Cerca

Serie D

Folgore, i playoff sono realtà: sorpasso all'ultima curva

La rete di Troiano stende il Ponte e regala a Criscitiello una prima volta fra le grandi

Folgore Caratese Serie D

La Folgore Caratese può festeggiare: i playoff sono realtà

Triplice fischio. Qualche momento di attesa, poi la gioia può esplodere liberamente. La Folgore Caratese ce l'ha fatta, i playoff non sono più un miraggio. Sono realtà. Un sogno che si concretizza grazie alla vittoria per 0-1 (Troiano decisivo) sul campo del Ponte San Pietro e ai risultati favorevoli provenienti dagli altri campi. Il Ponte, come detto, cede di misura ma certifica la permanenza in Serie D. Partita poco spettacolare, se non con qualche fiammata, dove il risultato era tutto e il resto poco contava. 

UN MINUTO DI FUOCO

Tattica, tattica e ancora tattica. Squadre ordinate, forse troppo, dove solo alcuni lanci lunghi (non sempre ben calibrati) provano ad aprire le maglie difensive delle due formazioni. I blues, però, riescono a controllare il pallino del gioco mettendosi maggiormente in mostra. Pallone ben gestito, con buone e semplici trame di gioco che conducono i ragazzi di Curioni fino nei pressi dell'area ospite. Poca però l'incisività da parte del trio offensivo. La Folgore non vuole rischiare nulla e preferisce attendere i padroni di casa con atteggiamento prudente, puntando sulla velocità di Kone in fase di dispiegamento. Due gli episodi che, complessivamente, decidono l'incontro. Al 20' il Ponte ha l'occasione d'oro per sbloccare la gara: Capelli serve sulla sinistra Ferreira Pinto, il quale controlla palla in piena area di rigore e vede l'inserimento centrale di Signori. Passaggio filtrante e conclusione al volo da posizione invitante, che però termina alle stelle. Gol sbagliato, gol subito. Ribaltamento di fronte che vede protagonista Kone, capace di sgroppare per tutto il campo divincolandosi dalla tripla marcatura blues. Giunto sul vertice basso sinistro dell'area di rigore, il suo sforzo si concentra in un bell'assist per Troiano (bravo a seguire l'azione e ad attaccare la profondità). Ricevuto il pallone, il numero 4 controlla e trafigge Rota. Al 21' si sblocca, dunque, il punteggio. Col passare dei minuti le squadre si allungano nella zona mediana, con maggiori spazi concessi alle ripartenze. Nuova occasione per il Ponte al 41', sull'asse Ruggeri-Signori-Bertazzoli, con conclusione di quest'ultimo che termina alta sopra la traversa. 

POCHI SUSSULTI

Ritmi bassi a farla da padrone nella ripresa, con il caldo a incidere parecchio sulla tenuta fisica delle squadre. La Folgore sembra accontentarsi del vantaggio, con l'orecchio teso a carpire notizie dagli altri campi. Il Ponte continua a mettere in mostra maggiore verve offensiva, ma davanti le occasioni sono poche. I blues, a dire il vero, creano due occasioni nel giro di pochi secondi, a firma Bertazzoli. Siamo al 4': prima un bello slalom personale che si conclude a tu per tu con Merelli, pronto a respingere. Poi, quasi dalla stessa posizione, Signori si inventa un passaggio filtrante che il numero 9 quasi trasforma in gol (con sfera respinta quasi sulla linea di porta da Grbic). Possiamo dire che il secondo tempo è tutto qui, almeno per i padroni di casa. Aggiungiamo, per la Folgore, il buon mancino di Cocuzza al 17'. Pallone che termina di poco a lato, dopo che l'azione nasce da un bell'uno-due tra Alma e Ciko. Nel mezzo, trame di gioco che non riescono a rialzare il ritmo di una partita ormai con parabola discendente. Il Ponte San Pietro avrebbe meritato il pareggio, al netto delle occasioni create, ma il cinismo - e la concentrazione costante - della Folgore Caratese hanno avuto la meglio, consegnando tre punti pesanti alla formazione di Longo.

IL TABELLINO

PONTE SAN PIETRO-FOLGORE CARATESE 0-1
RETI: 21' Troiano (F).
PONTE SAN PIETRO (4-3-3): Rota S. 6.5, Zonca 6 (27' st Salvi 6), Kritta 7 (38' st Berardelli sv), Costa 7, Alborghetti 6.5, Messina 6.5 (23' st Di Cesare 6), Ruggeri 7, Signori 7.5 (5' st Malinverno 6), Bertazzoli 6.5, Ferreira Pinto 7, Capelli 6.5 (13' st Braidich 6.5). A disp. Mangiapoco, Cerini, Berbenni, Lomolino. All. Curioni 6.5.
FOL.CARATESE (4-2-3-1): Merelli 7, Alabiso 6 (40' st Repetto sv), Grbic 7, Troiano 7.5, Gigli 6.5, Romano 6.5, Kone 7.5 (15' st Esposito 6), Ciko 6.5 (27' st Di Stefano 6), Cocuzza 7 (40' st Fognini sv), Alma 6.5 (32' st Gomez sv), Derosa 6.5. A disp. Nocco, Lo Faso, Felici, Cani. All. Longo 7.
ARBITRO: Mallardi di Bari  6.5.
COLLABORATORI: Galieni e Lombardi.
AMMONITI: Cocuzza (F), Malinverno (P).

