28 Settembre 2020 - 18:25:44
sprint-logo

College Life Italia, Verrelli: “Consiglio a tutti gli USA”

Le più lette

Centro Schuster – Sancolombano Under 15: doppietta di Letteri, buona la prima per la squadra di Asmonti

Buona la prima per lo Schuster allenato da Asmonti, che vince per 2-1 sul Sancolombano nella prima partita del...

Villastellone-Perosa Prima Categoria: Zanotti inizio col botto

Ci aspettavamo una prima di campionato combattuta e se non fosse stato per l'espulsione di Ciniglio al 17' della...

Casteggio – Cimiano Under 16: De Leo ruggisce, Il Cimiano parte in quarta!

Troppo forte questo Cimiano per il Casteggio, nella prima giornata del girone E. Bastano venti minuti di rodaggio, dopo...

College Life Italia Dalle giovanili del Frosinone alla Wingate University: ecco l’esperienza di Aristide Verrelli, tra calcio e studio in America

La storia di Aristide Verrelli dimostra che sacrificio, forza di volontà e coraggio permettono a chiunque di raggiungere i priopri obiettivi. Dai primi calci ad un pallone nella squadra del suo paese, al passaggio in un settore giovanile di un club professionistico; poi tanti infortuni che hanno frenato la sua carriera, ma anche una determinazione che gli ha permesso di andare sempre avanti. Avanti e lontano. Oltreoceano per l’esattezza, per vivere un’esperienza che non dimenticherà mai, per formarsi professionalmente e continuare ad alimentare la sua passione per quella palla su un rettangolo verde. Calcio e studio in America, senza mai fermarsi: come Aristide ha sempre fatto.

Calcio e studio negli Usa con College Life Italia e SprinteSport
Calcio e studio negli Usa con College Life Italia e SprinteSport

Aristide, dove hai cominciato a giocare?

“Ho iniziato nella scuola calcio del Boville Ernica, dopodichè a 10 anni sono andato al Frosinone, dove ho fatto tutto il settore giovanile fino agli Allievi Nazionali. A questo punto ho scelto di giocare in Eccellenza tornando nel mio paese, all’Atletico Boville Ernica: fu un ottima annata, giocai sempre e fui spesso convocato nella Rappresentativa Juniores del CR Lazio, come anche nella Nazionale Italiana Under 18 LND”.

Poi cosa è successo?

“Mi prese l’Avezzano, in Serie D per la stagione 2015/16 ma iniziò un vero e proprio calvario per infortuni. Rimasi subito 6 mesi fermo perché mi ruppi il piede, poi chiusi l’anno in Eccellenza al Morolo; iniziai la stagione seguente nella stessa categoria ma con il Monte San Giovanni Campano, tuttavia dopo le prime partite mi fratturai la clavicola e persi praticamente tutto il campionato. Finita l’annata, a giugno 2017, grazie a mister Nando Tasciotti, un allenatore che avevo a Frosinone, venni a conoscenza della possibilità di studiare e giocare a calcio in America”.

College Life Italia - Verrelli con la maglia del Frosinone
College Life Italia – Verrelli con la maglia del Frosinone

Entri quindi in contatto con College Life Italia.

“Stavo finendo i miei studi di ingegneria presso un’università telematica, in più lavoravo di notte, ma scelsi di provare: partecipai allo showcase a Coverciano e da lì partì tutto quanto. L’organizzazione mi è sembrata subito seria, i ragazzi di CLI molto professionali e di cui ci si poteva fidare (www.collegelifeitalia.com). Iniziai a studiare inglese in maniera intensa, tenendomi in forma a livello fisico allo stesso tempo, per poi partire a gennaio scorso”.

Parte quindi ad inizio 2018 l’avventura negli Stati Uniti, destinazione?

“Charlotte, in North Carolina, alla Wingate University. Sto frequentando il primo anno dell’under graduate, nelle prime settimane sono stato subito aiutato con l’inserimento nelle classi e con il funzionamento del sistema universitario. Mi sto trovando molto bene, nel campus ci sono circa 4000 studenti e le strutture sono ottime”.

Cosa stai sudiando e quali differenze trovi rispetto al sistema di formazione italiano?

“All’inizio ho scelto un indirizzo generale di business e managment, ora mi sto specializzando su matematica e finanza. Le classi sono coinvolgenti, lo studio è più costante perchè ogni settimana ci sono test e quiz che contribuiscono al punteggio, con l’esame finale che conta il 20%, mentre in Italia si fa tutto con un’unica prova”.

In campo invece?

“Il campionato qua va da Agosto a Marzo, quando sono arrivato era fermo e quindi ho svolto molti allenamenti. Le sedute qui sono molto più intense, più fisiche. Ora stiamo giocando e ho legato molto con gli altri ragazzi della squadra, tra cui c’è qualche italiano, siamo una grande famiglia. Giochiamo praticamente due partite a settimana, mercoledì e sabato: pian piano sto trovando il mio spazio. Sono contento, anche se per me la cosa più importante è studiare”.

College Life Italia - La storia di Verrelli
College Life Italia – La storia di Verrelli

Quali sono i tuoi piani per il futuro?

“In Italia ho avuto l’opportunità di giocare ad alti livelli, qua mi voglio concentrare sulla mia formazione professionale. Spero comunque di giocare tanto nei prossimi tre anni e disputare belle stagioni, ma l’obiettivo primario è laurearmi con una buona votazione per poi lavorare qua in America. Anche per confrontare il panorama lavorativo statunitense con quello italiano”.

Quanto ti ha aiutato, nel periodo di ambientamento in USA, l’esperienza e la forza mentale maturate in passato, soprattutto durante anni non semplici?

“Gli anni in cui ho dovuto affrontare diversi brutti infortuni sono stati difficili, contemporaneamente dovevo scegliere il mio percorso universitario. Per fortuna i miei genitori mi hanno sempre guidato e consigliato di pensar prima allo studio, dando comunque la giusta importanza allo sport: ora sto riuscendo a portare avanti entrambe le cose. In quegli anni sono ripartito da zero più volte, ma mi è servito a livello caratteriale, per maturare e acquisire più responsabilità: pensavo ai sacrifici fatti dalla famiglia e alla fine ho deciso di intraprendere un percorso che rendesse orgoglioso me e loro. Quelle situazioni adesso mi stanno aiutando: ho scelto di vivere un’avventura fuori dal normale e grazie a College Life Italia è diventata realtà”

Consiglieresti, infine, l’esperienza College Life Italia?

“In tutta onestà, all’inizio ero scettico, sapendo anche come funzionano molte cose in Italia, soprattutto nel mondo del calcio. Invece mi sbagliavo. Giorno dopo giorno, man mano che il procedimento burocratico andava avanti, ho capito che in College Life Italia c’è la massima serietà: è un’associazione seria, la prima in Italia per quello che fa. I ragazzi mi hanno seguito sin dall’inizio, dimostrandosi sempre disponibili: lo consiglio a tutti, è un’esperienza importante per la crescita personale”


College Life Italia dà la possibilità di studiare e giocare a calcio nei college USA. Non perdere l’opportunità di mostrare il tuo talento ai coach statunitensi che valuteranno i partecipanti durante le selezioni.

E con il codice SPRINT avrai uno sconto di 10 Euro sull’iscrizione allo showcase.

Calcio e studio negli Usa con College Life Italia e SprinteSport
Calcio e studio negli Usa con College Life Italia e SprinteSport

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli