Cerca

Serie D

Dalla Serie A alla Serie D ma sempre decisivo: la magia Sansone beffa il Chieri

Continua la striscia negativa dei ragazzi di Didu che dominano nel possesso ma faticano a rendersi pericolosi. Vittoria pesante in chiave salvezza per l'RG Ticino

Marco Didu

Marco Didu, allenatore del Chieri che cade, beffato nel finale, dal gol di Sansone dell'RG Ticino

La decima giornata di ritorno del girone A di serie D vede affrontarsi allo stadio comunale De Paoli i padroni di casa del Chieri e il Ticino. Gli azzurri sono alla ricerca del riscatto dopo una striscia negativa che li ha visti vincere una sola gara nel girone di ritorno; gli ospiti dal canto loro hanno disperato bisogno di punti per tentare di uscire dai bassifondi della classifica.

Primo tempo bloccato Per il match contro i novaresi il tecnico Marco Didu decide di posizionare i suoi ragazzi con un 4-3-3 per sfruttare il campo in ampiezza: tra i pali c'è Edo, terzino destro capitan Conrotto, terzino sinistro Ciccone, difensori centrali Ferrando e Benedetto; in cabina di regia si sistema D'Iglio, affiancato dalle due mezze ali Pautassi e Balan; il tridente offensivo è composto da Ponsat ala sinistra, Poppa ala destra e Varvelli centravanti. Il tecnico ospite Francesco Costantino parte invece con un 4-2-3-1 che crea densità in mezzo al campo: l'estremo difensore è Oliveto, terzino destro Sordillo, terzino sinistro capitan Longhi, difensori centrali Fontana e Cannistra; la diga in mezzo al campo è composta da Lionetti e Sbrissa; il pacchetto offensivo è formato da Longo largo a destra, Viti largo a sinistra e Spitale alle spalle dell'unica punta Puntoriere. La prima metà della gara è molto tattica, con i padroni di casa che gestiscono il possesso palla ma faticano a creare pericoli in zona gol e gli ospiti che lasciano il pallino del gioco agli avversari limitandosi a coprire bene tutti gli spazi. Il primo brivido dalle parti di Oliveto arriva al 5' quando D'Iglio con una volee di destro su un pallone vagante al limite dell'area non va lontano dal bersaglio grosso. Gli ospiti provano per la prima volta ad affacciarsi nella metà campo chierese intorno al 30': punizione morbida dalla trequarti di Viti e ottimo colpo di testa in anticipo di Puntoriere che però non riesce a dare precisione, agevolando la parata di Edo. Prima di andare al riposo sono nuovamente i Novaresi a sfiorare il vantaggio, ancora sugli sviluppi di calcio piazzato; sfortunato capitan Longhi che di tacco colpisce la traversa su uno splendido invito di Spitale. 

Sansone entra e la decide Nella ripresa il canovaccio tattico del match rimane pressoché invariato: gli azzurri continuano ad avere in mano il dominio del centrocampo ma il fraseggio, spesso troppo lento, non impensierisce gli ospiti, sempre molto stretti e compatti. La prima palla gol della ripresa è per gli ospiti con il Puntoriere che prova a concludere da fuori di prima intenzione ma non inquadra lo specchio. La chance più clamorosa del match arriva al 24' e vede protagonista il 10 azzurro: splendido lancio in profondità della mezzala tutto Matteo Pautassi per il movimento alla spalle della difesa di Ponsat; l'attaccante di Didu controlla bene eludendo l'uscita del portiere ma sulla sua conlcusione a botta sicura s'immola Fontana che nega il gol ai padroni di casa scatenandone le polemiche per un presunto tocco con il braccio. Sfruttando l'inerzia positiva del momento, il Chieri ne approfitta per recuperare un altro pallone sull'uscita palla al piede sanguinosa di Longhi e partire in contropiede: Ponsat imbuca nello spazio sulla corsia di destra per il numero 11 Poppa, bravo ad avanzare e scaricare a rimorchio per l'accorrente Pautassi il cui mancino di prima intenzione viene deviato in calcio d'angolo. Proprio nel miglior momento dei padroni di casa ecco che arriva la svolta chiave del match in favore degli ospiti. Al 36' Sansone, in campo da poco più di 10', spezza al grande il raddoppio, converge sul sinistro e lascia partire un tiro-cross tagliatissimo su cui Edo non riesce ad intervenire. Nei minuti finali i padroni di casa provano disperatamente a gettarsi nella metà campo ospite ma non creano nessuno pericolo degno di nota dalle parti di Oliveto. Al triplice fischio del direttore Maccorini può dunque esplodere l'inaspettata festa degli ospiti che ottengono tre punti che potrebbero essere decisivi nella corsa alla salvezza. C'è invece grande amarezza per Didu e i suoi, incapaci anche oggi di invertire il trend che li sta vedendo perdere punti e posizioni nel girone di ritorno. 

