Cerca

Serie D

Caravaggio-Castellanzese: poker neroverde nello scontro che risolleva gli uomini di Cotta, i bergamaschi soffrono troppo dietro

Chessa, Micheli, Mandelli e Mazzola portano tre punti d'oro alla Castellanzese, al Caravaggio non basta il rigore di Ibe: Terletti finisce sul fondo della classifica

Caravaggio Castellanzese Serie D

La Castellanzese vince lo scontro diretto col Caravaggio relegando i bergamaschi all'ultimo posto

Caravaggio-Castellanzese: a tutti gli effetti una sfida salvezza viste le posizioni in classifica. A portare a casa tre punti fondamentali è la formazione di Corrado Cotta. Un successo (4-1) più che importante per i neroverdi che ora dovranno ripetere la prestazione di Caravaggio anche nel corso del girone di ritorno, dimostrando di essere in grado di non perdersi nel corso dei 90 minuti. Dall'altra parte un Caravaggio che appare in completa sofferenza, specie nelle retrovie e in mezzo al campo e che in 10' di gioco si ritrova sotto 3-0 (Chessa, Micheli Mandelli). Gli orobici accorciano su rigore al quarto d'ora della ripresa, ma al 33' Mazzola firma il definitivo 4-1. Nella ripresa poche occasioni, con i ritmi di gara che rallentano decisamente.
Per il Caravaggio da registrare l'assenza di Gritti e del tecnico Terletti (squalificato per 4 giornate). Mentre nei neroverdi manca all'appello il capitano, Alushaj (turno di squalifica).

Poker neroverde. Al 3' di gioco passa subito in vanatggio la Castellanzese: Colombo aggancia la sfera, serve Chessa che non si lascia pregare e sigla il vantaggio neroverde. Quattro giri di orologio e arriva anche il raddoppio per gli uomini di Cotta: cross al bacio di Ferrandino, di testa Micheli spizza più degli altri e batte ancora una volta Vitali. Al 10' arriva anche il tris, Ferrandino è ispiratissimo, palla per Mandelli che con una mezza rovesciata stile Ranocchia firma il 3-0. al 14' Mandelli atterra in area Lamesta e il direttore assegna un penalty in favore dei biancorossi. Ibe dal dischetto non sbaglia ed è 3-1. al 23' Viola mette in mezzo all'area una sfera decisamente pericolosa, nessuno dei compagni sfrutta il suo suggerimento ed è un nulla di fatto per i biancorossi. 4 minuti dopo Ibe ancora insidioso, ma a tu per tu con Cincilla l'attaccante calcia alle stelle. Alla mezz'ora Ferrandino prova il tiro da fuori, murato da Aprile. Al 33' però la Castellanzese cala il poker: terzo assist di Ferrandino, il tap-in vincente è di Mazzola. Al duplice fischio si va a riposo sul 4-1 in favore dei nerovedi.

https://www.sprintesport.it/serie-d/2022/01/23/news/colleoni-superstar-confalonieri-e-tonoli-incornano-la-casatese-516476/

Pochi squilli. Nessun cambio per ambo le formazioni: stessi 22 in campo. Ritmi che sembrano essersi abbassati dopo i primi 45' di gioco, le due squadre lottano principalmente a metà campo. Brividi al 13' quando Corno piazza l'assist per Fumagalli che però spedisce la palla sul fondo. A metà primo tempo Perego infila un cross per Colombo che però non riesce a girarsi, tutto da rifare per la Castellanzese; sul ribaltamento di fronte Fumagalli prova la gran botta, Cincilla respinge con i pugni. Ripresa scevra di occasioni, dopo i 4' di recupero assegnati dall'arbitro, il risultato non passa più: 4-1 in favore della Castellanzese che prova a risollevarsi dalle sabbie mobili.

IL TABELLINO

CARAVAGGIO-CASTELLANZESE 1-4
RETI: 3' Chessa (Cas), 7' Micheli (Cas), 10' Mandelli (Cas), 14' rig. Ibe (Car), 33' Mazzola (Cas)
CARAVAGGIO (3-4-3): Vitali 5, Traina 5 (9' st Corno 5), Cortinovis 5, Lleshaj 5.5 (9' st Regantini 5), Aprile 5.5, Viola 6 (34' st Gallo sv), Torri 5, Brioschi 5.5, Ibe 6, Lamesta 6, Fumagalli 5 (38' st Galdoune sv). A disp. Mazzoli, Brusa, Ferri, Sirianni, Galdoune, Baggetta. All. Longaretti 5.
CASTELLANZESE (4-3-1-2): Cincilla 6.5, Compagnoni 7, Pisan 6.5, Perego 7, Micheli 7.5, Chessa 7 (27' st Piran 6), Colombo 6.5 (36' st Travellini 6), Ferrandino 7.5 (42' st Nuzzo sv), Mazzola 7, Mandelli 6.5 (15' st Melli 6), Raso 6.5. A disp. Asnaghi, Nuzzo, Gazzetta, Praderio, Sestito, Brusa. All. Cotta 7.5.
ARBITRO: Gregoris di Pescara 6.5.
ASSISTENTI: Giorgetti di Vasto e Mauriello di Bologna.
AMMONITI: Mazzola (Cas).
https://www.sprintesport.it/serie-d/2022/01/22/news/finalmente-il-colpo-di-mercato-per-florindo-cosi-il-desenzano-calvina-lancia-lassalto-alla-serie-c-516460/

LE PAGELLE

CARAVAGGIO
Vitali 5 Sui primi due gol subiti (a bruciapelo) poteva certamente provare ad uscire dai pali. Certamente 4 gol subiti sono decisamente troppi.
Traina 5 Va in completa sofferenza sulla destra e lascia agli avversari troppi spazi.
9' st Corno 5 Entra ma non riesce ad incidere.
Cortinovis 5 Prestazione completamente opaca, non riesce mai a contenere del tutto l'avversario.
Lleshaj 5.5 Sottotono, non riesce a vincere praticamente nessun contrasto e fatica anche nel possesso palla.
9' st Regantini 5 Apporto minimo alla causa.
Aprile 5.5 Della retroguardia è quello che commette meno errori, ma la sufficienza è lontana. Troppi interventi a vuoto, Chessa e Colombo sono bestie nere.
Viola 6 Uno dei pochi a salvarsi. Mandelli lo lascia un po' troppo libero, lui prova a inventare, ma i compagni non raccolgono le sue intuizioni. (34' st Gallo sv).
Torri 5 Non riesce a spingere come vorrebbe, la Castellanzese non gli lascia spazi per provare a piazzare un cross.
Brioschi 5.5 Non riesce a rendersi mai veramente pericoloso. Qualche spunto c'è, vero, ma non basta.
Ibe 6 La sufficienza è piena. Rigore calciato benissimo e quando ha lui la sfera fra i pieidi può fare veramente male. Qualche spreco però c'è.
Lamesta 6 I calci piazzati sono la sua specialità, sprona i suoi fino al triplice fischio. La tecnica è indiscussa, ma il discorso è analogo a quello fatto per Viola: tanti suggerimenti non sfruttati dai compagni.
Fumagalli 5 Non si rende mai veramente insidioso – se non per quella botta da fuori nella ripresa. Sottotono e troppo lento nella manovra. (38' st Galdoune sv).
All. Longaretti 5 La squadra fatica notevolmente in difesa e in mezzo al campo. Perde lo scontro diretto e il Caravaggio finisce sul fondo della classifica.

CASTELLANZESE
Cincilla 6.5 Sul rigore di Ibe può poco o nulla, ma risponde presente sulla conclusione insidiosa di Fumagalli nella ripresa. È chiamato in causa poche volte, ma appare sempre sicuro. In rispolvero.
Compagnoni 7 La solita grande performance sulla sinistra, sfrutta la fascia a dovere e spinge in maniera egregia. In fase difensiva non sbaglia praticamente nulla.
Pisan 6.5 Tiene a bada il suo uomo non lasciandolo mai girare. Sulla destra è in completo controllo e non soffre mai la fisicità avversaria.
Perego 7 L'intelligenza in mezzo al campo. Giocate precise e intrventi puliti, bravo nel recuperare palloni in zone del campo davvero interessanti...Re Giorgio là in mezzo.
Micheli 7.5 Una stella che continua a brillare. Il classe 2000 guida la difesa con immensa personalità e imposta a dovere anche la ripartenza. Il gol? La ciligina finale.
Chessa 7 Due gol in due partite non possono essere più un caso. Il capocannoniere della Serie D 2020/21 è tornato all'attivo e continua ad incantare tutti con la tecnica che lo contraddistingue. (27' st Piran 6).
Colombo 6.5 Chapeau è la parola d'ordine. Indossa la fascia da capitano e dopo 3 minuti piazza un assist da applausi a Chessa che finalizza. Tanto, tantissimo lavoro sporco là davanti, dove fa a spallate con chiunque. (36' st Travellini 6)
Ferrandino 7.5 Sul pallone lui danza, qualità e quantità al servizio dei compagni. Tre assist piazzati decisamente al bacio. Perfezione geometrica. (42' st Nuzzo sv)
Mazzola 7 Il gol è solamente il finale perfetto di una prestazione senza sbavature. Partita in perfetto controllo e immenso feeling con Micheli.
Mandelli 6.5 Qualche varco lasciato libero soprattutto su Viola, ma un gol in mezza rovesciata “alla Ranocchia” che lo fa splendere di luce propria. Mezzo voto in meno solo per il rigore concesso all'avversario. (15' st Melli 6)
Raso 6.5 In avvio sbaglia qualche passaggino di troppo, ma poi si riprende alla grande e mette ordine quando serve. Inserito alla perfezione nel gruppo.
All. Cotta 7.5 Mette in saccoccia tre punti nella partita più complicata. La squadra c'è e va in porta con quattro marcatori diversi. La prestazione è ripagata anche dal risultato.

LE INTERVISTE

Corrado Cotta, tecnico della Castellanzese, racconta: «Se con l'Arconatese avessimo pareggiato avremmo detto altre cose, ma dopo la prestazione avevamo dell'amaro in bocca. Questa partita serviva anche per trovare un equilibrio per cominciare il girone di ritorno in un mondo diverso. Demeriti dell'avversario si, ma anche meriti della Castellanzese. Non ci siamo fermati e in 10 minuti abbiamo trovato il tris. Il fattore campo in queste categorie non conta, la squadra comunque è stata brava a trovare il poker dopo il rigore».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400