Cerca

News

Serie D: sono 23 le domande di ripescaggio presentate. Due arrivano dal Piemonte

Istanze ora al vaglio Covisod che delibererà entro il 15 luglio, il giorno di chiusura per le iscrizioni alla Serie D 2022-2023 che determinerà il numero di possibili ripescaggi

Giuseppe Cacciatore, allenatore Borgaro Nobis

Il Borgaro di Beppe Cacciatore è tra le squadre che hanno presentato correttamente la domanda di ripescaggio in Serie D per la stagione 2022-2023

Sono state ufficializzate le domande di ammissione alla Serie D 2022-2023 per le società non aventi diritto e che hanno formalizzato la domanda di ripescaggio al prossimo campionato. 

Presentate  23 domande di ripescaggio al campionato di Serie D 2022/2023  da parte del Dipartimento Interregionale che ha reso noto i nominativi delle società non aventi diritto retrocesse dalla Serie D e provenienti dai Comitati Regionali. E come già annunciato dalle rispettive società, due arrivano dal Piemonte: quelle di RG Ticino e Borgaro. Due realtà con storie e motivazioni differenti.

Per l'RG Ticino brucia ancora la retrocessione dopo un solo anno in Serie D, arrivata al Playout contro il Fossano, in un finale di stagione che lasciava poter portare ad altre ipotesi e che, frutto proprio di quella delusione nonostante gli ingenti sforzi della proprietà per la stagione 2021-2022. Voglia di (ri)provare il grande salto invece per il Borgaro del presidente Perona che, arrivato alla fase nazionale del Playoff di Eccellenza, ha visto sfumare il sogno, coronato invece dal Chisola, fermato dal Giorgione ad un passo dal sogno. 'Delusione' che però ha indotto il club a provare la (difficile) via del ripescaggio in una sorta di 'manifestazione di intenti' per il prossimo futuro, anche nel caso la domanda non possa venire accolta per mancanza di posti liberi in categoria.

Tornando invece alle 23 società che hanno presentato domanda di ripescaggio, ecco l'elenco completo, suddiviso per 'categoria'. Da una parte le domande di club provenienti dai Comitati Regionali e dall'altra le domande di ripescaggio dei club retrocessi dalla Serie D all'Eccellenza nella stagione 2021-2022.

Società ammesse alla graduatoria di ripescaggio provenienti dai Comitati Regionali: Agropoli, Akragas, Borgaro Nobis, Atletico Ascoli, Città di Isernia S. Leucio, Cittadella Vis Modena, Colorno, Giorgione, Giugliano 1928, L’Aquila,  Livorno e San Marzano.

Società ammesse alla graduatoria di ripescaggio retrocesse dalla Serie D 2021/2022: Ambrosiana, Bisceglie, Caravaggio, Castelfidardo, Imperia, Insieme Formia, Lavagnese, Progresso, RG Ticino, Rende e Sassari Latte Dolce.

Le richieste saranno esaminate dalla Co.Vi.So.D, che ne comunicherà l’esito alle società entro il 15 luglio. I club che otterranno un parere positivo potranno essere inseriti nell’apposita graduatoria, stilata dal Dipartimento Interregionale, per l’eventuale completamento dell’organico del prossimo campionato. Le società che non risulteranno in possesso dei requisiti richiesti possono invece presentare ricorso entro le ore 14.00 del 20 luglio. La Co.Vi.So.D esprimerà parere motivato alla Lega Nazionale Dilettanti sui ricorsi entro il 26 luglio.

Domande di ripescaggio che saranno ovviamente condizionate dall'eventuale numero di squadre 'vacanti' per il campionato di Serie D stagione 2022-2023. Le procedure per le iscrizioni al prossimo campionato sono scattate da oggi, venerdì 8 luglio e potranno essere formalizzate entro il 15 luglio 2022 ore 18.00, provvedendo, secondo la modalità on-line, alla compilazione definitiva e relativo invio telematico della richiesta di iscrizione al Campionato Nazionale di Serie D e della modulistica allegata. Il termine ultimo per tale operazione, perentorio, è il 15 luglio 2022 ore 18.00, decorso il quale il sistema non accetterà alcuna operazione relativa alla richiesta di iscrizione.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400