IL TABELLINO

Chieri-RG Ticino 0-1
RETI: 37' st Sansone (R).
CHIERI (4-3-3): Edo 5.5, Ferrando 6 (17' st Calò 6), Ciccone 6.5 (27' st Renolfi 5), D'Iglio 6.5, Conrotto 6, Benedetto 6.5, Balan 6, Pautassi 7 (47' st D'Ippolito sv), Varvelli 5 (17' st Foglia 5.5), Ponsat 6.5, Poppa 5.5 (47' st Bove sv). A disp. Gragnoli, Fioccardi, Modesti, Corsini. All. Didu 5.
RG TICINO (4-2-3-1): Oliveto 6.5, Sordillo 5.5, Fontana 6, Cannistrà 6.5 (35' st Della Vedova sv), Viti 6 (42' st Napoli sv), Lionetti 6, Spitale 6 (29' st Ogliari 6), Puntoriere 7 (32' st Vitiello 6.5), Longo 6 (19' st Sansone 7.5), Sbrissa 6.5, Longhi 6. A disp. Amata, Makota, Bedetti, Lorenzo. All. Costantino 7.
ARBITRO: Maccorin di Pordenone 6.5.
AMMONITI: D'Iglio (C), Pautassi (C), Poppa (C), Oliveto (R).

LE PAGELLE

CHIERI

Edo 5.5 È bravo nel disimpegnarsi con i piedi quando viene coinvolto, ma in occasione del gol la sua lettura della parabola non è perfetta.
Ferrando 6 Preciso in marcatura e rischia poco in fase di impostazione.
17' st Calò 6 Il suo ingresso serve a dare più frechezza sulla corsia di destra per provare a mettere più cross verso l'area.
Benedetto 6.5 Molto abile nel gioco aereo e nel fare partire l'azione dal basso.
Ciccone 6.5 Gara precisa in fase difensiva e intraprendente in fase offensiva; prova a creare superiorità numerica con le sue sovrapposizioni.
27' st Renolfi 5 Troppo morbido in occasione del gol e diverse disattenzioni in fase di costruzione di gioco.
Conrotto 6 Prova a dare supporto all'azione offensiva ma senza troppa convinzione; in fase difensiva è il solito muro.
D'Iglio 6.5 Tutte le manovra dei padroni di casa passano dai suoi piedi; punzioni così così, corner molto pericolosi.
Balan 6 Buoni tempi d'inserimento ma forse pecca un po' di lucidità negli ultimi trenta metri.
Pautassi 7 Il più brillante dei suoi, interpreta alla grande le due fasi; il lancio per Ponsat è un cioccolatino. 
Ponsat 6.5 Ottima gara sia da ala che da punta centrale; dimostra grandi qualità tecniche.
Varvelli 5 Nonostante la mole, fatica a tenere palla per fare salire i suoi; spesso si lascia anticipare con troppa facilità.
17' st Foglia 5.5 Entra per spaccare la partita ma di fatto non incide.
Poppa 5.5 Lascia intravedere una buona qualità ma pecca un po' di cattiverie ed intraprendenza.
All. Didu 5 Non riesce a leggere la gara in modo decisivo; i suoi ragazzi peccano di cattiveria e lui con loro. Il momentaccio continua.

RG TICINO

Oliveto 6.5 Nessuna parata particolarmente complicata ma è sempre molto bravi ed attento nelle uscite alte.
Sordillo 5.5 Patisce un po' l'esuberanza di Ponsat e Ciccone sulla corsia di destra.
Fontana 6 Gara di grande concentrazione; ottimo il salvataggio sulla conclusione a botta sicura di Ponsat.
Cannistra 6.5 Nel primo tempo anticipa sempre Varvelli e non gli concede nulla; bene anche nella ripresa su Ponsat. 
Longhi 6 Il capitano sbaglia poco ed è bravo ad arginare le incursioni di Poppa.
Sbrissa 6 Lavora bene in mezzo al campo, soprattutto in fase di copertura.
Lionetti 6 Si posiziona in mezzo al campo ed è bravo in entrambe le fasi.
Longo 6 Non molto pericoloso in fase offensiva ma gara di grande sacrificio in fase di copertura.
19' st Sansone 7 Entra e spacca la partita con una gran giocata individuale che vale tre punti.
Spitale 6 Agisce alle spalle della punta e cerca di fase da collante tra centrocampo e attacco.
29' st Ogliari 6 Entra a metà campo e gioca bene i pochi palloni a disposizione.
Viti 6 Buon piede per i calci piazzati e qualche spunto interessante palla al piede. 
Puntoriere 7 Per larga parte della gara fa reparto da solo; cerca di rendersi pericolo ma non inquadra lo specchio.
32' st Vitiello 6.5 È astuto a fare salire la squadra e guadagnare secondi preziosi alla bandierina.
All. Costantino 7 Prepara il match con grande accortezza: squadra concentrata e precisa per tutto l'arco della partita. Il gol di Sansone è la ciliegina sulla torta di una gara ottima.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400