28 Settembre 2020 - 08:29:24
sprint-logo

College Life Italia: la storia di Luca Mastrantonio

Le più lette

Desenzano Calvina-Casatese Serie D: nulla di fatto al Tre Stelle, pari e patta per una gara all’insegna dell’equilibrio

Finalmente ritorna il campionato di Serie D dopo la lunga astinenza per l’emergenza sanitaria. Al Tre Stelle il Desenzano...

Pro Novate, novità in atto: benvenuti a 2012 e 2013

Ci sono tante novità in arrivo in casa Pro Novate: la notizia più bella è che da quest'anno vedremo...

Seregno – Longuelo Under 17: Doppio Ruggieri ma prima Patete la riprende poi entra Maisano e cambia la partita. Seregno chiude in nove

Con grande caparbietà e cuore il Seregno strappa un pareggio molto importante nel match d’esordio in categoria per ilLonguelo....

College Life Italia Continuiamo la serie di appuntamenti con i ragazzi del nostro calcio che si sono trasfertiti negli Stati Uniti vincendo una borsa di studio con College Life Italia. Questa volta tocca a Luca Mastrantonio con dei trascorsi nell’Ostiamare e nel Futbolclub.

Calcio e studio negli Usa con College Life Italia e SprinteSport
Calcio e studio negli Usa con College Life Italia

Luca, dove hai iniziato a giocare a calcio? 

“La mia squadra romana nella passata stagione era l’Ostiamare che gioca in Serie D. Ci siamo piazzati a metà classifica nonostante fossimo stati primi per diverse prime giornate avendo avuto una partenza esplosiva. Purtroppo di campionati non ne ho vinti, il mio anno più bello è stato in Eccellenza con il Futbolclub. A metà anno la società non avevo più la possibilità di rimborsare i giocatori più esperti che quindi hanno deciso di andare via. Siamo rimasti solo noi giovani. Il nostro obbiettivo era quello di raggiungere la salvezza anche se le possibilità erano scarse; contro ogni pronostico però ce l’abbiamo fatta e abbiamo addirittura fatto più punti dei grandi. Quello è stato un anno fantastico, tante emozioni”.

Come hai scoperto della possibilità di poter studiare negli USA?

“L’ho scoperto ad una partita, un po’ atipico direi. Mi interessai subito, poiché il mio sogno era proprio quello di andare negli Stati Uniti”.

Perchè hai deciso di studiare e giocare a calcio negli USA? Quali sono state le motivazioni?

“Giocare a calcio negli USAi è sempre stato un sogno. Ti offre la possibilità di giocare il tuo sport preferito e allo stesso tempo prendere una laurea in una materia che ti piace. Perciò se anche non dovessi realizzare il sogno di diventare un calciatore potrei sempre trovare un lavoro che mi piacerebbe”.

Cosa stai studiando e dove? Come va la tua nuova vita americana?  

“La vita calcistica è intensa poiché il campionato si gioca da settembre a dicembre. Dopo la fine del campionato arriva il momento di concentrarsi molto di più sullo studio. Io mi alleno tutti i giorni e gioco due volte a settimana, ovvero il mercoledì e il sabato con la domenica di riposo. La facoltà che ho deciso di prendere è Business Administration con concentrazione in marketing. Qui, dal mio punto di vista, uno studente è molto più seguito come studente dai professori”.

Come è la tua giornata tipo da studente-atleta?

“La mia giornata tipo è andare a lezione la mattina, pranzare e andare subito dopo agli allenamenti. Molte delle persone nella mia squadra poi dopo gli allenamenti vanno in palestra cosa che io all’inizio trovavo impensabile ma che ora è diventato un obbligo. Dopodiché la sera si torna a casa e puoi fare tante cose, stare a casa con i compagni a guardare un film oppure giocare a biliardo dal momento che ce ne hanno regalato uno. Sicuramente non ci si annoia”.

College Life Italia - La storia di Luca Mastrantonio
College Life Italia – La storia di Luca Mastrantonio

Quali sono le differenze con il calcio Italiano che ti hanno colpito particolarmente?

“Il calcio italiano è completamente diverso da quello americano, qui si lavora molto di più sul fisico mentre la tattica si tralascia un po’, questo è uno degli unici aspetti del calcio americano che non mi piace”.

Cosa vorresti-sogni di fare una volta finiti gli studi?  

“Giocare a calcio è sempre stato il mio sogno e voglio che continui ad esserlo, darò tutto fino alla fine per realizzarlo”.

Consiglieresti ai tuoi coetanei In Italia la tua esperienza e perché?

“Penso che sia un’esperienza che tutti dovrebbero fare, ti aiuta ad imparare la lingua più usata nel mondo, conosci persone da tutto il mondo e fai ciò che ti piace fare. Purtroppo ho visto pochi italiani qui in america per ora e invece molti altri europei come spagnoli, francesi, croati e via discorrendo”.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli