartista e ci abbiamo messo un po’ a prendere le misure. Alfiero ha debuttato come volevo, con un’ottima prestazione perchè è un ragazzo intelligente che ha capito subito cosa volevamo. Oltre a fare gol sa come giocare per la squadra. Soprattutto fuori casa dobbiamo migliorare perchè fatichiamo ad imporci come facciamo in casa, dobbiamo migliorare in questo aspetto per avere maggiori possibilità di portare a casa il risultato».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400