LE PAGELLE

PONTE SAN PIETRO

Rota S. 6.5 Per riuscire a evitare il gol di Troiano avrebbe dovuto avere le ali. Per il resto, poco impegnato e attento il giusto.
Zonca 6 Fatica nel controllare la propria zona di campo, perdendo diversi contrasti e palloni. Meglio nella ripresa, ma non decolla.
27' st Salvi 6 Contribuisce con energie fresche, ma non ha grandi opportunità di mettersi in mostra.
Kritta 7 Sulla corsia di sinistra è onnipresente, facendo di tutto per spingere offensivamente. Anche in ripiegamento se la cava bene (38' st Berardelli sv).
Costa 7 In mediana svolge molto spesso il lavoro sporco, oltre a inventarsi delle buone aperture di gioco che danno respiro alla manovra.
Alborghetti 6.5 Il trio d’attacco della Folgore non brilla più di tanto, ma anche per merito della sua attenzione in fase di marcatura.
Messina 6.5 Si trova bene con Alborghetti e, infatti, il duo difensivo funziona discretamente.
23' st Di Cesare 6 Contiene gli sporadici assalti ospiti nel finale di gara.
Ruggeri 7 Grande spirito di sacrificio, che dimostra lottando su ogni pallone. Bell’asse offensivo con Signori e Bertazzoli.
Signori 7.5 Uno dei perni dell’undici di Curioni. La sua presenza nel vivo delle azioni è fondamentale per i blues. Difficile che qualche azione non lo veda protagonista. Ha anche una buona occasione per andare in gol, ma la mira è da rivedere.
5' st Malinverno 6 Si inserisce negli ingranaggi di squadra senza particolari sussulti.
Bertazzoli 6.5 Cerca di farsi trovare puntuale in area di rigore o nelle immediate vicinanze, ma viene servito poco. Questo nel primo tempo, mentre nella ripresa ha due limpide occasioni nel giro di un minuto. La porta, però, resta stregata.
Ferreira Pinto 7 Elemento imprescindibile nell’undici titolare, mette al servizio della squadra tutta la sua tecnica e agilità. Punta l’uomo, inventa passaggi illuminanti e non dà punti di riferimento.
Capelli 6.5 Riesce a rendersi pericoloso, ma solo a tratti. Buoni alcuni suoi suggerimenti, sia palla a terra che con lanci calibrati, ma spesso indugia troppo nell’ultimo passaggio.
13' st Braidich 6.5 Si muove discretamente tra le linee, ma non può costruire granché di pericoloso.
All. Curioni 6.5 L’approccio alla partita è stato quello giusto, senza timore e con la giusta voglia di vincere. Sconfitta, per quello che si è visto, immeritata.

FOLGORE CARATESE

Merelli 7 Non corre particolari rischi, però è bravo a chiudere su Bertazzoli in più di un’occasione.
Alabiso 6 Contro Capelli non ha vita facile e ne soffre un po’ troppo la presenza (40' st Repetto sv).
Grbic 7 Sempre importante nell’economia di squadra, la sua bravura nelle due fasi si è vista anche oggi. Pericoloso nelle incursioni offensive, un totem nella propria metà campo.
Troiano 7.5 Segna il gol vittoria e già questo lo rende protagonista. Per il resto, prestazione da gigante sulla linea mediana del campo.
Gigli 6.5 Partita di buona attenzione difensiva, in cui riesce a contenere abbastanza bene le punte blues.
Romano 6.5 Insieme a Gigli garantisce una buona dose di protezione ai pali difesi da Merelli, anche se i tentativi centrali dell’attacco blues non sono sempre facilmente sventabili.
Kone 7.5 Consueto funambolo. Giocatore di altra categoria, basta un suo guizzo e la partita (o addirittura un intero campionato) può cambiare da un momento all’altro. Suo l’assist per il gol, preceduto da una cavalcata trionfale in mezzo al campo, dove neanche la marcatura di tre avversari ne può bloccare la forza travolgente.
15' st Esposito 6 Contribuisce con rinnovate energie al mantenimento del vantaggio, chiudendo gli spazi dove necessario.
Ciko 6.5 Segue con precisione il dispiegarsi dell'azione, inserendosi con decisione negli spazi e provando a far male al limite dell'area.
27' st Di Stefano 6 Aiuta a tenere il pallone lontano dalla propria area, così da far respirare tutta la squadra.
Cocuzza 7 Nel primo tempo ha poche opportunità per farsi valere in avanti, dovendo invece arretrate il raggio d'azione a supporto (ben fatto) del centrocampo. Nella ripresa riesce a rendersi maggiormente pericoloso in attacco, andando vicino al gol (40' st Fognini sv).
Alma 6.5 Patisce anche lui la poca scioltezza della Folgore in fase offensiva, ma riesce comunque a ritagliarsi dei momenti potenzialmente interessanti. Buono il dialogo con Ciko nella parte finale della ripresa (32' st Gomez sv).
Derosa 6.5 Staziona quasi interamente nei pressi dell'area blues, provando a rendersi utile con passaggi smarcanti o creando superiorità numerica. 
All. Longo 7 Era la partita che poteva fare la storia della Folgore e così è stato. Oggi non era importante giocare bene o stupire, ma vincere. Un gol fatto, nessuno subito e tanta concentrazione per portare a casa la vittoria. 

ARBITRO

Mallardi di Bari 6.5 Non ha problemi a gestire una partita corretta, con interruzioni di routine. Sugli unici episodi, una manciata, in cui il cartellino giallo avrebbe potuto essere un utile deterrente ha forse esitato troppo.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400